Torna indietro   Hardware Upgrade Forum > Hardware Upgrade > News

Samsung presenta Galaxy Z Fold4, Z Flip4, Watch5 e 5 Pro e i Buds 2 Pro! Eccoli tutti
Samsung presenta Galaxy Z Fold4, Z Flip4, Watch5 e 5 Pro e i Buds 2 Pro! Eccoli tutti
L'evento di unpacked di Samsung ha ufficialmente svelato quelli che sono i nuovi Galaxy Z Fold4 e Galaxy Z Flip4 in arrivo in questo 2022. I pieghevoli dell'azienda sudcoreana che sembra essere veramente l'unica a migliorarsi di anno in anno con questi prodotti che ancora una volta fanno parlare di sé. Ecco tutto quello che dovete sapere dalle specifiche al prezzo e alla disponibilità.
ASUS Zenbook 14 OLED: tutto in uno schermo
ASUS Zenbook 14 OLED: tutto in uno schermo
E' un notebook sottile caratterizzato da uno schermo molto particolare: i 14 pollici di diagonale sono abbinati d un rapporto tra i lati di 16:10 e soprattutto alla tecnologia OLED. Sotto la scocca un processore Intel Core di 12-esima generazione ad architettura ibrida e una dotazione hardware completa, per un prezzo che è molto concorrenziale
Nikon Z 9 vs. Fujifilm X-H2S: confronto a bordo pista con la NASCAR
Nikon Z 9 vs. Fujifilm X-H2S: confronto a bordo pista con la NASCAR
Abbiamo messo alla prova in condizioni simili la regina attuale delle fotocamere sportive, Nikon Z 9, e la neonata Fujifilm X-H2S, che punta a prendere lo scettro di regina tra le APS-C, ma anche a sfidare a viso aperto le full frame. Per farlo ci siamo affidati anche all'esperienza di un professionista, Fabio Grandi, e con lui ho partecipato a una delle manifestazioni di cui è fotografo ufficiale, le NASCAR Whelen Euro Series.
Tutti gli articoli Tutte le news

Vai al Forum
Rispondi
 
Strumenti
Old 05-06-2021, 15:01   #1
Redazione di Hardware Upg
www.hwupgrade.it
 
Iscritto dal: Jul 2001
Messaggi: 75177
Link alla notizia: https://www.hwupgrade.it/news/apple/...rna_98291.html

E' trapelata online una lettera dei dipendenti Apple relativamente al ritorno al lavoro in presenza. I dirigenti vogliono far passare l'idea che tutti vogliono un "ritorno alla normalità", ma per migliaia degli impiegati della Mela non sembra essere così

Click sul link per visualizzare la notizia.
Redazione di Hardware Upg è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 18:10   #2
MaxP4
Senior Member
 
L'Avatar di MaxP4
 
Iscritto dal: Mar 2002
Città: Montepulciano (SI)
Messaggi: 5281
Io la vedo così... la società che paga gli stipendi ha l'esigenza di ripristinare gradualmente il lavoro in sede e i dipendenti, che percepiscono tale stipendio, devono seguire le linee guida dell'azienda.
...altrimenti possono tranquillamente cercare delle alternative più consone alle loro necessità.

È che tutta questa "pandemia" secondo me ha corrotto qualche cervello!
MaxP4 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 18:27   #3
McRooster23
Senior Member
 
L'Avatar di McRooster23
 
Iscritto dal: Nov 2012
Messaggi: 1505
Quote:
Originariamente inviato da MaxP4 Guarda i messaggi
Io la vedo così... la società che paga gli stipendi ha l'esigenza di ripristinare gradualmente il lavoro in sede e i dipendenti, che percepiscono tale stipendio, devono seguire le linee guida dell'azienda.
...altrimenti possono tranquillamente cercare delle alternative più consone alle loro necessità.

