Cuffie gaming wireless: la comparativa

Cuffie gaming wireless: la comparativa

Abbiamo chiesto ai vari produttori di inviare nel nostro ufficio le migliori Cuffie Gaming Wireless e le abbiamo provate per dirvi quali sono i punti di pregio e di debolezza di ciascuna di loro. Nel video trovate una panoramica complessiva dei test

di , Rosario Grasso pubblicato il nel canale Periferiche
Cooler MasterASUSCorsairSennheiserRazerLogitech
 

La presente comparativa nasce da un semplice interrogativo: la connessione wireless delle periferiche di gioco più moderne è sufficientemente stabile e reattiva per gli scopi del gaming competitivo? Si può dunque pensare di dotarsi di una soluzione di questo tipo senza subire svantaggi competitivi, anzi acquisire vantaggi? Nei video presenti in questa pagina proviamo a rispondere a queste domande.

SOMMARIO

Di seguito, il video tecnico con tutte le specifiche delle 8 cuffie della comparativa e la prova dei rispettivi microfoni: quando appare la corrispondente scritta in sovraimpressione, infatti, si passa al microfono delle cuffie inquadrate, in modo che gli utenti possano percepire immediatamente le differenze nella qualità.

Nel video-comparativa affrontiamo l'analisi delle cuffie gaming wireless provate procedendo per questi punti: Latenze e stabilità della connessione, Qualità del suono/audio posizionale, Qualità dei materiali, Microfono e Software. Alla fine decretiamo, a nostro parere, quali sono le migliori fra le cuffie proposte nella comparativa.

Per quanto riguarda la qualità del suono in ambito gaming la componente più importante è la simulazione della spazialità. Ovvero, il giocatore deve poter avere un'idea della direzione di provenienza dei suoni. All'interno delle cuffie, ovviamente, non c'è lo spazio per distanziare a sufficienza le fonti uditive, per esempio come succederebbe con un impianto audio con satelliti fisici separati. Ecco che i produttori di cuffie ricorrono al cosiddetto Virtual Surround, una tecnologia che si affida a un algoritmo appunto per simulare la spazialità del suono.

Il Virtual Surround quasi sempre garantisce buoni risultati, consentendo alle cuffie che lo supportano di garantire un buon livello di immersione nell'esperienza di gioco. All'interno della cuffia si trovano solamente due altoparlanti, che per di più si trovano a distanza ravvicinata rispetto alle orecchie. Inoltre, gli altoparlanti trasmettono separatamente i suoni alle orecchie: il destro all'orecchio destro, e il sinistro all'orecchio sinistro. Questo non avviene con un impianto audio multi-canale tradizionale, per il quale entrambe le orecchie sono costantemente sollecitate.

L'algoritmo di Virtual Surround, quindi, agendo sul volume dei suoni e sui tempi con cui vengono trasmessi, interagisce con la percezione soggettiva umana dei suoni, dando così la sensazione di essere immersi in un contesto uditivo spaziale. All'interno delle cuffie wireless si possono trovare due o più altoparlanti, e questi possono essere orientati in maniera diversa e posizionata secondo logiche differenti, a seconda dell'implementazione decisa dal produttore e dal modo di sfruttare l'algoritmo di Virtual Surround.

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche delle cuffie, invece, vanno verificati i seguenti aspetti:

  • Risposta in frequenza: Questo parametro indica l'intervallo di frequenze che la cuffia riesce a coprire: a intervalli più ampi solitamente corrisponde una maggiore qualità. È uno degli aspetti che bisogna verificare per primi quando si acquistano delle cuffie, considerando che l'orecchio umano riesce a percepire le frequenze che vanno da dai 20 ai 20.000Hz
  • Impedenza: Maggiore è l'impedenza e migliore è la qualità del suono, anche se un'impedenza particolarmente alta comporta una riduzione del volume. L'impedenza è la resistenza esercitata sul segnale audio e si esprime in ohm
  • Sensibilità: Corrisponde alla pressione acustica in relazione alla tensione applicata. In altri termini, più è alto il valore e maggiore sarà il volume garantito dalle cuffie in relazione all'energia dissipata dal suo alimentatore integrato. Si esprime in decibel (dB)

