Redmond Linux 1.0

Redmond Linux 1.0

html.it ha pubblicato una recensione sulla distribuzione Linux Redmond Linux 1.0.

di pubblicata il , alle 12:24 nel canale Programmi
 



html.it ha pubblicato una recensione sulla distribuzione Linux Redmond Linux 1.0.

Questa distribuzione ha in pratica la pretesa di "essere il Linux adatto al'ex-utente windows".
L'impostazione dei menù, i nomi con cui sono chiamati i vari strumenti richiamano molto il s.o. Windows XP.
Gli screenshot seguenti, prelevati dal sito ufficiale, sono molto eloquenti:

amethyst_personal_pic1_thum.jpg (4906 byte)

amethyst_personal_pic2_thum.jpg (6314 byte)

amethyst_personal_pic5_thum.jpg (5304 byte)

La recensione è ben strutturata, interessanti anche alcuni passaggi dell'introduzione, che disegnano con estrema chiarezza l'approccio di alcuni nuovi utenti linux:

Pensate a un utente Windows che un giorno decidesse all’improvviso di provare una di quelle cose delle quali moltissimi parlano, ma sulla quale pochi hanno chiare le idee. Sto parlando naturalmente di Linux. Soprattutto perché viene visto come sistema operativo anti-Windows, cosa non gli rende giustizia, poiché per moltissimi rimane ancora un "gioco". Interessi economici e "rabbia" di alcuni utenti però ne hanno fatto un vessillo nella battaglia contro Microsoft. Ritornando al nostro caro utente Windows...

Probabilmente quello che vorrà sarà una distribuzione molto simile a Windows, anche nella grafica, per non parlare delle applicazioni disponibili, e con la quale ci si possa fare tutto quello che si faceva prima. Senza dimenticare la facilità d’uso, la configurazione e l’installazione.

Nell'articolo viene analizzata e commentata la fase di installazione, il riconoscimento hardware ed i piccoli inconvenienti rilevati (alcune periferiche non sono state riconosciute correttamente). Viene in parte criticata la complessità del software di installazione, un pò più macchinoso rispetto alla procedura SuSe.

Interessanti anche le conclusioni a cui l'autore è giunto:

Le mie impressioni su questa distribuzione sono molto positive. Ha tutto quello che una distribuzione deve avere per far fronte alle esigenze di un’utenza alle prime armi: grafica molto accattivante, pulizia e semplicità ed ha le applicazioni che servono, niente di più niente di meno. L’utenza esperta di Linux probabilmente vedrà in questo una serie di limiti: niente personalizzazione estrema con la scelta di quello che si vuole installare, niente (o almeno limitato e senz’altro nascosto) uso della console, mancanza ovviamente dei server. Come più volte ripetuto, non è una soluzione per chi già usa Linux.

Qualcosa è ancora perfettibile: personalmente rivedrei la scelta delle applicazioni inserite (ma quello dipende anche dai gusti personali), ad esempio il client di posta (meglio Evolution di Mozilla?) e alla suite per ufficio (penserei a StarOffice, ma è anche molto più pesante e forse darebbe qualche problemino in più). Senza perdere di vista la stabilità

Con qualche piccola miglioria ed una maggior semplificazione della procedura di installazione, Redmond Linux è un'ottima alternativa per  tutti gli utenti che vorrebbero migrare da Windows, ma hanno paura di affrontare da zero un sistema operativo. Alla base di questa distribuzione Linux c'è la pretesa di coniugare la semplicità d'utilizzo di Windows (data anche dalla massiccia diffusione) alle elevate potenzialità di Linux (stabilità, scarsità di risorse necessarie, potenzialità legate all'open source!).

La recensione completa è disponibile a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^