MSI Vigor GK50: tastiera meccanica conveniente con switch 'low profile'

MSI Vigor GK50: tastiera meccanica conveniente con switch 'low profile'

MSI Vigor GK50 Low Profile è una tastiera meccanica decisamente interessante, a parte dagli switch che equipaggia. Vi spieghiamo perché

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Periferiche
MSI
 

MSI Vigor GK50

Vigor GK50 Low Profile è una tastiera meccanica basata su switch Kailh bianchi, che corrispondono a una personalizzazione dei Cherry MX Blue, avvalendosi del click sonoro per un migliore feedback. Attenzione alla natura "low profile" di questi switch: si tratta di switch alti solamente 34 millimetri, che consentono a MSI di conferire un'estetica aggressiva a questa tastiera e di fornire tasti reattivi e precisi, con distanza di scorrimento ridotta quasi come per la tastiera di un portatile.

MSI Vigor GK50

Si tratta di switch che possono essere visti come una via di mezzo tra gli MX Speed e gli MX Blue tradizionali, con distanze di corsa fino al punto di attuazione e complessivamente particolarmente ridotte. Allo stesso tempo la resistenza alla pressione è molto bassa come capita con gli MX Red. MSI ha voluto mettere a disposizione dei giocatori una tastiera che non costasse molto, ma che al tempo stesso fosse reattiva e dotata di un feedback uditivo alla pressione, particolarmente gradito dai giocatori. Il rumore emesso corrisponde a un feedback tattile affermativo che può essere di gradimento a un certo tipo di utente.

MSI Vigor GK50

Seppure si tratti di una personalizzazione dei tradizionali Kailh, questi switch confermano i punti di forza della famiglia. Presentano, infatti, un corpo sufficientemente ampio per mantenere stabilità a prescindere se la pressione viene praticata al centro o lateralmente. Il copritasto, conseguenzialmente, non oscilla anche nel caso di pressioni imprecise e applicate lateralmente.

MSI Vigor GK50

Questi switch si caratterizzano poi per un design che viene definito "floating", ovvero lasciano uno spazio tra il copritasto e il pannello della tastiera a scopo estetico. La retroilluminazione può così filtrare, creando un effetto aggressivo. A disposizione degli utenti, poi ci sono delle hotkey che permettono, in mabiera instantanea, di regolare il volume, di gestire i contenuti multimediari e di avviare il software di diagnostica MSI Afterburner (pulsante Dragone+"F1").

MSI Vigor GK50

Naturalmente gli switch non sono l'unico elemento di questa tastiera che merita attenzioni. Vigor GK50 è dotata di un pannello superiore con finitura in alluminio spazzolato che garantisce robustezza senza sacrificare la componente estetica. Nella parte destra, vicino alla frecce direzionali, il tipico logo di MSI che riproduce un dragone rende il design della tastiera accattivante. Inoltre, offre illuminazione RGB completa personalizzabile sulla base del singolo tasto, copritasti personalizzati e cavo USB intrecciato. La lunghezza del cavo è di 1,8 metri mentre il connettore è placcato in oro. Le dimensioni del prodotto sono pari a 435 x 141 x 34 millimetri e il suo peso è di circa 700 grammi. A livello di specifiche, insomma, la Vigor GK50 può competere con qualsiasi tastiera meccanica per giocatori.

MSI Vigor GK50

Per quanto riguarda i copritasti, troviamo una fisionomia molto particolare con angoli tagliati in diagonale. Si tratta di una forma parecchio distante rispetto al consueto, innovativa e gradevole alla vista, ma che al contempo non si adatta con i precedenti copritasti. In caso di malfunzionamento o smarrimento di un copritasto, quindi, non sarà immediato sostituirlo.

MSI Vigor GK50

Vigor GK50 può essere usata e configurata senza software, ma al contempo supporta Dragon Center, il quale permette di regolare con molta perizia gli effetti luminosi, le macro e di sincronizzare le impostazioni fra tutte le periferiche supportate. Fra gli effetti di retroilluminazione, abbiamo trovato funzionale la capacità di accendere solo i tasti dedicati al gameplay, a cominciare dai classici "WASD".

MSI Vigor GK50

Il supporto Mystic Light consente di controllare la tastiera attraverso combinazioni di tasti senza fare ricorso al software. Tutte le regolazioni si eseguono premendo il pulsante con il Dragone. Congiuntamente a "INS" permette di controllare la modalità di illuminazione LED, passando fra i preset Sovrapposizione, Fisso, Intermittente, Onda, Radar, Vortice, Orizzonte, Ondulazione, Reattivo e personalizzato. Con una successiva pressione, invece, la retroilluminazione può essere completamente spenta. Dragone e "HOME" o "END" consentono rispettivamente di aumentare e ridurre la velocità dell'effetto di illuminazione. Si può anche aumentare o diminuire la luminosità dell'effetto o passare rapidamente da un colore all'altro, così come invertirne l'animazione da destra a sinistra o viceversa.

MSI Vigor GK50

La superficie sottostante alla tastiera, inoltre, garantisce stabilità, in modo tale che la tastiera stessa non scivoli via durante le sessioni di gioco più concitate. Cinque parti in gomma, infatti, garantiscono aderenza alla superficie d'appoggio. I piedini mantengono la tastiera in posizione sopraelevata e sono sufficientemente grandi.

