Torna indietro   Hardware Upgrade Forum > Networking e sicurezza > Internet e provider

Lenovo Yoga 9i: il 2-in-1 con pennino integrato
Lenovo Yoga 9i: il 2-in-1 con pennino integrato
E' caratterizzato da una costruzione molto curata Yoga 9i, proposta di fascia più alta della gamma di notebook 2.in-1 convertibili di Lenovo basata su processori Intel Core della famiglia Tiger Lake. E' anche esteticamente molto bello, impreziosito dalla cover dello schermo in pelle che abbina robustezza a praticità nel trasporto. Non manca poi un pennino integrato, ad espanderne al massimo la flessibilità d'uso
Resident Evil Village, il miglior modo per sfruttare PlayStation 5
Resident Evil Village, il miglior modo per sfruttare PlayStation 5
Tra pochi mesi accoglieremo il ritorno di Resident Evil. Capcom si prende una pausa dai remake per raccontarci una storia inedita, quella che vedrà nuovamente protagonista Ethan Winters. L'ottavo capitolo, Village, si è mostrato su PS5 con una demo che trae grande vantaggio dalle tecnologie della console next-gen: ve ne parliamo in questo approfondimento.
OnlyOffice: l'alternativa open source e on premise a Microsoft 365
OnlyOffice: l'alternativa open source e on premise a Microsoft 365
Abbiamo provato OnlyOffice, software prodotto dalla lettone Ascensio Systems, scoprendo che si tratta un software completo, ricco di funzionalità e in grado di rimpiazzare efficacemente alternative come Google G Suite e Microsoft 365. Diviso in una componente client e in una server, OnlyOffice può essere installato sui server aziendali o nel cloud di Ascensio
Tutti gli articoli Tutte le news

Vai al Forum
Rispondi
 
Strumenti
Old 04-01-2020, 18:54   #1
JasonCompson
Member
 
Iscritto dal: Aug 2006
Messaggi: 38
[FTTH] Melita 1000/300

Salve, vista la scarsità di informazioni e sperando di non fare troppi danni volevo condividere la mia esperienza con Melita.

Offre esclusivamente FTTH con OpenFiber attualmente a 29 € al mese, 27 € per chi associa l’abbonamento anche ad un contratto Enel. Il prezzo è calato di recente (la prima volta che ho controllato era a 34, decisamente fuori mercato) e non dà il VOIP. Quindi non si può definire economica e se vi abbonate dovrete dire addio al fisso. In compenso fornisce un “modem” in comodato gratuito (di cui parlerò poi), non dovrebbe aver vincoli e promette il “per sempre” in stile Iliad.

Ho tentato di abbonarmi online ma è stato un mezzo disastro: ti chiedono di fotografare i documenti, poi di fare un selfie, poi non gli piace la qualità delle immagini… insomma ho desistito e chiamato il call center. E qui prima sorpresa positiva: non solo attesa zero, ma operatrice gentilissima ed estremamente disponibile. Ho quasi dovuto interrompere la comunicazione perché continuava a darmi informazioni di ogni genere

Si può pagare con addebito in c/c oppure con carta, il prelievo è mensile e il primo addebito avviene solo dopo l’eventuale attivazione.

Tempi di attivazione: ottimi! Ho chiamato sabato 21 Dicembre pensando “tanto ci sono di mezzo le feste”: il 27 mi è arrivato il “modem” (ancora fra virgolette) e il 2 Gennaio (!) sono arrivati quelli di OpenFiber. Considerando il periodo, direi quasi incredibile. Certo, evitare i tempi biblici della migrazione del numero fisso aiuta non poco.

Ho scelto questo operatore per due motivi: il primo diciamo personale, perché non volevo “ritornare” dai soliti noti, il secondo perché sono stato ingolosito dal “modem” (ancora fra virgolette) che offrono: si chiama Plume SuperPod, è americano e si trovano diverse recensioni online, quasi tutte in inglese. In US, Canada e penso anche UK, oltre che in abbinamento con diversi ISP, si può trovare anche in versione “liscia”, con abbonamento a 99 dollari l’anno (!!!) Ovviamente Melita non ti chiede i 99 dollari, ma ti chiede mi pare 4 € al mese per ogni pod oltre al primo.

Perché si dovrebbe aver bisogno di più di un pod? Perché il sistema è fatto apposta per il WiFi mesh, quindi per case grandi in cui c’è bisogno di molti nodi, ripetitori o come volete chiamarli. Se volete potete linkare le varie recensioni e le specifiche.

