PDA

View Full Version : Formule per calcolare CFM e RPM


cosky
04-11-2006, 13:13
Mettiamo che ho una ventola da 60 CFM che gira a 1200 rpm (esempio) a 12v.

Se la metto a 7v, questa, tramite proporzione, girerebbe a 700 rpm spostando 35 CFM o ci sono formule più complesse?

Cosky.

Vnco
05-11-2006, 20:34
bella domanda, a me pure interesserebbe sapere a quanto vanno le mie ventole downvoltate. sperando che venga qualcuno a salvarci lol

cosky
07-11-2006, 00:32
La domanda nasce da alcune comparazioni fatte:

allora, in questo sito (http://www.matbe.com/articles/lire/146/comparatif-de-27-ventilateurs-120-millimetres/page6.php), si vede che la ventola a 12v fa 1800 rpm, mentre a 7v ne fa 1300. A 5v addirittura 950.

Ora, oltre a non corrispondere alle proporzioni, sono completamente differenti dalle mie: ad esempio, la mia TT 120 fa 1800 rpm a 12v, 1300 rpm a 7v e poi scende fino a 700 rpm, ma la TT dichiara un voltaggio minimo di avvio di 6v, quindi dovrebbe trovarsi, secondo la regola di prima, a circa 1100 rpm. Inoltre, quando la ventola sta a 700 rpm, il mio rehobus sta a metà giro, ed esso va a 0v a 12v, quindi dovrebbe essere realmente a 6v.

Ufficialmente non ci capisco più nulla... come è possibile tutto ciò?

Marco.

fabri00
07-11-2006, 07:02
il mio rehobus sta a metà giro, ed esso va a 0v a 12v, quindi dovrebbe essere realmente a 6v.


Non è detto, verificalo con un tester.


Poi non prendere per oro colato quanto dicono i produttori di ventole su cfm, giri/minuto e db di rumorosità; la metà dei dati che danno sono a inzecco totale.

cosky
07-11-2006, 13:44
Non è detto, verificalo con un tester.


Poi non prendere per oro colato quanto dicono i produttori di ventole su cfm, giri/minuto e db di rumorosità; la metà dei dati che danno sono a inzecco totale.

Purtoppo non ce l'ho il tester :(

Tu ne sai qualche cosa della mia domanda iniziale, cioè se una ventola che al massimo segna 2000 rpm (tachimetra), ne segna 2000/12*7 = 1166 rpm a 7v?

Cioè, la formula è esatta?

fabri00
07-11-2006, 17:38
Purtoppo non ce l'ho il tester :(

Non precisissimo si compera con 7 euro, meno del costo di una ventola.
E' un buon "investimento" perchè ci fai tante cose.





Tu ne sai qualche cosa della mia domanda iniziale, cioè se una ventola che al massimo segna 2000 rpm (tachimetra), ne segna 2000/12*7 = 1166 rpm a 7v?

Cioè, la formula è esatta?

Non ne ho idea, mi dispiace, ma a naso direi di no e comunque questa domanda è diversa da quella che hai fatto, riferita ai cfm.

Non ti so dire se i cfm sono per forza proporzionali al numero di giri, nè se il numero di giri è proporzionale alla tensione di alimentazione, però a naso, ripeto, penso di no.

sdjhgafkqwihaskldds
09-11-2006, 20:12
No, purtroppo la velocità di rotazione non è proporzionale ne ai cmf ne alla rumorosità, varia da fan a fan, dal n° delle pale, dalla forma, sono fattori non facili da calcolare.

Luca Pitta
09-11-2006, 22:15
Ogni ventola lavora dentro una curva e non è proporzionale. Dovresti conoscere i dati di costruzione.

Oppure la misuri te con un'anemometro.



Pitta

Malon
11-11-2006, 22:15
Tu ne sai qualche cosa della mia domanda iniziale, cioè se una ventola che al massimo segna 2000 rpm (tachimetra), ne segna 2000/12*7 = 1166 rpm a 7v?
è esatta la formula. Gli RPM che esprimono la velocità di rotazione che è direttamente proporzionale al voltaggio. Non vale lo stesso per la portata (cfm) che abbassando il voltaggio si abbassano molto di più (non in modo proporzionale).

Ora, oltre a non corrispondere alle proporzioni, sono completamente differenti dalle mie: ad esempio, la mia TT 120 fa 1800 rpm a 12v, 1300 rpm a 7v e poi scende fino a 700 rpm, ma la TT dichiara un voltaggio minimo di avvio di 6v, quindi dovrebbe trovarsi, secondo la regola di prima, a circa 1100 rpm. Inoltre, quando la ventola sta a 700 rpm, il mio rehobus sta a metà giro, ed esso va a 0v a 12v, quindi dovrebbe essere realmente a 6v.
Qui hai fatto i conti male
Se fa 1800 RPM a 12volt a 7 volt dovrebbe fare 1050RPM e a 6 volt 900 RPM e a 5 volt 750 RPM. Le discrepanze che noti possono dipendere da vari fatti
1.Dal fatto che il rheobus non eroga esattamente 6 volt quando sta a metà giro ma 4.6 volt.
2. Quello che dichiara il costruttore cioè che la ventola parte solo se il voltaggio è 6 volt può essere interpretato cosi: la ventola parte con affidabilità (cioè sempre) se il voltaggio è di 6 volt, e non è da escludere che parta in voltaggi minori (ma non sempre)
3. Una altra cosa che può succedere è che il rheobus inizialmente eroga 12 volt per far partire correttamente tutte le ventole e solo dopo un paio di secondi eroga i volt in base a dove è posizionata la ghiera.

cosky
12-11-2006, 00:17
è esatta la formula. Gli RPM che esprimono la velocità di rotazione che è direttamente proporzionale al voltaggio. Non vale lo stesso per la portata (cfm) che abbassando il voltaggio si abbassano molto di più (non in modo proporzionale).


