Vuole conoscere l'albero genealogico sul web, ma viene arrestato per stupro: incastrato dopo 14 anni

Vuole conoscere l'albero genealogico sul web, ma viene arrestato per stupro: incastrato dopo 14 anni

Un uomo è stato arrestato in Florida dopo aver usato un servizio di araldica: il suo DNA corrisponde a quello prelevato su una scena del crimine 14 anni prima

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Web
 

Jared Vaughn è un residente in Florida che è stato accusato di stupro dopo aver acquistato un kit per prelevare un campione del proprio DNA da inviare a quei servizi, abbastanza popolari sul web, per il tracciamento del proprio albero genealogico. Il campione di DNA che ha prelevato è stato confrontato con uno presente negli archivi delle forze dell'ordine e raccolto nel 2007 quando avrebbe aggredito uno studente universitario.

Ruben Delgado, assistente capo della polizia di Tampa, ha dichiarato a Fox 13: "Ci sono voluti 14 anni per la risoluzione del caso ma è stata una cosa importante per noi ed era importante che la vittima riuscisse ad ottenere la chiusura del caso".

La vittima ha dichiarato che era ubriaca mentre stava rientrando nella sua stanza del dormitorio dell'Università di Tampa quando un uomo, ora identificato in Vaughn, si è offerto di accompagnarla per poi aggredirla una volta arrivati. I campioni di DNA raccolti allora dopo la denuncia dell'aggressione non hanno avuto alcun riscontro fino a quando il DNA di Vaughn non è stato caricato sul sito web. Lo scorso anno le forze dell'ordine hanno individuato possibili corrispondenze nei database di GEDmatch e FamilyTree, in seguito stata confermate dopo un ulteriore test.

E' importante sottolineare che questo tipo di indagine è possibile solo nel momento in cui chi si avvale dei servizi di ricerca genealogica esprime esplicito consenso: "Il nostro successo dipende dalle informazioni che si trovano nei database genealogici pubblici dove sono i partecipanti a dover scegliere se aderire alla possibilità di controllo da parte delle forze dell'ordine" ha dichiarato l'agente speciale Mark Brutnell.

In ogni caso la ricerca di corrispondenze di codice genetico effettuata in questo modo pone un delicato problema etico. In questo caso il sospettato ha inviato egli stesso i propri campioni e ha accettato che questi potessero essere usati dalla polizia. Ma vi sono situazioni in cui il codice genetico può essere caricato da terzi (magari parenti o amici che desiderano fare un regalo) finendo con l'autorizzare il controllo da parte della polizia senza il consenso esplicito del diretto interessato.

154 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Notturnia29 Giugno 2021, 10:09 #1
Il problema etico non c’è nel momento in cui i dati scovano il responsabile di un reato.. finiamola con questa follia dell’anonimato ad ogni costo.. se viene scoperto un reato è giusto che l’etica vada a farsi friggere.. dov’era l’etica di quel cretino mentre violentava ? E se il dna fosse stato caricato dai suoi parenti la violenza sessuale sarebbe stata meno importante e quindi si poteva chiudere un’occhio sul reato per la sua privacy ?
Ma smettiamola con questa ipocrisia.. la privacy finisce la dov’è si commettono dei reati
mattxx8829 Giugno 2021, 10:22 #2
Originariamente inviato da: Notturnia
Il problema etico non c’è nel momento in cui i dati scovano il responsabile di un reato.. finiamola con questa follia dell’anonimato ad ogni costo.. se viene scoperto un reato è giusto che l’etica vada a farsi friggere.. dov’era l’etica di quel cretino mentre violentava ? E se il dna fosse stato caricato dai suoi parenti la violenza sessuale sarebbe stata meno importante e quindi si poteva chiudere un’occhio sul reato per la sua privacy ?
Ma smettiamola con questa ipocrisia.. la privacy finisce la dov’è si commettono dei reati