Fra le altre caratteristiche, una app facilissima da gestire (invece delle pagine 192.ecc dei modem tradizionali), la possibilità di cambiare i DNS e il MAP-T. Ora, cosa sia il MAP-T non l’ho ben capito, spero che un’anima pia chiarisca l’arcano perché, a quanto mi è dato di sapere, si ha a che fare coi soliti problemi di IPv4, IPv6, NAT ecc. Non so quanto tutto ciò impatti l’esperienza dell’utente, perché faccio poco p2p e zero gaming online, però è una cosa che va tenuta presente e soprattutto chiarita per chi ha esigenze particolari. Io posso dire che scarico dai cloud, navigo, leggo la posta e uso (S)FTP senza nessun effetto negativo. In compenso secondo whatsmyip sono un giorno a Milano e un giorno a Palermo

Il Pod ha anche un’altra funzione molto particolare, ovvero si ottimizza a seconda delle abitudini dell’utente. Per esempio, “capisce” che uso più spesso il Mac nel pomeriggio per navigare e il PC la sera per vedere film in streaming. Oppure sceglie in automatico le frequenze WiFi meno congestionate, collega i dispostivi alla banda migliore, ecc. Ovviamente avere diversi Pod sparsi per casa dovrebbe impattare ancor di più questo tipo di ottimizzazione. C’è da tener presente un certo qual rischio di sicurezza / invasione di privacy per cui sempre online ho letto giudizi abbastanza infuriati ma anche rassicurazioni di esperti non molto preoccupati dal “grande fratello”. Di certo non mi piacerebbe sapere che Plume o Melita tengono nota delle mie frequenti visite su CENSURA pardon, il sito del New York Times

Velocità: Il Pod ha una (1) presa ethernet (oltre ovviamente a quella per collegarsi all’ONT) a cui però pare si possa collegare una “multipresa” ethernet senza problemi. Io però mi connetto solo ed esclusivamente in WiFi, e gli speed test mi danno sempre valori intorno ai 300/350 dw / 300 up per ogni dispositivo connesso in 5 Ghz. Test effettuati con iPhone SE, iMac late 2017 e PC Windows 10 assemblato ad ogni ora del giorno e della notte. Il Pod fa anche speed test periodici ed automatici "lato ONT", con valori per ora sempre intorno ai 900 dw / 300 up. Questi test sono visibili (e possono essere disabilitati) via app.

Lati negativi:

Purtroppo l’ottimizzazione completamente automatizzata impedisce cose che, dopo anni di esperienza in WiFi, sembrano normalissime. Per esempio, sul mio Mac, che è in posizione relativamente scomoda rispetto al modem, sono sempre riuscito ad agganciare i 5 Ghz cambiando SSID. Cose ripeto abbastanza semplici che però con il Pod non si possono fare (o non ho capito come si fanno, visto che le istruzioni sono ridotte all’osso). Risultato: sono stato con una 2.4 Ghz lentissima per quasi 12 h, e ho risolto solo spostando fisicamente il Pod un po’ più vicino al Mac. Per contro l’iPhone “zompetta” da una banda all’altra a seconda del punto della casa in cui mi trovo, dei dispositivi connessi, se li sto utilizzando, se sto utilizzando l’iPhone… Il che forse è la situazione ideale per uno smartphone, ma per quanto mi riguarda basterebbe tenerlo agganciato alla 2.4 Ghz e chi s’è visto s’è visto.

Anche la velocità di punta, per adesso, non mi esalta: so benissimo che “il giga” si ottiene solo con l’ethernet, ma una velocità di 300 con un PC nuovissimo a pochi metri dal modem non mi sembra il massimo. Vediamo se la famigerata ottimizzazione darà i suoi frutti nel breve/medio periodo!

A norma di legge, Melita offre anche la possibilità di usufruire di un modem/router di proprietà, ma per la questione del MAP-T sono davvero pochi i modelli compatibili, a quanto ne so manco il Fritz!Box.

In sostanza, mi sembra che il concetto dei “SuperPod” si adatti più che altro ad abitazioni molto grandi (“americane”, appunto) dove c’è necessità di avere tanti nodi, più che ad appartamenti nei quali tutto sommato un modem unico, con antenne belle potenti, può risolvere ogni situazione. Per contro, l'operatore relativamente nuovo e il prezzo non proprio economico dovrebbero garantire ottima assistenza e stabilità, se non altro per via dei pochi clienti. Vediamo se faranno il boom con l'abbinamento ad Enel e come eventualmente lo gestiranno.

PS: non garantisco nulla né sponsorizzo, che sia chiarissimo!!

PPS: Vi invito ancora a modificare questo post o rispondere sotto per chiarire la questione del MAP-T (pro e soprattutto contro) e/o aprirne altri per linkare immagini, specifiche e recensioni del Plume SuperPod.
__________________
iMac 21,5" Late 2017; HD 1TB, SO su SSD esterni
JasonCompson è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 04-01-2020, 19:39   #2
MiloZ
Senior Member
 
L'Avatar di MiloZ
 
Iscritto dal: Mar 2004
Messaggi: 5956
Lascio anche io il mio feedback visto che ci siamo.

Sono abbonato da diversi mesi a Melita e funge ottimamente.

Il SuperPod l'ho tolto dopo 10 minuti e sostituito un un router proprietario più performante e configurabile.
il MAP-T non è necessario, qualsiasi router funziona senza problemi in DHCP automatico.

Come prestazioni in termini di banda\ping è eccellente, questo un test esempio fatto ora: http://fastnetit.speedtestcustom.com...d-e7d83b3312f9

Confermo la fase di attivazione un pò scomoda con la foto del documento di identita da scattare tramite webcam, ma io comunque sono riuscito a concluderla via web.
Confermo anche l'assistenza rapida e molto eloquente.

Unica pecca l'IP privato, attualmente non è previsto l'acquisto di un IP pubblico statico.
Io comunque provando su PS4 ho sempre NAT2 come con le connessioni ad IP pubblico, senza aprire porte manualmente. Quindi per il mio utilizzo per adesso non ho problemi di sorta.