MSI Vigor GK50

In definitiva, Vigor GK50 Low Profile presenta soluzioni interessanti e innovative da diversi punti di vista. Esteticamente è gradevole e la retroilluminazione è molto personalizzabile, in modo da trovare il compromesso migliore rispetto alle proprie esigenze. Gli switch sono ottimi sia per il gaming che per la digitazione, soprattutto per chi è abituato a digitare sul portatile.

MSI Vigor GK50

Sono rumorosi come gli MX Blue, e questo può essere un pro o un contro a seconda delle abitudini personali, e comunque molto precisi e gratificanti alla pressione. Con una distanza di corsa particolarmente breve, il punto di attuazione si raggiunge rapidamente, e questo si sposa molto bene con il gaming competitivo e con quei giochi, penso ad esempio ai MOBA, in cui bisogna agire frequentemente sulla tastiera.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s-y29 Gennaio 2020, 18:09 #1
basata su switch Kailh bianchi, che corrispondono a una personalizzazione dei Cherry MX Blue, avvalendosi del click sonoro per un migliore feedback


premesso che i kailh low profile sono usciti un paio di anni fa ormai, e ci sono stati altri modelli (non moltissimi in verità che li hanno usati

in realtà il legame con gli mx blue è labilissimo, sia come stem che come meccanismo...
come stem si avvicinano ad un altro modello della cherry, gli ML, mentre il meccanismo è del tutto peculiare, grazie alla clickbar, che fornisce una resa decisamente più soddisfacente ai click, e anche più 'concreta' grazie al click generato anche sul ritorno dei tasti. imho (ma non sono il solo) i kailh con clickbar (ci sono anche le versioni ad altezza standard) sono di gran lunga i 'clickosi' migliori, tra quelli disponibili correntemente almeno

sarebbero interessanti dei notebook con tali switch, chissà...
maxnaldo31 Gennaio 2020, 10:31 #2
a me piacerebbe acquistare una di queste tastiere Gaming ma alla fine desisto sempre perchè il layout dei tasti non mi convince.

sono sempre molto diverse dal layout standard che utilizzo in ambito lavorativo/casalingo e non mi trovo molto bene ad aver tasti diversi.

per me dev'essere sempre con il tasto "<>" (minore e maggiore) accanto alla "Z" sulla sx. il tasto "|\" in alto a sx come primo tasto accanto al numero "1". E poi naturalmente il tasto INVIO grande e tutto il layout italiano per i caratteri.

purtroppo tutte queste tastiere gaming sono sempre molto diverse anche se ti dicono "layout italiano".

le uniche che trovo in giro con il layout perfettamente uguale a quelli che uso sono sempre delle cinesate "gaming" da poco, le tastiere gaming serie sono sempre differenti.
s-y31 Gennaio 2020, 10:53 #3
in realtà quella ritratta in molte delle foto ha layout it standard
e sarebbe una rarità, dato che in effetti il layout it è praticamente di nicchia
maxnaldo31 Gennaio 2020, 11:41 #4
Originariamente inviato da: s-y
in realtà quella ritratta in molte delle foto ha layout it standard
e sarebbe una rarità, dato che in effetti il layout it è praticamente di nicchia


si ma per layout standard indicano semplicemente che è "QWERTY" e che ci sono le lettere accentate italiane.

ma se poi guardi come sono messi alcuni tasti, di standard c'è molto poco.
s-y31 Gennaio 2020, 11:50 #5
guarda la seconda foto, che ok si deve aguzzare la vista
a me pare proprio it iso standard

in altre invece è us ansi, o almeno quella dove si vede il tasto enter
maxnaldo31 Gennaio 2020, 15:01 #6
Originariamente inviato da: s-y
guarda la seconda foto, che ok si deve aguzzare la vista
a me pare proprio it iso standard

in altre invece è us ansi, o almeno quella dove si vede il tasto enter



ah ok, si, nella seconda foto sembra il layout it che dicevo.

ma perchè sulla prima fila dei numeri hanno stampato in quel modo numeri e simboli ? in orizzontale invece che in verticale ? Non potevano farlo come sugli altri dove hanno mantenuto il verticale ? Che tra l'altro serve a indicare l'utilizzo del tasto "shift" per il simbolo che si trova in alto ?


sembra quasi che abbiano spostato i simboli in alto lasciando lo spazio per qualche altro simbolo. Come nella fila dei tasti funzione, lì hanno stampato in alto "F1,F2,F3,ecc..." per avere lo spazio sotto dove stampare il simbolo della funzione multimediale. Ok, ma perchè farlo anche sulla fila numerica dove non c'è alcun simbolo per altre funzioni?

vabbè poco male, ma non capisco perchè l'abbiano fatto così.
s-y31 Gennaio 2020, 15:32 #7
è una 'moda' diciamo
dipende anche dal fatto che in quasi tutti gli switch i led sono nella parte superiore, e quindi si sposta la legenda principale in corrispondenza, per avere retroilluminazione più uniforme dove serve. non una regola generale, ma il concetto è quello

in ogni caso non esistono solo le meccaniche gaming, che sono quelle che tendono a privilegiare aspetti diversi dal quelli che impattano sul buon uso del device e ad ogni modo l'argomento è molto vasto e granulare nel numero di 'sottonicchie'...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^