Torna indietro   Hardware Upgrade Forum > Off Topic > Discussioni Off Topic > Scienza e tecnica

AIDA64: molto più di un software per i benchmark
AIDA64: molto più di un software per i benchmark
Utilizzato dagli utenti più appassionati per l'analisi delle prestazioni della memoria utilizzata nel proprio sistema, AIDA64 è un potente tool software che si spinge oltre il monitoraggio del sistema e la verifica dei componenti utilizzati diventando, con la versione AIDA64 Business, uno strumento di analisi dei client di una rete molto flessibile e utile per l'amministratore di sistema
Gta 5 sulla next-gen, ovvero come rivivere Los Santos in prima persona
Gta 5 sulla next-gen, ovvero come rivivere Los Santos in prima persona
Può piacere o meno, ma quello delle edizioni rimasterizzate di titoli appartenuti alla precedente generazione è già diventato un trend consolidato del mercato. Negli ultimi dodici mesi sono stati numerosi i prodotti che, dopo la loro presenza su PS3 e Xbox 360, sono stati ripresentati anche su PS4 e Xbox One. Si spazia da Tomb Raider a Sleeping Dogs, da Metro a The Last of Us, mentre per il prossimo futuro sono già confermate edizioni rimasterizzate di DmC Devil May Cry e Devil May Cry 4, Borderlands e chi più ne ha più ne metta, perché stiamo ormai iniziando a perdere il conto.
MSI GT72 2QE Dominator Pro: il grande notebook per il videogiocatore
MSI GT72 2QE Dominator Pro: il grande notebook per il videogiocatore
Processore Intel Core i7 con architettura quad core abbinato a scheda video NVIDIA GeForce GTX 980M: questa la ricetta di MSI per il proprio notebook della famiglia GT sviluppato specificamente per venire incontro alle esigenze dei videogiocatori. Dimensioni imponenti che permettono di ottenere livelli di prestazioni che nulla hanno da invidiare, con i giochi più recenti, ad un PC desktop
Tutti gli articoli Tutte le news

Vai al Forum
Rispondi
 
Strumenti
Old 20-02-2007, 09:13   #1
NeroCupo
Senior Member
 
L'Avatar di NeroCupo
 
Iscritto dal: Jun 2006
Città: Finalmente al di fuori del 'bel paese'
Messaggi: 346
Laboratori chimica casalinghi

3D in continuo aggiornamento (last=09/04/07 aggiunto il link alla resistenza dei guanti monouso). Chi vuole, è pregato di contribuire
-------------------------------------------------------------
Al secondo e terzo post troverete i consigli di Xenom sulle autocostruzioni delle attrezzature (last=24/03/07)
-------------------------------------------------------------
Al quarto post troverete le Tecniche Analitiche di stbarlet. Tanto di cappello (last=05/03/07)
-------------------------------------------------------------
Gli esperimenti invece si trovano 6 (sei) post più in basso (last=05/03/07)
-------------------------------------------------------------
OTTO post più in basso trovere come gestire il vostro laboratorio senza (si spera) incidenti (last=24/04/07)
================================================

Ok, mi avete fatto venire il trip da laboratorio

Ora, per tutti i bambinoni cresciutelli come il sottoscritto, perchè non ci diamo una mano e cerchiamo di capire come dovrebbe essere fatto un piccolo laboratorio casalingo per analisi qualitativa (la quantitativa non la prendo nemmeno in considerazione)?

Legenda per la lista (il voto dipende anche dal costo dell'oggetto):
[++] = Indispensabile. Ci deve essere
[+] = Un vero laboratorio, anche casalingo, non dovrebbe farne a meno
Nulla = A discrezione


Sicurezza:
  • [++] Guanti ed occhiali di sicurezza (x i guanti: link alla tabella QUI )
  • [++] Lavandino capiente possibilmente a 2 scomparti
  • [++] Mascherina per le polveri
  • [+] Cappa aspirante (Qui sarebbe [++], ma per molti è difficile)
  • [+] Camice
  • [+] Doccia oculare e una di sicurezza
  • [+] Estintore a polvere o, in mancanza, secchiello di sabbia
  • [+] Bancone o tavolino con piano in vetro
  • [+] Pennarelli da vetro lavabili e/o etichette per identificare i prodotti
  • [+] Armadietti con chiave dove porre i reagenti, se possibile più di uno per tener separati i composti incompatibili
  • Come sopra ma ventilati, dove tenere acidi e basi forti + solventi organici
Ricordarsi che per tutti gli esperimenti che producono gas o vapori velenosi (compresi tutti quelli che richiedono l'impiego di solventi organici, quindi) bisogna lavorare sotto cappa.
Quando si manipolano reagenti polverulenti, è vivamente consigliato lavorare con la mascherina.


Vetreria:
  • [++] Provette (con e senza tappo)
  • [++] Imbuto (possibilmente in vetro)
  • [++] Contagocce
  • [+] Beute/Matracci (50,100,250,500,1000cc) possibilmente con bocca smerigliata, codate e non
  • [+] Becker (50,100,250,500,1000cc)
  • [+] Bacchetta in vetro x miscelare e altre x il saggio alla fiamma
  • [+] Bottiglie scure per i reagenti, sia a bocca larga che a bocca stretta provviste di tappo
  • Palloni (servono soprattutto per le distillazioni)
  • Vetri d'orologio
  • Capsule
  • Mortaio in ceramica + pestello
  • Almeno una buretta da 25cc
  • Cilindri graduati 25/50/100 cc
  • Pipette graduate e volumetriche


