Torna indietro   Hardware Upgrade Forum > Hardware Upgrade > News

Laser TV Hisense 120L5F-A12: 120 pollici posson bastare?
Laser TV Hisense 120L5F-A12: 120 pollici posson bastare?
Con ben 120 pollici di superficie di proiezione il Laser TV Hisense 120L5F-A12 rappresenta un unicum nel mercato: la praticità di un televisore con il coinvolgimento di un videoproiettore, ad un prezzo accessibile
Laboratorio di Videogiochi: abbiamo creato un gioco di calcio su Nintendo Switch
Laboratorio di Videogiochi: abbiamo creato un gioco di calcio su Nintendo Switch
Dopo aver familiarizzato con le principali meccaniche del gioco, abbiamo affrontato la prova finale di Laboratorio di Videogiochi: sviluppare un gioco tutto nostro. Abbiamo scelto il genere sportivo per dar vita a un piccolo simulatore di calcio, Soccer Upgrade. Ecco la nostra "piccola" impresa!
Luminar Ai, arriva Ai-Bokeh a gestire lo sfocato
Luminar Ai, arriva Ai-Bokeh a gestire lo sfocato
Luminar Ai giunge all'aggiornamento 4. La novità principale è la funzione Ai-Bokeh, che analizza l'immagine e separa automaticamente i soggetti dallo sfondo. Con la semplicità e l'efficacia tipica delle funzioni basate su intelligenza artificiale.
Tutti gli articoli Tutte le news

Vai al Forum
Rispondi
 
Strumenti
Old 25-01-2021, 11:21   #1
Redazione di Hardware Upg
www.hwupgrade.it
 
Iscritto dal: Jul 2001
Messaggi: 75178
Link alla notizia: https://edge9.hwupgrade.it/news/devi...ale_94960.html

Il momento in cui Rocky Linux sarà lanciato si avvicina: gli sviluppatori prevedono che il varo sarà nel secondo trimestre, con la prima "release candidate" che sarà pubblicata entro il 31 marzo

Click sul link per visualizzare la notizia.
Redazione di Hardware Upg è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 11:56   #2
Opteranium
Senior Member
 
Iscritto dal: Feb 2004
Messaggi: 3946
possibile che non si riesca a fare a meno di una distribuzione, una sola, ce ne sono 500.. per me questa è e sarà sempre la zavorra di gnu-linux, una ridondanza di centinaia di sistemi tutti uguali e tutti diversi, inutile e dispersiva
Opteranium è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 12:23   #3
WarSide
Senior Member
 
Iscritto dal: Oct 2008
Messaggi: 8148
Quote:
Originariamente inviato da Opteranium Guarda i messaggi
possibile che non si riesca a fare a meno di una distribuzione, una sola, ce ne sono 500.. per me questa è e sarà sempre la zavorra di gnu-linux, una ridondanza di centinaia di sistemi tutti uguali e tutti diversi, inutile e dispersiva
Immagino tu non sappia cosa sia CentOS, da chi fosse usata e per quali motivi.

Tra Rocky Linux, Alma, Oracle Linux & Co, IMHO rimarrà solo una distro nel giro di 1-2 anni. Probabilmente sarà proprio Rocky Linux a prevalere se AWS continuerà a sponsorizzarla.
WarSide è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 12:27   #4
lollo9
Member
 
Iscritto dal: Dec 2016
Città: Montpellier
Messaggi: 79
in realtà il mondo linux server ormai si riduce a giusto le debian-based a partire da ubuntu server e le redhat-based a partire RHEL e centos.

tutto il resto
o è irrilevante (al limite ci sono le slack-based con SUSE, ma quelle di norma te le montano direttamente sistemisti microsoft. l'unico motivo per usarle era l'integrazione con ADFS ed Exchange. ma ormai on-premise pure quelli stanno scomparendo)
o non è un problema (un qualunque sistemista RHEL mette tranquillamente le mani su un oracle linux, un centos e famiglia senza cambiare una virgola. idem dicasi per mondo debian. fermo restando che al 90% il sistema in sé non ha nemmeno grande importanza, si fa tutto in sandbox e container ormai)

mica tanto differente dai winserver standard e datacenter edition alla fin fine, sempre un sistemista che sappia il fatto suo ti serve
lollo9 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 13:13   #5
DanieleG
Senior Member
 
L'Avatar di DanieleG
 
Iscritto dal: Dec 2007
Messaggi: 2927
Quote:
Originariamente inviato da lollo9 Guarda i messaggi
in realtà il mondo linux server ormai si riduce a giusto le debian-based a partire da ubuntu server e le redhat-based a partire RHEL e centos.
C'è molta più SUSE che Debian, almeno nelle grandi aziende.
__________________
Il senno di poi è una scienza esatta
DanieleG è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 13:30   #6
Tasslehoff
Senior Member
 