P.S: Riesci a verificare se nel tuo caso usando il Superpod, l'IP della connessione risulta pubblico o privato? Ti dovrebbe bastare controllare se l'indirizzo IP segnato sul Pod coincide con quello rilevato qua: https://www.mio-ip.it/
__________________
READY.
MiloZ è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-01-2020, 11:39   #3
JasonCompson
Member
 
Iscritto dal: Aug 2006
Messaggi: 38
MAP-T viene chiaramente menzionato sulla pagina di assistenza Melita. Forse non è stato ancora implementato, forse non lo faranno mai... boh... sarei pure tentato di acquistare un router, ma non vorrei che mi diventasse inutile fra qualche mese.

Se ho capito cosa intendi, sull'app Plume, nella sezione info hardware, c'è una voce "IP pubblici" (sic) con un indirizzo che parte con 100. L'indirizzo invece che mi restituiscono i vari siti MyIp inizia con 2. Quindi direi che sono nattato, giusto?
__________________
iMac 21,5" Late 2017; HD 1TB, SO su SSD esterni
JasonCompson è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-01-2020, 12:05   #4
satman
Senior Member
 
Iscritto dal: Jun 2008
Messaggi: 2812
Domanda, tutti gli utenti vengono convogliati a Milano come faceva all'inizio Tiscali?
__________________
Cronologia connessioni: Analogico US Robotics su IOL > ISDN SIP > ADSL1: 2 Mega Tele2 > 8 Mega Tiscali > ADSL2 20 mega gaming Tiscali > FTTC 100 Vodafone > FTTC 100 Tiscali + FTTH Tiscali (Vula Tim) > FTTH Tiscali (Vula Tim) + FTTH Tiscali Openfiber > FTTH Tiscali Openfiber.
satman è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-01-2020, 19:02   #5
MiloZ
Senior Member
 
L'Avatar di MiloZ
 
Iscritto dal: Mar 2004
Messaggi: 5956
Quote:
Originariamente inviato da JasonCompson Guarda i messaggi
MAP-T viene chiaramente menzionato sulla pagina di assistenza Melita. Forse non è stato ancora implementato, forse non lo faranno mai... boh... sarei pure tentato di acquistare un router, ma non vorrei che mi diventasse inutile fra qualche mese.

Se ho capito cosa intendi, sull'app Plume, nella sezione info hardware, c'è una voce "IP pubblici" (sic) con un indirizzo che parte con 100. L'indirizzo invece che mi restituiscono i vari siti MyIp inizia con 2. Quindi direi che sono nattato, giusto?
Giusto, quindi parrebbe nattato anche nel tuo caso.
Comunque il MAP-T ad oggi non serve (per fortuna), quindi qualsiasi router può essere utilizzato senza problemi.
Spero le cose rimangano così, perchè se dovessero implementarlo forzatamente e quindi rendere praticamente impossibile la sostituzione del Superpod, probabilmente manderei disdetta.
L'unica aggiunta che potrebbero fare è prevedere l'acquisto di un Ip pubblico statico per chi ne ha proprio necessità.

Quote:
Originariamente inviato da satman Guarda i messaggi
Domanda, tutti gli utenti vengono convogliati a Milano come faceva all'inizio Tiscali?
Che io sappia raccolgono tutto a Milano.
__________________
READY.
MiloZ è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 07-01-2020, 19:52   #6
JasonCompson
Member
 
Iscritto dal: Aug 2006
Messaggi: 38
Per curiosità MiloZ, che router usi? Sul sito Melita leggo che ne servirebbe uno così (una volta che andrà tutto a regime):

- Protocollo: DHCP, DHCPv6, DHCPv6-PD

- Incapsulamento: VLAN Ethernet 802.1q

- Modalità: router con attivo NAT per IPv4 con indirizzo IP privato assegnato al router

- IPv6

- VLAN: 835

- MAP-T

io ne capisco nulla, ma almeno una ricerca su google la so fare... non mi esce niente con queste caratteristiche (manco Plume SuperPod...) Suppongo che si tratti di confugurazioni/opzioni più o meno avanzate o nascoste o nominate in modo diverso a seconda della marca, boh... Mi sembra strano che l'unico modem al mondo compatibile con Melita (a pieno regime) sia il Plume SuperPod.
__________________
iMac 21,5" Late 2017; HD 1TB, SO su SSD esterni
JasonCompson è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 07-01-2020, 20:08   #7
gandalf2016
Senior Member
 
Iscritto dal: May 2016
Messaggi: 1505
Quote:
Originariamente inviato da JasonCompson Guarda i messaggi
Per curiosità MiloZ, che router usi? Sul sito Melita leggo che ne servirebbe uno così (una volta che andrà tutto a regime):

- Protocollo: DHCP, DHCPv6, DHCPv6-PD

- Incapsulamento: VLAN Ethernet 802.1q

- Modalità: router con attivo NAT per IPv4 con indirizzo IP privato assegnato al router

