WhatsApp a pagamento per via di Yong Lin? No, grazie. Attenzione alle bufale

WhatsApp a pagamento per via di Yong Lin? No, grazie. Attenzione alle bufale

Secondo un messaggio diffuso sia tramite WhatsApp che tramite social network, il servizio dovrebbe diventare a pagamento a partire dal prossimo sabato, 13 gennaio. Una sonora bufala che non ha né capo né coda

di pubblicata il , alle 14:41 nel canale Web
WhatsApp
 

WhatsApp diventerà a pagamento? Costerà davvero 1 centesimo al messaggio? Davvero basterà diffondere la catena per non pagare? Ma soprattutto, chi è Yong Lin? Questo è quello che potrebbe essersi chiesto chi ha visto il messaggio relativo alla fantomatica (re)introduzione del pagamento da parte di WhatsApp. Tutte sonore panzane.

Gli utenti dei social network e del servizio di messaggistica potrebbero aver intravisto questo messaggio, che afferma che bisognerà tornare a pagare il servizio:

AVVISO IMPORTANTE A TUTTI GLI UTENTI WHATSAPP

Dopo la nuova vendita del servizio finora gratuito offerto da Whatsapp, il nuovo direttore Yong Lin, durante la conferenza a stampa tenuta stamani 03 Gennaio 2018 a Shangai ha annunciato che da sabato mattina 13 Gennaio 2018 whatsapp diventerà a pagamento! Se hai almeno venti contatti manda questo messaggio a loro. Così risulterà che sei un utilizzatore assiduo e il tuo logo diventerà blu e resterà gratuito (ne hanno parlato al tg).

Whatsapp costerà 0,01€ al messaggio.

FATE GIRARE

A un occhio attento il messaggio apparirà subito come il classico messaggio da catena dal tono scandalistico: non viene citata alcuna fonte, viene citato un fantomatico nuovo "direttore", una conferenza stampa tenutasi a Shanghai (perché, visto che WhatsApp è americana?), viene affermato che verrà apportato un cambiamento di una certa portata in una tempistica molto breve e si invita, quindi, ad agire in fretta e senza pensare troppo. Per dare credibilità ulteriore alle strampalate affermazioni, viene affermato che "ne hanno parlato al TG" (quale? Quando? Misteri della fede!).

Ciliegina sulla torta è la richiesta di condividere questa assurda catena con almeno venti contatti, così che WhatsApp sappia (come, dal momento che i messaggi sono cifrati end-to-end?) che si è un "utilizzatore assiduo" (perché si invia un messaggio a venti contatti?) e farà diventare "il tuo logo [...] blu" (quale logo?). La logica (?) conseguenza di questo logo blu è che il servizio resterà gratuito.

In questo, così come in tanti altri casi, non serve essere esperti informatici per capire che si tratta di una bufala. Un'analisi del testo fa già capire che si tratta di una cosa falsa; per sfatare immediatamente queste stramberie basta pensare che una cosa del genere dovrebbe essere diffusa dall'azienda in primis, magari con un annuncio sul suo sito o un messaggio diretto nell'applicazione. Se ciò non fosse già sufficiente, nel mondo iper-connesso in cui viviamo è anche facile fare ricerche: una rapida ricerca su Google svela che non ci sono notizie riguardo questa novità.

Attenzione, quindi, a credere a ogni cosa che si trova in Rete: è sempre bene mettere in dubbio quanto si legge - sì, anche questo articolo! - e verificare se quello che si è letto risponde al vero. Il rischio è di condividere stupidaggini e fare brutte figure con i propri contatti, passando - erroneamente - per boccaloni. Siate curiosi!

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Seph11 Gennaio 2018, 14:48 #1
ma c'è ancora qualcuno che ci crede? son 10 anni che vanno avanti con sta bufala di whatsapp a pagamento
canislupus11 Gennaio 2018, 14:55 #2
Anche ipotizzando per assurdo che fosse vero, vorrei capire quale dramma epocale ne deriverebbe.
Se whatsapp dovesse diventare a pagamento, esistono altri programmi per scambiarsi messaggi gratuitamente.
Il mondo esisteva prima ed esisterà anche dopo Whatsapp... quindi in ogni caso sarebbe una notizia di poco conto, anche se fosse stata vera.
Bivvoz11 Gennaio 2018, 14:55 #3
Giuco che se qualcuno me la manda ancora lo blocco questa volta.
Slater9111 Gennaio 2018, 15:05 #4
Originariamente inviato da: Bivvoz
Giuco che se qualcuno me la manda ancora lo blocco questa volta.


Oppure potresti mandargli questo articolo
M@n11 Gennaio 2018, 15:06 #5
negli ultimi giorni ho ricevuto 3 messaggi di questo tipo.
Poi ci lamentiamo che l'Italia va male...
StIwY11 Gennaio 2018, 15:08 #6
Originariamente inviato da: Seph
ma c'è ancora qualcuno che ci crede? son 10 anni che vanno avanti con sta bufala di whatsapp a pagamento


Suvvia, sappiamo benissimo il QI medio dell'utenza media di uotzapp...non meravigliamoci.
nitro8911 Gennaio 2018, 15:20 #7
Ma un articolo? seri?
Bivvoz11 Gennaio 2018, 15:22 #8
Originariamente inviato da: Slater91
Oppure potresti mandargli questo articolo


L'ho fatto le altre volte ma non imparano mai.
Se uno riceve il messaggio ed è ignorante non può sapere che è falso, ma dopo che gli ho spiegato che i primi 3 sono falsi se me ne manda un altro senza informarsi è stupido non ignorante.
Ork11 Gennaio 2018, 15:48 #9
come fare soldi con il click bait:

[LIST]
[*]scrivere apple o whatsapp nel titolo
[*]dire una cosa assurda per attirare l'attenzione
[*]lasciare un alone di mistero
[*]far sentire l'utente più intelligente della media
[/LIST]
Axios200611 Gennaio 2018, 15:51 #10
Tranquilli, pago io per tutti gli utenti del forum.

Stamattina una mail mi ha comunicato che secondo un notaio della Papua Nuova Guinea, sono nipote in terzo grado del principe della Nigeria. E presto ereditero' 20 milioni di dollari USA. Appena avro' mandato 20000 euro per le pratiche internazionali.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^