Epox EP-58MVP3C-M

Epox EP-58MVP3C-M

Scheda madre Socket 7 in formato AT, chipset Via MVP3, AGP

di pubblicato il nel canale Multimedia
 

Epox EP-58MVP3C-M

Specifiche della Motherboard - Test - Bios - Impressioni finali - Note tecniche - Contatti

 

La sigla Super 7 identifica le motherboard Socket 7 dotate di voltaggi di alimentazione tali da permettere l'impiego di cpu con processo produttivo a 0.25 micron (pertanto a paritre da 2.2V), moltoplicatori di frequenza da 4x in avanti e, soprattutto, frequenza di bus di 100 Mhz; la Epox EP-58MVP3C-M è a tutti gli effetti una motherboard Super 7, ideale complemento per le nuove cpu AMD K6 e K6-2 a 0.25 micron ma anche per un Pentium MMX, il quale ha notevoli aumenti delle prestazioni se viene utilizzato il bus a 100 Mhz. Essendo basata sul formato AT, questa motherboard rappresenta una interessante possibilità di upgrade per tutti coloro che sono, per così dire, affezionati al loro vecchio case AT.

Specifiche della Motherboard    

Tipo di Socket

Socket 7

Release della motherboard

0.1

Chipset

Via MVP3

Formato

AT

Produttore Bios

Award

Cache di 2° livello

512K

Voltaggi supportati

2.1V-2.2V-2.8V-2.9V-3.3V

Velocità di bus settabili

60-66-75-83-100 mhz

Moltiplicatori di frequenza

2x-2.5x-3x-3.5x-4x-4.5x-5x

Slot memoria

3 DIMM 168 pin

Slot AGP-PCI-ISA

1 AGP 4 PCI 3 ISA

Controller EIDE e I/O

2 canali EIDE, 1 canale floppy drive, 2 seriali, 1 parallela, 2 porte USB

Dotazione

Cavo floppy, 1 cavo IDE, Floppy disk Driver, Manuale dell'utente

 

Epox EP-58MVP3C-MLa Epox EP-58MVP3C-M è una motherboard Socket 7 in formato AT caratterizzata dalle più avanzate caratteristiche tecniche: il chipset Via MVP3, infatti, permette l'utilizzo delle frequenze di bus fino a 100 Mhz. Tale frequenza può essere utilizzata almeno teoricamente con qualsiasi tipo di cpu e durante i test non ho riscontrato alcun tipo di problema sia con il Pentium MMX che con K6 e K6-2: di queste tre cpu soltanto il K6-2 a 300 Mhz supporta ufficialmente il bus a 100 Mhz, ma ho potuto constatare che non sussistono problemi di alcun tipo, sia in termini di prestazioni che di stabilità, neppure con le altre due. Il guadagno prestazionale che si ottiene passando da 66 Mhz a 100 Mhz di bus è, con cpu Socket 7, particolarmente elevato, in virtù del fatto che la cache di 2° livello passa da una frequenza di lavoro di 66 Mhz a 100 Mhz; il bus PCI continua ad operare a 33 Mhz, mentre quello AGP a 66 Mhz, evitando inconvenienti alle periferiche eventualmente installate. 
Socket 7La costruzione della EP-58MVP3C-M è curata: attorno al Socket 7 sono disposti gli alimentatori, di tipo switching, e una serie di condensatori di media grandezza; il chipset MVP3 è posto proprio sopra lo slot AGP, mentre il South Bridge, siglato VT82C586B, è dietro gi ultimi due slot PCI (si veda l'immagine). Lungo il lato opposto a quello delle porte di comunicazione è posta una fila di jumper per le connessioni con i diversi led e connettori del case, in posizione sufficientemente agevole. L'espandibilità è di buon livello, con la combinazione 1-4-3 per gli slot AGP, PCI e ISA; i banchi memoria sono 3 per moduli Dimm, mentre sono assenti i moduli Simm (il chipset MVP3 è dotato di un'opzione che permette di far funzionare la memoria sempre a 66 Mhz, a prescindere da quale frequenza di bus sia stata impostata; così facendo, è possibile riutilizzare due moduli Simm EDO o addirittura Fast Page e contemporaneamente sfruttare i vantaggi del bus a 100 Mhz, rendendo non indispensabile il passaggio a memoria SDRAM, magari con velocità minore di 10ns: sarebbe stato interessante avere almeno due banchi Dimm come per la EP51-MVP3E). I jumper per l'impostazione delle caratteristiche della cpu sono raccolti in due zone della motherboard: nella prima, in basso sotto il Socket 7, si trovano i pin per l'impostazione del voltaggio Core della cpu, mentre in alto a destra (in una zona meno agevolmente raggiungibile), sono posti le due file di pin rispettivamente per moltiplicatore di frequenza e frequenza di bus; a fianco di tutti i pin sono riportate delle chiare serigrafie, rendendo pressochè inutile l'impiego del manuale al momento dell'impostazione delle caratteristiche della cpu. Altra caratteristica di un certo interesse è il fatto che per ogni fila di pin è necessario utilizzare un solo jumper e non una combinazione, come in genere è usuale sulle motherboard di altri produttori: questo facilita ancor di più la procedura di installazione della cpu (i jumper forniti in dotazione sono molto voluminosi e dotati di una pratica linguetta che ne facilita l'inserimento e l'estrazione). La cache di 2° livello pari a 512 Kbyte; con tale quantitativo il chipset MVP3 riesce a fare cache della memoria fino ad un massimo di 128 Mbyte, superando uno dei principali limiti del chipset Intel 430TX (che ha cacheable area massima di 64 Mbyte).

