Samsung, hard disk solid state per tutti?

Samsung, hard disk solid state per tutti?

Don Barnetson, direttore marketing del settore NAND Flash in Samsung, dice la sua sui futuri dischi solid state e su come essi possano risultare davvero utili per l'utilizzo comune

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 12:06 nel canale Storage
Samsung
 

CDRInfo riporta il contenuto di un'intervista a Don Barnetson, direttore marketing del settore NAND Flash in Samsung, che esalta le caratteristiche dei dischi solid state che verranno commercializzati a breve in volumi. Sarebbe virtualmente impossibile attendersi altro da un direttore marketing Samsung, ma le considerazione fatte meritano un approfondimento, per meglio analizzare un settore spesso trascurato come quello dello storage casalingo e dei dischi rigidi in generale.

Negli anni '90 erano le grandi aziende di software, in primis Microsoft, ad insistere sulla necessità di maggiore spazio su disco, per poter ospitare i sistemi operativi Windows 95 e 98. La richiesta di maggiore spazio su disco è divenuta primaria, in seguito, per le aziende di software di produttività personale e di videogames. Allo stato attuale delle cose, l'utente medio può archiviare sul proprio disco sistema operativo, applicativi e qualche videogame sfruttando anche solo il 10% dei dischi attualmente in commercio.

La capienza per ospitare il sistema operativo, gli applicativi e quant'altro non sia puro storage (come per file multimediali e fotografie) può dunque essere ospitato in 20-30 GB, ovvero quanto offerto dai primi modelli di dischi allo stato solido Samsung (che verranno comunque venduti anche in tagli da 64 GB e nel 2008 anche 128 GB).

Sulla base di questa considerazione quindi Samsung ritiene sensato proporre un disco primario a memoria statica, più veloce e molto più affidabile, cui affiancare soluzioni a dischi rotanti per i propri dati, meglio se coperti da back-up. Mr. Bartenson va oltre, indicando alcune dei punti critici delle soluzioni a dischi rotanti tradizionali. Fra questi segnaliamo il consumo di circa 9W dei dischi tradizionali, contro i circa 200 mW delle soluzioni a memoria statica (0 W in idle), ed una perdita di produttività che va dai 7 ai 15 minuti dovuti ai seek time dei dischi a piatti rotanti, sulla base di una giornata lavorativa di 8 ore.

Appurati però i vantaggi finora esposti delle soluzioni a memoria statica e generalmente compresi dall'utenza, rimane il problema del numero militato di scritture, finora poco affrontato. Nessun imbarazzo da parte di Mr. Samsung, che evidentemente si aspettava la domanda. In passato ogni cella poteva essere "scritta" fino ad un massimo di 1000 volte, un valore non sufficiente a garantire l'affidabilità per utilizzi come disco di sistema. Allo stato attuale una SLC, single-level cell, può tollerare fino a 100.000 scritture. Questo dato non deve essere paragonato al MTBF dei dischi rigidi, in quanto il valore è per singola cella, non per forza interessata od ogni accesso al disco solid state.

Sfruttando invece celle MLC, Multi-level cell flash, il valore scende a 10.000 scritture, in ogni caso ritenute più che sufficienti. Mr. Barnetson spiega come i dischi allo stato solido utilizzino una tecnica di scrittura definita "wear leveling", che permette di distribuire uniformemente le scritture su tutte le celle, per evitare appunto che alcune vengano più utilizzate di altre e possano così massimizzare la vita media di tutta l'unità.

Viene portato l'esempio di una scrittura media di circa 120 MB all'ora; su un disco di 32 GB la tecnologia wear leveling farebbe in modo di impiegare ben 267 ore di utilizzo per scrivere ognuna delle singole celle. 267 ore di utilizzo quindi per fare aumentare l'ipotetico contatore di scritture massime di una singola unità. Tale contatore ha come limite massimo 100.000 per celle SCL e 10.000 per celle MLC. Servono dunque più di 26 milioni di ore per giungere a quota 100.000 scritture, e oltre 2,6 milioni di ore, in caso di celle MLC.

I primi modelli di dischi solid state sfrutteranno celle SLC, che verranno poi col tempo rimpiazzate da quelle MLC. Le prospettive dunque sembrano molto buone; ricordiamo in ogni caso che il futuro prevederà la coesistenza delle tecnologie solid state e a piatti rotanti, il secondo ottimizzato per garantire grandi capienze, il primo per prestazioni e affidabilità del sistema.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

83 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ekerazha17 Novembre 2006, 12:16 #1
26.000.000 di ore sono quasi 3000 anni, direi che è un compromesso accettabile
xskull00717 Novembre 2006, 12:18 #2
26 milioni di ore?
facendo un calcolo
26.000.000/24 (Acceso notte e giorno) = 1083333 giorni
1083333 / 365 = 2968 anni :|
cioe' piu che ottimo o no?
maxfl17 Novembre 2006, 12:20 #3
Originariamente inviato da: ekerazha
26.000.000 di ore sono quasi 3000 anni, direi che è un compromesso accettabile


Anche 2.600.000 sono sempre 297 anni, potrebbe andar bene anche quello
Topol4ccio17 Novembre 2006, 12:20 #4

Più longevi MLC o SLC?