L'Avatar di Tasslehoff
 
Iscritto dal: Nov 2001
Città: Kendermore
Messaggi: 6090
Quote:
Originariamente inviato da DanieleG Guarda i messaggi
C'è molta più SUSE che Debian, almeno nelle grandi aziende.
Questo poteva essere vero una volta quando IBM sponsorizzava direttamente Suse per i propri prodotti (o forse dovrei dire "polpettoni" ) ma ormai CentOS e Ubuntu hanno preso il sopravvento, soprattutto la seconda che da tempo è la distribuzione più usata in ambito enterprise.
__________________
https://tasslehoff.burrfoot.it | Cloud? Enough is enough! | SPID… grazie ma no grazie
"Arguing that you don't care about the right to privacy because you have nothing to hide is no different than saying you don't care about free speech because you have nothing to say."
Tasslehoff è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 13:39   #7
Tasslehoff
Senior Member
 
L'Avatar di Tasslehoff
 
Iscritto dal: Nov 2001
Città: Kendermore
Messaggi: 6090
Quote:
Originariamente inviato da lollo9 Guarda i messaggi
in realtà il mondo linux server ormai si riduce a giusto le debian-based a partire da ubuntu server e le redhat-based a partire RHEL e centos.

tutto il resto
o è irrilevante (al limite ci sono le slack-based con SUSE, ma quelle di norma te le montano direttamente sistemisti microsoft. l'unico motivo per usarle era l'integrazione con ADFS ed Exchange. ma ormai on-premise pure quelli stanno scomparendo)
o non è un problema (un qualunque sistemista RHEL mette tranquillamente le mani su un oracle linux, un centos e famiglia senza cambiare una virgola. idem dicasi per mondo debian. fermo restando che al 90% il sistema in sé non ha nemmeno grande importanza, si fa tutto in sandbox e container ormai)
Concordo in generale, in realtà poi non è che i container abbiano cambiato più di tanto lo scenario, del resto quello che cambia è solo come si installano i prodotti, anzichè installarli direttamente sull'OS li fai girare dentro un container prendendoli da un'immagine.

Anche prima la scelta della distribuzione non è mai stata così critica, una volta soddisfati i requisiti del servizio che vuoi farci girare sopra era questione più che altro di preferenze.
In fin dei conti il 99,9999% dei problemi è dovuto a rogne applicative, non certo a capricci della distribuzione.

Sulle differenze tra mondo Debian e RedHat poi ci sarebbe tanto da dire, ma si tratta più che altro di dettagli insignificanti per qualunque sistemista, un link simbolico qui anzichè la, un servizio che cambia leggermente nome ma è comunque "parlante", package manager diverso ma che funziona in modo molto simile, piccole cose del genere.
Le differenze più significative sono su aspetti che (ahimè ) la maggior parte delle aziende e degli operatori ignorano (o peggio disabilitano), un esempio su tutti è apparmour vs selinux.
__________________
https://tasslehoff.burrfoot.it | Cloud? Enough is enough! | SPID… grazie ma no grazie
"Arguing that you don't care about the right to privacy because you have nothing to hide is no different than saying you don't care about free speech because you have nothing to say."
Tasslehoff è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 14:11   #8
acerbo
Senior Member
 
L'Avatar di acerbo
 
Iscritto dal: Mar 2012
Messaggi: 6991
Quote:
Originariamente inviato da lollo9 Guarda i messaggi
in realtà il mondo linux server ormai si riduce a giusto le debian-based a partire da ubuntu server e le redhat-based a partire RHEL e centos.

tutto il resto
o è irrilevante (al limite ci sono le slack-based con SUSE, ma quelle di norma te le montano direttamente sistemisti microsoft. l'unico motivo per usarle era l'integrazione con ADFS ed Exchange. ma ormai on-premise pure quelli stanno scomparendo)
o non è un problema (un qualunque sistemista RHEL mette tranquillamente le mani su un oracle linux, un centos e famiglia senza cambiare una virgola. idem dicasi per mondo debian. fermo restando che al 90% il sistema in sé non ha nemmeno grande importanza, si fa tutto in sandbox e container ormai)

mica tanto differente dai winserver standard e datacenter edition alla fin fine, sempre un sistemista che sappia il fatto suo ti serve
Suse é ancora parecchio diffusa.
__________________
Pixel 5 - Galaxy S21 - Galaxy Tab S7 - Yoga Slim 7 Ryzen 7 16gb RAM - Shield TV - Intel NUC i5-1145G7 /32Gb RAM /NVME 1Tb + SSD SATA 1Tb - BenQ EX2780Q + BenQ PD2500Q - XBOX Series S
acerbo è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 15:11   #9
dirac_sea
Senior Member
 
