WhatsApp sotto il fuoco della censura cinese

WhatsApp sotto il fuoco della censura cinese

Da qualche giorno gli utenti non possono più inviare foto e video, e il blocco sembra si stia estendendo anche ai messaggi testuali. WhatsApp era l'ultimo servizio di Facebook che ancora riusciva a funzionare in Cina

di Andrea Bai pubblicata il , alle 11:01 nel canale Web
WhatsApp
 

Nei giorni scorsi molti utenti di WhatsApp in Cina non sono più stati in grado di inviare foto e video e, in alcuni casi, nemmeno messaggi testuali. E' l'effetto della famigerata Great Firewall, il sistema di controllo censorio in vigore nel Paese, che si è abbattuto sul popolare servizio di messaggistica in tempo reale.

WhatsApp era l'ultimo servizio di Facebook che ancora poteva funzionare nel paese della Grande Muraglia, dal momento che il social network e Instagram sono stati bloccati già tempo fa. Il motivo preciso per cui anche WhatsApp sia stato oscurato non è chiaro, ma è probabile che si tratti delle conseguenze derivanti dalla regolamentazione cinese che prevede che tutte le società estere che operano nel Paese conservino in loco i propri dati e Facebook attualmente non opera e non ha progettato la costruzione di un datacenter in Cina.

Il New York Times riporta la dichiarazione di Nadim Kobeissi, della società Symbolic Software: "Secondo le analisi che abbiamo condotto sull'infrastruttura di WhatsApp sembra che la Great Firewall stia imponendo una censura che prende di mira precise funzionalità". Per ora WhatsApp non ha rilasciato alcun commento. E' comunque improbabile che gli utenti possano sentire la mancanza di Whatsapp in Cina, dal momento che nella zona è molto più diffuso WeChat della società cinese Tencent.

Ricordiamo che in Cina anche i servizi di Twitter, Google e Gmail sono inaccessibili.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
tmx19 Luglio 2017, 12:41 #1
Vpn, vpn, vpn. (indispensabile oramai purtroppo)
Cfranco19 Luglio 2017, 12:48 #2
Originariamente inviato da: tmx
Vpn, vpn, vpn. (indispensabile oramai purtroppo)

Come se non ci avessero già pensato
http://www.webnews.it/2017/01/25/la...llegali-le-vpn/
turcone19 Luglio 2017, 14:48 #3
Originariamente inviato da: tmx
Vpn, vpn, vpn. (indispensabile oramai purtroppo)


si chiama great firewall perchè blocca tutto anche le vpn
tmx19 Luglio 2017, 14:49 #4
Si', letto, e bloccare del tutto le VPN in Cina e' impossibile - come al solito aumenteranno i controlli sui provider e magari verranno a costare di piu', ma di uscite cosi' ne fanno ogni anno.
Sandro kensan19 Luglio 2017, 15:10 #5
il sistema di controllo censorio in vigore nel Paese, che si è abbattuto sul popolare servizio di messaggistica in tempo reale.


Dubito che WA sia popolare in Cina.
blobb19 Luglio 2017, 15:48 #6
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Dubito che WA sia popolare in Cina.

infatti.... la maggiorparte usa we chat e kakao talk
floc19 Luglio 2017, 19:12 #7
"ma è probabile che si tratti delle conseguenze derivanti dalla regolamentazione cinese che prevede che tutte le società estere che operano nel Paese conservino in loco i propri dati e Facebook attualmente non opera e non ha progettato la costruzione di un datacenter in Cina."

se è questo il motivo "di facciata" è la stessa cosa che prevede il regolamento europeo per la privacy eh. Non è che gli si possa dire molto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^