Cooler Master MH670

Cooler Master MH670

Cooler Master MH670 è una soluzione onesta con prestazioni notevoli e prezzo non particolarmente elevato. Queste cuffie offrono due tipi di collegamento al PC: wireless tramite la rete con banda da 2,4 GHz e con il classico cavo con jack da 3,5 millimetri. Quest'ultimo tipo di collegamento rende le MH670 compatibili con qualsiasi tipo di sistema di gioco, console comprese. Parliamo di cuffie che consentono tramite i driver al neodimio da 50 millimetri di percepire la provenienza dei suoni grazie al supporto al Virtual Surround 7.1.

Modello Cooler Master MH670
Driver da 50mm con magneti al neodimio
Connessione wireless 2.4GHz tramite dongle USB e cablata via jack TRRS da 3,5mm
Risposta in Frequenza 15 Hz - 25k Hz in modalità cablata, 20 Hz - 20k Hz in modalità wireless
Autonomia Fino a 25 ore
Tempo di ricarica Circa 3 ore (ricarica completa)
Microfono Omnidirezionale
Dimensioni 192x85,5x191,5mm
Impedenza 32 Ω
Sensibilità
110dB ± 3dB @1kHz

Asus ROG Strix Go 2.4

Asus ROG Strix Go 2.4

Una delle principali peculiarità delle Asus ROG Strix Go 2.4 riguarda la presenza nella confezione dell'adattatore USB-C. Inoltre, queste cuffie presentano una doppia soluzione di microfono: ovvero la tradizionale asticella rimovibile e ia soluzione integrata, che permette di trasportare con facilità le cuffie. Un selettore sulla scocca delle cuffie permette di passare dalla modalità wireless su banda da 2,4 Ghz alla modalità con il jack da 3,5 millimetri oppure di spegnere le cuffie. Vicino a questo pulsante troviamo il pulsante per i controlli multimediali.

Modello Asus ROG Strix Go 2.4
Driver ASUS Essence da 40 mm
Connessione wireless 2.4GHz tramite dongle USB; con cavo USB-C, 1m; e via jack da 3,5mm da 1,2 m
Risposta in Frequenza 10 - 40k Hz in modalità cablata, 20 - 20k Hz in modalità wireless
Autonomia Fino a 25 ore
Tempo di ricarica Circa 3 ore (ricarica completa)
Microfono Asticella rimovibile bi-direzionale e integrato nascosto omni-direzionale
Dimensioni 192x85,5x191,5mm
Impedenza 32 Ω
Sensibilità
110dB ± 3dB @1kHz

Corsair HS70

Corsair HS70

Corsair HS70 sono tra le cuffie più economiche della comparativa con un suono non al massimo della qualità per la presenza di qualche piccolo (quasi impercettibile) fruscio durante i nostri test. Ottima, invece, la qualità del microfono, come quasi sempre capita con le cuffie Corsair. Si possono usare anche in modalità cablata tramite il cavo micro-USB incluso nella confezione. I cuscinetti auricolari sono regolabili in memory foam, mentre l'archetto superiore è in materiale non elegante come per le altre cuffie della comparativa. Elevata longevità della batteria, che dura fino a 16 ore. Audio Virtual Surround 7.1 e portata di circa 12 metri. Sul padiglione sinistro, inoltre, una rotella consente di regolare il volume delle cuffie indipendentemente da come il volume è impostato in Windows.

