Snowden: usare un ad-blocker non è un diritto, ma un dovere

Snowden: usare un ad-blocker non è un diritto, ma un dovere

Se l'editore non protegge la sacralità del rapporto con il suo lettore, allora il lettore ha il diritto di proteggersi con un ad-blocker. È questo il pensiero di Edward Snowden

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Web
 
13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
madnesshank14 Novembre 2015, 09:16 #11
usare un ad-blocker è il più sacro dei diritti, sotto certi aspetti è anche un dovere. Mi fa piacere che finalmente si dica "ad-blocker" e non adblock, contro cui non ho nulla, ma non devono esistere estensioni o programmi sacralizzati a rappresentare qualcosa. Non credo che TOR sia a prova di sicurezza, credo che non esista praticamente condizione in cui si possa navigare con sicurezza in anonimato. Il fatto che TOR sia finanziato da NSA e spioni vari, è più o meno una garanzia del fatto che TOR serve a loro per proteggersi, non per proteggere gli altri da loro.
Nui_Mg14 Novembre 2015, 12:42 #12
Originariamente inviato da: madnesshank
Il fatto che TOR sia finanziato da NSA e spioni vari, è più o meno una garanzia del fatto che TOR serve a loro per proteggersi

Ma va là, usare TOR non ti garantisce un bel niente visto che è più che compromesso da tanto, tanto, tempo. Si è iniziato anni fa con singoli casi di pedofili e poi si è sempre più andati avanti spediti, spesso con la collaborazione (con Fbi/Nsa) di utenze singole e universitarie:
https://threatpost.com/tor-fbi-paid...e-users/115345/
ComputArte14 Novembre 2015, 14:44 #13

Grande Edward!

Snowden for president! :-D

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^