Torna indietro   Hardware Upgrade Forum > Hardware Upgrade > News

Huawei AI Cube: lo speaker audio con l'IA e la rete 4G. La recensione
Huawei AI Cube: lo speaker audio con l'IA e la rete 4G. La recensione
Un prodotto un po' particolare questo Huawei AI Cube, uno speaker audio con Intelligenza Artificiale e modem/router 4G integrato. Può essere trasportato da un appartamento all'altro e con le dovute accortezze può essere utilizzato anche in auto o in camper. Manca, però, una batteria che, insieme alla presenza del modem 4G, lo avrebbe reso un prodotto completo, versatile, e utilizzabile davvero in ogni circostanza.
OnePlus 7T Pro: piccoli miglioramenti per un prodotto top di gamma. La recensione
OnePlus 7T Pro: piccoli miglioramenti per un prodotto top di gamma. La recensione
OnePlus continua a fare sul serio e, come negli anni passati, decide di presentare al pubblico una doppia versione del suo OnePlus 7 dopo appena 6 mesi. Ecco che a distanza di qualche settimana arriva sul mercato anche la versione 7T Pro che non cambia nel design ma aumenta le prestazioni. Ecco le differenze con OnePlus 7 Pro.
Xiaomi Mi 9T Pro: difficile dirgli di no a meno di 500 euro! La recensione
Xiaomi Mi 9T Pro: difficile dirgli di no a meno di 500 euro! La recensione
Si candida come miglior smartphone sotto i 500€ e si confronta ad armi pari con dispositivi del calibro di ASUS Zenfone 6 in quella fascia di prezzo. Ha lo Snapdragon 855, un display di altissimo livello e una buona ottimizzazione software. Il tutto con un'ottima autonomia e diverse caratteristiche riprese dalla fascia alta del mercato. Rispetto ad altri flagship, però, costa meno della metà!
Tutti gli articoli Tutte le news

Vai al Forum
Rispondi
 
Strumenti
Old 08-07-2019, 17:21   #1
Redazione di Hardware Upg
www.hwupgrade.it
 
Iscritto dal: Jul 2001
Messaggi: 75180
Link alla notizia: https://edge9.hwupgrade.it/news/inno...nde_83216.html

Affidarsi alle tecnologie proprietarie è talvolta inevitabile, ma le aziende devono tenere conto dell'esistenza di alternative aperte. Una riflessione stimolata dall'annuncio del CERN di passare all'open source

Click sul link per visualizzare la notizia.
Redazione di Hardware Upg è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-07-2019, 17:44   #2
Axios2006
Senior Member
 
L'Avatar di Axios2006
 
Iscritto dal: Oct 2006
Messaggi: 9582
Quote:
Microsoft ha deciso di ritirare il riconoscimento dello status di ente accademico al CERN, come spiegato in un articolo pubblicato dall'istituto, e questo ha fatto sì che l'azienda di Redmond applicasse i prezzi "per utente" che vengono normalmente utilizzati per le aziende. Ciò ha portato a un incremento dei costi di dieci volte, di fatto portando il costo delle soluzioni di Microsoft a un livello insostenibile. Per questa ragione il CERN ha deciso di avviare il progetto MAlt (Microsoft Alternatives) così da utilizzare software open source alternativo o, qualora non esista, svilupparlo.
Se questo non fosse successo avrebbero continuato con MS senza problemi...
Axios2006 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-07-2019, 18:19   #3
LukeIlBello
Senior Member
 