Attrezzatura: (Se c'è un (*) significa che si può autocostruire)
  • [++] Carta da filtro
  • [++] Vari sostegni/appoggi/porta provette, palloni, beute, ecc
  • [++] Spruzzino (o diluitore)
  • [++] Indicatori quali cartine al tornasole o fenolftaleina
  • [+] Bilancia di precisione (anche quelle da 19.99€ che si trovano su internet)
  • [+] Bunsen o fornello a spirito + supporto e reticella spargifiamma
  • [+] Pinza portaprovette
  • Termometro
  • Poster della tavola periodica in bella vista (fa anche figo)
  • Pompa da vuoto ad acqua da collegarsi al rubinetto o, meglio, meccanica
  • Attrezzatura per la distillazione (refrigeranti a serpentina e vetreria normalizzata)
  • Forno a muffola (*)
  • Centrifuga (*)
  • Essiccatore (*)
  • Agitatore magnetico e termico (*)
  • Apparecchiature per l'elettrolisi
  • Densimetro
  • PHmetro digitale (si può sostituire con cartine al tornasole & c)
  • Congelatore (anche per la produzione di ghiaccio)
    Se siete i nipoti di Rockfeller, sarebbero interessanti anche: (ciao ciao $$$ )
  • Spettrofotometro
  • Gas cromatografo


Reagentario: (a seguire la scheda di sicurezza)
  • [+] Acetone SCHEDA
  • Acido acetico CH3COOH SCHEDA
  • [+] Acido cloridrico 37% HCl SCHEDA
  • [+] Acido nitrico 65% HNO3 SCHEDA
  • [+] Acido solforico 96% H2SO4 SCHEDA
  • [+] Acqua ossigenata H2O2 SCHEDA
  • [+] Ammoniaca NH3 SCHEDA
  • Fenolftaleina all'1% in soluzione alcoolica SCHEDA
  • [++] Bicarbonato di sodio NaHCO3 (Viene usato in caso di contatto accidentale da H2SO4 conc.)
  • [+] Carbonato di sodio Na2CO3
  • Cloruro di calcio SCHEDA
  • Cromato di potassio K2CrO4 SCHEDA
  • [+] Etanolo o alcool etilico SCHEDA
  • [+] Etere etilico SCHEDA
  • Ferro limatura
  • Idrossido di potassio KOH SCHEDA
  • [+] Idrossido di sodio NaOH SCHEDA
  • [+] Iodio (Tintura di Iodio al 3%) SCHEDA
  • Nitrato di argento AgNO3 SCHEDA
  • Permanganato di potassio KMnO4 SCHEDA
  • Rame metallico SCHEDA
  • [+] Solfato ferroso SeSO4 SCHEDA
  • [+] Solfuro di ferro (o di zinco) FeS SCHEDA
  • [+] Zinco granuli SCHEDA
  • Zolfo fiori SCHEDA

IMPORTANTE:
QUI un sacco di informazioni sulla sicurezza (inglese) (grazie a stbarlet)
QUI il link diretto al glossario del link di cui sopra
QUI la pagina delle schede di sicurezza in italiano (grazie a ilmambo)
QUI il link diretto delle schede di sicurezza di cui sopra (grazie a hibone)
QUI trovate a cosa corrispondono i codici di rischio (grazie a stbarlet)

Link a "Piccoli chimici" commerciali:
  • CHEM 1000: Qui
  • CHEM 2000: Qui
  • CHEM 3000: Qui
  • Laboratorio di chimica: Qui
  • Super chimica: Qui

Indicatori più comuni e non tossici: (Sono indicati il colore sotto il PH minimo, i PH di viraggio ed il colore sopra a quello massimo)
  • Blu di bromofenolo: giallo 3,0/4,5 blu
  • Blu di bromotimolo: giallo 6,0/7,5 blu (verde a 7.0)
  • Fenolftaleina: incolore 8,0/9,9 violetto


Letture consigliate:
  • Stechio & lab : le basi dell'analisi chimica (Zanichelli)
  • Il luna park della chimica (Zanichelli)

Software consigliati:
  • ChemLab (LinkDownload): Bellissimo programma purtroppo a pagamento e in inglese (ma c'è una versione trial) che permette di simulare in tutto e per tutto un laboratorio chimico. Da provare
  • ChemSketch (LinkDownload): Fantastico programma per disegnare molecole in 2D e visualizzarle poi in 3D. Freeware. Da provare.

Link consigliati:
  • La miglior tavola periodica degli elementi che sono riuscito a trovare: Qui
  • Dove scaricare LaTeX: Qui
  • Dove trovare un manuale per il LaTeX: Qui e Qui
  • Una libreria sconfinata (83 volumi, quasi 40.000 pagine ) di libri di chimica di pubblico dominio in formato PDF, una vera e propria miniera d'oro per gli aspiranti (e non) chimici: Qui


Note per lo smaltimento dei rifiuti (Grazie Bounty_ & Lucrezio)
Le soluzioni che si buttano nel lavandino devono essere:
  • Necessariamente a PH neutro (addio tubature e/o tenuta altrimenti), quindi devono essere neutralizzate PRIMA di essere gettate, mettendoci una goccia di indicatore e neutralizzando la soluzione (facile e veloce)
  • NON TOSSICHE, quindi niente metalli pesanti e/o veleni in genere.
    In caso contrario, si conserva in appositi recipienti (evitando di mescolare sostanze incompatibili) e lo si porta al centro apposito di smaltimento
  • lo smaltimento dei rifiuti deve prevedere una differenziazione fra organici ed inorganici e quindi fra clorurati e non clorurati. I rifiuti organici clorurati vanno smaltiti a parte, in quanto c'è il rischio che producano diossine o policlorodibenzofurani.
  • Attenzione a tutti i metalli pesanti, che non devono assolutamente essere gettati nel lavandino. Un buon metodo per eliminarli dalle soluzioni (e quindi far smaltire un solido e non un liquido) è farli precipitare come idrossidi, rendendo fortemente (pH>=14) basica la soluzione e quindi filtrando. Per i sali ossidanti (permanganato, spero che nessuno di voi sia così folle da utilizzare il bicromato!) una buona soluzione è ridurli utilizzando (nel caso del permanganato) il normale zucchero da cucina a pH neutro, facendo precipitare il biossido di manganese (o con un altro riducente anche blando e facendo precipitare l'eventuale idrossido).