L'Avatar di dirac_sea
 
Iscritto dal: Aug 2008
Città: Lat.: 45° 42′ 15′′ N Long.: 9° 35′ 15′′ E
Messaggi: 1005
Quote:
Originariamente inviato da Opteranium Guarda i messaggi
possibile che non si riesca a fare a meno di una distribuzione, una sola, ce ne sono 500.. per me questa è e sarà sempre la zavorra di gnu-linux, una ridondanza di centinaia di sistemi tutti uguali e tutti diversi, inutile e dispersiva
Nella vita quotidiana sicuramente scegli sempre tra centinaia di beni e servizi differenti: vini, automobili, biciclette, scarpe, camicie cellulari, ecc. ecc. ecc. Eppure, vorresti una sola distribuzione Linux... non ti pare una contraddizione? Se tu volessi iniziare a produrre borsette in cuoio perché dovrei venirti a dire che in Italia già ci sono già tante pelletterie?
__________________
Ultrabook: Lenovo Thinkpad X220 - 4GB ddr3, Intel i5 2520M, ssd S3+ 240GB, OS MX-Linux 19.4_x64 Xfce
Subnotebook: Sony Vaio VPC-YB1S1E - 8GB ddr3, AMD E-350, ssd OCZ Trion 100 120GB, OS Windows 8.1 64 bit
NAS: Foxconn R30-A1 - Barebone SFF - AMD E-350, 4GB ddr3, hdd 4TB WD40EFRX, OS XigmaNAS 11.4.04 x64-embedded
dirac_sea è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 17:04   #10
joe4th
Senior Member
 
Iscritto dal: Jan 2003
Messaggi: 1689
Finche' saranno libere, e il software che includono lo richiede, sara' sempre possibile, prendere l'intera distribuzione, cambiare 1 solo byte, o nessuno, o meglio rimuovere i riferimenti al brand originale se e' un brand registrato, e ri-rilasciarla sotto un altro nome come se fosse propria. In fondo inizialmente hanno tutte fatto cosi. Per esempio Ubuntu e' derivata dalla Debian, e continua ad attingervi, anche se ha i suoi canali di testing/sviluppo (ppa, etc.); Mandrake era derivata dalla RedHat, tramite l'aggiunta del KDE, che inizialmente RedHat non includeva perche' non approvava la licenza di QT, poi si e' fusa con Conectiva ed e' diventata Mandriva, e quando ha cessato le operazioni commerciali, si e' riversata in Mageia (che presto rilascera' la Mageia-8) e in Openmandriva. Mint deriva da Ubuntu. Oracle era basata su RedHat e ha aggiunto le sue customizzazioni; Manjaro deriva da Arch, fornendo i binari; Fedora deriva da RedHat, quando RedHat decise che era piu' profittevole dedicarsi soltanto ai server, e abbandono' la distribuzione desktop (che ricordo fino a quel periodo venivano vendute in dei cofanetti completi di CD e manuali stampati).

Le uniche due che mi vengono in mente abbiano cessato la distribuzione, sono Yellow Dog Linux, una distribuzione derivata da RedHat orientata ai processori PowerPC dei Mac, sparita perche' e' sparito l'hardware (come per l'Amiga), e l'altra e' la SCO-Linux, acquistata da Novell e poi confluita in SUSE.

Ubuntu stessa che aveva tentato la customizzazione del desktop con Unity, ma ha preferito mollarlo e aggrapparsi al Gnome upstream, risparmiando sullo sviluppo interno.
joe4th è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 17:17   #11
Mechano
Senior Member
 
L'Avatar di Mechano
 
Iscritto dal: May 2008
Città: Verona
Messaggi: 483
Quote:
Originariamente inviato da Opteranium Guarda i messaggi
possibile che non si riesca a fare a meno di una distribuzione, una sola, ce ne sono 500.. per me questa è e sarà sempre la zavorra di gnu-linux, una ridondanza di centinaia di sistemi tutti uguali e tutti diversi, inutile e dispersiva
Sai che c'è un nesso tra la difficoltà a decidere e 3 problemi psicologici di tipo compulsivo, ossessivo e il dubbio patologico?

E sono tutti riconducibili a paure e fobie personali: la paura di sbagliare, essere giudicati, non essere all'altezza.

Io di fronte ad una nuova distro mi entusiasmo e vorrei scoprire quali vantaggi mi da, e trovo questo stimolante. Creo subito una macchina virtuale, scarico, installo e poi esploro.
Se mi trovo bene e vedo che da vantaggi tangibili, la adotto e modifico la mia vita in funzione delle nuove comodità e funzionalità ritrovate.

Tu invece provi fastidio e vorresti avere meno scelte possibili, perché?

Sembri mio nonno, lui accendeva la TV e lasciava sempre sul RAI 1.
Non ho mai capito se la sua fosse paura che si rompesse il telecomando, o incapacità, o magari disinteresse per il resto dei canali disponibili.

Di sicuro rimanere nell'area di comfort mostra paura di esplorare il mondo.
E lasciare che altri scelgano al posto nostro lasciandoci 1, 2, max 3 possibilità chiare, togliendoci lo stress e l'ansia che sopraggiunge nel dover scegliere noi.

