Al ribasso le previsioni di ATI per il quarto trimestre

Al ribasso le previsioni di ATI per il quarto trimestre

In ribasso le previsioni di fatturato trimestrale per l'azienda canadese, a motivo del calo di vendite nel segmento desktop

di pubblicata il , alle 08:50 nel canale Schede Video
ATI
 

ATI ha anticipato, rilasciando questo comunicato stampa, che nel corso del quarto trimestre dell'anno registrerà una diminuzione del fatturato rispetto a quanto inizialmente preventivato per il periodo.

Le stime originarie prevedevano un fatturato variabile tra i 550 e i 580 milioni di dollari, calato nelle ultime previsioni ad un valore compreso tra i 465 e i 480 milioni di dollari.

MARKHAM, Ontario, Aug 29, 2005 (BUSINESS WIRE) -- ATI Technologies Inc. (NASDAQ:ATYT)(TSX:ATY) today provided an update on expectations for its fourth quarter of fiscal 2005. ATI now expects revenues for the fourth quarter to be in the range of $465 - $480 million(1), compared to the expected range of $550 - $580 million provided on June 23, 2005. Gross margin percentage for the quarter is expected to be in the single digit range, which includes an inventory writedown that is expected to be approximately $60 - $70 million. Operating expenses, excluding the costs associated with stock-based compensation, are expected to be in the range of $143 - $148 million, which is in line with guidance.

Alla base di questo risultato troviamo, secondo quanto dichiarato d ATI, un risultato inferiore al previsto per le vendite di schede video nel segmento desktop. Nel corso del periodo ATI non è stata capace di commercializzare il volume di schede previsto inizialmente, oltre ad ottenere un prezzo di vendita medio inferiore rispetto a quanto pianificato.

Il CEO di ATI, David Orton, ha comunque confermato la propria aspettativa di ottenere risultati sensibilmente migliori nel prossimo trimestre, forte anche del prossimo lancio delle architetture video di nuova generazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
lelemar31 Agosto 2005, 09:32 #1
Con la batosta presa da parte di Nvidia con l'ultima generazione di chip... c'era da aspettarselo
Special31 Agosto 2005, 09:36 #2
Ma com'è il discorso "non sono satti in grado di mettrle sul mercato"..
Cioè più ne mettono più ne vendono?
Le schede video vanno via come il pane?
ciop7131 Agosto 2005, 09:50 #3
Non è che più ne mettono più ne vendono, semplicemente non sono stati in grado di fornire ai negozi neanche quelle richieste.
Basta pensare alle varie 'Phanthom Edition' della X800 e della X850: c'era un sacco di gente che voleva comprarle ma erano introvabili.
E' inutile lanciare venti nuovi modelli al mese se sugli scaffali ne arriva meno della metà, ma ormai la soddisfazione del cliente non rientra più tra le priorità dei costruttori (non solo per ATI, ma in generale).
ThePunisher31 Agosto 2005, 10:01 #4
Per forza... finchè hanno una resa bassissima è normale che non riescano a fornire le schede video richieste. Inoltre con l'ultima generazione dei CHIP non essendoci la controparte ATI nel mercato, chi voleva il top doveva per forza prendere NVIDIA (la 7800 GTX).
teliripongo31 Agosto 2005, 10:55 #5
Con quello ke sta passando mi sembra più ke normale..speriamo si riprenda se no so kazzi
JohnPetrucci31 Agosto 2005, 11:37 #6
Attualmento sono un felice possessore di una scheda video Nvidia, ma spero nella ripresa di Ati, perchè un monopolio Nvidia(quasi com'è adesso) farebbe male alle mie e alle altrui tasche.
sirus31 Agosto 2005, 12:03 #7
ma si vedrete che ati si riprenderà di certo, sta facendo come ha fatto nvidia con nv30 ma alla fine si riprenderà
Feanortg31 Agosto 2005, 12:05 #8
Originariamente inviato da: ciop71
Non è che più ne mettono più ne vendono, semplicemente non sono stati in grado di fornire ai negozi neanche quelle richieste.
Basta pensare alle varie 'Phanthom Edition' della X800 e della X850: c'era un sacco di gente che voleva comprarle ma erano introvabili.
E' inutile lanciare venti nuovi modelli al mese se sugli scaffali ne arriva meno della metà, ma ormai la soddisfazione del cliente non rientra più tra le priorità dei costruttori (non solo per ATI, ma in generale).


Non sono mica d'accordo con te..... Nvidia ha reso disponibili i prodotti il giorno stesso della recensione delle sue schede video......

E soprattutto nel campo degli hard disk le garanzie sono molto molto piu' lunghe di quanto lo erano anni fa.... Si arriva fino a 5 anni. Stesso discorso per i pixel difettosi dei monitor! Quasi tutti i portatili vengono sostituiti a domicilio.... Penso che questo basti a contraddire quanto da te affermato... O quanto meno spiegami dove stai guardando tu!

E tutte queste "attenzioni" anche post acquisto mi sembrano orientate al cliente!
Feanortg31 Agosto 2005, 12:24 #9
Originariamente inviato da: Special
Ma com'è il discorso "non sono satti in grado di mettrle sul mercato"..
Cioè più ne mettono più ne vendono?
Le schede video vanno via come il pane?


Direi proprio di si! Ati e simili guadagnano sui chip venduti... E quando un nuovo modello esce sul mercato i vari integratori ne ordinano un macello per integrarli nelle loro schede video, portatili e via dicendo.....

E' chiaro che hanno piacere di vendere al cliente finale un prodotto il piu' innovativo possibile! Quindi se saltano una generazione o la ritardano... Perdono quote di mercato per via delle preferenze verso la concorrenza...

Non dimentichiamoci che quando una scheda video esce nel negozio ATI e NVIDIA hanno già preso i soldi....... Anzi... Li hanno presi nel momento stesso nel quale ditte come ASUS hanno comprato le loro GPU.....
DioBrando31 Agosto 2005, 16:37 #10
Originariamente inviato da: JohnPetrucci
Attualmento sono un felice possessore di una scheda video Nvidia, ma spero nella ripresa di Ati, perchè un monopolio Nvidia(quasi com'è adesso) farebbe male alle mie e alle altrui tasche.


"quasi monopolio"...

ragazzi, usiamo le parole con il loro significato e nei contesti adeguati

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^