Simboli di rischio chimico:


Metodi per neutralizzare i composti pericolosi:
Forti ossidanti: Si usa una soluzione acquosa di sodio bisolfito (a volte + H2SO4)
4KMnO4 + 10NaHSO3 + H2SO4 -> 4MnSO4 + 5Na2SO4 + 2K2SO4 + 6H2O
NaClO3 + 3NaHSO3 -> NaCl + 3NaHSO4
NaBrO3 + 3NaHSO3 -> NaBr + 3NaHSO4
NaIO3 + 3NaHSO3 -> NaI + 3NaHSO4
NaIO4 + 4NaHSO3 -> NaI + 4NaHSO4
Na2S2O8 + NaHSO3 + H2O -> 3NaHSO4
Ca(ClO)2 + 2NaHSO3 -> CaSO4 + 2NaCl + H2SO4

Cianuri solubili: Si usa l'ipoclorito di sodio (si formano i cianati)
NaCN + NaClO -> NaCNO + NaCl

Sali di piombo, Cadmio ed Antimonio: Si consiglia normalmente di ridurli a solfuri insolubili, solo che l'acido solfidrico è dannatamente velenoso, così è forse preferibile farli precipitare come silicati. Il precipitato va comunque trattato come rifiuto pericoloso. Le formule sono in forma ionica.
Pb++ + Na2SiO3 -> PbSiO3 + 2Na+
Cd++ + Na2SiO3 -> CdSiO3 + 2Na+
2Sb+++ + 3Na2SiO3 -> Sb2(SiO3)3 + 6Na+

... Work In Progress ...
__________________
OneBillionPlanetS: QUI

Ultima modifica di NeroCupo : 24-04-2007 alle 22:43.
NeroCupo è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 13:07   #2
xenom
Senior Member
 
L'Avatar di xenom
 
Iscritto dal: Mar 2004
Città: Verona
Messaggi: 2251
[SEZIONE McGyver]

AGITATORE MAGNETICO: L'agitatore magnetico è un dispositivo che serve per mescolare soluzioni nel loro recipiente. Sono interessanti poiché si inserisce una barretta (magnetica in quelli commerciali) che gira alla stessa velocità del motore posto sotto. Non richiedono quindi "bracci" meccanici che entrano nel recipiente
Io ne ho realizzato uno con un motore da 25W prelevato da un forno a microonde rotto, ho attaccato all'albero motore (che per fortuna era già filettato ) un pezzo di plexyglass con sopra due magneti al neodimio fissati tramite una lamina di alluminio. Il foro centrale dev'essere preciso altrimenti il carico non è bilanciato. poi ho messo tutto in un contenitore e violà, ho preso un chiodino di ferro e l'ho rivestito in teflon, dopo averlo verniciato. Il chiodino va inserito nel contenitore e seguirà la rotazione del campo magnetico indotto dal magnete rotante. E' ottimo per piccoli volumi (a occhio fino a 300-400 ml) e per liquidi poco viscosi.
E' meglio se riuscite a collegare un variatore di velocità (un variatore per carichi induttivi dovrebbe andare) o potete autocostruirvelo... poiché la velocità dei motori sincroni di quel tipo (shaded-pole) è fissa (mi pare sia intorno ai 2000 RPM o giù di lì ).
Per aggiungere alla funzione di mescolamento quella di riscaldamento, potete aggiungere una vaschetta sopra l'agitatore contenente un liquido termo-vettore, per esempio acqua o glicerina (meglio quest'ultima per andare sopra i 100°C) e inserire una resistenza elettrica (meglio se a bassa tensione) e un termometro all'interno, come in foto.
Per la resistenza, è sufficente smontare un phon rotto e prelevare una porzione di resistenza adatta alla tensione che si intende usare, calcolando la potenza (con la formula di ohm). La mia è da 100W e la alimento a 12VAC con un trasfo toroidiale da 150W. Ovviamente dato che non è isolata fa un po' di elettrolisi e si rovina, ma vi assicuro che prima di rovinarsi completamente riuscite a scaldare l'acqua per moolte volte...
i due cavi neri che entrano nella vaschetta sono della resistenza, l'altro è la sonda del termometro. i due cosi di alluminio sono dissipatori e li uso come supporto
come potete vedere il magnete al neodimio (preso da un HDD) è posizionato tra una lastra di plexy agganciata all'albero motore e una piattina di alluminio, con due viti.

ESSICATORE: E' un contenitore che serve per conservare solidi/fluidi in ambiente completamente secco (privo di umidità).
E' sufficente un contenitore con coperchio ermetico, a tenuta stagna, e lo si riempie un po' con gel di silice (a occhio bastano pochi grammi di gel... poi ci si appoggia sopra una rete metallica o qualche strato di carta assorbente. Il contenitore è meglio se è di pirex... altrimenti in vetro o anche plastica. Il pirex è ottimo perché potete rigenerare il gel di silice mettendo tutto il contenitore direttamente in forno
il gel di silice lo trovate in quelle bustine ("DO NOT EAT") che mettono dentro le scatole del 90% degli apparecchi elettronici.