L'Avatar di LukeIlBello
 
Iscritto dal: Jan 2010
Città: Roma
Messaggi: 4261
Quote:
Originariamente inviato da Axios2006 Guarda i messaggi
Se questo non fosse successo avrebbero continuato con MS senza problemi...
infatti MS secondo me ha sbagliato
sta mossa avrebbe dovuto farla 10 anni fa, oramai i sw che emulano i servizi MS (exchange, controller AD, server IIS) si trovano nell'OSS..
adesso se il CERN supera l'empasse (che ci sarà) derivata dal passaggio, ci saranno numerosi altri emuli
__________________
Intel Core i5 4570 @3,60GHz, 24 GB DDR3 Kingston HyperX @9,9,9,27 , Nvidia Gtx 1060, Enermax Chakra, Win10 PRO x64, Devuan ascii , FreeBSD 12
Banana PI: ARM® Cortex™-A7 Dual-Core, gpu Mali400MP2, 1GB DDR3 SDRAM - La soluzione definitiva per la massima sicurezza della tua attività business? TiBanDefender
LukeIlBello è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-07-2019, 18:58   #4
jepessen
Senior Member
 
L'Avatar di jepessen
 
Iscritto dal: Jul 2007
Città: Sicilia
Messaggi: 2038
Il post di un blog che racchiude esattamente il mio pensiero a riguardo (che mi annoia riscrivere la pappardella perche' non proprio breve)…

https://www.soft-land.org/commenti/263
https://soft-land.org/commenti/264

Che, riassumento, opensource non significa gratis, e probabilmente sviluppare quello che manca e/o riadattare il software costa di piu' che pagare le licenze e tenersi le cose che funzionano...
__________________
Non abbiamo ereditato il mondo dai nostri padri
L'abbiamo preso in prestito dai nostri figli

Ultima modifica di jepessen : 08-07-2019 alle 19:01.
jepessen è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-07-2019, 19:23   #5
Perseverance
Senior Member
 
L'Avatar di Perseverance
 
Iscritto dal: Jul 2008
Messaggi: 5625
Credevo che gli enti di ricerca e affini avessero software e SO basato su linux; mammamia quanto mi sbagliavo. Bene che passino a linux e si sviluppino il software e migliorino quello attuale; dovrebbero collaborare anche tutti gli altri a questo punto...per dire anche l'INGV italiano.

Anche per un discorso di dialogo ed interoperabilità io, erroneamente, davo per scontato che si usasse linux e l'opensource...e invece.

Beh, cmq buon primo passo; gli altri xò in tutto il mondo devono dar seguito, anche e soprattutto a costo di spenderci più soldi rispetto alle licenze, ma sarà tutto fieno in cascina per il futuro.
__________________
System Failure
Perseverance è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-07-2019, 19:26   #6
Piedone1113
Senior Member
 
Iscritto dal: Jul 2015
Messaggi: 2072
Quote:
Originariamente inviato da jepessen Guarda i messaggi
Il post di un blog che racchiude esattamente il mio pensiero a riguardo (che mi annoia riscrivere la pappardella perche' non proprio breve)…

https://www.soft-land.org/commenti/263
https://soft-land.org/commenti/264

Che, riassumento, opensource non significa gratis, e probabilmente sviluppare quello che manca e/o riadattare il software costa di piu' che pagare le licenze e tenersi le cose che funzionano...
Dipende dalle realtà. Il Cern, ma non solo lui, possono assumere direttamente degli sviluppatore e cucirsi addosso il vestito ( invece che accontentarsi del vestito preconfezionato).
Certo piccole realtà non farebbere che incrementare i costi, ma pa ed enti statali spalmerebbero il costo su migliaia di subalterne.
Per esempio ogni comune si avvale di un fornitore per l'anagrafe, protocollo, gestione biblioteca, backup e sicurezza ( spesso sono più di uno) ma fare un sistema unico sviluppato direttamente in università statali con l'interfaccia web ( avviabile da qualsiasi browser) e mirroring dei dati in remoto farebbe risparmiare migliaia di € al giorno, compensando ampiamente le spese di formazione del personale. Come pure ancora non riesco a capire perchè i comuni continuino ad acquistare office pro per scrivere 2 relazioni all'anno invece di LIBRE/Open Office.
Certo se ad una carpenteria gli chiedi di passare ad opensource per i due computer che hanno in ufficio è un non sense ( per ora), ma sviluppare un os open ( sia nix che proprio ex novo) per una confederazioni di stati con la possibilità di controllo su tutti i processi al netto dei costi/rischi nel fornirsi ad un software estero ( del quale non conosciamo praticamente nulla di quello che c'è sotto) dovrebbe essere una priorità al pari della spesa militare ( se non oltre)
Piedone1113 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-07-2019, 20:18   #7
andy45
Senior Member
 
