IDF: SerialATA e periferiche

IDF: SerialATA e periferiche

Il SerialATA è uno dei protagonisti dell'IDF di quest'anno, come dimostrano alcune immagini tratte dalla rete

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 11:19 nel canale Storage
 
Anandtech riporta alcune foto scattate all'Intel Developer Forum in cui si può vedere molto bene come tale interfaccia sia ormai presa come riferimento per le generazioni di PC future, e non solo per il collegamento di hard disk.

SerialATA


Molto interessante vedere che alcuni alimentatori saranno già forniti, nell'immediato futuro, di connettori serialATA. Incoraggiante inoltre vedere già disponibili alcuni prototipi di unità ottiche SerialATA, come è possibile osservare in figura.

Sicuramente al CeBIT di Hannover avremo modo di osservare altre novità, che non mancheremo di segnalarvi in queste pagine.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
BlackEagle7521 Febbraio 2003, 12:06 #1
Ma quando saranno disponibili sul mercato i prim Hard Disk Serial ATA?
E quando i primi SATA a 10.000 rpm sul mercato?
MaxP421 Febbraio 2003, 12:19 #2
Gia... perché anche i connettori di alimentazione sono differenti. Ma si può cambiare il molex o hanno proprio voltaggi differenti?

Quindi in futuro vedremo schede madri con 4/6/8 connettori SATA on board?

Comunque per i miei prossimi hard disk aspetto i 10000 rpm.
cristianox21 Febbraio 2003, 12:25 #3
anche io... ho una p4pe/s e il prossimo disco sarà sata 10000 rpm e 120 giga o più.
enzo tana21 Febbraio 2003, 12:26 #4
Continua quello che chiamo FictionHardware : la messa in mostra, pubblica, di tecnologie che non sono mai disponibili e che forse non vedranno mai la via di un negozio d'informatica.
Mai che fosse annunciata una vera svolta (un hard disk che satura l'ATA66 o un PCI che funziona alla stessa frequenza del procio)....
Per annunciare queste fesserie, potrebbero organizzare una sagra interna al mercatino di quartiere di ogni città e farebbero migliore figura.
Fine dello sfogo e scusate.
gianlu75xp21 Febbraio 2003, 13:28 #5
Non hai tutti i torti: è informazione scientifica o marketing pubblicitario? Queste notizie hanno una duplice valenza, ossia divulgare legittime informazioni su novità della tecnologia e, in seconda battuta ma non come importanza, iniziare a far nascere il bisogno nel consumatore...come se le workstation o i pc in genere sui quali stiamo scrivendo fossero superati da decenni.......senz'altro non sarò tra i primi a prendere un hard disk Serial-Ata
sidewinder21 Febbraio 2003, 13:42 #6
>Gia... perché anche i connettori di alimentazione sono >differenti. Ma si può cambiare il molex o hanno proprio >voltaggi differenti?

Se guardi bene si notano 3 paia. Oltre a 12V e 5V dei molex normali c'e' anche la linea da 3.3V per le nuove perifieriche SATA
Sig. Stroboscopico21 Febbraio 2003, 15:58 #7

x cristianox

Gli HD annunciati a 10.000 rpm sono da 36 o 73 gb

purtroppo non ho ancore letto riguardo a dimensioni superiori

Maxtor aveva promesso di passare a 250 gb sul 7.200 e 300 e rotti con dischi da 5.400... ma ora non ne parla più nessuno!
sigh!

ciao!
Dodo@Overclocker21 Febbraio 2003, 16:15 #8
10.000 giri son tanti... Gli Ibm se fa caldo od overclocchi con più di 37MHz PCI si ROMPONO !!!

Per un hard disk da 10.000 giri devono migliorare molte cose, dischi, dissipazione... e soprattutto...
COSTERANNO UN BORDELLO !!!

Tipo ora ci sono i 60 GB a 120€

Un 10.000 rpm lo troveremo 36 GB a 220 €
(ovviamente all'inizio)

E IO PAGO.....
Crisidelm21 Febbraio 2003, 16:35 #9
I primo dischi Eide 7.200rpm 2Mb di cache ATA33/66 quanto costavano e che taglio avevano?
Crisidelm21 Febbraio 2003, 16:39 #10
E cmq se non sbaglio il Seagate Barracuda ATA V SAta (da 80 e 120Gb) è già in commercio (negli USA).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^