Sempre più persone oggi non sono in grado di risolversi da soli i propri problemi decisionali ed esistenziali, cercando di demandarli ad altri.

P.S. Dimenticavo di dire che sto per laurearmi in psicologia.

Ultima modifica di Mechano : 25-01-2021 alle 17:21.
Mechano è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 17:28   #12
WarDuck
Senior Member
 
L'Avatar di WarDuck
 
Iscritto dal: May 2001
Messaggi: 11851
Quote:
Originariamente inviato da Opteranium Guarda i messaggi
possibile che non si riesca a fare a meno di una distribuzione, una sola, ce ne sono 500.. per me questa è e sarà sempre la zavorra di gnu-linux, una ridondanza di centinaia di sistemi tutti uguali e tutti diversi, inutile e dispersiva
Ma grazie a Dio ci sono distro diverse!

Non vedo che fastidio ti dia la possibilità di scelta, sinceramente.

Se poi uno non vuole sbattersi per decidere, allora guarda te lo dico io quale provare: vai con Ubuntu e via.

A te piacerebbe se ci fosse solo un modello di auto acquistabile (anche se ci vogliono arrivare con l'elettrico)?

A me NO.
__________________
Scythe Ninja 4 | Intel Core i5-6600k | ASUS Z170 Pro Gaming | 16GB DDR4 2400 CL12 kingston savage | EVGA GTX1060 SC 6GB | OCZ Vertex2 60g | WD 2tb | Dell UltraSharp U2518D | UAC: 1 2 | Win10 e aggiornamenti | Arch Linux | Dogmi
WarDuck è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 17:32   #13
Opteranium
Senior Member
 
Iscritto dal: Feb 2004
Messaggi: 3946
Quote:
Originariamente inviato da WarDuck Guarda i messaggi
Ma grazie a Dio ci sono distro diverse!

Non vedo che fastidio ti dia la possibilità di scelta, sinceramente.

Se poi uno non vuole sbattersi per decidere, allora guarda te lo dico io quale provare: vai con Ubuntu e via.

A te piacerebbe se ci fosse solo un modello di auto acquistabile (anche se ci vogliono arrivare con l'elettrico)?

A me NO.
500 distro che fanno la stessa cosa, più o meno bene, con la stessa architettura di base (linux), gli stessi programmi, gli stessi DE, gli stessi gestori di pacchetti e via dicendo.

La scelta è buona finché ha un senso ma così è solo spreco di risorse.
Opteranium è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 17:32   #14
Opteranium
Senior Member
 
Iscritto dal: Feb 2004
Messaggi: 3946
Quote:
Originariamente inviato da Mechano Guarda i messaggi
Sai che c'è un nesso tra la difficoltà a decidere e 3 problemi psicologici di tipo compulsivo, ossessivo e il dubbio patologico?

E sono tutti riconducibili a paure e fobie personali: la paura di sbagliare, essere giudicati, non essere all'altezza.

Io di fronte ad una nuova distro mi entusiasmo e vorrei scoprire quali vantaggi mi da, e trovo questo stimolante. Creo subito una macchina virtuale, scarico, installo e poi esploro.
Se mi trovo bene e vedo che da vantaggi tangibili, la adotto e modifico la mia vita in funzione delle nuove comodità e funzionalità ritrovate.

Tu invece provi fastidio e vorresti avere meno scelte possibili, perché?

Sembri mio nonno, lui accendeva la TV e lasciava sempre sul RAI 1.
Non ho mai capito se la sua fosse paura che si rompesse il telecomando, o incapacità, o magari disinteresse per il resto dei canali disponibili.

Di sicuro rimanere nell'area di comfort mostra paura di esplorare il mondo.
E lasciare che altri scelgano al posto nostro lasciandoci 1, 2, max 3 possibilità chiare, togliendoci lo stress e l'ansia che sopraggiunge nel dover scegliere noi.

Sempre più persone oggi non sono in grado di risolversi da soli i propri problemi decisionali ed esistenziali, cercando di demandarli ad altri.

P.S. Dimenticavo di dire che sto per laurearmi in psicologia.
complimenti, non è da tutti inventare un panegirico del genere su un commento di tre righe
Opteranium è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 17:35   #15
Opteranium
Senior Member
 
Iscritto dal: Feb 2004
Messaggi: 3946
Quote:
Originariamente inviato da dirac_sea Guarda i messaggi
Nella vita quotidiana sicuramente scegli sempre tra centinaia di beni e servizi differenti: vini, automobili, biciclette, scarpe, camicie cellulari, ecc. ecc. ecc. Eppure, vorresti una sola distribuzione Linux... non ti pare una contraddizione? Se tu volessi iniziare a produrre borsette in cuoio perché dovrei venirti a dire che in Italia già ci sono già tante pelletterie?
il paragone non regge: una distro linux può essere modificata quanto si vuole, una scarpa, borsetta o automobile no.