Iscritto dal: Mar 2008
Messaggi: 8357
Quote:
Originariamente inviato da Perseverance Guarda i messaggi
Credevo che gli enti di ricerca e affini avessero software e SO basato su linux; mammamia quanto mi sbagliavo.
Per alcune cose si per altre no, dipende dalla convenienza, per un supercomputer windows non viene neanche preso in considerazione, per le normali attività se i costi sono accettabili non vedo perchè non usarlo, non è che sviluppare o anche semplicemente adattare dei software open source sia poi così conveniente in termini di costi, in molti hanno provato a rinunciare a windows, ma quasi sempre sono tornati indietro per via dei costi di sviluppo giudicati meno convenienti del pagare le licenze.

Quote:
Originariamente inviato da Perseverance Guarda i messaggi
Bene che passino a linux e si sviluppino il software e migliorino quello attuale; dovrebbero collaborare anche tutti gli altri a questo punto...per dire anche l'INGV italiano.
Il cern è stato "costretto", visti i costi di licenza giudicati troppo alti, ma se gli altri non hanno questi problemi non credo passeranno a linux così facilmente.

Quote:
Originariamente inviato da Perseverance Guarda i messaggi
Anche per un discorso di dialogo ed interoperabilità io, erroneamente, davo per scontato che si usasse linux e l'opensource...e invece.
Ogni ente va per i cavoli suoi, e visto che linux è usato su meno del 3% dei computer se si cerca dialogo e interoperabilità usare windows è più semplice.

Quote:
Originariamente inviato da Perseverance Guarda i messaggi
Beh, cmq buon primo passo; gli altri xò in tutto il mondo devono dar seguito, anche e soprattutto a costo di spenderci più soldi rispetto alle licenze, ma sarà tutto fieno in cascina per il futuro.
Continueranno a fare quello che fanno ora, spenderci più di quello che si spende per le licenze poi è pura utopia .
__________________
Desktop: Phenom II x6 1055T, AsRock 890FX Deluxe 4, 4x4 Gb 1600 Mhz, NVidia GeForce GTX 460 768 Mb GDDR5, 500 + 320 Gb 7200 Rpm, Windows 10 Home 64 Bit Notebook: Asus X551CA-SX024D Xubuntu 18.04 LTS 64 Bit Tablet: Asus Nexus 7 32 Gb Wifi Smartphone: Xperia X Compact
andy45 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-07-2019, 20:29   #8
Perseverance
Senior Member
 
L'Avatar di Perseverance
 
Iscritto dal: Jul 2008
Messaggi: 5625
Più che utopia è miopia di chi gestisce la politica e l'economia di questi centri.
__________________
System Failure
Perseverance è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 08-07-2019, 20:59   #9
CharlieManson
Senior Member
 
L'Avatar di CharlieManson
 
Iscritto dal: Feb 2003
Messaggi: 455
In realta' i ricercatori CERN e i suoi users utilizzano "Centos 7 CERN" ( http://linux.web.cern.ch/linux/centos7/ ).

Le risorse umane e altri dipartimenti utilizzano Windows o Mac.
Per gli utenti il grosso dell'impatto viene:
- dal backend mail che utilizza Microsoft exchange
- il Single Sign-On
- numero di utenti potenzialmente interessati a microsoft sproporzionato (15-20k)
CharlieManson è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-07-2019, 06:49   #10
andy45
Senior Member
 