AMEN
cioè, il pensare che se non avesse espresso esplicito consenso, non potesse essere imputabile è una cosa che fa rabbrividire, medioevo
Piedone111329 Giugno 2021, 10:25 #3
Originariamente inviato da: Notturnia
Il problema etico non c’è nel momento in cui i dati scovano il responsabile di un reato.. finiamola con questa follia dell’anonimato ad ogni costo.. se viene scoperto un reato è giusto che l’etica vada a farsi friggere.. dov’era l’etica di quel cretino mentre violentava ? E se il dna fosse stato caricato dai suoi parenti la violenza sessuale sarebbe stata meno importante e quindi si poteva chiudere un’occhio sul reato per la sua privacy ?
Ma smettiamola con questa ipocrisia.. la privacy finisce la dov’è si commettono dei reati


Cosa c'è di etico nel conoscere il responsabile di un reato e non poterlo perseguire lo sanno solo le amebe.
agonauta7829 Giugno 2021, 10:56 #4
La differenza tra l'Italia e l'America... in America se ti trovano dopo 14 anni per corrispondenza di DNA, vai in carcere. In Italia non c'è questo rischio, anche se si conosce l'omicida,dove abita e come si chiama, può stare tranquillo che non lo tocca nessuno. Mettetevi l'anima in pace che la privacy non esiste
DanieleG29 Giugno 2021, 11:06 #5
Un genio proprio.
aqua8429 Giugno 2021, 11:13 #6
Originariamente inviato da: agonauta78
La differenza tra l'Italia e l'America... in America se ti trovano dopo 14 anni per corrispondenza di DNA, vai in carcere. In Italia non c'è questo rischio, anche se si conosce l'omicida,dove abita e come si chiama, può stare tranquillo che non lo tocca nessuno. Mettetevi l'anima in pace che la privacy non esiste


io penso che delle puntatine da Barbara d'Urso ci escono anche
Zappz29 Giugno 2021, 11:17 #7
Originariamente inviato da: agonauta78
La differenza tra l'Italia e l'America... in America se ti trovano dopo 14 anni per corrispondenza di DNA, vai in carcere. In Italia non c'è questo rischio, anche se si conosce l'omicida,dove abita e come si chiama, può stare tranquillo che non lo tocca nessuno. Mettetevi l'anima in pace che la privacy non esiste


E in Usa vai in carcere a spaccare sassi, qui in Italia vai quasi in vacanza...
giuliop29 Giugno 2021, 11:25 #8
La state facendo troppo facile.

Da una parte il test del DNA è [U]tutt'altro che affidabile[/U] al 100%, e dall'altra nel sistema di giustizia degli USA ci [U]sono delle figure[/U] che hanno da guadagnarci se ti mettono in galera (e magari farti friggere), al di là del fatto che tu sia colpevole o innocente.

Dare il consenso a fornire il proprio DNA alle autorità è quindi, oltre che un potenziale aiuto, anche un rischio incontrollabile; che qualcuno lo faccia al posto tuo è totalmente inaccettabile.
Tedturb029 Giugno 2021, 11:44 #9
Originariamente inviato da: giuliop
La state facendo troppo facile.

Da una parte il test del DNA è [U]tutt'altro che affidabile[/U] al 100%, e dall'altra nel sistema di giustizia degli USA ci [U]sono delle figure[/U] che hanno da guadagnarci se ti mettono in galera (e magari farti friggere), al di là del fatto che tu sia colpevole o innocente.

Dare il consenso a fornire il proprio DNA alle autorità è quindi, oltre che un potenziale aiuto, anche un rischio incontrollabile; che qualcuno lo faccia al posto tuo è totalmente inaccettabile.


Grazie del link, molto informativo.
Gringo [ITF]29 Giugno 2021, 11:50 #10
Accade quando non si legge tutta l'EULA
Era un EULA_PRYVACY.PDF da soli 16Giga ..... Capita. :lol

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^