OT: avere centinaia di beni e servizi differenti mi pare stia iniziando a essere sempre più insostenibile, specie da un punto di vista ambientale. Un po' di razionalizzazione non guasterebbe. Fine OT

Ultima modifica di Opteranium : 25-01-2021 alle 17:52.
Opteranium è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 18:55   #16
Alfhw
Senior Member
 
L'Avatar di Alfhw
 
Iscritto dal: Oct 2006
Messaggi: 2269
Quote:
Originariamente inviato da Opteranium Guarda i messaggi
500 distro che fanno la stessa cosa, più o meno bene, con la stessa architettura di base (linux), gli stessi programmi, gli stessi DE, gli stessi gestori di pacchetti e via dicendo.

La scelta è buona finché ha un senso ma così è solo spreco di risorse.
Questo è vero. Se si concentrassero le risorse su meno distro allora Linux migliorerebbe più velocemente.
Sicuramente è positivo avere più scelta ma reinventare la ruota 100 volte forse è troppo.


Quote:
Originariamente inviato da Tasslehoff Guarda i messaggi
Sulle differenze tra mondo Debian e RedHat poi ci sarebbe tanto da dire, ma si tratta più che altro di dettagli insignificanti per qualunque sistemista, un link simbolico qui anzichè la, un servizio che cambia leggermente nome ma è comunque "parlante", package manager diverso ma che funziona in modo molto simile, piccole cose del genere.
Le differenze più significative sono su aspetti che (ahimè ) la maggior parte delle aziende e degli operatori ignorano (o peggio disabilitano), un esempio su tutti è apparmour vs selinux.
Ho messo in rilievo la tua frase sopra per evidenziare anche il fatto che per un sistemista o esperto Linux la frammentazione non è un impedimento (proprio come dici tu) però per l'utente medio (che il 95% delle volte è un utonto o quasi) che installa una distro Linux per il suo desktop la grande frammentazione crea più di serio problema. Link simbolici diversi, file con nomi diversi etc. programmi che si installano in modo diverso, driver per stampanti, chiavette wi-fi che si installano in modo diverso da una distro all'altra con le "macumbe". Il sistemista ci sguazza allegramente mentre l'utonto si suicida.
IMHO quello server è un mondo diverso da quello desktop/portatile (client) anche se mi rendo conto che forse sto andando un po' OT parlando di mondo desktop/portatili.


Quote:
Originariamente inviato da dirac_sea Guarda i messaggi
Nella vita quotidiana sicuramente scegli sempre tra centinaia di beni e servizi differenti: vini, automobili, biciclette, scarpe, camicie cellulari, ecc. ecc. ecc. Eppure, vorresti una sola distribuzione Linux... non ti pare una contraddizione? Se tu volessi iniziare a produrre borsette in cuoio perché dovrei venirti a dire che in Italia già ci sono già tante pelletterie?
Però i vari prodotti che tu hai elencato sono tutti compatibili tra loro. Per esempio non devo imparare a guidare in modo diverso se compro un'auto nuova di marca diversa. Le varie distro Linux invece non sono sempre perfettamente compatibili e questo allontana i produttori di hardware dal fare driver per Linux dato che devono supportare troppe distro cioè troppe varianti di Linux. Per esempio ho una stampante multifunzione Brother che supporta Linux ma le istruzioni per il driver non solo cambiano da una distro all'altra ma addirittura da una versione all'altra della stessa distro! E se hai un distro non elencata non è detto che funzioni...


Quote:
Originariamente inviato da joe4th Guarda i messaggi
Finche' saranno libere, e il software che includono lo richiede, sara' sempre possibile, prendere l'intera distribuzione, cambiare 1 solo byte, o nessuno, o meglio rimuovere i riferimenti al brand originale se e' un brand registrato, e ri-rilasciarla sotto un altro nome come se fosse propria. In fondo inizialmente hanno tutte fatto cosi. Per esempio Ubuntu e' derivata dalla Debian, e continua ad attingervi, anche se ha i suoi canali di testing/sviluppo (ppa, etc.);
Vero però ci sono anche dei contro. Ubuntu desktop per esempio l'ho trovata spesso troppo bacata. Del resto rilasciare versioni ogni 6 mesi testandole poco non è proprio il massimo...


Quote:
Originariamente inviato da WarDuck Guarda i messaggi
Ma grazie a Dio ci sono distro diverse!

Non vedo che fastidio ti dia la possibilità di scelta, sinceramente.

Se poi uno non vuole sbattersi per decidere, allora guarda te lo dico io quale provare: vai con Ubuntu e via.

A te piacerebbe se ci fosse solo un modello di auto acquistabile (anche se ci vogliono arrivare con l'elettrico)?

