Microsoft deposita brevetto su PC modulare

Microsoft deposita brevetto su PC modulare

Microsoft ha brevettato un "dispositivo di computazione modulare" con componenti che si possono installare le une sulle altre.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 11:04 nel canale Sistemi
Microsoft
 

L'idea alla base di questo brevetto è consentire agli appassionati di fare l'upgrade del proprio computer rimpiazzando specifiche componenti piuttosto che acquistare una macchina completamente nuova. Microsoft ha depositato il brevetto nel mese di luglio 2015, ma questo è diventato pubblico solamente nell'ultima settimana. Il brevetto indica tra gli autori Tim Escolin, designer industriale senior che ha già fatto parte del team che si è occupato dei dispositivi e degli accessori della famiglia Microsoft Surface.

A differenza di altri sistemi simili, come si può vedere nelle immagini a corredo del brevetto, è incluso un display, mentre nella lista delle componenti modificabili e impilabili si trovano la batteria, il processore, la scheda video, la memoria, l'unità di storage, gli speaker e il modulo wireless. Ci sono anche una componente per il riconoscimento delle gesture e un'unità di proiezione olografica che, probabilmente, è pensata per funzionare insieme a Microsoft HoloLens.

Da queste informazioni sembra che Microsoft stia pensando a un sistema che l'utente può modulare sulla base dei servizi Microsoft a cui è interessato ad accedere. Il progetto che il brevetto Microsoft richiama alla mente è Project Ara di Google, uno smartphone modulare i cui componenti possono essere sostituiti in base ad una particolare esigenza del momento.

"In questo modo, il dispositivo può essere modificato dall'utente in modo intuitivo senza che sia richiesta una conoscenza dettagliata dell'hardware", hanno scritto gli autori del brevetto. Naturalmente l'esistenza del brevetto non conferma automaticamente che Microsoft stia lavorando sul progetto. Tuttavia, sembra chiaro che alcuni dei suoi ingegneri stiano valutando delle soluzioni in tale direzione.

Razer aveva presentato un progetto molto simile al CES 2014 nel caso di Project Christine che, però, a due anni dall'annuncio non è ancora disponibile per l'acquisto. Revo Build M1-601 è un altro esempio: questo sistema modulare di Acer però non presentava la soluzione video che invece sembra integrata nel concept di Microsoft. Quest'ultima, infine, ha fatto recentemente un esperimento nell'ambito modulare, e ci riferiamo in questo caso all'Xbox One Elite Controller prodotto in collaborazione cn Scuf Gaming.

42 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
acerbo15 Febbraio 2016, 11:05 #1
*aLe15 Febbraio 2016, 11:08 #2
E magari si chiama "project Katherine" (giusto per ricordare vagamente Project Christine ma senza far capire che l'idea è la stessa).

PS: ah ecco, Project Christine è citato nella news. Diciamo solo che spero quello di MS sia un po' più sobrio, ecco.
inkpapercafe15 Febbraio 2016, 11:14 #3
Hanno brevettato il "pc assemblato autocostruito". Geni
Bivvoz15 Febbraio 2016, 11:15 #4
Ste cose non avranno molto successo secondo me.
Che siano targate MS, Acer o Razer poco importa e il tutto si riassume in questa frase.

L'idea alla base di questo brevetto è consentire agli appassionati di fare l'upgrade del proprio computer rimpiazzando specifiche componenti piuttosto che acquistare una macchina


Il punto è chi il pc funziona già così.
Uno standard come questo proposto da MS o quello proposto da Razer è solo dannoso.
Prima di tutto mi lega a quello standard quando i componenti attualmente sono universali o quasi.
Secondo mi lega ad una struttura preimpostata, non posso fare il pc della forma che voglio io.
deggial15 Febbraio 2016, 11:24 #5
Originariamente inviato da: Bivvoz
Ste cose non avranno molto successo secondo me.
Che siano targate MS, Acer o Razer poco importa e il tutto si riassume in questa frase.