È che tutta questa "pandemia" secondo me ha corrotto qualche cervello!
Se la produttività non è calata ed il benessere degli impiegati è aumentato, non vedo perchè imporre il ritorno in ufficio.
Potrebbe addirittura essere controproducente qualora generasse un diffuso malcontento fra gli impiegati (come evidente dalla lettera).

Si tratta insomma di capire se è una scelta dettata da precisi motivi strategici/economici o se si parla del vecchio "ti voglio qui per controllare che non cazzeggi"
McRooster23 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 18:37   #4
*Pegasus-DVD*
Senior Member
 
L'Avatar di *Pegasus-DVD*
 
Iscritto dal: Jan 2002
Città: Sondrio
Messaggi: 3730
tutti fuori di testa
*Pegasus-DVD* è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 18:38   #5
Emin001
Senior Member
 
Iscritto dal: Sep 2011
Messaggi: 566
Quote:
Originariamente inviato da MaxP4 Guarda i messaggi
È che tutta questa "pandemia" secondo me ha corrotto qualche cervello!
Concordo. Credo di non aver mai visto così tanta gente distratta, incapace di rispettare il codice della strada, incapace di utilizzare un minimo di gentilezza verso il prossimo, strafottente, maleducata, incivile.

Scusate l'OT
Emin001 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 18:49   #6
acerbo
Senior Member
 
L'Avatar di acerbo
 
Iscritto dal: Mar 2012
Messaggi: 7823
Mi sembra ragionevole chiedere di tornare in ufficio, lo smartworking di fatto non é stata una scelta, ma una necessità.
Tra l'altro si chiede ai dipendenti di andare a lavoro 3 volte a settimana, mia moglie ci é dovuta andare sempre tranne le prime 3 settimane ad inizio lockdown.
Molta gente pensa che un vantaggio ottenuto in certe situazioni debba diventare un diritto acquisito, se non gli sta bene possono sempre licenziarsi e trovare un'azienda che gli offre un impiego in remoto al 100% del tempo e glielo mette nero su bianco nel contratto di assunzione.

Ultima modifica di acerbo : 05-06-2021 alle 18:57.
acerbo è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 18:51   #7
blobb
Utente sospeso
 
Iscritto dal: Sep 2009
Messaggi: 5028
Quote:
Originariamente inviato da McRooster23 Guarda i messaggi
Se la produttività non è calata ed il benessere degli impiegati è aumentato, non vedo perchè imporre il ritorno in ufficio.
Potrebbe addirittura essere controproducente qualora generasse un diffuso malcontento fra gli impiegati (come evidente dalla lettera).

Si tratta insomma di capire se è una scelta dettata da precisi motivi strategici/economici o se si parla del vecchio "ti voglio qui per controllare che non cazzeggi"
si vabbè ma decide l'azienda dove lavori ed in che modo
blobb è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 19:41   #8
Bluknigth
Senior Member
 
Iscritto dal: Oct 2005
Messaggi: 1734
Guardate, il problema è per chi ogni giorno si deve fare magari un paio di ore di viaggio.

E improvvisamente si sono resi conto che quelle ore non le restituisce nessuno alla loro vita.

Io personalmente non mi sono mai spostato come sede di lavoro a più di 10 Km di casa, pur cambiando occupazione molte volte.

Ma mi rendo conto che molti miei colleghi, che vengono da lontano, adesso che si è tornati alla normalità qualche riflessione in merito se la fanno.

Il problema delle aziende è che non riescono a cambiare il paradigma. Lo Smartworking applicato qui in Italia per esempio non ha nulla a che vedere con la filosofia dello stesso.
Qui da noi in tanti casi è diventato solo lavoro remoto, con gli stessi orari dell’ufficio anche per tutti coloro che non avevano la necessità di essere vincolati.

Viviamo dell’idea che se sei in ufficio lavori, mentre a casa cazzeggi.
Personalmente trovo in ufficio più elementi di distrazione che a casa.


