Schede audio PCI Express da Creative

Schede audio PCI Express da Creative

Il colosso dell'audio ha mostrato una soluzione X-Fi Xtreme Audio collegata via bus PCI Express 1x alla scheda madre

di pubblicata il , alle 14:27 nel canale Multimedia
Creative
 

In concomitanza con il CES di Las Vegas Creative ha mostrato una versione della propria scheda audio X-Fi Xtreme Audio dotata di connessione PCI Express 1x con la scheda madre.

Nonostante lo standard PCI Express sia da tempo disponibile su tutte le tipologie di schede madri in commercio, sia per processori Intel che per quelli AMD, sino ad ora è stato molto difficile riuscire a trovare sul mercato periferiche che sfruttano questo bus.

Fanno ovviamente eccezione le schede video, i dispositivi che per la maggiore sfruttano questo bus di comunicazione al posto di quelli PCI e AGP, e alcuni controller SCSI e di rete che beneficiano della bandwidth addizionale della connessione PCI Express.

creative_xfi_pci_express.jpg (57155 bytes)

Al pari delle soluzioni X-Fi Xtreme Audio per bus PCI tradizionale, questa nuova versione non integra sul PCB un chip memoria buffer, oltre ad utilizzare un chip X-Fi di dimensioni più ridotte rispetto a quanto presente con altre soluzioni della serie X-Fi.

Mancano al momento attuale informazioni sulla possibile data di lancio sul mercato di questo prodotto, e sul possibile prezzo di vendita ufficiale.

Fonte: xbitlabs.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

41 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Raven12 Gennaio 2007, 14:35 #1
... chip X-Fi di dimensioni più ridotte rispetto a quanto presente con altre soluzioni della serie X-Fi.


Analogamente alla soluzione "extreme audio" per bus PCI, questo chip NON è un vero proprio chip x-fi, in quanto emula gran parte delle caratteristiche via software tramite i driver... (difatti la serie "extreme audio" è l'unica ad avere driver "ad hoc" diversi dagli altri, che sono invece comuni per tutto il resto della famiglia x-fi)...
MenageZero12 Gennaio 2007, 14:51 #2
Originariamente inviato da: Raven
Analogamente alla soluzione "extreme audio" per bus PCI, questo chip NON è un vero proprio chip x-fi, in quanto emula gran parte delle caratteristiche via software tramite i driver... (difatti la serie "extreme audio" è l'unica ad avere driver "ad hoc" diversi dagli altri, che sono invece comuni per tutto il resto della famiglia x-fi)...

e io che stavo pensando che magari il chip era più piccolo perché shrinkato... ....che birbaccioni alla creative...
the.smoothie12 Gennaio 2007, 15:11 #3
Ecco spiegato l'arcano!

Infatti mi ricordavo che le schede x-fi di creative che avevo visto erano letteralmente cosparse di condensatori per rendere più pulito e stabile il segnale audio. Vedere un layout così pulito su una scheda audio di casa creative mi sembrava un pò strano (non perchè creative faccia prodotti con layout pessimi, ma perchè la quantità di componenti sulla scheda è nettamente inferiore)!

In più il chip x-fi me lo ricordavo un pelo più grande; quello montato su questa scheda mi sembrava eccessivamente piccolo (anche col presupposto di utilizzare processi produttivi evoluti).

Ciauz!
LoneRunner12 Gennaio 2007, 15:18 #4
La saga dei winmodem continua...
Niente Linux allora!
flapane12 Gennaio 2007, 15:21 #5
infatti questo pensavo...
torre8112 Gennaio 2007, 15:22 #6
Originariamente inviato da: LoneRunner
La saga dei winmodem continua...
Niente Linux allora!


Tanto sotto linux non funzionano neppure le x-fi normali...
uvz12 Gennaio 2007, 15:22 #7
Con "quasi nessun" integrato l'audio lo gestisce o fa solo finta?
Che schifo l'economicità moderna!
Il cd-audio è stato presentato nel 1980 ed è a 44,1 khz e 16 bit. Si trovano schede audio che gestiscono questo formato in hardware al 100%, senza mai dover usare la cpu centrale?
bjt212 Gennaio 2007, 15:31 #8
Cosa intendi per "gesitore in hardware"? Per fare il play di un file audio, senza equalizzazione ed elaborazione, non serve la CPU, devi solo sparare i bit per il DAC... E lo fai con il DMA senza usare la CPU... Serve potenza elaborativa per l'equalizzazione, la spazializzazione, il resampling, il "crystalizer" ed altre elaborazioni che un purista dell'audio non vorrebbe mai. Oppure per i videogiochi e l'audio posizionale...
Mercuri012 Gennaio 2007, 15:39 #9
La saga dei winmodem continua...
Niente Linux allora!

La creative sta preparando da tempo un driver closed-source, e si capisce perché lo sia.
Mercuri012 Gennaio 2007, 15:43 #10
Serve potenza elaborativa per l'equalizzazione, la spazializzazione, il resampling, il "crystalizer" ed altre elaborazioni che un purista dell'audio non vorrebbe mai. Oppure per i videogiochi e l'audio posizionale...


Tra l'altro il DSP sulle audigy (1/2/4) deve convertire a 16bit/48khz per poter fare le elaborazioni, e i 24bit 96khz diventano praticamente solo un numero scritto sulla scatola.

Tanto chi vuoi se ne accorga della differenza?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^