Modello Corsair HS70
Driver in neodimio da 50 mm
Connessione wireless 2.4GHz tramite dongle USB e con cavo micro-USB
Risposta in Frequenza 20Hz - 20 kHz
Autonomia Fino a 16 ore
Tempo di ricarica Circa 3 ore (ricarica completa)
Microfono Asticella rimovibile omni-direzionale con tecnologia di cancellazione del rumore
Impedenza 32 Ω @ 1 kHz
Sensibilità
111dB (+/-3dB)

Corsair Void RGB Elite Wireless

Corsair Void RGB Elite Wireless

Le Corsair Void RGB Elite Wireless si contraddistinguono per un'ottima qualità del suono, una buona portata e vestibilità e comodità di ottimo livello. Sono accattivanti esteticamente e si concentrano molto sugli effetti RGB, senza perdere in eleganza. Sul padiglione sinistro si trova una rotella che permette di agire sui controlli multimediali, regolando il volume e mettendo il MUTE. Molto comodo anche il grosso pulsante per l'accensione e lo spegnimento. Queste cuffie si concentrano molto sulla qualità del microfono, capace di riprodurre la voce con nitidezza, mentre il pulsante sul padiglione permette di accendere o spegnere il microfono con conseguenze segnalazione tramite i LED sull'asta.

Modello Corsair Void RGB Elite Wireless
Driver in neodimio da 50 mm
Connessione wireless 2.4GHz tramite dongle USB e con cavo micro-USB
Risposta in Frequenza 20Hz - 30 kHz
Autonomia Fino a 16 ore
Tempo di ricarica Circa 3 ore (ricarica completa)
Microfono Microfono fisso
Impedenza 32 Ω @ 1 kHz
Sensibilità
116dB (+/-3dB)

Sennheiser GSP 670

Sennheiser GSP 670

A differenza delle altre cuffie presenti in questa comparativa, Sennheiser GSP 670 si caratterizzano per una connessione su protocollo Bluetooth 5.0: per questo motivo hanno una portata inferiore ma maggiore autonomia e sono compatibili con smartphone e tablet, oltre che con PC e PS4. Con queste cuffie si promette una connessione a bassa latenza sviluppata e brevettata da Sennheiser per garantire anche ai gamers più esperti una trasmissione affidabile e stabile senza ritardi grazie al dongle USB compatto GSA 70 incluso. Molto interessante, anche perché non si trova in altre cuffie della categoria, è il selettore del profilo, che permette di abilitare modifiche alle curve di equalizzazione che rendono l'ascolto adeguato alle caratteristiche della fonte: ad esempio, il profilo dedicato agli eSport amplifica le frequenze alte.

Modello Sennheiser GSP 670
Driver 50 mm/Magnete al neodimio
Connessione Bluetooth 5.0 e USB
Risposta in Frequenza 10 – 23k Hz
Autonomia Fino a 20 ore tramite Bluetooth e fino a 16 ore tramite la connessione a bassa latenza
Tempo di ricarica Il sistema di ricarica consente in soli 7 minuti di prolungare di 2 ore la durata della batteria
Microfono microfono noise-cancelling di qualità broadcast
Impedenza 28 Ω
Sensibilità
116dB (+/-3dB)

Razer Nari Ultimate

Razer Nari Ultimate

Le Razer Nari Ultimate, tra le cuffie presentate in questa rassegna, sono la migliore soluzione in termini di qualità dei materiali utilizzati. Altra peculiarità di queste cuffie è il feedback aptico, visto che i padiglioni sono in grado di restituire un effetto di vibrazione dipendente dalla posizione in cui si trova il nemico in-game o, più generalmente, dalla posizione di provenienza del suono. Il che può restituire un evidente vantaggio competitivo. La ricetrasmittente da 2,4 Ghz è particolarmente piccola e può essere comodamente riposta all'interno della scocca della cuffia. L'unico difetto che abbiamo riscontrato con le Razer Nari è legato alla tendenza a catturare il suono proveniente dalle cuffie dal suo stesso microfono, il che potrebbe disturbare le comunicazioni all'interno dei match competitivi.