Chipset Via MVP3Alcuni aspetti costruttivi della EP-58MVP3C-M non mi hanno particolarmente soddisfatto: il Socket della cpu ha aletta di serraggio in plastica che avrei preferito fosse in metallo; i banchi memoria Dimm hanno con clip plastiche di tipo basso che non permettono di serrare facilmente il modulo di memoria. Il Layout della motherboard è sufficiente: la disposizione dei componenti permette di utilizzare solo una scheda PCI a lunghezza intera (pertanto non è possibile utilizzare due schede VooDoo 2 in modalità SLI) e due schede ISA a lunghezza intera, per via della disposizione del Socket 7; i connettori per i canali EIDE, le porte seriali e parallela e il floppy drive sono posti dietro al connettore per la tastiera, in posizione poco agevole; d'altra parte lo standard AT, se confrontato con quello ATX, non brilla per praticità all'atto dell'installazione delle periferiche. Sono presenti connettori di alimentazione sia AT che ATX, rendendo pertanto possibile l'installazione di questa scheda anche in case ATX; tra l'ultimo ed il penultimo slot PCI è presente un connettore per bilitare la modalità Wake Up Lan, grazie alla quale è possibile avviare la motherboard da una chiamata di una rete locale (naturalmente, a patto che la motherboard sia collegata alla rete).

Il bios è un Award, con la particolarità di essere dotato di funzioni di monitoraggio di voltaggi di alimentazione, temperatura cpu e motherboard, velocità di rotazione delle ventole (se collegate agli appositi connettori presenti sulla motherboard): il sensore della temperatura della cpu è posto proprio al centro del Socket 7. Il manuale dell'utente è abbastanza dettagliato e ricco di informazioni, anche se quelli fornito in dotazione con le motherboard AOpen e Asus sono senza dubbio superiori per completezza dei contenuti; è diviso in tre parti principali, rispettivamente trattanti l'installazione hardware, le impostazioni del bios Award e le informazioni tecniche sui diversi connettori prensenti sulla motherboard; all'interno della confezione trovano posto i cavi di connessione per canali EIDE e per il Floppy Drive, una piccola ma dettagliata guida all'installazione e configurazione delle schede video AGP, nonchè due floppy disk contenenti rispettivamente i driver AGP per il chipset Via MVP3 e i driver Bus Master.

