MSI R7970 Lightning: solo per enthusiast

MSI R7970 Lightning: solo per enthusiast

Con la famiglia di prodotti Lightning MSI si propone al pubblico degli utenti più appassionati di overclock e tweaking. Nella più recente proposta della gamma, R7970 Lightning, la GPU AMD Radeon HD 7970 viene spinta di default ben superiori a quelle della reference board, con margini di interventi ancora più elevati grazie ad un ricco pacchetto di scelte tecniche originali

di Paolo Corsini pubblicato il nel canale Schede Video
 

Introduzione

Lightning è il nome che contraddistingue, nella gamma di proposte MSI, le schede video destinate al pubblico degli utenti più appassionati. L'azienda taiwanese ha proposto negli ultimi anni differenti schede video basate su GPU NVIDIA e AMD appartenenti a questa famiglia, caratterizzate da un design completamente differente rispetto a quello reference e da soluzioni tecniche sviluppate per permettere di ottenere sensibili incrementi nelle frequenze di clock.

scheda_1.jpg (43790 bytes)

La più recente proposta di questa famiglia è il modello R7970 Lightning, basata su GPU AMD Radeon HD 7970. Questa scheda riprende in parte il design adottato per le precedenti soluzioni della gamma per via del design con due ventole di raffreddamento, alle quali si affianca un PCB custom dallo sviluppo in altezza superiore rispetto a quello della reference board. Sono del resto le dimensioni complessive a caratterizzare da subito questa scheda: altezza e lunghezza sono molto elevate, benché per quest'ultimo parametro non si giunga agli estremi della scheda Radeon HD 6990.

Quali sono le specifiche di funzionamento di questa scheda? Nella tabella seguente le abbiamo messe a confronto con quelle del reference design AMD Radeon HD 7970:

Radeon HD 7970 MSI R7970 Lightning

processo produttivo

28nm 28nm

tipo GPU

Tahiti Tahiti

clock GPU

925 MHz 1070 MHz

numero GPU

1 1

numero stream processors

2048 2048

clock stream processors

925 MHz 1070 MHz

ROPs

32 32

TMU

128 128

quantitativo memoria

3.072 MB 3.072 MB

tipologia memoria

GDDR5 GDDR5

clock memoria

5.500 MHz 5.600 MHz

interfaccia memoria

384bit 384bit

bandwidth memoria

264GB/s 269GB/s

connettori alimentazione

1x6pin - 1x8pin 2x8pin

MSI ha scelto di incrementare sensibilmente la frequenza di clock della GPU Tahiti rispetto a quanto indicato da AMD come specifica di riferimento: passiamo da 925 MHz sino a 1.070 MHz, con un aumento di poco inferiore al 16%. Dinamica differente per la memoria video, che passa dai 5.500 MHz di default sino a 5.600 MHz fermo restando quantitativo e bus, pari rispettivamente a 3 Gbytes e 384bit.

scheda_2.jpg (37321 bytes)

Se nella parte frontale troviamo due ventole a dominare la struttura, quella posteriore prevede una placca in alluminio che ricopre il PCB con posizionata una copertura plastica all'altezza della parte posteriore della GPU: rimosso il guscio plastico appare un piccolo PCB secondario, collegato al principale della scheda video attraverso due piccoli connettori e alimentato con un proprio cavo indipendente.

scheda_3.jpg (53717 bytes)

Il nome di questo componente addizionale è GPU Reactor, sviluppato da MSI per fornire un superiore livello di stabilità operativa quando la scheda è spinta in overclock. MSI certifica questo componente dichiarando un incremento nel volume di corrente che viene fornita alla GPU pari all'88% rispetto alla circuiteria di default della scheda, oltre ad una riduzione del 13% nel ripple, cioè il rumore di fondo generato dalla GPU durante il funzionamento. Conseguenza diretta è quindi quella di stabilizzare il funzionamento a frequenze superiori a quelle di specifica, fornendo margini di overclock complessivamente più elevati in via teorica.

La presenza di GPU Reactor è indubbiamente interessante per gli utenti appassionati di overclock ma pone limiti non di poco conto in termini di ingombro: con questo componente installato, infatti, risulta essere non accessibile per una scheda video secondaria lo slot posizionato sopra quello PCI Express 16x utilizzato dalla scheda video. Rimuovendo la copertura plastica la situazione migliora leggermente ma non al punto da permettere il montaggio di una seconda scheda video accanto a questa senza che vi sia uno slot libero in corrispondenza di GPU Reactor.

scheda_4.jpg (40530 bytes)

La reference board AMD Radeon HD 7970 è dotata di connettore di alimentazione PCI Express a 6 pin affiancato da un secondo connettore a 8 pin. Per la scheda R7970 Lightning MSI ha optato per integrare due connettori PCI Express a 8 pin, con i quali fornire quale massimo teorico ben 375 Watt alla scheda: 150 Watt per ciascuno dei due connettori e 75 Watt dallo slot PCI Express 16x. La scelta è pressoché ovvia considerando sia le frequenze di clock overcloccate di default sia la specifica destinazione d'uso di questo prodotto.

scheda_5.jpg (27027 bytes)

Sempre nella parte superiore troviamo 3 connettori, da utilizzare per rilevare le tensioni di alimentazione di GPU, memoria e VDDCI attraverso un multimetro esterno; questo accessorio è particolarmente importante per gli utenti appassionati di overclock, che così facendo possono meglio monitorare la portata degli interventi alle tensioni di alimentazione dei vari componenti della scheda video.

In dotazione con la scheda troviamo i seguenti componenti:

  • manuali;
  • DVD con driver e software;
  • documento di certificazione Military Class III;
  • adattatore da mini Display Port a Diplay Port;
  • adattatore da DVI a HDMI;
  • un connettore bridge per configurazioni Crossfire;
  • connettori per verificare le tensioni di alimentazione con strumentazione esterna.

Ulteriori informazioni sono accessibili sul sito MSI a questo indirizzo, oppure a questa pagina specifica sui prodotti della famiglia Lightning.