Qui hai fatto i conti male
Se fa 1800 RPM a 12volt a 7 volt dovrebbe fare 1050RPM e a 6 volt 900 RPM e a 5 volt 750 RPM. Le discrepanze che noti possono dipendere da vari fatti
1.Dal fatto che il rheobus non eroga esattamente 6 volt quando sta a metà giro ma 4.6 volt.
2. Quello che dichiara il costruttore cioè che la ventola parte solo se il voltaggio è 6 volt può essere interpretato cosi: la ventola parte con affidabilità (cioè sempre) se il voltaggio è di 6 volt, e non è da escludere che parta in voltaggi minori (ma non sempre)
3. Una altra cosa che può succedere è che il rheobus inizialmente eroga 12 volt per far partire correttamente tutte le ventole e solo dopo un paio di secondi eroga i volt in base a dove è posizionata la ghiera.

Però se guardi su questo sito ( http://www.matbe.com/articles/lire/146/comparatif-de-27-ventilateurs-120-millimetres/page6.php )si vede che laventola non rispetta gli rpm ai voltaggi... e li sono testati tramite tester...

Boh.

fabri00
12-11-2006, 10:58
è esatta la formula. Gli RPM che esprimono la velocità di rotazione che è direttamente proporzionale al voltaggio.

Hai motivo di esserne sicuro, o lo pensi ?
Io penso il contrario.

Malon
12-11-2006, 13:59
Originariamente inviato da Malon
è esatta la formula. Gli RPM che esprimono la velocità di rotazione che è direttamente proporzionale al voltaggio.


Hai motivo di esserne sicuro, o lo pensi ?
Io penso il contrario.
In passato utilizzavo il coolermaster cooldrive 4 ( è uguale al coolermaster aerogate 2 solo che ha una alloggiamento per un disco rigido) come rheobus, che non fa vedere i voltaggi ma gli RPM. Sapendo che i voltaggio minimo erogato dal coolermaster cooldrive 4 erogato era 7 volt penso che tutte le ventole che ho provato rispettavano quella formula. Con ventole 120x120mm e 1200RPM dichiarato, il minimo che arrivavo era all'incirca 700RPM (a volte 680 altre 750).Quindi se è vera questa formula per i 7volt penso che lo sia anche per i 9v. Piccole discrepanze di 50-80RPM non le posso escludere e la certezza assoluta non ve la posso dare ma penso che entro un margine di errore di 50-80 RPM è valida questa formula.
E poi se è valida per tutte le ventole non lo so. Ho fatto anche altre prove con regolatori di tensione per l’accendisigari della macchina adattato con i molex 4 pin e da quello che ricordoi risultati combaciavano. Cioè portando un ventola da 2500 RPM a 9volt -> 1875 RPM (secondo la formula) sia il rumore che la portata erano simili a quelli di una ventola dichiarata 1800RPM a 12v. Chiaramente non ho fatto misurazioni strumentali di portata e rumore ma solo osservazioni empiriche (orecchio e mano)
Con una ventola papst (80x80mm 1500 RPM dichiarati)non potevo arrivare (usando il coolermaster coolerdrive 4) agli RPM corrisposti a 7volt ma solo a quelli corrisposti a 7.5-8 volt. Inoltre non la potevo far arrivare al massimo cioè 1500 RPM ma fino a 1400RPM. Per tutte le altre ventole come coolermaster, nexus, sharkoon, e una ADDA tutto andava secondo la formula.
Se avete notato le specifiche di alcune ventole sono: voltaggio di funzionamento 7.5-13 volt (penso che siano alcune della papst ma anche altre). Che cosa vuol dire?
Avranno forse un circuito che quando il voltaggio che li alimenta scende sotto i 7.5 volt riescono ad alzarlo da sole fino ai 7.5v richiesti (qualche condensatore magari)? Non lo so.
La maggior parte delle ventole hanno come voltaggio minimo 5.5v. Questo vuol dire che sotto questo voltaggio non si può garantire la partenza delle ventola da ferma. Solo le ADDA garantiscono la partenza delle ventola da ferma anche con voltaggi di 4.5volt.

fabri00
14-11-2006, 11:50
Se avete notato le specifiche di alcune ventole sono: voltaggio di funzionamento 7.5-13 volt (penso che siano alcune della papst ma anche altre). Che cosa vuol dire?
Avranno forse un circuito che quando il voltaggio che li alimenta scende sotto i 7.5 volt riescono ad alzarlo da sole fino ai 7.5v richiesti (qualche condensatore magari)? Non lo so.

Penso voglia dire che parte a 7,5 V., o meglio che il costruttore non garantisce che parta a meno di 7,5 (anche se poi spesso parte lo stesso).

Un condensatore non può aumentare la tensione a cui è alimentato ed è impensabile che dentro la ventola ci sia un circuito che possa "alzare" la tensione di alimentazione (impensabile per costi e dimensioni).