Chiedo scusa ma non capisco. Prima nell'articolo si dice le single-level cell (SLC), possono tollerare fino a 100.000 scritture, mentre le Multi-level cell (MLC) solo 10.000 scritture. Dunque servono più di 26 milioni di ore per giungere a quota 100.000 scritture per le SLC, e oltre 2,6 milioni di ore per le MLC.

Perché allora in chiusura si dice che "i primi modelli di dischi solid state sfrutteranno celle SLC, che verranno poi col tempo rimpiazzate da quelle MLC"? Si comincia coi modelli più longevi per poi immettere sul mercato quelli più scarsi?

E poi a logica mi verrebbe da pensare che una "cosa multi-livello" regga più scritture di una "cosa a singolo-livello", sbaglio?
imayoda17 Novembre 2006, 12:26 #5
Mi spiace ma, pur essendo un fermo sostenitore di samsung, diffido delle 10.000 scritture.. non credo alla bontà dello spalmare le scritture sulle varie celle. Basta una sola applicazione impazzita (programma malevolo?)per sollecitare swap e uccidere il disco anche se questo ha una sua logica hardware. Quindi finchè non si avrà una soluzione "mista" che usi la solid come memoria di predizione e i relativi sistemi operativi capaci di operare con tale tecnologia... NISBA!
Jonny3217 Novembre 2006, 12:29 #6
Beh che dire... piu' veloci, piu' longevi e migliori dal pundo di vista del consumo... sembrano perfetti

Saranno fatti in tutti i tagli? 1.8", 2.5" e 3.5"?
ShinjiIkari17 Novembre 2006, 12:31 #7
Io sarei piu' per i dischi ibridi, l'ideale sarebbe un disco ibrido con 16 o 32 GB di memoria statica per sistema e programmi (ovviamente il kernel deve saperlo, in caso contrario basterebbe partizionarlo manualmente), e tutto il resto con disco rotante da 5400 o 7200 rpm. Il tutto ovviamente in 2.5" e un prezzo accettabile. Pretendo troppo?
ekerazha17 Novembre 2006, 12:32 #8
Originariamente inviato da: maxfl
Anche 2.600.000 sono sempre 297 anni, potrebbe andar bene anche quello

Sicuramente
ekerazha17 Novembre 2006, 12:34 #9
Originariamente inviato da: imayoda
Mi spiace ma, pur essendo un fermo sostenitore di samsung, diffido delle 10.000 scritture.. non credo alla bontà dello spalmare le scritture sulle varie celle. Basta una sola applicazione impazzita (programma malevolo?)per sollecitare swap e uccidere il disco anche se questo ha una sua logica hardware. Quindi finchè non si avrà una soluzione "mista" che usi la solid come memoria di predizione e i relativi sistemi operativi capaci di operare con tale tecnologia... NISBA!

Già... ma il programma impazzito devi farlo andare per 300 anni
gi0v317 Novembre 2006, 12:35 #10
Originariamente inviato da: Topol4ccio
Chiedo scusa ma non capisco. Prima nell'articolo si dice le single-level cell (SLC), possono tollerare fino a 100.000 scritture, mentre le Multi-level cell (MLC) solo 10.000 scritture. Dunque servono più di 26 milioni di ore per giungere a quota 100.000 scritture per le SLC, e oltre 2,6 milioni di ore per le MLC.

Perché allora in chiusura si dice che "i primi modelli di dischi solid state sfrutteranno celle SLC, che verranno poi col tempo rimpiazzate da quelle MLC"? Si comincia coi modelli più longevi per poi immettere sul mercato quelli più scarsi?

E poi a logica mi verrebbe da pensare che una "cosa multi-livello" regga più scritture di una "cosa a singolo-livello", sbaglio?

no, perchè per farci stare più dati, devi scendere a compromessi...per fare un paragone alla buona, puoi vedere una slc come un dvd normale, e una mlc come un dual layer ( anche se probabilmente di layer ne avrà + di 2 la celletta della samsung) almeno nel caso del dvd, un dual layer pieno viene letto in media il doppio di volte di un dvd normale, visto che tiene il doppio di dati, ma la superficie esterna resta la stessa di un dvd normale, per cui ragionando proprio a spanne un dvd dual layer avrà una vita media (presa come tempo necessario per rovinare la superficie inferiore al punto da renderlo illeggibile )circa la metà di un dvd normale, probabilmente il problema sarà simile per questo tipo di celle...comunque le mlc hanno una durata stimata più che soddisfacente..e queste sono le previsioni di adesso, quasi di sicuro nel frattempo apporterano altre migliorie al progetto mlc..voglio un disco ibrido

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^