DISTILLATORE SEMPLICE: Per distillare sostanze che non attaccano i metalli. E' possibile costruirlo con materiali semplici, ma è chiaro che utilizzando i metalli non sarà possibile usare acidi e basi forti, né altre sostanze che li possono attaccare...
Il distillatore serve per separare due liquidi miscibili con punti di ebollizione differenti e distanti fra loro. Esempio: acqua e sale, acetone e acqua ecc.
Io ne sto realizzando uno con un tubo di rame (in vendita nei negozi di pneumatica e idraulica). L'ho piegato a U e nella parte più lunga ho costruito una "camera" dove passerà l'acqua di raffreddamento. Se non altro il vantaggio del rame è che data la sua alta conducibilità termica sarà possibile condensare più facilmente il vapore che passerà al suo interno.
Come contenitore da distillare pensavo di usare una beutina in pirex più un tappo di sughero dove inserirò il tubo di rame. In mancanza della beutina potete usare un contenitore sigillato di metallo.. anche se è più difficile.
Dato che sono entrato in possesso di un tubo a U di vetro, proverò a farne uno anche con quello.
Dopo posto le immagini che come si sa valgono più di 1000 parole

E' un po' grezzo, ma l'ho assemblato ieri in mezz'ora. Magari gli do una verniciata

Quando la chimica può diventare utile

Ottenere temperature sotto 0 in modo veloce:
Ghiaccio + NaCl: fino a -20°C (teorici)
Ghiaccio + CaCl2: fino a -40°C (teorici) nota: il CaCl2 si trova in commercio come prodotto igroscopico e ricarica per i deumidificatori chimici. La dissoluzione del CaCl2 è esotermica e quindi compensa l'abbassamento crioscopico. La temperatura citata si può raggiungere solo raffreddando la miscela fino alla suddetta temperatura...

Usi del nitrato d'ammonio: i sacchetti per il ghiaccio istantaneo che vendono in farmacia sono a base di nitrato d'ammonio o urea. se mescolato con acqua abbassa la temperatura per reazione endotermica fino a qualche grado sopra lo 0. Si può riutilizzare facendo evaporare l'acqua (dopo aver aperto il sacchetto, e può anche essere utilizzato come fertilizzante... anche se non so le quantità da usare per innaffiare le piante

Rimuovere l'ossido di rame in mancanza di prodotti appositi: aceto, sale e violà, in poco tempo il rame torna brillante

nota: i sali elencati sono tutti praticamente innocui, il nitrato d'ammonio è comburente ma è poco pericoloso...

post on working

Ultima modifica di xenom : 24-03-2007 alle 17:14.
xenom è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 13:12   #3
xenom
Senior Member
 
L'Avatar di xenom
 
Iscritto dal: Mar 2004
Città: Verona
Messaggi: 2251
[post riservato]

uuu che bello

la buretta costa un botto (mi pare sui 40 euro)

aggiungi anche bacchette di vetro per mescolare e per il saggio alla fiamma (+ filo nichel-cromo), le lenti di vetro, qualche navetta, una bilancia analitica (e qui mi sa che $$$ ), un densimetro, poi se mi viene in mente altro lo scrivo


Quote:
Originariamente inviato da Bounty_ Guarda i messaggi
Bisogna fare in modo che i prodotti che finiscono nello scarico siano:
1) a PH neutro:
gli acidi danneggiano le condutture, le basi danneggiano il grasso e la canapa che gli idraulici
mettono sui filetti delle viti, tutti e 2 non sono ne' salutari per l'ambiente (si' anche se non
vanno direttamente nei fiumi non sono proprio salutari anche per i batteri dell'impianto
di depurazione delle acque che c'e' dopo la fogna) ne' in regola con la legge.
2) sali non tossici:
o si e' previdenti con le reazioni (ci credo poco) , oppure si puo' modificare il
lavandino collegandoci una vecchia damigiana di vetro sotto, quando avete
finito con gli esperimenti analizzate il contenuto della damigiana e se innoquo
lo si scarica nello scarico, altrimenti si telefona all'azienda della nettezza urbana
(o all'agenzia per la protezione dell'abiente) e si chiede dove smaltirlo correttamente.

Vedi tu come sintetizzare il discorso. Si tratta comunque di cose che viene
naturale fare se c'e' un cervello ben acceso dietro ogni azione
(forse per questa loro ovvieta' non sono state menzionate).

Ciao


ecco... il problema sorge quando usi reagenti inquinanti o troppo acidi/basici. Ti serve in questo caso uno speciale lavandino o fai prima a usare un recipiente capiente per questi scarti... poi devi portarlo al centro apposito di smaltimento
Fai prima a evitare reagenti contenenti metalli pesanti e a diluire tanto soluzioni troppo acide o basiche

Ultima modifica di xenom : 22-02-2007 alle 20:34.
xenom è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 13:22   #4
stbarlet
Senior Member
 
L'Avatar di stbarlet
 
Iscritto dal: Apr 2003
Città: Torino
Messaggi: 6800
Tecniche Analitiche

Le tecniche analitiche vengono spesso usate dai chimici- e non solo - per condurre un`indagine qualitativa e quantitativa sui composti con i quali si ha a che fare. Questo post si occupa di indagini qualitative, con diversi metodi, con i quali é possibile stabilire se ció che ci aspettavamo é avvenuto oppure a ricercare eventuali impurezze nei prodotti delle nostre reazioni. Le tecniche analitiche sono svariate e per la maggior parte inattuabili con semplici attrezzature casalinghe, ma per ció che concerne le nostre esperienze sono necessari davvero pochi strumenti.



Cationi

- Saggi "alla fiamma"

Il saggio alla fiamma é uno dei metodi analitici piú semplici poiché consiste nel prelevare una piccola quantitá di composto da saggiare con una bacchetta con filo al tungsteno(o nickel-cromo) bagnata di acqua deionizzata o di acido cloridrico. Bisogna avere l`accortezza di cambiare il filo al nickel-cromo spesso perché si usura in fretta, e soprattutto a tenere il filo pulito, in modo da non inficiare il saggio.Successivamente si accosta la quantitá di sale prelevata al bordo esterno della fiamma di un Bunsen.

Ed ecco una tabella per l`interpretazione dei saggi.




