Wikipedia adotta le tecnologie P2P per i video

Wikipedia adotta le tecnologie P2P per i video

Wikipedia utilizzerà le tecnologie P2P per ridurre i costi dovuti alla distribuzione dei video presenti sui siti del network Wikimedia

di Fabio Gozzo pubblicata il , alle 13:59 nel canale Web
 

Recentemente Wikipedia ha reso noto di aver adottato le tecnologie peer-to-peer per la fruizione dei video presenti sui siti del network Wikimedia. Secondo quanto riportato nell'annuncio ufficiale, si tratta di un passaggio fondamentale, in quanto consentirà a Wikipedia di continuare a fornire e a migliorare i servizi offerti gratuitamente agli utenti.

Come si legge nell'annuncio, uno dei potenziali problemi dovuti alla crescita del numero delle visualizzazioni dei video presenti sul network Wikimedia è dovuto al fatto che la distribuzione dei video costa molto di più di quella di testi ed immagini. Il rischio infatti è che i costi della banda necessaria alla loro distribuzione vadano ad esaurire il budget della fondazione o che lascino poche risorse per altri progetti o programmi.

Per ovviare al problema Wikipedia ha cosi deciso di stringere un accordo con il P2P-Next, un gruppo di ricercatori finanziato dall'Unione Europea impegnato nello sviluppo di una nuova piattaforma P2P per la distribuzione di contenuti multimediali.

Il risultato degli sforzi di P2P-Next è Swarmplayer, un plug-in per Firefox che si occupa di acquisire e condividere i video presenti sui siti di Wikipedia con altri nodi della rete P2P; presto sarà disponibile una versione del plug-in anche per Internet Explorer.

Ma come funziona Swarmplayer? Nelle pagine web presenti sui siti di Wikipedia sono state inserite alcune righe di codice JavaScript per verificare se sul sistema dell'utente è installato Swarmplayer: in caso negativo il video viene riprodotto direttamente dal server, mentre in caso contrario viene inviato al plug-in del browser un file .torrent dal quale poter effettuare lo streaming del filmato.

Dal momento che la ricezione ordinata dei blocchi di un file è un requisito fondamentale per lo streaming video, P2P-Next ha sviluppato un tipo di rete ibrida HTTP/BitTorrent, in modo tale che la prima parte del video venga scaricata dal web, mentre gli altri blocchi verranno scaricati dalla rete P2P.

Il plug-in progettato da P2P-Next prevede inoltre un sistema di controllo che consente di riprendere automaticamente lo streaming dai server HTTP di Wikipedia qualora la rete P2P risulti troppo lenta; Wikipedia spera tuttavia che il sistema venga utilizzato da molti utenti, in modo tale da ridurre il carico di lavoro dei propri server.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Phoenix Fire28 Settembre 2010, 14:08 #1
very interesting
ma il discorso p2p funziona tipo che io che sono l'unico a vedere quel video lo carico dal server mentre il secondo lo carica da me, ma quando io stacco il secondo carica dal server oppure io finche sono collegato a wiki condivido i video visti da me in precedenza??
frankie28 Settembre 2010, 14:12 #2
detto in altre parole, chi fa da seed?
zappy28 Settembre 2010, 14:29 #3
dopo i contenuti prodotti dagli utenti, ora anche il server ti fanno fare
Granuz8828 Settembre 2010, 14:51 #4
Originariamente inviato da: zappy
dopo i contenuti prodotti dagli utenti, ora anche il server ti fanno fare


E' il Web 3.0!
zappy28 Settembre 2010, 15:46 #5
Originariamente inviato da: Granuz88
E' il Web 3.0!


LOL
hermanss28 Settembre 2010, 15:54 #6
dopo i contenuti prodotti dagli utenti, ora anche il server ti fanno fare


Tutte ste cpu multicore si dovranno pur sfruttare!
Kanon28 Settembre 2010, 16:18 #7
Non è una questione di CPU, è una questione di banda e purtroppo quella in uscita non scarseggia solo agli utenti a casa ma anche sui server
Mr Resetti28 Settembre 2010, 16:30 #8
Altra domanda, per nulla scontata: per chi ha connessioni di tipo limitato sul p2p, la connessione gli verrà controllata anche in questi casi?

Sarebbe alquanto seccante, no?
hermanss28 Settembre 2010, 16:35 #9
Non è una questione di CPU, è una questione di banda e purtroppo quella in uscita non scarseggia solo agli utenti a casa ma anche sui server


Si...ma mi riferivo al server in se non alla connessione del server.
rb120528 Settembre 2010, 16:37 #10
Originariamente inviato da: Mr Resetti
Altra domanda, per nulla scontata: per chi ha connessioni di tipo limitato sul p2p, la connessione gli verrà controllata anche in questi casi?

Sarebbe alquanto seccante, no?


Temo proprio di si, il sofware monitor non vede se il torrent che stai scaricando ha licenza creative common piuttosto che all reserved.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^