Intel presenta sette nuovi processori Itanium

Intel presenta sette nuovi processori Itanium

In arrivo nuovi processori della famiglia Itanium, contraddistinti da consumi più contenuti e alcune caratteristiche interessanti

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 10:10 nel canale Processori
Intel
 

Intel, stando ad un comunicato riportato su ocworkbench.com, sarebbe in procinto di lanciare la nuova famiglia di processori Itanium indicata dalla sigla Dual-Core Intel Itanium Processor 9100, che dovrebbe portare con sé miglioramenti in termini prestazionali, oltre che ad un abbassamento generale dei consumi. Si tratta questa della sesta generazione di processori di questa famiglia, cui ne seguiranno altre tre, sempre secondo la fonte.

Una delle caratteristiche introdotte con la nuova famiglia prende il nome di Core Level Lock-Step, che dovrebbe garantire un miglioramento sotto il profilo dell'integrità dei dati, oltre che eliminare problematiche indotte da errori di calcolo a livello di core fisico. Una seconda caratteristica prende il nome di Demand Based Switching (DBS), che permette di contenere il consumo del processore qualora a questo non venisse richiesta tutta la potenza di calcolo.

Il Fronte Side Bus dei nuovi processori sarà di 667 MHz, con frequenze fino a 1,66 GHz, per un consumo massimo di 104 Watt. I valori "bassi" non devono stupire, in quanto siamo di fronte ad una architettura definita IA-64 (Intel Architecture-64), del tutto differente da quella dei comuni processori per soluzioni mobile, desktop e server tradizionali.

In arrivo di conseguenza prodotti dei partner della Itanium Solutions Alliance (ISA) equipaggiati con i nuovi processori Dual-Core Intel Itanium Processor 9100; della ISA fanno parte, giusto per fare qualche nome, aziende del calibro di Bull, Fujitsu, Fujitsu Siemens Computers, HP, Hitachi, Intel, NEC, SGI e Unisys. I nuovi processori, che saranno venduti nel corso del primo trimestre del 2008, avranno prezzi che andranno dai $650.00 ai $3,450.00, a seconda delle caratteristiche e dei volumi dell'ordinazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

31 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Fx31 Ottobre 2007, 10:18 #1
ma è ancora vivo? attualmente il confronto con il POWER6 è imbarazzante, ma lo è anche il confronto con uno xeon di ultima generazione; è un processore vecchio e nato male, pensino se caso a svilupparne uno completamente nuovo al posto che prolungare la sua agonia in questo modo
Zak8431 Ottobre 2007, 10:36 #2
Mi dici come fai a fare un paragone con uno Xeon? Sull'architettura Itanium gira solo software dedicato.
Mercuri031 Ottobre 2007, 10:48 #3
Francamente penso che più che gli Xeon il problema di Intel siano gli Opteron.
Non scordiamo che nel mercato server AMD ha una posizione molto forte.
Mi dici come fai a fare un paragone con uno Xeon?

Probabilmente coi test come Linpack o applicativi usati in ambito server e datacenter.

Anche su Power, Sparc, Alpha etc gira solo software dedicato, eppure il confronto bisogna pur farlo, altrimenti come si fa a scegliere? :P
matic31 Ottobre 2007, 10:49 #4
Prolungare l'agonia di Itanium è anche un modo per non lasciare con le chiappe per terra i clienti che ci hanno creduto. Penso che investimenti su macchine del genere abbiano orizzonti più lunghi e se il produttore non ci crede più dopo pochi anni, il cliente ingoia il rospo e in futuro acquisterà altrove.
Fx31 Ottobre 2007, 10:58 #5
Originariamente inviato da: Zak84
Mi dici come fai a fare un paragone con uno Xeon? Sull'architettura Itanium gira solo software dedicato.


direi "anche" più che "solo"
Rubberick31 Ottobre 2007, 11:07 #6
Gli Xeon costano moolto gli opteron molto poco con il 2360SE ne vedremo delle belle..
Mercuri031 Ottobre 2007, 11:08 #7
direi "anche" più che "solo"

Eh ma temo che sull'"anche" il paragone proprio non provino neanche a farlo ^^''
(a meno che le cose non siano mirabolmente cambiate)

E comunque ribadisco che è ovvio che il paragone lo si possa fare!

E poi guardate che una versione di Linux "dedicata" con tutti i suoi programmi è appena un "make" per ogni piattaforma esistente! E poi si misura.
homero31 Ottobre 2007, 11:13 #8
insomma qui non siamo di fronte ad un microprocessore general purpose ma ad un vero è proprio sistema di calcolo ad alta precisione.
oggi non esiste in processore paragonabile all'itanium.
tenete conto che i nostri processori a volte si perdono qualche bit per strada...l'itanium cerca di evitare questo....
per quanto riguarda le prestazioni sono assolutamente in linea se non superiori a quelle dei migliori processori general purpose in commercio...tenete conto che se poi dobbiamo stare a vedere solo le prestazioni pure mettendo da parte l'affidabilità le nostre GPU vanno piu' di qualunque cpu....e non costano poi tanto....
naturalmente se dovete fare calcoli strutturali per l'ingegneria aere spazione non ci si puo' permettere di sbagliare o approssimare i calcoli...se no gli aerei cadono........
ormai c'e' una frattura enorme tra i computer general purpose e i sistemi di calcolo avanzato....
Cimmo31 Ottobre 2007, 11:21 #9
Originariamente inviato da: Mercuri0
E poi guardate che una versione di Linux "dedicata" con tutti i suoi programmi è appena un "make" per ogni piattaforma esistente! E poi si misura.


e questa dove l'hai tirata fuori, da topolino? Assolutamente falso, nel kernel spesso ci sono driver o ottimizzazioni specifici per una data architettura.
Ma anche nei programmi stessi non sempre funziona come dici tu.

Un semplice make non risolve tutti i problemi.
Mercuri031 Ottobre 2007, 11:25 #10
oggi non esiste in processore paragonabile all'itanium.
tenete conto che i nostri processori a volte si perdono qualche bit per strada...l'itanium cerca di evitare questo....

Homero sei stato ad un Intel Developer Forum di recente? Parli come un depliant pubblicitario. (quella del "qualche bit per strada" è divertente comunque :P)

Dai un occhiata ai supercomputer usati per il calcolo scientifico e conta quanti Itanium ci sono (si, li puoi contare)
http://www.top500.org/lists/2007/06

Se vai su "statistics" trovi subito cose interessanti come questa:
http://www.top500.org/stats/list/29/procfam/

Ah, qui c'è il mio prossimo pc, RoadRunner
http://en.wikipedia.org/wiki/IBM_Roadrunner

e questa dove l'hai tirata fuori, da topolino? Assolutamente falso, nel kernel spesso ci sono driver o ottimizzazioni specifici per una data architettura.

Un semplice make non risolve tutti i problemi.

Sob speravo di non dover specificare. oki: "make" funziona perché il codice (e i driver etc) per Linux ci sono per praticamente tutte le piattaforme, spesso prima che la piattaforma raggiunga il mercato.
Il senso in cui l'hai inteso tu ("make fa tutto da solo" ovviamente era così inconcepibile che avevo pensato non fosse necessario specificare.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^