- IPv6

- VLAN: 835

- MAP-T

io ne capisco nulla, ma almeno una ricerca su google la so fare... non mi esce niente con queste caratteristiche (manco Plume SuperPod...) Suppongo che si tratti di confugurazioni/opzioni più o meno avanzate o nascoste o nominate in modo diverso a seconda della marca, boh... Mi sembra strano che l'unico modem al mondo compatibile con Melita (a pieno regime) sia il Plume SuperPod.
È sufficiente un comunissimo router asus o netgear o tplink o fritzbox o quel che vuoi
Unica pecca ip nattato, il che vuole dire che non puoi aprire porte
gandalf2016 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 07-01-2020, 20:37   #8
MiloZ
Senior Member
 
L'Avatar di MiloZ
 
Iscritto dal: Mar 2004
Messaggi: 5956
Quote:
Originariamente inviato da JasonCompson Guarda i messaggi
Per curiosità MiloZ, che router usi? Sul sito Melita leggo che ne servirebbe uno così (una volta che andrà tutto a regime):

- Protocollo: DHCP, DHCPv6, DHCPv6-PD

- Incapsulamento: VLAN Ethernet 802.1q

- Modalità: router con attivo NAT per IPv4 con indirizzo IP privato assegnato al router

- IPv6

- VLAN: 835

- MAP-T

io ne capisco nulla, ma almeno una ricerca su google la so fare... non mi esce niente con queste caratteristiche (manco Plume SuperPod...) Suppongo che si tratti di confugurazioni/opzioni più o meno avanzate o nascoste o nominate in modo diverso a seconda della marca, boh... Mi sembra strano che l'unico modem al mondo compatibile con Melita (a pieno regime) sia il Plume SuperPod.
Il MAP-T non serve, il supporto ad Ipv6 neppure (la linea si collega sempre con Ipv4).

Quindi uno qualsiasi che permetta di impostare un VLAN ID sulla porta WAN (sostanzialmente tutti, l'unico modello degli ultimi anni che mi è capitato sotto mano ed incredibilmente non lo permette è lo Zyxel Armor Z2).

Altra cosa da tenere in considerazione: per adesso tra tutti i router che ho provato, quelli basati su Qualcomm come SoC primario non funzionano, o danno problemi, con le FTTH in DHCP (tipo Netgear R7800, Netgear XR500, XR700, R9000 e forse qualche altro) a cui sia aggiunge un Asus sempre con hardware simile e probabilmente tutti gli altri analoghi che non ho provato personalmente.
Probabilmente sarà un difetto correggibile forse lato software, però di base tutti questi apparecchi li dovuti rimandare indietro perchè o non riescono proprio a stabilire la connessione IPoE, oppure si disconnettono continuamente (solo in DHCP Automatico, in PPPoE vanno perfettamente).

Vanno bene quelli con SoC Broadcom\Mediatek\Marvel\Lantiq , tutti a parte Qualcomm in sostanza per stare sul sicuro.

C'è da considerare che nel mentre ci sono stati degli update sulla rete di OF e anche sugli ONT ZTE (firmware), magari non c'entra nulla, ma potrebbe essere cambiato qualcosa, sarebbe da rifare qualche test per sicurezza (anche se la causa sta più lato Qualcomm verosimilmente).
__________________
READY.
MiloZ è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 07-01-2020, 23:02   #9
x_term
Senior Member
 
L'Avatar di x_term
 
Iscritto dal: May 2019
Città: ovunque, ahimè
Messaggi: 1355
Il fatto che si colleghi solo con IPv4 è segnale che il MAP-T manco lo hanno acceso. Avevo fatto un post su come funzionava MAP-T nel thread di OpenFiber mi pare (proprio quando avevi chiesto tu @MiloZ), il che mitigherebbe un minimo, ma proprio un minimo il fatto che ci sia IPv4 nattato.
Inoltre il MAP-T non romperebbe la compatibilità con router proprietari, ma semplicemente non permetterebbe di essere "raggiungibili" dall'esterno via IPv4 pur essendo gli indirizzi condivisi... IPv6 continuerebbe a funzionare e anche IPv4 ma totalmente chiuso dall'esterno.
__________________
Network architect from hell - Tu vuoi cosa? Per fare che? - cit. - FTTC Sky UK 80/20 (casa a Londra) - Eolo 100/10 (casa in Friuli)
x_term è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-01-2020, 02:06   #10
MiloZ
Senior Member
 
L'Avatar di MiloZ
 
Iscritto dal: Mar 2004
Messaggi: 5956
Quote:
Originariamente inviato da x_term Guarda i messaggi
Il fatto che si colleghi solo con IPv4 è segnale che il MAP-T manco lo hanno acceso. Avevo fatto un post su come funzionava MAP-T nel thread di OpenFiber mi pare (proprio quando avevi chiesto tu @MiloZ), il che mitigherebbe un minimo, ma proprio un minimo il fatto che ci sia IPv4 nattato.
Sisi, ricordo il tuo intervento sul MAP-T, eccolo: https://www.hwupgrade.it/forum/showp...ostcount=17708
Che intendi di preciso con mitigherebbe il fatto che ci sia Ipv4 nattato?