Il punto è chi il pc funziona già così.
Uno standard come questo proposto da MS o quello proposto da Razer è solo dannoso.
Prima di tutto mi lega a quello standard quando i componenti attualmente sono universali o quasi.
Secondo mi lega ad una struttura preimpostata, non posso fare il pc della forma che voglio io.


per ampliare il tuo discorso, gli utenti pc si distinguono in:
- appassionati, che si assemblano il pc come dici tu (e come fanno già ora)
- gli utenti da "centro commerciale", che se proprio vogliono comprarsi un fisso anzichè portatile o tablet (che tanto per loro è uguale) ne comprano uno già fatto, e non lo apriranno mai in tutta la loro vita.

Utenza da pc modulare potrebbero essere:
- utenti abbastanza esigenti ma non così capaci da aprire il case e montarsi i pezzi (ce ne saranno una decina in tutto il mondo)
- utenti talmente geek/stylish più interessati al lato estetico che può avere un pc modulare (ce ne saranno un'altra decina in tutto il mondo, tra cui io se avessi i soldi )
doctor who ?15 Febbraio 2016, 11:25 #6
Originariamente inviato da: Bivvoz
Ste cose non avranno molto successo secondo me.
Che siano targate MS, Acer o Razer poco importa e il tutto si riassume in questa frase.



Il punto è chi il pc funziona già così.
Uno standard come questo proposto da MS o quello proposto da Razer è solo dannoso.
Prima di tutto mi lega a quello standard quando i componenti attualmente sono universali o quasi.
Secondo mi lega ad una struttura preimpostata, non posso fare il pc della forma che voglio io.


Concordo, un "appassionato" non si andrebbe a limitare con questo coso.
Magari qualcuno potrebbe avere esigenze particolari e farci un pensierino, ma si tratta della nicchia di una nicchia.
Mory15 Febbraio 2016, 11:32 #7
pc modulare? una volta forse! ormai tutto quello che serve sta in un chip e anzi il futuro è sempre più integrato, i moduli andavano bene ai tempi che dovevi aggiungere le schede per potenziare il pc
Bivvoz15 Febbraio 2016, 11:34 #8
Originariamente inviato da: deggial
per ampliare il tuo discorso, gli utenti pc si distinguono in:
- appassionati, che si assemblano il pc come dici tu (e come fanno già ora)
- gli utenti da "centro commerciale", che se proprio vogliono comprarsi un fisso anzichè portatile o tablet (che tanto per loro è uguale) ne comprano uno già fatto, e non lo apriranno mai in tutta la loro vita.

Utenza da pc modulare potrebbero essere:
- utenti abbastanza esigenti ma non così capaci da aprire il case e montarsi i pezzi (ce ne saranno una decina in tutto il mondo)
- utenti talmente geek/stylish più interessati al lato estetico che può avere un pc modulare (ce ne saranno un'altra decina in tutto il mondo, tra cui io se avessi i soldi )


Comprerebbero un mac
deggial15 Febbraio 2016, 11:37 #9
Originariamente inviato da: Bivvoz
Comprerebbero un mac


no Almeno, non nel mio caso
Io sono sinceramente attratto dall'idea di un computer che può essere ampliato con pezzettini aggiuntivi (tipo lego) e lo vedi crescere man mano che lo potenzi.
Poi vabbè la mia rimane un'attrazione teorica, non me lo comprerei mai, se non per tenerlo come oggetto d'arredo (anche a casa uno il portatile)
acerbo15 Febbraio 2016, 11:42 #10
Originariamente inviato da: deggial
no Almeno, non nel mio caso
Io sono sinceramente attratto dall'idea di un computer che può essere ampliato con pezzettini aggiuntivi (tipo lego) e lo vedi crescere man mano che lo potenzi.
Poi vabbè la mia rimane un'attrazione teorica, non me lo comprerei mai, se non per tenerlo come oggetto d'arredo (anche a casa uno il portatile)


la maggior parte dei server sono fatti cosi', é tutto modulare e si puo' cambiare tutto, il problema é che se devo cambiare una processor board, un alimentatore ridondante o una scheda di rete su un hp proliant 9 volte su 10 lo faccio sotto contratto d'assistenza, il pischello che si compra il pc modulare per casa non so mica se va a spendere 400 euro per cambiare il modulo intel core i5 per passare a quello core i7

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^