(1) Il sodio puó offuscare il rilevamento di altri ioni, poiché é molto persistente. Per questo puó essere utile un vetrino al cobalto che filtra il giallo emesso dal sodio


Anioni

Il rilevamento di anioni é piú complesso, e si usano metodi chimico-fisici per tale pratica. Ad esempio si sfrutta l`insolubilitá di alcuni sali, oppure le differenze di densitá nei liquidi.




- Rilevamento "alogenuri"

Per rilevare la presenza di cloruri, bromuri o ioduri torna utile il nitrato di argento ( per la preparazione cliccate qui)


Disponete una piccola quantitá del sale su cui dovete fare il rilevamento in soluzione, acidificatela con qualche goccia di acido nitrico e aggiungete una goccia di nitrato di argento 0,1M.

Se il precipitato é bianco sono presenti ioni cloruri in soluzione.
Se il precipitato é giallo sono presenti ioni bromuri o ioduri.



- Rilevamento "nitrati"


Si userá il solfato ferroso Scheda di Sicurezza.
Preparate una soluzione satura di FeSO4, sciogliete una piccola quantitá del nitrato da saggiare in acqua all`interno di una provetta, e addizionatevi qualche ml di soluzione FeSO4. Inclinate la provetta (30 gradi) e aggiungete qualche goccia di acido solforico concentrato,facendolo scivolare sul bordo della provatta, senza agitare la stessa. Si formerá un anello di color bruno che rileva la presenza dei nitrati.
La reazione con ad esempio KNO3 sarebbe:
2KNO3 + 6FeSO4 + 4 H2SO4--->3Fe2(SO4)3 +K2SO4 + 2NO + 4H2O

Che porta alla formazione del complesso [FeNO]SO4 che é appunto di color marrone




il vecchio post
Codice:
Un phmetro digitale, se ne trovano a poco. Il lavandino dovrebbe essere a doppia vasca e soprattutto non di acciaio, a meno che non vuoi spendere un fracasso di soldi in acciaio speciale.. Per i reflui.. smaltirli presso aziende specializzate costa parecchio.. considera che gli elementi con d>4 sono da considerarsi metalli pesanti ( quindi anche ferro, rame) . per acidi e basi, bisognerebbe avere tubazioni speciali etc..  oppure dovreti raccoglierli.. 
cosa pensi di tenere come reagenti? Io dico che almeno devi avere HCl, H2SO4,HNO3 , NaOH, CH3COOH, CH3CH2OH,H2S, metalli vari ( ferro, rame, zinco, piombo  almeno),H2O2,NH4OH e giá qui ti spari un bel 200€.
Centrifuga e distilltore potresti pure farteli da te...
di reagenti si puó parlare, basta mettere le schede di sicurezza. e poi non stiamo descrivendo nessuna reazione-processo quindi..

Ultima modifica di stbarlet : 05-03-2007 alle 23:56.
stbarlet è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 13:27   #5
xenom
Senior Member
 
L'Avatar di xenom
 
Iscritto dal: Mar 2004
Città: Verona
Messaggi: 2251
Giusto, anche il distillatore si può realizzare da se. Penso che con un bel capillare di rame piegato a molla venga bene

la centrifuga è decisamente più complessa, a quei regimi di rotazione un minimo bilanciamento errato sull'albero può far letteralmente esplodere il carico...
xenom è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 13:43   #6
stbarlet
Senior Member
 
L'Avatar di stbarlet
 
Iscritto dal: Apr 2003
Città: Torino
Messaggi: 6800
Quote:
Originariamente inviato da xenom Guarda i messaggi
Giusto, anche il distillatore si può realizzare da se. Penso che con un bel capillare di rame piegato a molla venga bene

la centrifuga è decisamente più complessa, a quei regimi di rotazione un minimo bilanciamento errato sull'albero può far letteralmente esplodere il carico...


Il vapillare nn lo farei in rame la centrifuga é complessa, bisogna trovare una vaschetta stabile, ben calibrata , poi il motore non e un problema..
stbarlet è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 15:24   #7
NeroCupo
Senior Member
 
L'Avatar di NeroCupo
 
Iscritto dal: Jun 2006
Città: Finalmente al di fuori del 'bel paese'
Messaggi: 346
Qui foi trofavren gli experimenten, ja (Se non altrimenti indicato, le schede di sicurezza si trovano sul primo post di questo 3D)

Da acqua a vino e viceversa senza soluzione di continuità
Preparazione:
1) In un bicchiere da 200cc porre una piccola quantità di NaOH in soluzione (poche gocce)
2) Riempire una caraffa trasparente di acqua demineralizzata ed in essa aggiungere un po' di fenolftaleina e una quantità proporzionalmente doppia in moli di H2SO4 rispetto all'idrossido presente nel bicchiere. Questa soluzione rimane incolore (la fenolftaleina vira al violetto solo in ambiente basico).

Effetto:
Si presentano un bicchiere vuoto ed una caraffa piena di acqua.
Pronunciare le paroline magiche (es: sim sala bim) e, versando l'acqua nel bicchiere questa si trasformerà 'magicamente' in vino (l'NaOH in eccesso rende l'ambiente basico e colora la fenolftaleina).
A metà bicchiere ci si soffermerà un attimo (ma tenendo la brocca in mano sospesa sopra il bicchiere: fa più effetto) e si pronuceranno le paroline al contrario (es: bim sala sim) e, 'magia' continuando a versare, il vino tornerà nuovamente acqua (l'H2SO4 neutralizza del tutto l'idrossido rendendo la soluzione acida, quindi la fenolftaleina è incolore).