Quote:
Inoltre il MAP-T non romperebbe la compatibilità con router proprietari, ma semplicemente non permetterebbe di essere "raggiungibili" dall'esterno via IPv4 pur essendo gli indirizzi condivisi... IPv6 continuerebbe a funzionare e anche IPv4 ma totalmente chiuso dall'esterno.
Quindi in teoria, anche accendessero il MAP-T, sarebbe comunque possibile continuare a collegarsi senza MAP-T con qualsiasi router ma rimanendo con ip privato?
__________________
READY.
MiloZ è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-01-2020, 10:59   #11
x_term
Senior Member
 
L'Avatar di x_term
 
Iscritto dal: May 2019
Città: ovunque, ahimè
Messaggi: 1355
Quote:
Originariamente inviato da MiloZ Guarda i messaggi
Sisi, ricordo il tuo intervento sul MAP-T, eccolo: https://www.hwupgrade.it/forum/showp...ostcount=17708

Che intendi di preciso con mitigherebbe il fatto che ci sia Ipv4 nattato?

Quindi in teoria, anche accendessero il MAP-T, sarebbe comunque possibile continuare a collegarsi senza MAP-T con qualsiasi router ma rimanendo con ip privato?
Dunque, vediamo se riesco a sintetizzare.
Lato provider c'è IPv6 tra la CPE cliente e una cosa chiamata MAP-T Border Relay. Questa macchina ha sia IPv6 che IPv4 pubblici. Per ogni IPv4 pubblico, un certo range di porte viene riservato per ogni utente, quindi poniamo che per l'utente MiloZ riserviamo le porte 1024-1048.
La coppia IPv4 pubblico : porte riservate vengono "mappate" su una subnet IPv6 specifica contenuta nel prefisso assegnato all'utente nativamente (credo siano minimo delle /56, avendo qualche decina di miliardi di indirizzi, si possono "sprecare" senza problemi).
Quindi ad esempio tu hai a disposizione delle porte esterne a te dedicate (e non più l'intero spazio da 1 a 64535) che sono raggiungibili dall'esterno. Il MAP-T BR è l'apparato che si occupa di fare NAPT massivo su tutti i clienti.
Quando il traffico arriva alla CPE cliente attenzione, le porte non rimangono quelle dedicate, possono ovviamente essere tradotte ancora verso quelle standard, con ulteriore operazione PAT.
In tutto questo casino, la subnet IPv6 a te dedicata rimane nativa ed indipendente da MAP-T, quindi il fatto che nemmeno il Plume riceva IPv6 è segno che non hanno acceso una ceppa. Inoltre per ora come abbiamo visto il supporto è molto limitato, l'implementazione a me pare complessa ed onerosa lato provider, ma d'altronde tale hardware è richiesto anche in caso di normalissimo CG-NAT...

Inviato dal mio HD1913 utilizzando Tapatalk
__________________
Network architect from hell - Tu vuoi cosa? Per fare che? - cit. - FTTC Sky UK 80/20 (casa a Londra) - Eolo 100/10 (casa in Friuli)

Ultima modifica di x_term : 08-01-2020 alle 13:30.
x_term è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-01-2020, 19:35   #12
JasonCompson
Member
 
Iscritto dal: Aug 2006
Messaggi: 38
Grazie ragazzi, è sempre aramaico, ma comincio a distinguere qualche lettera In realtà avevo pure visto la conferenza da cui sono state prese quelle “slide”, capendone sempre poco o nulla Se siete interessati si trova su YouTube.

Provo ad unire i puntini perché tanto più di quello non posso fare:
- il documento postato da x_term è marchiato Charter Spectrum, ovvero un ISP (fra le altre cose);
- pare che utilizzino già il MAP-T da due/tre anni (info trovata sulla rete).

A questo punto, facendo due più due, se un modem / router è compatibile con Charter Spectrum vuol dire che “va bene pure per Melita”, o no?

Cercando però “spectrum compatible routers” (o modems) mi escono fuori i soliti noti… fra i quali, detto di passaggio, non trovo mai Plume SuperPod.

Allora è evidente che mi manca un passaggio: se il Plume SuperPod è in grado di “gestire”/“gestirsi” il MAP-T, è perché questa caratteristica è stata implementata a livello hardware e/o firmware? Oppure è una somma di caratteristiche che, se sono presenti e attivate contemporaneamente, gli permettono (permetterebbero…) di “comunicare” con l’apparato MAP-T BR?

Ovvero, detto proprio terra-terra, il più brutalmente possibile: se acquisto il router X oggi, chi mi dice che “va bene o non va bene per il MAP-T”, o che se non va bene oggi non possa andar bene un domani con un firmware aggiornato e/o customizzato?
__________________
iMac 21,5" Late 2017; HD 1TB, SO su SSD esterni
JasonCompson è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-01-2020, 20:08   #13
x_term
Senior Member
 
L'Avatar di x_term
 
Iscritto dal: May 2019
Città: ovunque, ahimè
Messaggi: 1355
Quote:
Originariamente inviato da JasonCompson Guarda i messaggi
Grazie ragazzi, è sempre aramaico, ma comincio a distinguere qualche lettera In realtà avevo pure visto la conferenza da cui sono state prese quelle “slide”, capendone sempre poco o nulla Se siete interessati si trova su YouTube.



Provo ad unire i puntini perché tanto più di quello non posso fare:

- il documento postato da x_term è marchiato Charter Spectrum, ovvero un ISP (fra le altre cose);

- pare che utilizzino già il MAP-T da due/tre anni (info trovata sulla rete).



A questo punto, facendo due più due, se un modem / router è compatibile con Charter Spectrum vuol dire che “va bene pure per Melita”, o no?