Ma lo Smartworking andrebbe affiancato da obbiettivi (negoziati e raggiungibili).

E andrebbe bilanciato con la presenza in ufficio, per cercare di mantenere relazioni personali e evitare l’imbruttimento delle persone tipico del telelavoro.

È comunque un argomento complesso, andrebbero analizzati i dati in modo oggettivo, senza insoliti pregiudizi e luoghi comuni.
E probabilmente sarebbe necessario un cambio di mentalità da parte si tutti, dirigenti e lavoratori.

Bluknigth è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 20:42   #9
randorama
Utente sospeso
 
Iscritto dal: Sep 2013
Messaggi: 5618
Quote:
Originariamente inviato da Bluknigth Guarda i messaggi
Guardate, il problema è per chi ogni giorno si deve fare magari un paio di ore di viaggio.

E improvvisamente si sono resi conto che quelle ore non le restituisce nessuno alla loro vita.

Io personalmente non mi sono mai spostato come sede di lavoro a più di 10 Km di casa, pur cambiando occupazione molte volte.

Ma mi rendo conto che molti miei colleghi, che vengono da lontano, adesso che si è tornati alla normalità qualche riflessione in merito se la fanno.

Il problema delle aziende è che non riescono a cambiare il paradigma. Lo Smartworking applicato qui in Italia per esempio non ha nulla a che vedere con la filosofia dello stesso.
Qui da noi in tanti casi è diventato solo lavoro remoto, con gli stessi orari dell’ufficio anche per tutti coloro che non avevano la necessità di essere vincolati.

Viviamo dell’idea che se sei in ufficio lavori, mentre a casa cazzeggi.
Personalmente trovo in ufficio più elementi di distrazione che a casa.


Ma lo Smartworking andrebbe affiancato da obbiettivi (negoziati e raggiungibili).

E andrebbe bilanciato con la presenza in ufficio, per cercare di mantenere relazioni personali e evitare l’imbruttimento delle persone tipico del telelavoro.

È comunque un argomento complesso, andrebbero analizzati i dati in modo oggettivo, senza insoliti pregiudizi e luoghi comuni.
E probabilmente sarebbe necessario un cambio di mentalità da parte si tutti, dirigenti e lavoratori.
già.
dopo 14 mesi di smartworking davvero non vedo l'ora di tornare in ufficio.
un po' meno quella di farmi 130 km tra andare e tornare; per altro per arrivare in un ufficio dove ho 2 colleghi (gli altri sparsi per tutta italia).
lavorare in ufficio ma dalla mia città schifo non mi farebbe.
randorama è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 20:47   #10
zappy
Senior Member
 
L'Avatar di zappy
 
Iscritto dal: Oct 2001
Messaggi: 18073
Quote:
Originariamente inviato da blobb Guarda i messaggi
si vabbè ma decide l'azienda dove lavori ed in che modo
più che altro aziende del genere dimostrano di avere totale incapacità a fissare obiettivi per i dipendenti e valutare i risultati.
E quindi pretendono la presenza "a ore" in sede, un po' come... altro genere di lavori a ore. E la gente s'è scocciata di esserete trattata come questo altro mestiere...
__________________
Mai discutere con un idiota. Ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza (O.W.)
zappy è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 21:48   #11
alexfri
Senior Member
 
Iscritto dal: May 2001
Messaggi: 543
Io nel mio lavoro sono naturalmente in smart-working essendo freelance, noto che creativamente lo scambio di idee che si ha di persona é molto ma molto maggiore che in remoto e in genere si é piu gratificati. Senza contare gli estremi (chi ci mette 2 ore ad arrivare al lavoro) e chi cazzeggia a casa, direi che lo smart working imposto é dannoso. Del resto se fosse stato cosi positivo per le aziende, perche non averci pensato prima? Semplice, perche non é positivo.