Iscritto dal: Mar 2008
Messaggi: 8357
Quote:
Originariamente inviato da Perseverance Guarda i messaggi
Più che utopia è miopia di chi gestisce la politica e l'economia di questi centri.
In tutti gli enti, ma anche nelle aziende, i budget annuali per le spese informatiche sono quelli, stanziare più soldi sull'informatica implica togliere fondi ad altre cose; il grosso aumento per le spese delle licenze evidentemente ha fatto "sballare" i conti del cern, di conseguenza non potendo togliere soldi da altre parti hanno dovuto "ripiegare" su linux dove possibile.
__________________
Desktop: Phenom II x6 1055T, AsRock 890FX Deluxe 4, 4x4 Gb 1600 Mhz, NVidia GeForce GTX 460 768 Mb GDDR5, 500 + 320 Gb 7200 Rpm, Windows 10 Home 64 Bit Notebook: Asus X551CA-SX024D Xubuntu 18.04 LTS 64 Bit Tablet: Asus Nexus 7 32 Gb Wifi Smartphone: Xperia X Compact
andy45 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-07-2019, 07:39   #11
cignox1
Senior Member
 
Iscritto dal: May 2008
Messaggi: 1046
Mi domando il perché MS abbia fatto una scelta simile: davvero non immaginavano che decuplicare i prezzi avrebbe portato il CERN a considerare delle alternative?
Supponiamo anche che MS abbia valutato che le licenze fossero troppo economiche rispetto al supporto che veniva offerto: non avrebbe potuto proporre un contratto personalizzato che raddoppiasse (senza peró decuplicare) le entrate?
Possibile che abbiano visto nel CERN una mucca da mungere: se possono permettersi l'LHC da 10 miliardi possiamo chiedere loro quello che vogliamo?

Dai, non ci credo...
cignox1 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-07-2019, 07:50   #12
Dumah Brazorf
Senior Member
 
L'Avatar di Dumah Brazorf
 
Iscritto dal: Oct 2002
Città: Brescia provincia
Messaggi: 28259
Microsoft va contro ogni regola del buon marketing.
__________________
WE WANT YOU!!!
Dumah Brazorf è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-07-2019, 07:54   #13
DanieleG
Senior Member
 
L'Avatar di DanieleG
 
Iscritto dal: Dec 2007
Messaggi: 2209
Quote:
Originariamente inviato da jepessen Guarda i messaggi
Il post di un blog che racchiude esattamente il mio pensiero a riguardo (che mi annoia riscrivere la pappardella perche' non proprio breve)…

https://www.soft-land.org/commenti/263
https://soft-land.org/commenti/264

Che, riassumento, opensource non significa gratis, e probabilmente sviluppare quello che manca e/o riadattare il software costa di piu' che pagare le licenze e tenersi le cose che funzionano...
Stavo per pubblicarli io stamattina, poi ho visto che sarei stato in cospicuo ritardo.
__________________
Il senno di poi è una scienza esatta
DanieleG è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-07-2019, 08:18   #14
jepessen
Senior Member
 
L'Avatar di jepessen
 
Iscritto dal: Jul 2007
Città: Sicilia
Messaggi: 2038
Quote:
Originariamente inviato da Dumah Brazorf Guarda i messaggi
Microsoft va contro ogni regola del buon marketing.
Da Microsoft si saranno fatti due conti prima di dire certe cose, ed ovviamente per il CERN abbandonare Microsoft significa un aumento di costi non indifferente, lato sviluppi, integrazione, adattamento software, istruzione personale etc.. Quindi che abbandonino Microsoft a me pare una panzana. Anche se ridurrebbero di cinque volte il numero di licenze, da Microsoft guadagnerebbero comunque il doppio, quindi vedi tu se sono delle pippe nel marketing... E' che parlano tutti facile quando dicono ehh ma microzozz fa cacca meglio Linux... poi all'atto pratico si vede come ritornano, vedi il mio post precedente...
__________________
Non abbiamo ereditato il mondo dai nostri padri
L'abbiamo preso in prestito dai nostri figli
jepessen è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-07-2019, 08:23   #15
marcram
Senior Member
 