Cercando però “spectrum compatible routers” (o modems) mi escono fuori i soliti noti… fra i quali, detto di passaggio, non trovo mai Plume SuperPod.



Allora è evidente che mi manca un passaggio: se il Plume SuperPod è in grado di “gestire”/“gestirsi” il MAP-T, è perché questa caratteristica è stata implementata a livello hardware e/o firmware? Oppure è una somma di caratteristiche che, se sono presenti e attivate contemporaneamente, gli permettono (permetterebbero…) di “comunicare” con l’apparato MAP-T BR?



Ovvero, detto proprio terra-terra, il più brutalmente possibile: se acquisto il router X oggi, chi mi dice che “va bene o non va bene per il MAP-T”, o che se non va bene oggi non possa andar bene un domani con un firmware aggiornato e/o customizzato?
È una funzione software certamente, un po' cone DNS over TLS o HTTPS che è stato introdotto anche sui Fritz da poco.
Spectrum ahimè è un ISP americano e fuori dall'Europa (ma basta andare in UK...) il modem libero lo vedi col binocolo quindi credo che la ricerca Google sia poco produttiva, Spectrum obbliga ad usare il suo modem.
Io cercando rapidamente ho trovato solo un plugin per OpenWRT e smandruppamenti per router Cisco.
Ma come ho detto, se non avete IPv6 che da segni di vita sta roba non funziona e sospetto che stiano ancora lavorandoci, intanto vendono contratti che tanto a meno che uno non abbia esigenze particolari sta bene in NAT.
Sarebbe interessante aprire un ticket all'assistenza e chiedere "dov'è la mia subnet IPv6?"

Inviato dal mio HD1913 utilizzando Tapatalk
__________________
Network architect from hell - Tu vuoi cosa? Per fare che? - cit. - FTTC Sky UK 80/20 (casa a Londra) - Eolo 100/10 (casa in Friuli)
x_term è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-01-2020, 21:17   #14
MiloZ
Senior Member
 
L'Avatar di MiloZ
 
Iscritto dal: Mar 2004
Messaggi: 5956
Quote:
Originariamente inviato da x_term Guarda i messaggi
Dunque, vediamo se riesco a sintetizzare.
Lato provider c'è IPv6 tra la CPE cliente e una cosa chiamata MAP-T Border Relay. Questa macchina ha sia IPv6 che IPv4 pubblici. Per ogni IPv4 pubblico, un certo range di porte viene riservato per ogni utente, quindi poniamo che per l'utente MiloZ riserviamo le porte 1024-1048.
La coppia IPv4 pubblico : porte riservate vengono "mappate" su una subnet IPv6 specifica contenuta nel prefisso assegnato all'utente nativamente (credo siano minimo delle /56, avendo qualche decina di miliardi di indirizzi, si possono "sprecare" senza problemi).
Quindi ad esempio tu hai a disposizione delle porte esterne a te dedicate (e non più l'intero spazio da 1 a 64535) che sono raggiungibili dall'esterno. Il MAP-T BR è l'apparato che si occupa di fare NAPT massivo su tutti i clienti.
Quando il traffico arriva alla CPE cliente attenzione, le porte non rimangono quelle dedicate, possono ovviamente essere tradotte ancora verso quelle standard, con ulteriore operazione PAT.
In tutto questo casino, la subnet IPv6 a te dedicata rimane nativa ed indipendente da MAP-T, quindi il fatto che nemmeno il Plume riceva IPv6 è segno che non hanno acceso una ceppa. Inoltre per ora come abbiamo visto il supporto è molto limitato, l'implementazione a me pare complessa ed onerosa lato provider, ma d'altronde tale hardware è richiesto anche in caso di normalissimo CG-NAT...

Inviato dal mio HD1913 utilizzando Tapatalk
Grazie del chiarimento anche se ci ho capito il giusto.

Comunque, ieri ho mandato una mail al supporto Plume per chiedergli se il Superpod supporta il MAP-T, ecco la risposta:




Credo che ancora Melita non possa attivarlo manco volendo.
Alla fine meglio così, a mio parere se permettessero di comprare IP pubblici statici (solo per chi lo necessita) lasciando perdere il MAP-T sarebbe di molto preferibile a tutto sto ambaradan.
__________________
READY.
MiloZ è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-01-2020, 21:59   #15
JasonCompson
Member
 
Iscritto dal: Aug 2006
Messaggi: 38
Quote:
Originariamente inviato da x_term Guarda i messaggi
È una funzione software certamente, un po' cone Spectrum ahimè è un ISP americano e fuori dall'Europa (ma basta andare in UK...) il modem libero lo vedi col binocolo quindi credo che la ricerca Google sia poco produttiva, Spectrum obbliga ad usare il suo modem.
E' quello che pensavo anche io, infatti la prima ricerca è stata "che razza di modem usa Spectrum?"

Invece sul loro sito c'è proprio una lista di modem "autorizzati"
https://www.spectrum.net/support/int...arter-network/
insieme ad altri modem, router e combos che vengono forniti da loro
https://www.spectrum.net/support/int...less-adapters/

Forse "autorizzato" vuol dire che Charter ha dei firmware specifici per quei modem, che evidentemente prevedono anche l'implementazione del MAP-T, comunque trovo davvero assurdo che nessun modem/router al mondo menzioni MAP-T fra le specifiche, in mezzo a quella pletora di sigle più o meno incomprensibili.