p.s. Occhio che poi l'aggiornamento del nuovo computer, della corrente, degli arredi dell'ufficio cade sulle spalle dei lavoratori, magari non a questo giro, ma contratti cosi possono tranquillamente uscire fuori... e se non ti vuoi comperare di tasca tua il nuovo computer per lavorare beh... avanti il prossimo. Cerchiamo di essere un po piu realisti amanti dello smartworkerismo, che poi é un attimo a prendersela nel ciulo.
alexfri è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 21:52   #12
canislupus
Senior Member
 
L'Avatar di canislupus
 
Iscritto dal: Aug 2002
Messaggi: 14982
Quote:
Originariamente inviato da MaxP4 Guarda i messaggi
Io la vedo così... la società che paga gli stipendi ha l'esigenza di ripristinare gradualmente il lavoro in sede e i dipendenti, che percepiscono tale stipendio, devono seguire le linee guida dell'azienda.
...altrimenti possono tranquillamente cercare delle alternative più consone alle loro necessità.

È che tutta questa "pandemia" secondo me ha corrotto qualche cervello!
Quote:
Originariamente inviato da acerbo Guarda i messaggi
Mi sembra ragionevole chiedere di tornare in ufficio, lo smartworking di fatto non é stata una scelta, ma una necessità.
Tra l'altro si chiede ai dipendenti di andare a lavoro 3 volte a settimana, mia moglie ci é dovuta andare sempre tranne le prime 3 settimane ad inizio lockdown.
Molta gente pensa che un vantaggio ottenuto in certe situazioni debba diventare un diritto acquisito, se non gli sta bene possono sempre licenziarsi e trovare un'azienda che gli offre un impiego in remoto al 100% del tempo e glielo mette nero su bianco nel contratto di assunzione.
Premesso che lavoro in smartworking da quando è iniziata la pandemia.
Onestamente credo che il giusto equilibrio siano 2 o 3 giorni in ufficio e gli altri da casa.
Questo perchè alcune attività sono abbastanza complesse da gestire in armonia e collaborazione senza stare a diretto contatto con i colleghi.
Però... è indubbio che bisognerebbe uscire da logiche medievali in cui il CAPO deve controllare il lavoro imponendo la sua presenza scenica in ufficio.
Si fissano degli obiettivi, si stabiliscono delle modalità di verifica e si fanno dei checkpoint per controllare a che punto si è e quanto si è deviati rispetto al percorso standard.
Invece no... è meglio fingere che a lavoro si produca di più...
Poi c'è il discorso straordinari e disponibilità...
Un conto è se viene chiesto quando si è casa di prolungarsi... ben diverso quando invece si è in ufficio... a quel punto potrebbe essere impossibile conciliare le tempistiche lavorative con quelle familiari.
Poi c'è l'aspetto stress, il rischio di incidenti nel tragitto, la possibilità che qualcuno si ammali maggiormente (sarà un caso, ma in questo anno e mezzo io non ho visto UNA PERSONA prendersi qualche giorno).
__________________
Se non ti rispondo... sei nella mia IgnoreList...
Non sei una brutta persona, non mi interessa il tuo pensiero...
canislupus è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 22:02   #13
agonauta78
Senior Member
 
Iscritto dal: Mar 2013
Messaggi: 1100
Lo smart working è stata una scelta imposta dalla pandemia, se un lavoratore non se la sente di tornare a lavorare in presenza come magari ha sempre fatto per anni, forse è meglio che cambi lavoro senza lamentarsi. C'è anche gente a cui lo smart working non sta bene. Deve essere una scelta dell'azienda, non una imposizione del lavoratore che non vuole più prendere i mezzi per recarsi al lavoro
agonauta78 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 22:05   #14
canislupus
Senior Member
 
