Produttori di schede madri: +24% rispetto a Maggio 2004

Produttori di schede madri: +24% rispetto a Maggio 2004

I produttori taiwanesi di schede madri comunicano i risultati di Maggio: le consegne globali rappresentano una crescita del 24% rispetto al medesimo periodo dello scorso anno. Leggera flessione rispetto al precedente mese di Aprile

di pubblicata il , alle 16:47 nel canale Schede Madri e chipset
 

Secondo i dati forniti dai quattro principali produttori taiwanesi di schede madri, ovvero Asus, ECS, Gigabyte e MSI, le consegne globali di schede madri per lo scorso mese di Maggio si sono assestate sui 7,43 milioni di pezzi, facendo segnare un incremento prossimo al 25% se comparati con i volumi di consegna dello stesso periodo dell'anno precedente.

I risultati dei singoli produttori (eccezion fatta, vedremo più avanti, per MSI) se comparati con quelli del mese di Aprile rivelano tuttavia una leggera flessione nell'ordine del 4,6%. La causa di tale flessione è tuttavia da imputare ad una tradizionale periodo di "calma" della stagione.

In particolare Asustek, al primo posto, ha consegnato 3,78 milioni di schede madri, segnando un incremento del 39,5% su base annuale e una flessione del 0,5% su base mensile. Segue ECS con un volume di consegne di 1,50 milioni di schede che rappresenta un incremento del 19,1% rispetto al medesimo periodo del 2004 e una felssione dell'11,2% rispetto ad Aprile. Il terzo posto è occupato da Gigabyte che con 1,15 milioni di schede segna una flessione, rispetto ad Aprile, dell'11,5% e un incremento del 9,5% rispetto a Maggio 2004. Chiude la classifica MSI con poco più di 1 milione di schede consegnate: incremento del 5,3% rispetto all'anno scorso e nessuna variazione rispetto ad Aprile.

Accanto ai risultati del settore schede madri abbiamo anche quelli provenienti dagli altri settori nei quali le compagnie citate operano. Asus ha consegnato 630 mila schede video e 250-300 mila portatili, ECS ha registrato una flessione del 42% nelle consegne di portatili rispetto al mese di Aprile arrivando a quota 40 mila unità consegnate mentre Gigabyte ha consegnato 200 mila schede video contro le 300 mila di Aprile. Anche MSI ha registrato una flessione, nell'ordine del 16,7%, per quanto riguarda le consegne di schede video con 500 mila unità consegnate.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
JohnPetrucci13 Giugno 2005, 19:41 #1
Asus continua ad essere sovrastimata rispetto ad altri marchi.
Arruffato13 Giugno 2005, 20:34 #2
Proprio vero che il settore "enthusiast" del mercato vale pochissimo. In questo settore infatti i risultati sono tutti diversi.
lorynz14 Giugno 2005, 00:54 #3
mi chiedo quanti di coloro che attaccano asus ne hanno mai avuta una e vorrei sapere inoltre cosa pensano che sia il normale uso del pc.

mica tutti sono overcloccatori (anzi, non lo è quasi nessuno) e non scordiamoci che asus fa (purtroppo) prodotti al di sotto della sua media sotto certi punti di vista solo per amd, mentre per intel è tutta un altra storia e molte sue mobo sono tra le migliori in assoluto... (vorrei fosse cos' anche per amd )
bjt214 Giugno 2005, 09:34 #4
Ma non si può avere una suddivisione per MB P4 e A64? No, perchè tale incremento può essere dovuto al forzato cambio socket 478-775 e, in prospettiva futura (visto che si tratta di consegne e non vendita effettiva), i nuovi chipset 945 per i dual core... E ci credo che c'è un incremento per intel... Ha obbiligato a cambiare MB, prima per il Prescott ed ora per i dual core...
mjordan18 Giugno 2005, 05:40 #5
Mmm... Devo prenderla come un segno che vanno forti i processori Intel?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^