AMD Phenom II X6: spiegata la tecnologia Turbo Core

AMD Phenom II X6: spiegata la tecnologia Turbo Core

AMD spiega il funzionamento della tecnologia Turbo Core implementata nelle future cpu Phenom II X6: con 3 core in idle la frequenza di clock dei restanti aumenta sino a 500 MHz

di pubblicata il , alle 10:36 nel canale Processori
AMD
 

Nel corso del mese di Aprile, come anticipato in varie notizie pubblicate nelle scorse settimane, AMD presenterà le proprie prime cpu della famiglia Phenom II X6, soluzioni destinate all'utilizzo in piattaforme Socket AM3 dotate al proprio interno di 6 core contro i 4 delle soluzioni Phenom II X4 attualmente disponibili sul mercato.

AMD ha anticipato alcune delle caratteristiche tecniche di questi processori, spiegando meglio il funzionamento della tecnologia Turbo Core della quale alcuni dettagli sono emersi in precedenza benché mai in forma ufficiale. Questa tecnologia opera un incremento della frequenza di clock dei core, con valori massimi predefiniti da AMD in funzione dei modelli, che interviene automaticamente senza necessità di utilizzo di software specifici. Di fatto questa è l'equivalente della tecnologia Turbo Boost che Intel ha integrato nelle proprie cpu basate su architettura Nehalem, benché con alcune differenze di rilievo e un livello d'intervento meno sofisticato di quello sviluppato dal concorrente.

Affinché questa tecnologia possa entrare in funzione è necessario che 3 dei core, in processori a 6 core, siano in stato di idle; se questa situazione si verifica la loro frequenza di clock è automaticamente impostata al valore minimo di 800 MHz, mentre per gli altri 3 core viene incrementata sino ad un massimo di 500 MHz in più rispetto al valore di default, a seconda della versione, con un parallelo aumento della tensione di alimentazione. L'incremento nella frequenza di clock, a differenza della tecnologia Turbo Boost di Intel, avviene quindi solo nel momento in cui almeno 3 dei core sono in idle; per l'approccio di Intel l'incremento di clock è variabile a seconda di quanti core sono utilizzati in uno specifico istante.

Il processore, con tecnologia Turbo Core attivata, opera in modo tale da sfruttare tutto il margine in termini di TDP massimo che sia a disposizione; la corrente complessivamente richiesta dalla cpu non deve tuttavia superare i limiti di default predefiniti per la specifica cpu, in quanto se così non fosse potrebbero crearsi problemi di stabilità operativa con alcune schede madri. L'approccio è indicato dalla stessa AMD come di tipo deterministico: nel momento in cui almeno 3 core sono in idle Turbo Core interviene in funzione, mentre se più di 3 core sono occupati la cpu opera con la frequenza massima selezionata di default.

L'approccio sviluppato da Intel con la tecnologia Turbo Boost è più sofisticato, potendo sfruttare alcune peculiarità architetturali implementate nelle cpu della famiglia Nehalem. Ad esempio, la tensione di alimentazione di ogni core può essere variata indipendentemente dagli altri grazie alle tecnologie di power gating, giungendo sino allo spegnimento di uno specifico core che si trovi in idle così da ridurre il consumo complessivo del sistema lasciando più margine all'incremento di clock degli altri core che sono utilizzati. Turbo Boost opera inoltre in funzione della temperatura del processore e del livello di TDP massimo a disposizione, permettendo di ottenere un incremento minimo della frequenza di clock rispetto alla impostazione di default da 1 a 2 moltiplicatori di frequenza a seconda della versione di processore.

In ogni caso l'introduzione di questa tecnologia è decisamente interessante, in quanto permette di ottenere interessanti incrementi prestazionali con quegli scenari di utilizzo del processore che non prevedano l'occupazione di tutti i core. La tabella seguente riassume le caratteristiche tecniche dei processori Phenom II X6 che AMD immetterrà in commercio nei prossimi mesi:

Processore Clock Core Cache L3 Turbo max TDP Debutto
Phenom II X6 1090T 3,2 GHz 6 6 Mbytes 3,6 GHz 125W Q2-2010
Phenom II X6 1075T 3 GHz 6 6 Mbytes 3,5 GHz 125W Q3-2010
Phenom II X6 1055T 2,8 GHz 6 6 Mbytes 3,3 GHz 125/95W Q2-2010
Phenom II X6 1035T 2,6 GHz 6 6 Mbytes 3,1 GHz 95W Q2-2010
Phenom II X4 960T 3 GHz 4 6 Mbytes 3,4 GHz 95W Q2-2010

Nella tabella abbiamo riportato anche le caratteristiche tecniche della cpu Phenom II X4 960T, soluzione quad core basata sullo stesso die delle soluzioni Phenom II X6 con 2 dei 6 core a disposizione che sono stati disabilitati di default. Questa cpu dovrebbe integrare tecnologia Turbo Core con margine d'intervento non su base di 3 core in idle ma di 2. Per il modello Phenom II X6 1055T è invece previsto il debutto di una versione con DTP massimo di 125 Watt, seguita da una seconda con TDP contenuto in 95 Watt.

