Voli verso gli USA, in rafforzamento le misure di sicurezza per il controllo dei dispositivi elettronici

Voli verso gli USA, in rafforzamento le misure di sicurezza per il controllo dei dispositivi elettronici

Gli USA hanno comunicato un rafforzamento delle misure di sicurezza, che restano però non meglio precisate, per tutti i voli verso il Paese. Le compagnie e gli aeroporti sono chiamate a collaborare, pena l'innalzamento di vari divieti

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:21 nel canale Web
 

Il Dipartimento per la sicurezza nazionale (di seguito DHS) degli Stati Uniti ha comunicato che nel corso dei prossimi mesi disporrà un generale rafforzamento delle misure di sicurezza per tutti i voli commerciali diretti verso il Paese al quale compagnie aeree e aeroporti sparsi per il mondo dovranno ottemperare, pena il rischio del divieto di portare a bordo dispositivi elettronici o addirittura di volare verso gli USA.

Ne ha parlato ieri il segretario del DHS John Kelly: le nuove misure di sicurezza non sono state specificate nel dettaglio, ma saranno sia "visibili e non visibili" e includeranno un innalzamento dei livelli di screening dei passeggeri e dei loro dispositivi, l'ampliamento delle ispezioni con i cani addestrati per individuare esplosivi, l'adozione di tecnologie avanzate e la creazione di nuovi punti di pre-clearance negli aeroporti esteri. Le nuove misure andranno ad interessare 105 paesi, per 280 aeroporti circa, 180 compagnie aeree, 2100 voli giornalieri che trasportano 325 mila passeggeri diretti verso gli USA.

Il DHS ha già avviato nei giorni scorsi un divieto all'imbarco in cabina di dispositivi elettronici più grandi di un telefono cellulare per alcuni voli provenienti da Medio Oriente e Africa. Nelle scorse settimane era stata ventilata l'ipotesi di allargare questo divieto anche agli aeroporti europei, una prospettiva che però ora sembra accantonata non avendo ancora individuato una linea comune per un accordo.

Kelly ha dichiarato: "Abbiamo continuato a confrontarci con le minacce verso gli aerei passeggeri. Non è un problema nuovo, ma le minacce si sono evolute. Sin dall'11 settembre gli Stati Uniti hanno visto una serie di tentati attacchi sull'aviazione commerciale. Bombe nelle scarpe, liquidi esplosivi, bombe sotto i vestiti e un piano per detonare un cargo esplosivo. La maggior parte di questi sono stati sventati in tempo, ma non sempre i nostri nemici hanno fallito. E' arrivato il momento di alzare l'asticella. L'inazione non è un'opzione. Chi sceglie di non collaborare o di adottare lentamente queste misure potrebbbe essere soggetto ad altre restrizioni, incluso il divieto di portare a bordo dispositivi elettronici o anche una sospensione dei voli diretti verso gli USA".

Inevitabilmente aereoporti e soprattutto compagnie aeree saranno sotto pressione per poter essere in linea con le nuove misure di sicurezza dal momento che laptop e tablet sono indispensabili per coloro i quali viaggiano per lavoro o per affari, un pubblico che rappresenta una fetta piuttosto consistente dei clienti del mercato dell'aviazione civile. Il DHS ha dichiarato che le nuove misure saranno implementate per fasi, anche in questo caso senza meglio specificare altri dettagli, nel corso delle prossime settimane e mesi. Da quanto si apprende, le compagnie aeree hanno 21 giorni per mettersi in regola con le nuove norme per il rilevamento di esplosivi e 120 giorni per il resto.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
jepessen29 Giugno 2017, 17:04 #1
Beh a me e' capitato ai controlli che un poliziotto abbia fatto un tampone al mio portatile alla ricerca di esplosivi... Spero solo che non arrivino ad accendere il portatile/tablet/quelchee' per vedere che sia effettivamente funzionante, perche' e' una perdita di tempo, non significa niente (posso togliere un paio di celle dalla batteria e mettere l'esplosivo dentro, ed il tutto funziona sempre), e potrebbe violare la privacy se vogliono pure che mi collego ed uso qualche programma...
Bestio29 Giugno 2017, 19:14 #2
A me una volta hanno messo un obiettivo della reflex dentro lo scanner e mi hanno fulminato l'elettronica!
E so di gente a cui è successa la stessa cosa con Notebook, Tablet o altri oggetti elettronici.
TrudTilp29 Giugno 2017, 19:15 #3
@jepessen
Preparati perché vogliono arrivare anche a quello.
Il 24 di luglio partirò per il viaggio di nozze destinazione Hawaii.
Ti dirò che mi hanno fatto fare.
Penso comunque che il loro obiettivo sia più scoraggiare che controllare.
Opteranium29 Giugno 2017, 19:23 #4
Originariamente inviato da: TrudTilp
Penso comunque che il loro obiettivo sia più scoraggiare che controllare.

Scoraggiare chi, i turisti? In quello ci riescono benissimo.
Se invece credono che queste minchiate possano diminuire il rischio attentati, sono fuori come terrazze.
Piedone111329 Giugno 2017, 23:35 #5
Originariamente inviato da: Bestio
A me una volta hanno messo un obiettivo della reflex dentro lo scanner e mi hanno fulminato l'elettronica!
E so di gente a cui è successa la stessa cosa con Notebook, Tablet o altri oggetti elettronici.