Test   

Configurazione testata

Processori

Intel Pentium 233MMX A.M.D. K6 233 A.M.D. K6-2 300

Versione Bios

Award 

Ram

1x64 mbyte SDRAM 7ns LGS

Hard Disk

I.B.M. DAQA 32160 Deskstar III 

Scheda video

Matrox Mystique 4 Mbyte

Driver Busmaster

Nessuno 

Driver scheda video

Matrox PowerDesk 3.63

Sistema operativo

Windows 95 4.00.950 B

Note

1024x768x256colori

I test sono stati eseguiti con i seguenti criteri: 
- l'hard disk è stato formattato e su di esso è stato installato Windows 95; sono stati caricati solo i driver della scheda video e non è stato installato nessu driver per abilitare il Bus Master ; 
- ogni benchmark è stato eseguito per almeno 2 volte, prendendo come valore riferimento quello medio; se i risultati ottenuti sono parsi inattendibili o eccessivamente diversi tra di loro ho provveduto a rieffettuare i benchmark fino ad un massimo di 5 volte; 
- se il sistema si è comportato in maniera erratica ad una particolare frequenza anche dopo aver ripetuto più volte i benchmark, aver riformattato l'hard disk e reinstallato Windows 95 , si è preferito non dare valutazione a motivo dell'instabilità operativa; 
- Winstone 98 è stato testato solo per alcune configurazioni della cpu in quanto impiega molto più tempo della versione 97 per terminare la sua esecuzione. 
- Al termine di ogni esecuzione dei benchmark il sistema è stato riavviato e l'hard disk deframmentato utilizzando il software Defrag contenuto in Windows 95.    

Processore

Business Winstone 97

Business Winmark 98

Pentium 233 MMX

45.5

-

Pentium 250 MMX (100x2.5)

50.3

19.2

K6 250 (100x2.5)

54.1

-

K6-2 300 (66x4.5)

52.7

20.1

K6-2 300 (100x3)

56.6

22.2

Le prestazioni della EP-58MVP3C-M rispecchiano quanto fatto ottenere dalla EP-51MVP3M, con una leggera differenza in negativo a motivo della presenza di soli 512K di cache di 2° livello, contro i 1024K della EP-51MVP3M; il divario prestazionale è nell'ordine del 2-3%, a seconda del tipo di cpu impiegata. La stabilità operativa è all'altezza di quella della EP-51MVP3M, anche a 100 Mhz di bus.

Bios 

Questi sono i principali settaggi del bios che ho utilizzato durante le mie prove con la Epox EP-58MVP3C-M: ho utilizzato memoria SDRAM da 7ns, non riscontrando alcun tipo di problema con i settaggi più spinti anche con bus a 100 Mhz.    

Memoria SDRAM 7ns

Frequenza Bus

66-75-83-100 Mhz

Bank 0/1 DRAM Timing

60 ns

Bank 2/3 DRAM Timing

60 ns

Bank 4/5 DRAM Timing

60 ns

SDRAM Cycle Length

 2

SDRAM Bank Interleave

2 Bank

DRAM Read Pipeline

 Enabled

Sustained 3T Write

 Disabled

Cache Rd+CPU Wt Pipeline

 Enabled

Read Around Write

Enabled

Cache Timing

Fastest

Video Bios Cacheable

Enabled

System Bios Cacheable

Enabled

Auto Detect DIMM/PCI Clk

Enabled

Spread Spectrum

Disabled

Impressioni finali 

La Epox EP-58MVP3C-M rispecchia prestazioni e caratteristiche del modello EP-51MVP3E in formato ATX, con le limitazioni dovute sia alla presenza di soli 512K di cache di 2° livello (prestazioni inferiori mediamente del 2-3%), sia del formato costruttivo AT (espandibilità non a pari livello, impossibilità di usare 2 schede PCI a lunghezza intera). Ciò nonostante, la EP-51MVP3E rappresenta un'ottima scelta per quei possessori di case AT che desiderano utilizzare le nuove cpu Socket 7 a 100 Mhz di bus senza dover cambiare per forza di cose il loro case. 

Note tecniche

Nel manuale della motherboard, e serigrafate sulla piastra, sono riportati i voltaggi di alimentazione e le impostazioni per frequenza di bus e moltiplicatori; voltaggi, moltiplicatori e frequenze di bus vengono impostati ciascuno con un solo jumper, intervenendo su delle file di piedini. Ho trovato dei voltaggi addizionali chiudendo più di un piedino per volta: 

Voltaggio Piedini da chiudere
2.35V 2.1V+2.2V
3.02V 2.1V+2.8V
3.12V 2.1V+2.2V+2.8V
3.32V 2.1V+3.2V
3.37V 2.9V+3.2V

Contatti

Epox EP-58MVP3C-M 

Pagina Web: http://www.epox.com 

La motherboard utilizzata per le prove è stato fornito da Elma, distributore ufficiale italiano per i prodotti Epox  http://www.elma.it

-1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^