Da liquido a solido:
Mescolare due parti uguali e fredde di soluzioni concentrate di cloruro di calcio e di carbonato di sodio.
Mescolare gentilmente ma in maniera completa la soluzione et voilà, la soluzione da liquida passa a solida. Il solido ottenuto è opaco

PS: Il materiale necessario per quest'esperimento è di facile reperibilità (una buona metà di voi dovrebbe già averlo a casa propria, e addirittura il CaCl2 in soluzione lo butta pure. Non chiedetemi di dire di più che non posso ), e fortunatamente non troppo pericoloso


Da liquido a Ghiaccio
Questo trucchetto sfrutta la capacità di solidificare tipica del silicato di sodio SCHEDA quando il PH scende al di sotto di un certo livello (normalmente sotto PH 11.5 o giù di lì). Per fare questo, è sufficiente aggiungere al silicato un po' di acido cloridrico, mescolare e poi semplicemente aspettare.
Ci sono in commercio vari tipi di silicato di sodio, con alcuni funziona meglio e con altri peggio. Provare.


Indicatore PH ottenuto da un cavolo
Allora intanto servono due cose:
- Un cavolo cappuccio viola (si trova dal fruttivendolo)
- Alcool a 90° (nel vostro armadietto medicinali)
si prende una foglia di cavolo, la si fa a pezzettini e la si pone in un mortaio con qualche cc di alcool; con il pestello si comprimono i pezzi di foglia, si aggiunge un po' d'acqua e si continua a "maltrattare" la foglia col pestello, si versa il liquido che avrà assunto una colorazione violetta in un recipiente di vetro e si ripete l'operazione tre o quattro volte. Alla fine otterrete qualche cc di liquido violetto: il vostro indicatore
In ambiente neutro la soluzione è violetta, in ambiente basico diventa blu e in ambiente acido diventa rossa.
Provare

Per pulire l'argento senza fatica:
Prendere una terrina di vetro, e in fondo porre un foglio di alluminio.
Riempire di acqua calda (molto calda), versarci due cucchiai di bicarbonato di sodio e uno di sale da cucina (cloruro di sodio) e mescolare bene.
Immergere i pezzi d'argento che si vogliono pulire, facendo attenzione che facciano ben contatto tra di loro.
In pochissimo tempo l'ossido presente sull'argento scomparirà dinnanzi ai vostri occhi (se gli oggetti sono molto ossidati, serviranno più passaggi)
Togliere gli oggetti, lavarli ed asciugarli.

Preparazione del nitrato d'argeno AgNO3:
Allora, uno tra i vari componenti utili in laboratorio è il nitrato d'argeno (AgNO3, di cui trovate la scheda sul primo post), quasi indispensabile per il riconoscimento dello ione cloruro.
Il problema è che trovare quest'affare in giro per il mondo è di una difficoltà improba, così è normalmente d'obbligo prepararselo, cosa che ho fatto con successo questa mattina
Come si procede:
1) Si prende una bella monetozza da un'oncia d'argeno al 99,9% e la si mette su un becker da 500cc
2) Si versa nello stesso una soluzione di HNO3 al 65%
3) Si porta il tutto all'aperto (durante la reazione vengono emessi fumo di NO, tossici) in un posto non illuminato (il nitrato d'argento si decompone alla luce solare diretta) oppure si lavora all'interno ma sotto cappa
4) Si piazza il bunsen sotto al becker et voilà, ciao ciao monetona
5) Una volta evaporata la soluzione, il risultato è una polverina bianca: AgNO3 puro (o quasi)
La reazione è la seguente:
3 Ag + 4 HNO3 --> 3 Ag(NO3) + NO + 2 H2O (HNO3 deve essere in eccesso sulla quantità stechiometrica)
__________________
OneBillionPlanetS: QUI

Ultima modifica di NeroCupo : 05-03-2007 alle 09:12.
NeroCupo è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 15:24   #8
Lucrezio
Senior Member
 
L'Avatar di Lucrezio
 
Iscritto dal: Dec 2003
Città: Trento, Pisa... ultimamente il mio studio...
Messaggi: 4358
Mi iscrivo al thread, anche per tenervi d'occhio!
Sono davvero contento che sia finalmente venuto fuori un thread del genere, ovviamente siete tenuti a rispettare il regolamento di sezione e in particolare:
- fate pure un elenco dei reagenti più comuni, ma è ASSOLUTAMENTE VIETATO dare indicazioni su come procurarseli (pena: 2 settimane di sospensione). Tutti i reagenti indicati dovranno essere accompagnati TASSATIVAMENTE dalla scheda di sicurezza;
- la descrizione degli esperimenti dev'essere rigorosamente scientifica, niente discorsi del tipo "fa una fiammata pazzesca" oppure "fa un botto assurdo". Ovviamente nessuno vi vieta di descrivere (purché, ripeto, non diciate come procurare i reagenti necessari) esperimenti dove, in caso di manovre errate, si possano verificare eventi del genere (vi faccio un esempio perché non vi facciate strane idee: descrivere un cross-coupling con i reattivi organometallici va benissimo. Ovviamente se i reattivi in questione vengono mischiati con acqua si incendiano, questo lo potete scrivere dicendo di fare attenzione e di lavorare con solventi assolutamente anidri. Capito l'antifona?)

Detto questo alcune considerazioni aggiuntive
- lo smaltimento dei rifiuti deve prevedere una differenziazione fra organici ed inorganici e quindi fra clorurati e non clorurati. I rifiuti organici clorurati vanno smaltiti a parte, in quanto c'è il rischio che producano diossine o policlorodibenzofurani.
- Attenzione a tutti i metalli pesanti, che non devono assolutamente essere gettati nel lavandino. Un buon metodo per eliminarli dalle soluzioni (e quindi far smaltire un solido e non un liquido) è farli precipitare come idrossidi, rendendo fortemente (pH>=14) basica la soluzione e quindi filtrando. Per i sali ossidanti (permanganato, spero che nessuno di voi sia così folle da utilizzare il bicromato!) una buona soluzione è ridurli utilizzando (nel caso del permanganato) il normale zucchero da cucina a pH neutro, facendo precipitare il biossido di manganese (o con un altro riducente anche blando e facendo precipitare l'eventuale idrossido).
- Inoltre per tutti gli esperimenti che producono gas o vapori velenosi (compresi tutti quelli che richiedono l'impiego di solventi organici, quindi) bisogna indicare di lavorare sotto cappa.