A me NO.
Come sopra. Le auto di varie marche sono tutte compatibili tra loro, non usano carburanti o elettricità diverse una dall'altra, né necessitano di patenti diverse e sono usabili anche da utonti.
Se invece la maggior scelta causa frammentazione e non perfetta compatibilità può essere un problema.
Poi ripeto, parlo soprattutto per il mondo client e utenti non esperti.

Ultima modifica di Alfhw : 25-01-2021 alle 18:59.
Alfhw è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 19:09   #17
WarDuck
Senior Member
 
L'Avatar di WarDuck
 
Iscritto dal: May 2001
Messaggi: 11851
Quote:
Originariamente inviato da Opteranium Guarda i messaggi
500 distro che fanno la stessa cosa, più o meno bene, con la stessa architettura di base (linux), gli stessi programmi, gli stessi DE, gli stessi gestori di pacchetti e via dicendo.

La scelta è buona finché ha un senso ma così è solo spreco di risorse.
500 modelli di auto che fanno la stessa cosa, più o meno bene, con la stessa architettura di base (motore a scoppio/elettrico), gli stessi colori, gli stessi cavalli, lo stesso design e via dicendo.

La scelta è buona finché ha un senso, ma così è solo uno spreco di risorse.


A parte gli scherzi, stai confondendo la possibilità di scelta dell'utente con una gestione manageriale ed un impegno di risorse che è evidentemente soggettivo per ognuno di coloro che offrono una distribuzione Linux.

In generale una distribuzione non fa nient'altro che fare questo: collezionare programmi che sono scritti da terzi (il famoso upstream), eventualmente patcharli e offrirli in versione binaria in maniera da restituire una esperienza più o meno coerente (cosa quest'ultima che non è sempre obiettivo di chi fa una nuova distribuzione).

Dopodiché non è vero che sono esattamente gli stessi programmi: dipende. Dal punto di vista teorico e anche pratico un kernel o un programma patchati non sono affatto "gli stessi", nel senso che non è ciò che ti fornisce l'upstream.

Ci sono distribuzioni che cercano di mantersi vicine a quanto hanno fatto gli sviluppatori (Slackware/Arch) e distribuzioni che invece patchano il codice come se non ci fosse un domani (Ubuntu/Fedora).

Quindi già questo aprirebbe tutto un discorso enorme. A questo aggiungiamoci che molte distro sono pre-confezionate per certi specifici scopi. Esistono distro pensate per NAS ad esempio, piuttosto che per fare musica, piuttosto che per fare dei server sicuri e via discorrendo.

Quella particolare distribuzione di binari è messa a disposizione perché gli utenti, soprattutto quelli meno esperti (o anche esperti che non vogliono perdere troppo tempo a compilarsi a mano i pacchetti) possano avere già un ambiente pronto all'uso.

Non è un caso se ad un neofita si può consigliare Ubuntu mentre magari ad un utente più scafato si consiglia Arch, piuttosto che Gentoo o Slackware.

Ergo, NON sono distro uguali e non sono pensate neanche per la stessa utenza.
__________________
Scythe Ninja 4 | Intel Core i5-6600k | ASUS Z170 Pro Gaming | 16GB DDR4 2400 CL12 kingston savage | EVGA GTX1060 SC 6GB | OCZ Vertex2 60g | WD 2tb | Dell UltraSharp U2518D | UAC: 1 2 | Win10 e aggiornamenti | Arch Linux | Dogmi
WarDuck è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 19:19   #18
Opteranium
Senior Member
 
Iscritto dal: Feb 2004
Messaggi: 3946
Quote:
Originariamente inviato da WarDuck Guarda i messaggi
500 modelli di auto che fanno la stessa cosa, più o meno bene, con la stessa architettura di base (motore a scoppio/elettrico), gli stessi colori, gli stessi cavalli, lo stesso design e via dicendo.

La scelta è buona finché ha un senso, ma così è solo uno spreco di risorse.


A parte gli scherzi, stai confondendo la possibilità di scelta dell'utente con una gestione manageriale ed un impegno di risorse che è evidentemente soggettivo per ognuno di coloro che offrono una distribuzione Linux.

In generale una distribuzione non fa nient'altro che fare questo: collezionare programmi che sono scritti da terzi (il famoso upstream), eventualmente patcharli e offrirli in versione binaria in maniera da restituire una esperienza più o meno coerente (cosa quest'ultima che non è sempre obiettivo di chi fa una nuova distribuzione).

Dopodiché non è vero che sono esattamente gli stessi programmi: dipende. Dal punto di vista teorico e anche pratico un kernel o un programma patchati non sono affatto "gli stessi", nel senso che non è ciò che ti fornisce l'upstream.

Ci sono distribuzioni che cercano di mantersi vicine a quanto hanno fatto gli sviluppatori (Slackware/Arch) e distribuzioni che invece patchano il codice come se non ci fosse un domani (Ubuntu/Fedora).