Modello Razer Nari Ultimate
Driver 50 mm, con magneti al neodimio
Connessione Ricetrasmettitore USB wireless/ingresso analogico 3,5 mm
Risposta in Frequenza 20 Hz – 20 kHz
Autonomia Fino a 8 ore con illuminazione Razer Chroma e HyperSense/20 ore senza
Tempo di ricarica Circa 3 ore
Microfono Unidirezionale
Impedenza 32 Ω a 1 kHz
Sensibilità
(@1 kHz): 107 ± 3 dB

Corsair Virtuoso RGB

Corsair Virtuoso RGB

Le Corsair Virtuoso RGB sono le vincitrici della comparativa in termini di rapporto qualità/prezzo perché offrono una qualità dell'audio impeccabile, con un suono posizionale fedele e un suono ben bilanciato, anche per quanto riguarda la resa dei bassi. Il loro microfono offre la funzionalità di sidetone abilitata di default, ovvero la funzione di ascolto del dispositivo la quale può essere molto utile per verificare il volume impostato e la qualità della comunicazione. Le peculiarità di queste cuffie sono la coppia di driver personalizzati in neodimio da 50mm, che offrono un audio di qualità e a una potenza importante, i comodi cuscinetti ad archetto in memory foam, che garantiscono comfort anche per le lunghe sessioni di gioco, e la connessione wireless Slipstream che abbiamo già visto in altre periferiche Corsair. Le Corsair Virtuoso veicolano un flusso audio ad alta risoluzione a 24 bit / 96kHz quando sono collegate con il cavo USB, mentre la qualità si riduce leggermente in modalità wireless, per l'esattezza a 16bit/48kHz. Esteticamente le Corsair Virtuoso sono molto belle da vedere, oltre che eleganti e raffinate. Sulla parte esterna, in alluminio, inoltre, è stato applicato un effetto di illuminazione RGB sormontato da una parte micro-perforata.

Modello Corsair Virtuoso RGB
Driver 50 mm
Connessione Ricevitore wireless USB e cavo USB
Risposta in Frequenza 20 Hz - 40 kHz
Autonomia Fino a 20 ore
Tempo di ricarica 3 ore e mezza
Microfono Omnidirezionale professionale
Impedenza 32 Ω a 2,5 kHz
Sensibilità
109 dB (± 3 dB)

Logitech G935

Logitech G935

Sullo stesso livello delle Virtuoso troviamo le Logitech G935, cuffie che provengono da un brand con tradizione assolutamente consolidata nel gaming. Il design è molto elegante e accattivante, oltre che invasiva al punto giusto per un gamer, è l'iluminazione LED RGB. Grazie alla connessione WiFi, le G935 funzionano fino a una distanza massima di utilizzo rispetto all'hub di collegamento di 20 metri. Si tratta di una soluzione dall'ottima vestibilità, che non stanca neanche nel caso di lunghe sessioni di gioco. Inoltre, si caratterizzano per l'elevata qualità dell'audio, tipica delle periferiche Logitech, resa possibile dai driver Pro-G da 50 mm realizzati con materiali ibridi intrecciati. Oltre al Virtual Surround 7.1 questi driver supportano il DTS Headphone:X 2.0 ricreando ambienti dettagliati e coinvolgenti. Si possono usare anche in modalità cablata tramite il jack da 3,5 millimetri. Il coperchio del padiglione sinistro si può rimuovere per accedere al dongle, mentre quello del padiglione destro nasconde la batteria, che può essere sostituita.

Modello Logitech G935
Driver 50 millimetri di tipo PRO-G
Connessione Wi-Fi 2,4 GHz, jack da 3,5 mm o USB
Risposta in Frequenza 20 – 20.000 Hz
Autonomia Fino a 12 ore
Tempo di ricarica Circa 3 ore
Microfono a braccio, 6 mm
Impedenza 39 Ω
Sensibilità
93 dB
  • Articoli Correlati
  • Sedie Gaming: la comparativa Sedie Gaming: la comparativa Abbiamo fatto recapitare nella nostra redazione le 9 sedie gaming che riteniamo essere le migliori proposte oggi sul mercato. Dopo esaustive prove ecco le nostre impressioni e i suggerimenti nella guida all'acquisto
24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor05 Ottobre 2020, 16:55 #1
mi sa che vi è rimasto dentro il sommario della comparativa sulle sedie