Vuoi vedere che Melita ha rivelato un segreto industriale?

"Dov'è la mia subnet IPv6?" sarà la seconda domanda che porrò al call center. La prima sarà "il candidato spieghi il significato della sigla MAP-T"

Quote:
Originariamente inviato da MiloZ Guarda i messaggi
Grazie del chiarimento anche se ci ho capito il giusto.

Comunque, ieri ho mandato una mail al supporto Plume per chiedergli se il Superpod supporta il MAP-T, ecco la risposta:




Credo che ancora Melita non possa attivarlo manco volendo.
Alla fine meglio così, a mio parere se permettessero di comprare IP pubblici statici (solo per chi lo necessita) lasciando perdere il MAP-T sarebbe di molto preferibile a tutto sto ambaradan.
NOTIZIA BOMBA!

Allora, un bell'Asus Asus RT-AC86U me l'accettate? Certo che è brutto come la fame ma a quanto pare chi costruisce router ne fa un punto d'onore di separare estetica ed efficienza (e il plume purtroppo ne è un esempio).
__________________
iMac 21,5" Late 2017; HD 1TB, SO su SSD esterni

Ultima modifica di JasonCompson : 08-01-2020 alle 22:08.
JasonCompson è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-01-2020, 00:56   #16
x_term
Senior Member
 
L'Avatar di x_term
 
Iscritto dal: May 2019
Città: ovunque, ahimè
Messaggi: 1355
Quote:
Originariamente inviato da JasonCompson Guarda i messaggi
E' quello che pensavo anche io, infatti la prima ricerca è stata "che razza di modem usa Spectrum?"

Invece sul loro sito c'è proprio una lista di modem "autorizzati"
https://www.spectrum.net/support/int...arter-network/
Eh ok ma quelli più che altro sono perchè Charter ha una rete HFC, quindi danno se non altro i modem generici come bridge...
Comunque ho googlato ancora un po' e ho trovato su Reddit qualche commento (e uno solleva tra l'altro lo stesso problema: vi fidate di come lo implementeranno i produttori?)
Tra l'altro nemmeno Melita stessa a Malta usa sta roba perchè hanno IPv4 a sufficienza pare
__________________
Network architect from hell - Tu vuoi cosa? Per fare che? - cit. - FTTC Sky UK 80/20 (casa a Londra) - Eolo 100/10 (casa in Friuli)
x_term è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-01-2020, 02:27   #17
MiloZ
Senior Member
 
L'Avatar di MiloZ
 
Iscritto dal: Mar 2004
Messaggi: 5956
Quote:
Originariamente inviato da JasonCompson Guarda i messaggi
E' quello che pensavo anche io, infatti la prima ricerca è stata "che razza di modem usa Spectrum?"

Invece sul loro sito c'è proprio una lista di modem "autorizzati"
https://www.spectrum.net/support/int...arter-network/
insieme ad altri modem, router e combos che vengono forniti da loro
https://www.spectrum.net/support/int...less-adapters/

Forse "autorizzato" vuol dire che Charter ha dei firmware specifici per quei modem, che evidentemente prevedono anche l'implementazione del MAP-T, comunque trovo davvero assurdo che nessun modem/router al mondo menzioni MAP-T fra le specifiche, in mezzo a quella pletora di sigle più o meno incomprensibili.

Vuoi vedere che Melita ha rivelato un segreto industriale?

"Dov'è la mia subnet IPv6?" sarà la seconda domanda che porrò al call center. La prima sarà "il candidato spieghi il significato della sigla MAP-T"
A parer mio, meno se ne parla di quel accrocchio meglio è.
Se ti capita chiedigli anche "quando renderete possibile l'acquisto di un IP pubblico statico come fanno gli altri operatori?"

Quote:
Allora, un bell'Asus Asus RT-AC86U me l'accettate? Certo che è brutto come la fame ma a quanto pare chi costruisce router ne fa un punto d'onore di separare estetica ed efficienza (e il plume purtroppo ne è un esempio).
Quell'Asus va benissimo, se vuoi il modello analogo ma con il firmware "gaming" c'è anche il Rog Rapture GT-AC2900 ma costa un pò di più.
Valuta anche l'RT-AC88U su quella fascia di prezzo che non è male.
__________________
READY.
MiloZ è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-01-2020, 21:17   #18
JasonCompson
Member
 
Iscritto dal: Aug 2006
Messaggi: 38
Alla fine ho preso RT-AC86U, avevo visto dei TP-Link un po' più carini esteticamente ma l'Asus era in offerta e mi sembra avere miglior supporto firmware sia originale che moddato (chissà che non implementino il famigerato MAP-T prima del Plume ).

Mi arriverà domani, per l'intanto sto vedendo i manuali. Allora, pare che abbia una funzione chiamata QIS (ad orecchio, quick internet setup), ma nel caso di epic fail c'è il supporto/FAQ:
https://www.asus.com/it/support/FAQ/1011715

Io dovrei mettere: Automatic IP (DHCP) + enable WAN + Enable NAT + Enable UPnP + Authentication = none? Oppure c'è da farsi dare un nome utente e una password da Melita?