L'Avatar di canislupus
 
Iscritto dal: Aug 2002
Messaggi: 14982
Quote:
Originariamente inviato da alexfri Guarda i messaggi
Io nel mio lavoro sono naturalmente in smart-working essendo freelance, noto che creativamente lo scambio di idee che si ha di persona é molto ma molto maggiore che in remoto e in genere si é piu gratificati. Senza contare gli estremi (chi ci mette 2 ore ad arrivare al lavoro) e chi cazzeggia a casa, direi che lo smart working imposto é dannoso. Del resto se fosse stato cosi positivo per le aziende, perche non averci pensato prima? Semplice, perche non é positivo.

p.s. Occhio che poi l'aggiornamento del nuovo computer, della corrente, degli arredi dell'ufficio cade sulle spalle dei lavoratori, magari non a questo giro, ma contratti cosi possono tranquillamente uscire fuori... e se non ti vuoi comperare di tasca tua il nuovo computer per lavorare beh... avanti il prossimo. Cerchiamo di essere un po piu realisti amanti dello smartworkerismo, che poi é un attimo a prendersela nel ciulo.
Questa parte è COMICA.
Gli strumenti di lavoro DEVE fornirli la società per cui si lavora.
Quando ho sottoscritto il mio contratto c'era scritto solo che mi rendevo disponibile a trasferte, reperibilità e straordinari quando concordati.
Il pc che attualmente utilizzo è un laptop aziendale con vpn e duecentomila software di controllo.
Secondo te io sul MIO PC PRIVATO permetterei MAI di far installare tutte quelle cose e non essere amministratore (poi io lo sono perchè il mio ruolo lo prevede, ma questo è un privilegio dovuto).
Poi la postazione di lavoro a casa è una scelta di ognuno.
Io conosco miei colleghi che hanno delle scrivanie enormi con doppio monitor su braccio regolabile, sedia ergonomica e in generali spazi decisamente più comodi di quelli in ufficio, ma non sono e non possono essere la regola.
Concordo invece che l'ottimo sia una via di mezzo... nè tutto smartworking nè tutto lavoro in sede.
__________________
Se non ti rispondo... sei nella mia IgnoreList...
Non sei una brutta persona, non mi interessa il tuo pensiero...
canislupus è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 22:13   #15
canislupus
Senior Member
 
L'Avatar di canislupus
 
Iscritto dal: Aug 2002
Messaggi: 14982
Quote:
Originariamente inviato da agonauta78 Guarda i messaggi
Lo smart working è stata una scelta imposta dalla pandemia, se un lavoratore non se la sente di tornare a lavorare in presenza come magari ha sempre fatto per anni, forse è meglio che cambi lavoro senza lamentarsi. C'è anche gente a cui lo smart working non sta bene. Deve essere una scelta dell'azienda, non una imposizione del lavoratore che non vuole più prendere i mezzi per recarsi al lavoro
E' una scelta dell'azienda, ma come tale deve essere giustificata da una logica oggettiva e non perchè qualcuno non vuole perdere il suo senso di potere.
Se tu mi dimostri che la mia produttività o più in generale la qualità del lavoro è peggiorata, hai tutto il diritto e razionalità per impormi di tornare in sede.
Se invece lo fai solo perchè tu paghi e tu decidi, puoi farlo... ma è un modo estremamente stupido di circondarsi di persone che al primo momento buono (o difficoltà) ti volteranno le spalle.
Poi soprattutto prova a chiedere qualcosa di più del minimo a chi hai trattato in maniera schifosa... vedrai quante persone saranno lì a fare la fila...
__________________
Se non ti rispondo... sei nella mia IgnoreList...
Non sei una brutta persona, non mi interessa il tuo pensiero...
canislupus è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 22:25   #16
giovanni69
Senior Member
 
L'Avatar di giovanni69
 
Iscritto dal: Jun 2005
Messaggi: 20197
Chissà se invece il lato relazionale, umano possa avere anche influssi sulla capacità creativa di aziende come Apple.
giovanni69 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 22:42   #17
coschizza
Senior Member
 
Iscritto dal: May 2004
Messaggi: 6067
Quote:
Originariamente inviato da McRooster23 Guarda i messaggi
Se la produttività non è calata ed il benessere degli impiegati è aumentato, non vedo perchè imporre il ritorno in ufficio.
Potrebbe addirittura essere controproducente qualora generasse un diffuso malcontento fra gli impiegati (come evidente dalla lettera).

