Antitrust: nuove multe per Wind e Telecom

Antitrust: nuove multe per Wind e Telecom

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato WIND-Infostrada e Telecom Italia per pratiche commerciali scorrette

di pubblicata il , alle 13:26 nel canale Telefonia
WIND
 
L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, trova regolarmente qualche pratica commerciale scorretta nel comportamento degli operatori telefonici nei confronti dei consumatori. Nell'ultimo bollettino l'Antitrust ha comunicato di avere sanzionato sia Telecom Italia che WIND-Infostrada. Nel primo caso ecco come è presentato il caso nella comunicazione dell'AGCM:

"Da ottobre 2007 sono pervenute numerose segnalazioni, aventi ad oggetto la ridotta velocità di navigazione del servizio ADSL offerto da Telecom. In particolare, dalle segnalazioni pervenute emerge come Telecom abbia indotto i consumatori a ritenere di poter navigare in internet a banda larga, ad una velocità particolarmente elevata, superiore a quella che molti utenti poi riuscivano effettivamente a perseguire." "Nelle diverse offerte commerciali esistenti al momento dell’avvio del procedimento, non veniva chiarita la velocità minima garantita per le diverse offerte e in quali condizioni poteva essere raggiunta la velocità massima, ma veniva genericamente indicato, in una pagina diversa da quella in cui erano presentati i contenuti principali dell’offerta (denominata Per saperne di più), che la velocità di navigazione non è garantita poiché dipende dal livello di congestione della rete e del server a cui ci si collega". Nonostante le memorie difensive presentate da Telecom Italia l'Antitrust ha sanzionato l'operatore con € 285.000 di multa.

WIND-Infostrada invece è stata riconosciuta rea di trarre in inganno i consumatori in merito alle sue offerte per voce e connettività, pubblicizzate come in grado di liberare gli utenti completamente dal canone Telecom. In realtà, come si legge nel bollettino: "In sostanza, sembrerebbe che Wind, nelle proprie offerte commerciali, abbia accomunato come assenza di “canone Telecom” due modalità distinte – il passaggio alla rete Wind e la preselezione automatica (o CPS, Carrier Pre-Selection) – di cui solamente la prima comporta il superamento del rapporto contrattuale con Telecom. Nel secondo caso, anche se il canone viene rimborsato, in misura parziale nell’offerta “Happy Italy”, permangono a carico del cliente la gestione di due rapporti contrattuali, con i relativi oneri, di fatturazione, pagamento delle bollette, ecc.". Considerato anche il comportamento dell'operatore, che si è dimostrato collaborativo con le Autorità Garanti, la sanzione è stata quantificata in € 165.000.

Problemi per Telecom Italia anche per quanto riguarda la telefonia mobile, in particolare per pratiche commerciali scorrette legate a due tariffe particolari TIM Sogno e Chiara di TIM. Nel primo caso ad essere sotto esame sono gli spot pubblicitari che hanno sostenuto il lancio della nuova tariffa che, analizzati dopo la segnalazione di un consumatore e di un operatore concorrente, sono risultati fornire in maniera troppo superficiale e poco visibile le clausole particolari del contratto. Discorso simile anche per la pubblicizzazione tramite sito web. Telecom Italia in questo caso è stata sanzionata con € 235.000 di multa; in principio l'Autorità aveva stabilito una sanzione di € 175.000, che ha però subito un aumento a causa del comportamento recidivo dell'operatore, in quanto già destinataria di provvedimenti di riscontrata scorrettezza in violazione del Titolo III, Capo II, del Codice del Consumo.

Problemi legati ai metodi di pubblicizzazione dell'offerta Chiara di TIM, in quanto "gli spot contestati apparivano idonei ad indurre in errore il consumatore medio circa le caratteristiche, la natura e le condizioni economiche della promozione “Chiara di Tim”, non presentando informazioni esatte e complete tali da consentire l’assunzione di una decisione consapevole". Nel mirino dell'Autorità, ad esempio, l'espressione "per sempre" utilizzata nello spot. La multa relativa a questa violazione è stata quantificata in € 215.000; anche in questo caso la sanzione iniziale di € 155.000 è lievitata a causa del comportamento recidivo dell'operatore.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

48 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
DEABlade15 Aprile 2009, 13:35 #1
bravi quelli dell'Antitrust... Telecom cerca di fare troppo la furba... è ora che paghi!
DenFox15 Aprile 2009, 13:37 #2
215.000€??? Ma se sono noccioline per loro... come minimo gli dovevano fare una cosa come 30-40 milioni di € di multa, poi vediamo se si riazzardano a farlo.
Aerox15 Aprile 2009, 13:40 #3
quand'è che si inizia ad applicare il concetto di moltiplicatore di multa "2x 3x 4x 5x" ?a mio parere queste mega compagnie,nonostante le multe, al netto ci guadagnano ancora...quindi continueranno con questi trucchetti tanto poi con poco si condona tutto...
Xile15 Aprile 2009, 13:49 #4
Ci vogliono cifre a 7 zeri come multa non ste caccole qui.
ragugo15 Aprile 2009, 13:50 #5
...per poi devolvere il tutto ai terremotati ;-)
gabi.243715 Aprile 2009, 13:51 #6
"multe" quelle?


Paga più uno che copia mp3 che loro

Ste "multe" sono invece la licenza ad agire così

Eehhh ma crisi, colpa della pirateria, terremoto...
Lino P15 Aprile 2009, 13:51 #7
la cosa comica, è che telecom e wind truffano NOI, e gli incassi delle multe finiscono nelle casse dello stato.
In pratica i consumatori adescano gli aguzzini, e lo stato si riempie le tasche...
Davvero interessante...
beppe15 Aprile 2009, 13:51 #8
i gestori se ne fregano di queste multine.....evidentemente servono solo a prendere soldi....non a fare in modo che i clienti vengano rispettati....
beppe15 Aprile 2009, 13:53 #9
1 milione di euro la prima volta che fanno i furbi.......10 milioni la seconda......alla terza chiudi baracca....sicuramente cosi' starebbero molto + attente a fregare i consumatori....
jdvd97615 Aprile 2009, 13:56 #10
2355000 euro di multa? Concordo anche io che questi sono bruscolini, per una telecom...se non appioppi almeno qualche milione di euro, le compagnie saranno sempre indotte a fare quello che vogliono....inoltre, dove vanno a finire gli introiti delle multe? Ai danneggiati?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^