Detto questo mi affido al vostro buon senso e... buon lavoro!
__________________
"Expedit esse deos, et, ut expedit, esse putemus" (Ovidio)
Il mio "TESSORO": SuperMicro 733TQ, SuperMicro X8DAI I5520, 2x Xeon Quad E5620 Westmere, 12x Kingston 4GB DDR3 1333MHz, 4x WD 1Tb 32MB 7.2krpm
Lucrezio è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 15:25   #9
NeroCupo
Senior Member
 
L'Avatar di NeroCupo
 
Iscritto dal: Jun 2006
Città: Finalmente al di fuori del 'bel paese'
Messaggi: 346
NOTES FOR DUMMIES

Dunque, così non va, quindi vediamo di prenderci un po' di mano:


Per sorreggere la vetreria di laboratorio, si usano normalmente gli stativi e gli accessori ad esso collegati, come si può vedere dall'immagine sottostante:


Ora, per evitare che la vetreria sostenuta dalle pinze scivoli da queste ultime combinando magari qualche disastro, le pinze devono essere posizionate esattamente sotto il bordo della cetreria da sostenere:


Vi si è mai rotto un termometro stringendolo magari un po' troppo tra le pinze dei supporti?
Bene, ecco come evitare tali incresciosi inconvenienti:


... work in progress ...
__________________
OneBillionPlanetS: QUI

Ultima modifica di NeroCupo : 24-04-2007 alle 22:48.
NeroCupo è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 15:31   #10
Lucrezio
Senior Member
 
L'Avatar di Lucrezio
 
Iscritto dal: Dec 2003
Città: Trento, Pisa... ultimamente il mio studio...
Messaggi: 4358
Quote:
Originariamente inviato da NeroCupo Guarda i messaggi
Giustissimo, quindi prego Lucrezio (Lucrezioooooooooooooo... azz, speriamo che mi senta) di inserire il tuo post come secondo in questa discussione, così puoi cominciare le danze
Mi spiace... non si può
Posso splittarlo in un altro thread, ma purtroppo all'interno di un thread i messaggi vengono automaticamente ordinati cronologicamente...
__________________
"Expedit esse deos, et, ut expedit, esse putemus" (Ovidio)
Il mio "TESSORO": SuperMicro 733TQ, SuperMicro X8DAI I5520, 2x Xeon Quad E5620 Westmere, 12x Kingston 4GB DDR3 1333MHz, 4x WD 1Tb 32MB 7.2krpm
Lucrezio è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 15:35   #11
xenom
Senior Member
 
L'Avatar di xenom
 
Iscritto dal: Mar 2004
Città: Verona
Messaggi: 2251
Giuuuuusto abbiamo dimenticato la cosa più importante: LA KAPPA! anche quella volendo si può realizzare in casa...
xenom è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 15:41   #12
stbarlet
Senior Member
 
L'Avatar di stbarlet
 
Iscritto dal: Apr 2003
Città: Torino
Messaggi: 6800
bicromato? chi ha detto bicromato? ti sei dimenticato la scheda di sicurezza Dillo alla tipa che nel lab di inorganica dopo aver finito la giornata si é portata via i sali del cromo perche erano "belli"


Comunque credo che scrivere vicino ad una sostanza frasi del tipo "spero che nessuno di voi sia così folle da utilizzare il bicromato!" sia controproducente a volte ( Lucrezio non é una critica, lo faccio spesso anche io, é una questione psicologica ) per dissuadere chi cerca il botto.. anzi..
stbarlet è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 15:49   #13
Lucrezio
Senior Member
 
L'Avatar di Lucrezio
 
Iscritto dal: Dec 2003
Città: Trento, Pisa... ultimamente il mio studio...
Messaggi: 4358
Quote:
Originariamente inviato da stbarlet Guarda i messaggi
bicromato? chi ha detto bicromato? ti sei dimenticato la scheda di sicurezza Dillo alla tipa che nel lab di inorganica dopo aver finito la giornata si é portata via i sali del cromo perche erano "belli"


Comunque credo che scrivere vicino ad una sostanza frasi del tipo "spero che nessuno di voi sia così folle da utilizzare il bicromato!" sia controproducente a volte ( Lucrezio non é una critica, lo faccio spesso anche io, é una questione psicologica ) per dissuadere chi cerca il botto.. anzi..
Ehm, il bicromato ti fa venire il cancro, non è che esplode... in questo senso dicevo!

__________________
"Expedit esse deos, et, ut expedit, esse putemus" (Ovidio)
Il mio "TESSORO": SuperMicro 733TQ, SuperMicro X8DAI I5520, 2x Xeon Quad E5620 Westmere, 12x Kingston 4GB DDR3 1333MHz, 4x WD 1Tb 32MB 7.2krpm
Lucrezio è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 15:51   #14
NeroCupo
Senior Member
 
L'Avatar di NeroCupo
 
Iscritto dal: Jun 2006
Città: Finalmente al di fuori del 'bel paese'
Messaggi: 346
Mi era venuta la voglia di inserire tra i reagenti il famigerato "Monossido di Diidrogeno", ma poi mi sono contenuto

Continuo stasera...
__________________
OneBillionPlanetS: QUI
NeroCupo è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 15:53   #15
stbarlet
Senior Member
 
L'Avatar di stbarlet
 
Iscritto dal: Apr 2003
Città: Torino
Messaggi: 6800
Quote:
Originariamente inviato da xenom Guarda i messaggi
Giuuuuusto abbiamo dimenticato la cosa più importante: LA KAPPA! anche quella volendo si può realizzare in casa...
eh.. qui purtroppo c`é un limite per un lab casalingo. bisognerebbe realizzare una struttura in vetro ( il plexy potrebbe andare bene ma non é cosí resistente) e una ventola in grado di aspirare parecchhio e nn rovinarsi con i vari vapori..
stbarlet è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 15:55   #16
stbarlet
Senior Member
 
L'Avatar di stbarlet
 
Iscritto dal: Apr 2003
Città: Torino
Messaggi: 6800
Quote:
Originariamente inviato da Lucrezio Guarda i messaggi
Ehm, il bicromato ti fa venire il cancro, non è che esplode... in questo senso dicevo!