Quindi già questo aprirebbe tutto un discorso enorme. A questo aggiungiamoci che molte distro sono pre-confezionate per certi specifici scopi. Esistono distro pensate per NAS ad esempio, piuttosto che per fare musica, piuttosto che per fare dei server sicuri e via discorrendo.

Quella particolare distribuzione di binari è messa a disposizione perché gli utenti, soprattutto quelli meno esperti (o anche esperti che non vogliono perdere troppo tempo a compilarsi a mano i pacchetti) possano avere già un ambiente pronto all'uso.

Non è un caso se ad un neofita si può consigliare Ubuntu mentre magari ad un utente più scafato si consiglia Arch, piuttosto che Gentoo o Slackware.

Ergo, NON sono distro uguali e non sono pensate neanche per la stessa utenza.
infatti nessuno dice che ne basti una, ma come al solito la virtù sta nel mezzo. L'idea potrebbe essere quella di tagliare tutte le derivate inutili o senza uno scopo preciso, o che magari non sono altro che la distro madre con un tema diverso e poco altro. Mi viene in mente tutte varianti di ubuntu, per dirne una. Già così facendo ne toglieresti almeno la metà, senza impoverire la scelta e anzi, razionalizzandola
Opteranium è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 19:22   #19
kreijack
Member
 
Iscritto dal: May 2011
Messaggi: 44
Quote:
Originariamente inviato da Opteranium Guarda i messaggi
possibile che non si riesca a fare a meno di una distribuzione, una sola, ce ne sono 500.. per me questa è e sarà sempre la zavorra di gnu-linux, una ridondanza di centinaia di sistemi tutti uguali e tutti diversi, inutile e dispersiva
E' un modello che ha i suoi pro ed i suoi contro:
- favorisce la competizione ed il miglioramento continuo
- ma soffre di una vera e propria standardizzazione: le distro sono tutte simili ma tutte diverse.

Comunque non sono 500; quelle "industrial grade" sono:
- redhat e derivate (fedora / oracle unbreakable / centos)
- debian / ubuntu (anche se poi si stanno differenziando sempre più)
- suse

Ce ne sono altre (mint, arch, gentoo... ) ma sono meno usate in ambito professionale. Non che siano meno valide, ma alla fine l'industria si è specializzata sulle prime.

Comunque va menzionato systemd, che sta portando una riunificazione e standardizzazione di tante strutture che prima erano sotto diverse cappelle (lancio dei servizi, loggin, networking...). Ad alcuni puristi questa "standardizzazione" non piace (vedi i vari flame che ci girano attorno).

Inoltre sto notando che Yocto linux, sta godendo di una certa popolarità per le soluzioni "embedded"..

E poi come faremmo senza le "distro wars" ? :-)
kreijack è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-01-2021, 19:33   #20
WarDuck
Senior Member
 
L'Avatar di WarDuck
 
Iscritto dal: May 2001
Messaggi: 11851
Quote:
Originariamente inviato da Alfhw Guarda i messaggi
Questo è vero. Se si concentrassero le risorse su meno distro allora Linux migliorerebbe più velocemente.
Sicuramente è positivo avere più scelta ma reinventare la ruota 100 volte forse è troppo.
Non sono d'accordo. Avere a disposizione più approcci allo stesso problema non permette solo all'utente di scegliere quello più adatto a lui, ma anche a chi sviluppa a capire quali sono gli approcci più efficienti.

Ad esempio: è più efficiente mantenere distro fatte con pochissime modifiche al codice upstream o quelle che patchano pesantemente il codice upstream?

Ad esempio Slackware da quello che mi hanno detto viene mantenuta praticamente da una sola persona, più il supporto della community naturalmente.

Certo è un delirio utilizzarla perché non si può neanche dire che abbia un "package manager"

Quote:
Originariamente inviato da Alfhw Guarda i messaggi
Ho messo in rilievo la tua frase sopra per evidenziare anche il fatto che per un sistemista o esperto Linux la frammentazione non è un impedimento (proprio come dici tu) però per l'utente medio (che il 95% delle volte è un utonto o quasi) che installa una distro Linux per il suo desktop la grande frammentazione crea più di serio problema. Link simbolici diversi, file con nomi diversi etc. programmi che si installano in modo diverso, driver per stampanti, chiavette wi-fi che si installano in modo diverso da una distro all'altra con le "macumbe". Il sistemista ci sguazza allegramente mentre l'utonto si suicida.
IMHO quello server è un mondo diverso da quello desktop/portatile (client) anche se mi rendo conto che forse sto andando un po' OT parlando di mondo desktop/portatili.
L'utonto deve usare solo 1 distro, per definizione di "utonto". Gli dai Ubuntu e fine, se non gli piace gli fai provare altro ma una volta scelta la distro che gli piace usa quella.

