Zuckerberg: il 50% dei dipendenti di Facebook lavorerà in remoto entro il 2030

Zuckerberg: il 50% dei dipendenti di Facebook lavorerà in remoto entro il 2030

Il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, ritiene che entro il 2030 la metà dei dipendenti lavorerà a distanza. La pandemia di COVID-19 ha aperto gli occhi a molte aziende, più aperte di un tempo al lavoro da remoto per i dipendenti che non hanno specifiche mansioni.

di pubblicata il , alle 10:31 nel canale Web
Facebook
 

Entro il 2030 la metà dei dipendenti di Facebook lavorerà in remoto, da casa o da dove desidera. A dirlo non è un chiaroveggente ma il CEO Mark Zuckerberg in persona, seguendo i passi del collega Jack Dorsey di Twitter. Il confinamento forzato a casa dei mesi scorsi ha dimostrato a molte aziende che un dipendente che lavora da casa non è necessariamente poco controllabile se ha degli obiettivi misurabili.

Anche in casa Facebook sono stati costretti a rivedere l'intero modus operandi aziendale per adattarsi ai tempi che corrono e secondo Zuckerberg le cose non sono andate affatto male, quindi permetterà a molti dipendenti che lo desiderano di lavorare da casa sempre, e in futuro assumerà più persone in grado di gestire mansioni da remoto.

"Penso che saremo la società più incline al lavoro a distanza, di sicuro tra quelle delle nostre dimensioni. Lo faremo in modo misurato, responsabile e graduale nel tempo", ha affermato Zuckerberg aggiungendo che il traguardo del 50% dei dipendenti impegnati a distanza non va inteso come un obiettivo, ma di uno scenario plausibile in base alle decisioni intraprese.

Facebook aveva già annunciato nelle scorse settimane che tutto lo staff avrebbe potuto lavorare da casa fino a fine anno, e potenzialmente anche oltre qualora la pandemia dovesse riacutizzarsi in autunno. Secondo Zuckerberg, una maggiore apertura al lavoro a distanza consentirà all'azienda di accedere a talenti che altrimenti non sarebbero stati a portata. Inoltre, renderà più semplice mantenere i più talentuosi.

Da luglio Facebook inizierà a selezionare personale per il lavoro a distanza, dapprima nelle aree vicine ai centri ingegneristici e poi in altre aree metropolitane tra Stati Uniti e Canada. Attualmente l'azienda di Menlo Park conta 48 mila dipendenti, molti dei quali lavoravano fino a poco tempo fa nel campus californiano.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nx-9923 Maggio 2020, 11:06 #1
Altri 10 anni di supplizio ... dunque.
eureka8523 Maggio 2020, 12:08 #2
Spero che fallisca molto prima e che le masse si liberino di codesta droga mediatica disumanizzante. Speriamo
Red Baron 8023 Maggio 2020, 12:58 #3
Spero che FB fallisca presto.
giovanni6923 Maggio 2020, 15:05 #4
Quella foto... Zuckerberg che pascola le pecore...
StIwY23 Maggio 2020, 15:27 #5
Originariamente inviato da: eureka85
Spero che fallisca molto prima e che le masse si liberino di codesta droga mediatica disumanizzante. Speriamo


..e ricordiamo che questo possiede pure UoTzApP ( buonCiorno KaffFFEè ), e instagram. Altre cloache a cielo aperto che costribuiscono in misura anche maggiore a obnubilare le menti delle nuove generazioni. Purtroppo il "gregge" abbonda e temo che non ce ne libereremo più, almeno non prima della nostra morte per causa vecchiaia. Questo vuol mettere le mani in pasta dappertutto. Visori VR, monete virtuali.....ed altro. Lo odio e lo stra-odio, s'è creato un impero con una idea del piffero e senza alcun merito. S'è solo trovato al momento giusto, al posto giusto lanciando la sua piattaforma di m___a, quando ce n'erano già tante in circolazione. il più sculato della storia dell'umanità.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^