Si non certo, non mi sono spiegato bene forse.. intendevo in generale.



PS per il bicromato lui non esplode...e mi fermo
stbarlet è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 16:05   #17
stbarlet
Senior Member
 
L'Avatar di stbarlet
 
Iscritto dal: Apr 2003
Città: Torino
Messaggi: 6800
Quote:
Originariamente inviato da NeroCupo Guarda i messaggi
Mi era venuta la voglia di inserire tra i reagenti il famigerato "Monossido di Diidrogeno", ma poi mi sono contenuto

Continuo stasera...
Il Monossido di Diidrogeno (DHMO) è un composto chimico incolore ed inodore, conosciuto anche come Ossido di Diidrogeno, Idrossido di Idrogeno, Idrossido di Idronio, o semplicemente Acido Idrico.




Mitico...
stbarlet è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 16:19   #18
xenom
Senior Member
 
L'Avatar di xenom
 
Iscritto dal: Mar 2004
Città: Verona
Messaggi: 2251
Quote:
Originariamente inviato da Lucrezio Guarda i messaggi
Ehm, il bicromato ti fa venire il cancro, non è che esplode... in questo senso dicevo!

pensa che noi lo abbiamo usato varie volte (leggi: molte volte ) in lab a scuola...
non è che hanno sottolineato che era mutageno, cancerogeno e teratogeno però.... fino a qualche mese fa non lo sapevo
xenom è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 17:18   #19
bjt2
Senior Member
 
L'Avatar di bjt2
 
Iscritto dal: Apr 2005
Città: Napoli
Messaggi: 4878
Quote:
Originariamente inviato da stbarlet Guarda i messaggi
Il Monossido di Diidrogeno (DHMO) è un composto chimico incolore ed inodore, conosciuto anche come Ossido di Diidrogeno, Idrossido di Idrogeno, Idrossido di Idronio, o semplicemente Acido Idrico.




Mitico...
Scioglie molto bene l'ossigeno, cosicchè a contatto con molti metalli, ne favorisce l'ossidazione... Ingerito in dosi modeste, non provoca effetti deleteri, essendo espulso per lo più con l'urina, ma anche dalla pelle e dai polmoni...
__________________
La vita è troppo bella per rovinarsela per i piccoli problemi quotidiani...
DA QUESTO MOMENTO SONO UFFICIALMENTE RICERCATORE A TEMPO INDETERMINATO DEL CNR!!!
0 A.D. React OS
bjt2 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 20-02-2007, 17:26   #20
stbarlet
Senior Member
 
L'Avatar di stbarlet
 
Iscritto dal: Apr 2003
Città: Torino
Messaggi: 6800
Quote:
Originariamente inviato da bjt2 Guarda i messaggi
Scioglie molto bene l'ossigeno, cosicchè a contatto con molti metalli, ne favorisce l'ossidazione... Ingerito in dosi modeste, non provoca effetti deleteri, essendo espulso per lo più con l'urina, ma anche dalla pelle e dai polmoni...


Oh mamma.. piango! quel sito
stbarlet è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 Rispondi


AIDA64: molto più di un software per i benchmark AIDA64: molto più di un software per i be...
Gta 5 sulla next-gen, ovvero come rivivere Los Santos in prima persona Gta 5 sulla next-gen, ovvero come rivivere Los S...
MSI GT72 2QE Dominator Pro: il grande notebook per il videogiocatore MSI GT72 2QE Dominator Pro: il grande notebook p...
Flir ONE, e l'iPhone diventa una termocamera Flir ONE, e l'iPhone diventa una termocamera
Come NVIDIA GameWorks migliora la grafica di Far Cry 4 Come NVIDIA GameWorks migliora la grafica di Far...
Lian-Li annuncia Serie O: case per PC in...
Ecco la casa da 70 milioni di dollari de...
Prime foto di Xperia Z4 trapelate dalle ...
Halo 5, beta da oggi disponibile per i m...
Google stop a Nexus 5, WhatsApp su brows...
Assetto Corsa è qui: finalmente d...
One Plus annuncia Power Bank, una batter...
Saldi Steam: Dark Souls 2, Rome II e Met...
Tre giocatori professionisti squalificat...
Videocamere nascoste mostrano lavoratori...
Un nuovo aggiornamento per Windows 10 pr...
Microsoft lancia ufficialmente Lumia Den...
Nuove conferme sulla realtà virtuale Mic...
Consegne in un'ora con Amazon Prime Now,...
Driver Booster 2, aggiornare tutti i dri...
Calibre
Trillian Astra
LibreOffice 4.3.4
PassMark PerformanceTest
SiSoftware Sandra Lite 2014
Ad-Aware Free Antivirus
EZ CD Audio Converter
CCleaner standard
SmartFTP
CCleaner Portable
Driver Booster
Opera 26
Dropbox
Firefox 35
Chromium
Tutti gli articoli Tutte le news Tutti i download

Strumenti

Regole
Non Puoi aprire nuove discussioni
Non Puoi rispondere ai messaggi
Non Puoi allegare file
Non Puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è On
Le Faccine sono On
Il codice [IMG] è On
Il codice HTML è Off
Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Ora sono le: 03:24.


Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Served by www1v