Iscritto dal: Jul 2008
Messaggi: 1228
Come sempre, con MS, le ipotesi sono 2: o hanno fatto una colossale cavolata, e per guadagnarci qualche spiccio in più hanno messo in moto un'organizzazione che potrebbe, a catena, portarsene dietro altre verso soluzioni alternative; o c'è la solita furbizia, che punta ad obiettivi che ci sono ancora oscuri...
marcram è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-07-2019, 08:29   #16
Obelix-it
Senior Member
 
L'Avatar di Obelix-it
 
Iscritto dal: Dec 2004
Città: Castelfranco Veneto (TV)
Messaggi: 3093
Quote:
Originariamente inviato da jepessen Guarda i messaggi
Il post di un blog che racchiude esattamente il mio pensiero a riguardo (che mi annoia riscrivere la pappardella perche' non proprio breve)…
Il problema e' che i programmatori sono pigri, anche piu' degli utonti, e il budget di sviluppo e a zero. E, ovviamente, tutti iniziano a programmare su uindos e poi sanno poco o niente altro.

E' per questo, ad esempio, che lettori di barcode wireless che costano piu' di un iPhoneX viaggiano ancora col cesso di WinCE e sono praticamente inutilizzabili in caso di qualsiasi minchiata, mentre potrebbero benissimo girare su Android ed avere un'interfaccia di rete mooooolto piu' standard (ed affidabile...)
Obelix-it è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-07-2019, 08:29   #17
Riky1979
Member
 
Iscritto dal: Apr 2006
Città: Vercelli
Messaggi: 230
Dipende molto da come sono distribuite le licenze; se sono quelle del settore amministrativo etc potrebbe essere più costoso passare ad opensource che rimanere con Microsoft. Ma se passiamo al settore ricerca, predominante per il CERN, non credo che ci siano grossi problemi di migrazione; già adesso tutti i software ad uso scientifico di origine commerciale (MatLab, Comsol etc) hanno una loro versione Linux, spesso e volentieri si usa Latex per scrivere i testi ed anche qui non ci sono problemi con Linux; sperando che il carico delle licenza sia oltre il 70% per la parte di ricerca, o collegata ad essa, potrebbe essere una mossa sostenibile.
Hanno toccato un ente molto particolare ben diverso ad esempio di una amministrazione pubblica sia essa di comune regione etc dove gli amministrativi sono la maggioranza e andrebbero formati, e già ora sono poco formati con architetti comunali che dicono candidamente di non saper usare un cad (in senso lato).
Riky1979 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-07-2019, 08:33   #18
Obelix-it
Senior Member
 
L'Avatar di Obelix-it
 
Iscritto dal: Dec 2004
Città: Castelfranco Veneto (TV)
Messaggi: 3093
Quote:
Originariamente inviato da Piedone1113 Guarda i messaggi
Per esempio ogni comune si avvale di un fornitore per l'anagrafe, protocollo, gestione biblioteca, backup e sicurezza ( spesso sono più di uno) ma fare un sistema unico sviluppato direttamente in università statali con l'interfaccia web ( avviabile da qualsiasi browser) e mirroring dei dati in remoto farebbe risparmiare migliaia di € al giorno, compensando ampiamente le spese di formazione del personale.
Dico, pensavo di essere l'unico in Italia con idee 'balenghe' di questo tipo, e invece vedoche siamo almeno in due....

Quote:
Come pure ancora non riesco a capire perchè i comuni continuino ad acquistare office pro per scrivere 2 relazioni all'anno invece di LIBRE/Open Office.
Questo e' piu' facile: perche' nessuno vuole cambiare abitudini, e visto che i risparmi li avrebbe il comune, ma a rompermi i coglioni a convincere gli utonti devo essere io, ecco che si preferisce buttare risorse $$ per i prodotti M$ che passare ad un prodotto che costa un cazzo ed ha una curva di apprendimento (per chi lo usa 'modalità utonto') pari a zero....

E' un film gia' visto millemila volte.
Obelix-it è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-07-2019, 08:38   #19
the_joe
Senior Member
 
L'Avatar di the_joe
 
Iscritto dal: May 2003
Città: Lucca
Messaggi: 9803
Quote:
Originariamente inviato da Obelix-it Guarda i messaggi
Dico, pensavo di essere l'unico in Italia con idee 'balenghe' di questo tipo, e invece vedoche siamo almeno in due....