Si tratta insomma di capire se è una scelta dettata da precisi motivi strategici/economici o se si parla del vecchio "ti voglio qui per controllare che non cazzeggi"
Ovvio che la produttività è calata come anche le problematiche di salute e mentali
coschizza è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 22:44   #18
alexfri
Senior Member
 
Iscritto dal: May 2001
Messaggi: 543
Quote:
Originariamente inviato da canislupus Guarda i messaggi
Questa parte è COMICA.
Gli strumenti di lavoro DEVE fornirli la società per cui si lavora.
Quando ho sottoscritto il mio contratto c'era scritto solo che mi rendevo disponibile a trasferte, reperibilità e straordinari quando concordati.
Il pc che attualmente utilizzo è un laptop aziendale con vpn e duecentomila software di controllo.
Secondo te io sul MIO PC PRIVATO permetterei MAI di far installare tutte quelle cose e non essere amministratore (poi io lo sono perchè il mio ruolo lo prevede, ma questo è un privilegio dovuto).
Poi la postazione di lavoro a casa è una scelta di ognuno.
Io conosco miei colleghi che hanno delle scrivanie enormi con doppio monitor su braccio regolabile, sedia ergonomica e in generali spazi decisamente più comodi di quelli in ufficio, ma non sono e non possono essere la regola.
Concordo invece che l'ottimo sia una via di mezzo... nè tutto smartworking nè tutto lavoro in sede.
Hai detto ben, il tuo contratto ATTUALE, pensi che un'azienda se possa non scarica gli oneri al primo contratto nuovo/aggiornamento ecc ecc... magari non in tutti gli ambiti é piossibile, nel mio servirebbero troppi solsi ad esempio, ma nelle mansioni piu da segreteria vedrai se non usciranno cose del genere. Ricorda che ogni grosso cambiamento é un'occasione per la parte più più forte a sottrarre ricchezza al più debole.
alexfri è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 22:47   #19
Tasslehoff
Senior Member
 
L'Avatar di Tasslehoff
 
Iscritto dal: Nov 2001
Città: Kendermore
Messaggi: 6301
Quote:
Originariamente inviato da canislupus Guarda i messaggi
E' una scelta dell'azienda, ma come tale deve essere giustificata da una logica oggettiva e non perchè qualcuno non vuole perdere il suo senso di potere.
Se tu mi dimostri che la mia produttività o più in generale la qualità del lavoro è peggiorata, hai tutto il diritto e razionalità per impormi di tornare in sede.
Se invece lo fai solo perchè tu paghi e tu decidi, puoi farlo... ma è un modo estremamente stupido di circondarsi di persone che al primo momento buono (o difficoltà) ti volteranno le spalle.
Poi soprattutto prova a chiedere qualcosa di più del minimo a chi hai trattato in maniera schifosa... vedrai quante persone saranno lì a fare la fila...
Concordo totalmente.
Alcuni commenti a questo thread mi fanno pensare che certa gente sia rimasta a una concezione del lavoro ottocentesca**, per cui comanda il datore di lavoro a prescindere e quello che concede al lavoratore è tutta grazia...

Oh ragazzi, non a caso si parla di "rapporto" di lavoro proprio perchè presuppone una relazione tra almeno due parti.
Forse l'Italia non è il posto migliore per fare questo genere di ragionamenti, visto che siamo un paese disperato dove troppe persone sono disposte a qualsiasi cosa pur di trovare un impiego, anche a costo di veder calpestati i propri diritti o subire trattamenti che in molti altri paesi sarebbero considerati aberranti.
Sta di fatto che se da una parte il lavoratore ho bisogno di un lavoro, dall'altra anche l'azienda ha bisogno di lavoratori, la necessità è reciproca.