Quote:
Originariamente inviato da Alfhw Guarda i messaggi
Però i vari prodotti che tu hai elencato sono tutti compatibili tra loro. Per esempio non devo imparare a guidare in modo diverso se compro un'auto nuova di marca diversa. Le varie distro Linux invece non sono sempre perfettamente compatibili e questo allontana i produttori di hardware dal fare driver per Linux dato che devono supportare troppe distro cioè troppe varianti di Linux. Per esempio ho una stampante multifunzione Brother che supporta Linux ma le istruzioni per il driver non solo cambiano da una distro all'altra ma addirittura da una versione all'altra della stessa distro! E se hai un distro non elencata non è detto che funzioni...

...

Vero però ci sono anche dei contro. Ubuntu desktop per esempio l'ho trovata spesso troppo bacata. Del resto rilasciare versioni ogni 6 mesi testandole poco non è proprio il massimo...

...

Come sopra. Le auto di varie marche sono tutte compatibili tra loro, non usano carburanti o elettricità diverse una dall'altra, né necessitano di patenti diverse e sono usabili anche da utonti.
Se invece la maggior scelta causa frammentazione e non perfetta compatibilità può essere un problema.
Poi ripeto, parlo soprattutto per il mondo client e utenti non esperti.
Il problema dei driver è molto spesso legato al kernel in uso, specialmente se parliamo di driver chiusi e/o proprietari, naturalmente.

Anche qui ci sono distro che patchano pesantemente il kernel (penso ad Ubuntu o Fedora).

Ci sono voluti anni per avere una versione Linux "vanilla" che facesse il boot di Android senza patch esterne.

Tutti i produttori di cellulari Android ad esempio usano versioni kernel vecchie (che sono più o meno costretti a tenere aggiornati "manualmente"), senza sfruttare la community e gli stessi mantainers del kernel.

Un vendor che vuole tutelare la sua proprietà intellettuale potrebbe scrivere driver per avere come target le versioni "vanilla" (ovvero quelle di kernel.org) possibilmente supportando almeno le ultime 2 LTS (Long Term Support) + la versione mainline.

Chiaro che la cosa ottimale sarebbe rilasciare open o addirittura integrare il tutto dentro il kernel (come fanno molti, ad esempio Intel).

PS: per le stampanti il discorso è diverso perché i driver sono in user space e sono gestiti da CUPS, che oggettivamente è un mezzo obbrobrio.
__________________
Scythe Ninja 4 | Intel Core i5-6600k | ASUS Z170 Pro Gaming | 16GB DDR4 2400 CL12 kingston savage | EVGA GTX1060 SC 6GB | OCZ Vertex2 60g | WD 2tb | Dell UltraSharp U2518D | UAC: 1 2 | Win10 e aggiornamenti | Arch Linux | Dogmi
WarDuck è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 Rispondi


Laser TV Hisense 120L5F-A12: 120 pollici posson bastare? Laser TV Hisense 120L5F-A12: 120 pollici posson ...
Laboratorio di Videogiochi: abbiamo creato un gioco di calcio su Nintendo Switch Laboratorio di Videogiochi: abbiamo creato un gi...
Luminar Ai, arriva Ai-Bokeh a gestire lo sfocato Luminar Ai, arriva Ai-Bokeh a gestire lo sfocato
Be quiet! Shadow Rock Slim 2, heatpipe a contatto diretto per raffreddare le CPU Be quiet! Shadow Rock Slim 2, heatpipe a contatt...
Kobo Elipsa: finalmente un ottimo eReader per prendere appunti! La recensione Kobo Elipsa: finalmente un ottimo eReader per pr...
Phantom TMX 5010 è la videocamera ''entr...
I fotografi provano la nuova Canon EOS R...
Oculus sospende le vendite di Quest 2: i...
PlayStation 5: 10 milioni di unità...
Waze ''pre-drive'': gli utenti possono v...
Ryzen Zen 4 e Radeon RDNA 3 al debutto n...
Bezior M1 oggi in offerta super: 80Km di...
Il modulo digitale per i viaggiatori che...
Blue Origin New Glenn: si torna a parlar...
TrenDevice annuncia Validato, il sito do...
OPPO Watch 2 ufficiale in Cina! Processo...
Halo Infinite, al via la Tech Preview: g...
I Reels di Instagram diventano più...
ZTE Axon 30 5G è ufficiale! La nu...
Samsung Odyssey Neo G9, nuovo monitor ga...
AVG Antivirus Free
AVG Internet Security
Sandboxie
IObit Uninstaller
Radeon Software Adrenalin 21.7.2 beta
HDClone Free Edition
Audacity
Chromium
Memtest86 Free
Advanced SystemCare
PeaZip
LibreOffice 7.1.5
Firefox Portable
Firefox 90
Skype
Tutti gli articoli Tutte le news Tutti i download

Strumenti

Regole
Non Puoi aprire nuove discussioni
Non Puoi rispondere ai messaggi
Non Puoi allegare file
Non Puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è On
Le Faccine sono On
Il codice [IMG] è On
Il codice HTML è Off
Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 07:25.


Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Served by www3v
1