AMD è riuscita a mantenere valori di TDP allineati a quelli delle soluzioni Phenom II X4 con le future cpu Phenom II X6, nonostante l'incremento nel numero dei core e frequenze di clock tutt'altro che contenute nel complesso. Alla base di questo risultato un affinamento nella tecnologia produttiva, che resta sempre a 45 nanometri: GlobalFoundries ha infatti introdotto low-k dielectric all'interno della propria tecnolgia a 45 nanometri SOI, contribuendo con questo a ridurre il leakage della cpu.

Sappiamo che i processori Phenom II X6 basati su architettura Thuban sono stati sviluppati per schede madri Socket AM3, ma integrano al proprio interno anche controller DDR2 così da risultare compatibili anche con piattaforme Socket AM2+. La tecnologia Turbo Core sarà quindi accessibile anche con siostemi Socket AM2+, oltre che con quelli AM3, a condizione che il bios venga aggiornato per fornire pieno supporto a queste nuove cpu.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

35 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Danckan08 Aprile 2010, 10:48 #1
Grande AMD, avanti così!
bs8208 Aprile 2010, 10:51 #2
Mah... a me sembra migliore questa come tecnologia... visto che si parla di <=3 core in idle... e viene specificato che il cool&quiet resta attivo... quindi non è vero che è peggiore dal lato risparmio elettrico perchè i moltplicatori verranno cmq variati a seconda del carico tra i vari P state...
Cico the SSJ08 Aprile 2010, 10:53 #3
Ma una cosa non capisco, il mio x4 quando non sfrutta il multithread, spartisce il carico di lavoro sui 4 core, facendoli andare tutti al 25%. in questo caso non c'è mai un core in idle..

Ayreon08 Aprile 2010, 10:53 #4
Mmhhh...senza test non si capisce fino a che punto può arrivare la potenza di questi processori. Speriamo in qualche recensione al più presto. Io ho una piattaforma AM2+ con chipset AMD 780G, chissà se protrò aggiornarla? Sarebbe bello prendere una CPU del genere con una piattaforma non molto recente!
piani08 Aprile 2010, 11:00 #5
C'è una data precisa per la scadenza dell'NDA?
grollagrolla12308 Aprile 2010, 11:02 #6
il multithread è appunto suddividere il lavoro ai core.
la modalità turbo effettivamente sarà efficente con applicazioni che non richiedono tutti i core. come ad esempio i giochi <=3 core in genere.

veramente interessante il 1075T a 3GHZ a 6 core. credo che aspetterò il terzo trimestre magari con i nuove mobo e bios aggiornati.
Yrrah08 Aprile 2010, 11:02 #7
Originariamente inviato da: Cico the SSJ
Ma una cosa non capisco, il mio x4 quando non sfrutta il multithread, spartisce il carico di lavoro sui 4 core, facendoli andare tutti al 25%. in questo caso non c'è mai un core in idle..


Penso sia un po' come la tecnologia Intel che serve per far fruttare meglio le applicazioni che sfruttano solo pochi dei core disponibili. I programmi che usi tu evidentemente sfruttano già bene i 4 core e io non mi lamenterei
bs8208 Aprile 2010, 11:02 #8

ayeron

i phenom II x6 andranno con tutte le piattaforme AM2+ e AM3... quindi... SI! potrai aggiornare!
Cico the SSJ08 Aprile 2010, 11:12 #9
Originariamente inviato da: Yrrah
Penso sia un po' come la tecnologia Intel che serve per far fruttare meglio le applicazioni che sfruttano solo pochi dei core disponibili. I programmi che usi tu evidentemente sfruttano già bene i 4 core e io non mi lamenterei



mah in realtà no, perchè sto parlando di applicazioni single thread. Invece di utilizzare un core al 100% e gli altri 3 ( o 5.. ) in idle, il mio win7 spartisce il lavoro dando 25% di carico a ogni core..
ma così facendo non si renderebbe contro che un processore è in idle e quindi non alzerebbe la frequenza (e il turbo servirebbe proprio in situazioni simili).
Inoltre la stessa situazioni mi crea qualche problema con K10stat, nel senso che non occupando i core piu del 25% alle volte non mi alza la frequenza dalla minima impostata.. e sono costretto a farlo manualmente o ad assegnare solo determinati core...

Pensavo fosse normale così, ma a sto punto mi pare quasi che sia il mio pc a comportarsi in modo strano..
Altrimenti spero abbiano cambiato qualcosa nella gestione dei thread con questi nuovi x6
AceGranger08 Aprile 2010, 11:18 #10
Originariamente inviato da: bs82
Mah... a me sembra migliore questa come tecnologia... visto che si parla di <=3 core in idle... e viene specificato che il cool&quiet resta attivo... quindi non è vero che è peggiore dal lato risparmio elettrico perchè i moltplicatori verranno cmq variati a seconda del carico tra i vari P state...


ma come fa a essere migliore questa ???

un i7 ha il turbo SEMPRE, vincolato solo dalla temperatura, e in piu ti aumenta con il calare dei core usati;

uno che compra un 6 core, a meno che non sia un utonto in modalita "ce l'ho piu lungo io", lo prendera perchè li dovra usare sti core no... quindi, dove verranno sfruttati i processori non ci sara il turbo


EDIT intendevi solo dal lato elettrico

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^