PS: dopo leggo tutto perché mi interessa!
Max(IT)05 Ottobre 2020, 18:38 #2
[I]Abbiamo chiesto ai vari produttori di inviare nel nostro ufficio le #migliori #sedie #gaming e le abbiamo provate per dirvi quali sono i punti di pregio e di debolezza di ciascuna di loro. Nel video trovate una panoramica complessiva dei test[/I]


trova l'errore
obogsic05 Ottobre 2020, 21:50 #3
ma scusate i test dove sono?
Vedo solo un riepilogo delle caratteristiche ma non un confronto tra le varie soluzioni, anche in relazione al prezzo, talvolta abbastanza diverso.
Gringo [ITF]05 Ottobre 2020, 21:51 #4
Se ne sono accorti dopo essersi seduti sulle cuffie !
nttcre05 Ottobre 2020, 22:12 #5
mancano le steelseries arctis che danno la paga a tutte queste che avete recensito...
Bobs05 Ottobre 2020, 23:35 #6
Originariamente inviato da: nttcre
mancano le steelseries arctis che danno la paga a tutte queste che avete recensito...


A parte le Cooler Master ho avuto modo di provarle tutte, incluse le Arctis, ed a MIO avviso queste ultime se la giocano con le Logitech. (immagino tu intenda le Arctis 9, non le Pro).
Paradossalmente le precedenti Logitech, le G930 (che ho da 6 anni e sono ancora perfette) non hanno un gap così distante da questi nuovi modelli.
nickname8805 Ottobre 2020, 23:40 #7
Originariamente inviato da: obogsic
ma scusate i test dove sono?
Vedo solo un riepilogo delle caratteristiche ma non un confronto tra le varie soluzioni, anche in relazione al prezzo, talvolta abbastanza diverso.

Sui prodotti audio non le fanno mi han detto precedentemente perchè non sono in grado.

Detto ciò è tutta spazzatura, roba economica sovraprezzata con firma sonora unicamente votata all'enfasi estrema sulla basse frequenze.
Livello di dettaglio imbarazzante e coperto dal sanguinamento dei bassi, soundspace nullo visto che parliamo di cuffie chiuse della peggior specie e direzionalità acustica non da meno. Per non parlare dei modelli che dispongono di un emulatore 3D.

L'unica cosa che senti in primo piano ? Le esplosioni.
takui06 Ottobre 2020, 05:44 #8
Originariamente inviato da: nickname88
Sui prodotti audio non le fanno mi han detto precedentemente perchè non sono in grado.

Detto ciò è tutta spazzatura, roba economica sovraprezzata con firma sonora unicamente votata all'enfasi estrema sulla basse frequenze.
Livello di dettaglio imbarazzante e coperto dal sanguinamento dei bassi, soundspace nullo visto che parliamo di cuffie chiuse della peggior specie e direzionalità acustica non da meno. Per non parlare dei modelli che dispongono di un emulatore 3D.

L'unica cosa che senti in primo piano ? Le esplosioni.

Quindi cosa suggerisci di questi livelli di prezzo? C'è anche questo da considerare
Max(IT)06 Ottobre 2020, 09:43 #9
Originariamente inviato da: takui
Quindi cosa suggerisci di questi livelli di prezzo? C'è anche questo da considerare


Niente. Lui è un po’ lo Sgarbi del forum: critica tutto e basta

Non che quello che ha detto sia errato di fondo, ma è totalmente decontestualizzato dalla fascia di prezzo e target del prodotto
Luca198006 Ottobre 2020, 10:40 #10
Originariamente inviato da: Max(IT)
Niente. Lui è un po’ lo Sgarbi del forum: critica tutto e basta


Però in questo caso ha ragione. Dando pure per scontato che la qualità audio non è da ricercare in cuffie da gaming, non ci sono misure del parametro più importante per una cuffia da gaming ovvero le latenze.
Cosa significa "bassa latenza"? 1 ms? 30 ms? 300 ms?
Che differenza c'è tra i modelli Wi-Fi e BT in termini di latenza?
Quanti ms si sacrificano e quante ore di autonomia si guadagnano col BT? 10 ms e 3 ore o 100 ms e un'ora?

Senza numeri non è una recensione, è uno spot.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^