Questo e' piu' facile: perche' nessuno vuole cambiare abitudini, e visto che i risparmi li avrebbe il comune, ma a rompermi i coglioni a convincere gli utonti devo essere io, ecco che si preferisce buttare risorse $$ per i prodotti M$ che passare ad un prodotto che costa un cazzo ed ha una curva di apprendimento (per chi lo usa 'modalità utonto') pari a zero....

E' un film gia' visto millemila volte.
Servirebbe un deciso cambio di mentalità e di organizzazione statale, oggi ognuno fa quasi da se parlando di enti locali, se invece il software come sta iniziando ad essere, fosse fornito direttamente dallo stato centrale, molte cose cambierebbero in meglio, magari con tutte le anagrafi che hanno gli stessi programmi e si interfacciano allo stesso database ecc..... per arrivare all'impiegato che per scrivere un modulo non ha assolutamente bisogno di OFFICE PROULTRAMEGAFANTAEXTRA.....
the_joe è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 09-07-2019, 09:30   #20
boboviz
Member
 
Iscritto dal: Jul 2003
Messaggi: 298
Quote:
Originariamente inviato da LukeIlBello Guarda i messaggi
infatti MS secondo me ha sbagliato
sta mossa avrebbe dovuto farla 10 anni fa, oramai i sw che emulano i servizi MS (exchange, controller AD, server IIS) si trovano nell'OSS..
Vero. Peccato io debba ancora trovare un prodotto OSS che abbia anche solo lontanamente le funzioni e le potenzialità di Exchange.
boboviz è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 Rispondi


Huawei AI Cube: lo speaker audio con l'IA e la rete 4G. La recensione Huawei AI Cube: lo speaker audio con l'IA e la r...
OnePlus 7T Pro: piccoli miglioramenti per un prodotto top di gamma. La recensione OnePlus 7T Pro: piccoli miglioramenti per un pro...
Xiaomi Mi 9T Pro: difficile dirgli di no a meno di 500 euro! La recensione Xiaomi Mi 9T Pro: difficile dirgli di no a meno ...
Canon Powershot G5 X Mark II. Nuova ottica,  più velocità, migliori prestazioni Canon Powershot G5 X Mark II. Nuova ottica, pi&...
Control: recensione del nuovo gioco degli autori di Max Payne Control: recensione del nuovo gioco degli autori...
Il riassunto della settimana: arrivano O...
NASA X-59 QueSST: l'aereo supersonico se...
Epson Moverio e TeamViewer Pilot insieme...
Anche l'Italia vulnerabile a SIMjacker: ...
Donal Trump è adesso tecnicamente...
Samsung al lavoro su Galaxy S10 Lite e G...
Stangata del governo contro i cellulari:...
70GB e tutto illimitato a 5,99 euro al m...
Come installare Windows 10 November 2019...
Morto il cosmonauta Alexei Leonov: fu il...
Samsung The Wall: presentata la seconda ...
Google, finanziamenti ai negazionisti de...
FIFA 20: celebrato il traguardo dei 10 m...
Ecco le offerte Amazon di oggi: una miri...
Con una Canon EOS R, la casa giapponese ...
Dropbox
Firefox 69
Mozilla Thunderbird 68
CrystalDiskInfo
Advanced SystemCare Ultimate 12
Uranium Backup
Backup4all
Process Lasso
Chromium
NTLite
Opera 64
Opera Portable
Advanced SystemCare
IObit Uninstaller
SmartFTP
Tutti gli articoli Tutte le news Tutti i download

Strumenti

Regole
Non Puoi aprire nuove discussioni
Non Puoi rispondere ai messaggi
Non Puoi allegare file
Non Puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è On
Le Faccine sono On
Il codice [IMG] è On
Il codice HTML è Off
Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 04:45.


Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Served by www2v
1