WhatsApp contro le catene: allo studio una misura anti-spam

WhatsApp contro le catene: allo studio una misura anti-spam

WhatsApp sembrerebbe valutare alcune misure per combattere le catene di messaggi. Se quelle più innocue provocano solo fastidio, sono numerosi i casi in cui sono sfociate in violenze e anche morti. Combatterle è quindi necessario

di pubblicata il , alle 17:21 nel canale Web
WhatsApp
 

Quella delle catene sui social network è una piaga che ha assunto dimensioni mastodontiche. WhatsApp starebbe studiando un modo per cercare di limitare la diffusione dei messaggi segnalando agli utenti che si tratta di spam.

WhatsApp mostrerebbe un avviso relativo al fatto che "il messaggio è stato inoltrato molte volte e potrebbe trattarsi di spam", sia che si stia inoltrando il messaggio, sia che lo si stia ricevendo. La funzionalità sarebbe al momento relegata a un ristretto numero di utenti e non è noto se sarà poi resa ufficiale o meno.

Sono molte le catene che si diffondono tramite WhatsApp e le più frequenti riguardano la presunta necessità di pagare per il servizio, a meno che il messaggio non venga diffuso. Proprio la scorsa settimana avevamo riportato del presunto ritorno di WhatsApp a pagamento per via di Yong Lin, nuovo "direttore di WhatsApp" - fatto che risulta essere ovviamente falso.

Come ricorda TechCrunch, però, non sempre le catene sono innocue. Si sono registrati casi di notizie false diffuse tramite catene su WhatsApp che hanno portato a feriti e morti in India, dove folle inferocite hanno linciato persone totalmente innocenti. Anche in Italia sono avvenuti casi di persone definite pedofile, minacciate di morte e danneggiate, senza però avere alcuna colpa.

Contenere - per quanto possibile - il fenomeno delle catene è quindi importante per la sicurezza. Se le catene "classiche" non portano che fastidio (e, in certi casi, qualche considerazione su chi le inoltra), altre sono più pericolose. Un controllo è quindi necessario e l'avviso che il messaggio potrebbe essere spam o falso è una modalità non invasiva per far - forse - riflettere gli utenti.

La migliore medicina contro le catene è il pensiero critico, che si può foraggiare solo in due modi: con il dubbio misto alla curiosità e con lo studio. Un avviso contro lo spam potrebbe favorire il primo elemento che, chissà, potrebbe portare al secondo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Marok17 Gennaio 2018, 17:28 #1
Essendoci la famosa crittografia end to end, come farebbe whatsupp a dire che un certo messaggio è stato spedito tot volte?
Karandas17 Gennaio 2018, 17:58 #2
Nel momento in cui fai la crittografia produci anche un hash che é l’identificativo univoco di quel messaggio e tieni conto di quante volte é stato trasmesso senza conoscerne il contenuto.
kamon17 Gennaio 2018, 18:48 #3
Sarebbe una gran cosa... Ultimamente per questo genere di cacate sto seriamente pensando di bloccare mia madre .
DarkmanDestroyer17 Gennaio 2018, 19:31 #4
secondo me la soluzione è eliminare whatsapp
già per quanto mi riguarda era un cancro prima, ora che ce l'ha FB è pure peggio.
ma il problema è che tutti ce l'hanno, tutti la usano, e se non la vuoi usare devi, perchè tutti usano solo quella.
e in 5 minuti la mattina ti trovi il telefono pieno di notifiche di buongiorno, kaffè, notizie su belen ec...
andry1817 Gennaio 2018, 20:07 #5
Originariamente inviato da: DarkmanDestroyer
secondo me la soluzione è eliminare whatsapp
già per quanto mi riguarda era un cancro prima, ora che ce l'ha FB è pure peggio.
ma il problema è che tutti ce l'hanno, tutti la usano, e se non la vuoi usare devi, perchè tutti usano solo quella.
e in 5 minuti la mattina ti trovi il telefono pieno di notifiche di buongiorno, kaffè, notizie su belen ec...

Il problema non è whatsapp, ma le persone
Te ne conosci di pessime
El Tazar17 Gennaio 2018, 20:12 #6
Originariamente inviato da: andry18
Il problema non è whatsapp, ma le persone
Te ne conosci di pessime


Quoto!
theboy17 Gennaio 2018, 23:39 #7
Originariamente inviato da: DarkmanDestroyer
e in 5 minuti la mattina ti trovi il telefono pieno di notifiche di buongiorno, kaffè, notizie su belen ec...


perché se usassero Telegram manderebbero messaggi diversi?
Marko#8818 Gennaio 2018, 07:53 #8
Il mio filtro antispam è manuale ma funziona bene… se una persona inizia a mandare in qualche gruppo un tot di messaggi che reputo spam (catene varie, richieste di aiuto per bambini malati o cani smarriti, tutte balle logicamente) lo blocco e il problema non si pone
Purtroppo ha ragione chi dice che il problema è la gente, non l'applicazione.
onka18 Gennaio 2018, 08:58 #9
è da vietare a chi ha più di 50 anni!
kamon18 Gennaio 2018, 10:46 #10
Originariamente inviato da: onka
è da vietare a chi ha più di 50 anni!


O chiunque mandi qualcosa che comincia con: "vergogna!!!!!!!!", oppure: "condividi se sei indignato"

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^