Io come altri ho iniziato a lavorare in smart working (nel vero senso della parola, ovvero non faccio assolutamente gli stessi orari che facevo prima e gestisco il mio tempo con flessibilità massima) e durante questo anno abbondante (quasi un anno e mezzo ormai) ho variato più volte la mia posizione su questo tema.

Fin da principio (e ne sono tutt'ora convinto) però ho sempre pensato che organizzare le giornate in ufficio o in smart in modo rigido e fisso sia stupido, non ha alcun senso.
Che diavolo significa fare 2 o 3 giorni in ufficio e il resto da casa? Qual'è la logica? Giustificare l'affitto di un ufficio di fatto inutile?
E' giusto e sacrosanto lavorare in ufficio/cliente quando serve, io sono disposto anche a fare una settimana intera o un mese o mesi di fila dal cliente tornando a fare il pendolare come ho fatto per oltre vent'anni, ma deve servire a qualcosa.
Se quello che faccio dal cliente/ufficio lo posso fare benissimo da casa allora non ha alcun senso andare dal cliente/ufficio.

E non mi si vengano a raccontare manfrine riguardo all'importanza del contatto umano, sono tutte scuse campate per aria da venditori e commerciali vari, in molti casi per giustificare la propria inutile figura "professionale"...

La mossa di Apple oltretutto trovo che sia estremamente stupida e controproducente, nel senso che società di quel tipo hanno una mobilità di personale altissima, e non perchè la gente venga licenziata, ma perchè spesso chi ci lavora (parlo soprattutto del personale tecnico che ha un impatto produttivo reale, non tutto lo sciame di personaggetti commerciali, hr e compagnia cantante...) riceve costantemente offerte migliorative e spesso se ne va per altri impieghi più remunerativi, quindi Apple dovrebbe farsi in quattro per trattenere i propri dipendenti meritevoli, così invece li incentivano a lasciare l'azienda per andare dove vengono trattati meglio.

** EDIT
Oppure semplicemente trattasi di troll e soliti bastian contrari che come al solito devono sempre distinguersi dalla massa e dalle evoluzioni della società...
__________________
https://tasslehoff.burrfoot.it | Cloud? Enough is enough! | SPID… grazie ma no grazie
"Arguing that you don't care about the right to privacy because you have nothing to hide is no different than saying you don't care about free speech because you have nothing to say."

Ultima modifica di Tasslehoff : 05-06-2021 alle 22:54.
Tasslehoff è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 05-06-2021, 22:58   #20
canislupus
Senior Member
 