Per i DNS, suppongo che possa scegliere fra quelli Melita oppure altri, tipo google.

Poi c'è il parametro Host Name del router che mi pare non venga richiesto da Melita.

Fra gli advanced settings c'è l'IPv6, che abbiamo stabilito essere inutile in questa fase ma potrei abilitare tanto per.

Non mi pare che debba fare altri smanettamenti, correggetemi se sbaglio.
__________________
iMac 21,5" Late 2017; HD 1TB, SO su SSD esterni
JasonCompson è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 11-01-2020, 02:47   #19
MiloZ
Senior Member
 
L'Avatar di MiloZ
 
Iscritto dal: Mar 2004
Messaggi: 5956
Quote:
Originariamente inviato da JasonCompson Guarda i messaggi
Alla fine ho preso RT-AC86U, avevo visto dei TP-Link un po' più carini esteticamente ma l'Asus era in offerta e mi sembra avere miglior supporto firmware sia originale che moddato (chissà che non implementino il famigerato MAP-T prima del Plume ).

Mi arriverà domani, per l'intanto sto vedendo i manuali. Allora, pare che abbia una funzione chiamata QIS (ad orecchio, quick internet setup), ma nel caso di epic fail c'è il supporto/FAQ:
https://www.asus.com/it/support/FAQ/1011715

Io dovrei mettere: Automatic IP (DHCP) + enable WAN + Enable NAT + Enable UPnP + Authentication = none? Oppure c'è da farsi dare un nome utente e una password da Melita?

Per i DNS, suppongo che possa scegliere fra quelli Melita oppure altri, tipo google.

Poi c'è il parametro Host Name del router che mi pare non venga richiesto da Melita.

Fra gli advanced settings c'è l'IPv6, che abbiamo stabilito essere inutile in questa fase ma potrei abilitare tanto per.

Non mi pare che debba fare altri smanettamenti, correggetemi se sbaglio.
Devi mettere sotto WAN - IP automatico e basta (il resto puoi lasciarlo default).
Poi a LAN-->IPTV metti VID - 835 al tab Internet.
Fine.
__________________
READY.
MiloZ è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 11-01-2020, 20:42   #20
JasonCompson
Member
 
Iscritto dal: Aug 2006
Messaggi: 38
Grazie! Alla fine c'ero arrivato da solo, anche se a capire che la voce VID, sotto il menu IPTV, fosse fosse la VLAN ID da impostare su 835 mi ci è voluto un po'...

Comunque il guadagno di performance (velocità) non l'ho visto, purtroppo. In compenso il range è migliorato moltissimo; ho messo il router nel suo luogo deputato e ho la 5Ghz in tutta casa.

Visto che dal 2015 ad oggi avrò cambiato 5 modem/router, mi devo mettere l'anima in pace e ammettere che c'è "qualcosa" (interferenze, impedimenti, ecc.) a casa mia che impedisce alla WiFi di funzionare a pieno regime.
__________________
iMac 21,5" Late 2017; HD 1TB, SO su SSD esterni
JasonCompson è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 Rispondi


Lenovo Yoga 9i: il 2-in-1 con pennino integrato Lenovo Yoga 9i: il 2-in-1 con pennino integrato
Resident Evil Village, il miglior modo per sfruttare PlayStation 5 Resident Evil Village, il miglior modo per sfrut...
OnlyOffice: l'alternativa open source e on premise a Microsoft 365 OnlyOffice: l'alternativa open source e on premi...
Tesla Model 3 Performance: la più veloce in versione 2021 sfrutta l'Ecobonus Tesla Model 3 Performance: la più veloce ...
Samsung Galaxy S21+, uno smartphone (quasi) perfetto. La recensione Samsung Galaxy S21+, uno smartphone (quasi) perf...
MolGX è la piattaforma AI di IBM ...
Apple e realtà aumentata: caschet...
ho.mobile regala Giga illimitati a tutti...
Elon Musk: Tesla Cybertruck presto in ve...
SK hynix, ecco la memoria LPDDR5 da 18 G...
Amazon prezzi pazzi: Galaxy S21 5G -15% ...
Alder Lake M, P e S nel settore mobile: ...
Libre Sense: il sensore per lo sportivo ...
OnePlus e Hasselblad insieme per portare...
Maxi richiamo Hyundai Kona elettriche pe...
Nikon: la nuova ammiraglia mirrorless sa...
Furto di brevetti batterie auto: SK chie...
Dardel, il nuovo supercomputer svedese c...
Mosca investe sull'elettrico: entro la f...
GeForce Now: a marzo 21 nuovi giochi per...
Google Chrome Portable
AVG Antivirus Free
WinRAR
Sandboxie
Chromium
Dropbox
Opera 74
CCleaner Portable
CCleaner Standard
SiSoftware Sandra Lite
LibreOffice 7.1.1
MSI Afterburner
K-Lite Codec Pack Update
K-Lite Mega Codec Pack
K-Lite Codec Pack Full
Tutti gli articoli Tutte le news Tutti i download

Strumenti

Regole
Non Puoi aprire nuove discussioni
Non Puoi rispondere ai messaggi
Non Puoi allegare file
Non Puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è On
Le Faccine sono On
Il codice [IMG] è On
Il codice HTML è Off
Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 13:15.


Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Served by www1v