L'Avatar di canislupus
 
Iscritto dal: Aug 2002
Messaggi: 14982
Quote:
Originariamente inviato da alexfri Guarda i messaggi
Hai detto ben, il tuo contratto ATTUALE, pensi che un'azienda se possa non scarica gli oneri al primo contratto nuovo/aggiornamento ecc ecc... magari non in tutti gli ambiti é piossibile, nel mio servirebbero troppi solsi ad esempio, ma nelle mansioni piu da segreteria vedrai se non usciranno cose del genere. Ricorda che ogni grosso cambiamento é un'occasione per la parte più più forte a sottrarre ricchezza al più debole.
I contratti nazionali non vengono discussi dalla singola azienda con il singolo lavoratore.
Ma vengono stabilite appunto delle regole e si fanno dei tavoli di contrattazione.
Oltre a questo avresti dei problemi di gestione di migliaia di pc personali sui quali non si può pretendere di avere il controllo.
Nel tuo esempio assurdo tu parli di dover cambiare ogni X anni il pc in quanto deve soddisfare certi requisiti di potenza o caratteristiche (ti faccio notare che in tante società spesso passano MOLTI anni prima che si rinnovi il parco macchine).
A parte il fatto che diventerebbe impossibile stabilire a priori quale sarebbe il livello minimo accettabile (come fai oggi a dire quello che vorrai tra 1-2 o 3 anni??).
Poi il lavoratore semplicemente non accetterebbe perchè chiunque di noi quando firma un contratto si fa dei calcoli sulla adeguatezza reddituale e sarebbe un elemento troppo aleatorio per poter valutare in maniera obiettivo.
Infine dimentichi un aspetto non da poco.
CHI garantirebbe la società che gli strumenti utilizzati dal lavoratore siano sufficientemente sicuri da non costituire essi stessi un rischio?
Ipotizziamo che io mi compri, a mio carico, il pc con le caratteristiche che tu azienda mi dici.
Poi dovrei installarci anche un antivirus.
E secondo te mi installo il primo che trovo o dovrò rispettare lo standard aziendale?
E chi avrebbe l'onere del suo aggiornamento?
E se questo non avvenisse e creasse un danno?
Potrei utilizzare tale strumento anche al di fuori dell'ambito lavorativo?
E se dovesse infettarsi con un ransomware e crittare i dati della società?
Tutto questo per risparmiare cosa? 1.500 euro in 3 o 4 anni (e mi sto tenendo molto largo) a postazione?
__________________
Se non ti rispondo... sei nella mia IgnoreList...
Non sei una brutta persona, non mi interessa il tuo pensiero...
canislupus è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 Rispondi


Samsung presenta Galaxy Z Fold4, Z Flip4, Watch5 e 5 Pro e i Buds 2 Pro! Eccoli tutti Samsung presenta Galaxy Z Fold4, Z Flip4, Watch5...
ASUS Zenbook 14 OLED: tutto in uno schermo ASUS Zenbook 14 OLED: tutto in uno schermo
Nikon Z 9 vs. Fujifilm X-H2S: confronto a bordo pista con la NASCAR Nikon Z 9 vs. Fujifilm X-H2S: confronto a bordo ...
MacBook Air M2: cambia pelle ma non tradisce le origini MacBook Air M2: cambia pelle ma non tradisce le ...
LG OLED evo Gallery Edition: tanta qualità da montare a parete LG OLED evo Gallery Edition: tanta qualità...
Seagate presenta i nuovi SSD Nytro per d...
L'altro volto della ricarica elettrica:...
Parallels Desktop 18 supporta macOS Vent...
Garmin Enduro 2, lo sportwatch che regis...
Tesla sbarca in Canada: potrebbe sorgere...
Lenovo avanti su servizi e investimenti ...
Windows e UnRAR hanno vulnerabilit&agrav...
Ricarica induttiva dei veicoli elettrici...
New York diventerà una città a misura di...
AMD Ryzen 7000: cambia la scatola, in at...
Mercedes EQS SUV, vendite al via con pre...
Sconti Amazon: oggi modem router (ok fib...
Dall'amministrazione Biden arrivano 52,7...
Il Dipartimento di Giustizia USA si pepa...
Musk ha venduto azioni Tesla per 7 milia...
Mozilla Thunderbird 102
Chromium
Backup4all
Prime95
Driver NVIDIA GeForce 516.94 WHQL
K-Lite Codec Pack Update
K-Lite Mega Codec Pack
K-Lite Codec Pack Full
K-Lite Codec Pack Standard
K-Lite Codec Pack Basic
Skype
Firefox 103
IObit Malware Fighter
Opera Portable
Opera 89
Tutti gli articoli Tutte le news Tutti i download

Strumenti

Regole
Non Puoi aprire nuove discussioni
Non Puoi rispondere ai messaggi
Non Puoi allegare file
Non Puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è On
Le Faccine sono On
Il codice [IMG] è On
Il codice HTML è Off
Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 14:20.


Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Served by www2v
1