Un obbiettivo fulminato sotto lo scanner?
Sapevo che bastava staccare la batteria ai dispositivi per evitare il danno ( e si di parecchie reflex rotte dallo scanner solo con batteria connessa però
Quindi o è un caso, oppure togliere la batteria equivale a legare il cd dietro l'auto per non farsi beccare dall'autovelox.
alexdal30 Giugno 2017, 09:29 #6
Leggo da altri parti che per ora le norme sono congelate, nei prossimi mesi definiranno eventuali regole che le compagnie aeree devono adottare.

Penso che i controlli che ci sono attualmente vanno bene e che sono gia' stringenti.
Non mi sembra ci siano stati problemi negli ultimi 15 anni.
Bestio30 Giugno 2017, 16:03 #7
Originariamente inviato da: Piedone1113
Un obbiettivo fulminato sotto lo scanner?
Sapevo che bastava staccare la batteria ai dispositivi per evitare il danno ( e si di parecchie reflex rotte dallo scanner solo con batteria connessa però
Quindi o è un caso, oppure togliere la batteria equivale a legare il cd dietro l'auto per non farsi beccare dall'autovelox.


Si era un Canon 70-300mm USM Stabilizzato pagato quasi un millino, da quando me lo hanno messo nello scanner la fotocamera non lo riconosceva più!
Per fortuna era ancora in garanzia e me l'hanno riparato.

Anche se bastasse staccare la batteria, se consideriamo che in molti dispositivi la batteria non è nemmeno più disinseribile, anche la "rottura" è un problema non da poco.
Tra l'altro immagino che questi scanner generino onde elettromagnetiche (EMP) che possano danneggiare le apparecchiature elettroniche, indipendentemente dal fatto che ci sia la batteria o meno.
Bestio30 Giugno 2017, 16:16 #8
Originariamente inviato da: Hinterstoisser
Mah...dubito fortemente che lo scanner abbia potuto danneggiartelo.
E' più probabile che la causa sia stata l'elettricità statica a danneggiartelo.
E' sufficiente una giornata di vento, tu che sei sei carico elettrostaticamente e che poi tocchi i contatti di qualche apparecchiatura elettronica per fare la frittata.
Sotto questi scanner passano milioni di oggetti al giorno, sai che casino che le onde elettromagnetiche riuscissero a danneggiare davvero le valige e borse contenenti apparecchi elettronici?


Ma non era lo scanner "normale" su cui passano tutti i bagagli, uscito da quello hanno visto qualcosa di "strano" e mi hanno aperto la borsa, tirato fuori l'obiettivo e messo in un'altro scanner credo più potente. (chissà cosa credevano che potessi nascondere dentro un obiettivo poi!).
E usciti dall'aeroporto l'obiettivo non funzionava più... non credo proprio sia una coincidenza!
ilario306 Luglio 2017, 15:27 #9
Originariamente inviato da: Bestio
A me una volta hanno messo un obiettivo della reflex dentro lo scanner e mi hanno fulminato l'elettronica!
E so di gente a cui è successa la stessa cosa con Notebook, Tablet o altri oggetti elettronici.


Primo viaggio che feci negli USA, mi hanno segato 2 carte di credito ed il bancomat, l'hanno fatto passare più volte dentro lo scanner, fortunatamente avevo portato un pò di contanti ed eravamo in 3, altrimenti mi sarei trovato in merxa per colpa loro. Per avere una sostitutiva devi restare almeno 2-3 giorni fermo nella stessa città, io cambiavo località ogni 2 giorni per 30 giorni.

Le corna loro, che caxxo ci metto nel portafogli? Una volta che lo apri e lo controlli, buona. Che deficienti, sono più quadrati dei giapponesi, ed ho detto tutto......
ilario306 Luglio 2017, 15:36 #10
Originariamente inviato da: alexdal
Leggo da altri parti che per ora le norme sono congelate, nei prossimi mesi definiranno eventuali regole che le compagnie aeree devono adottare.

Penso che i controlli che ci sono attualmente vanno bene e che sono gia' stringenti.
Non mi sembra ci siano stati problemi negli ultimi 15 anni.


Dico la mia, se gli americani imparassero ad impicciarsi meno e restare più a casa loro, nessuno li romperebbe, invece se la vanno a cercare.

Il primo pericolo arriva dal loro interno e non dall'esterno, partendo sempre dai vertici dei governo che crea falsi allarmismi e scenari per avere sempre più controllo, e questo è un dato di fatto documentato, senza attingere a nessun complotto.
Fossi un palestinese, sarei incaxxato a morte con gli americani , come dargli torto, ma anche di altre nazioni.

I talebani che adesso combattono ancora chi li ha messi al potere ai tempi in Afghanistan durante la guerra fredda?

Chi ha venduto F14 all'Iran che ora combattiamo?

Hanno buttato giù Saddam, ed hanno creato ancora più caos e vittime di quelle che fece Saddam con la sua dittatura.

Idem per la Libya, anche se una buona colpa viene dalla Francia e Germania, ma dietro c'erano sempre loro ovviamente.

Hanno creato più danni loro nel mondo che 50 anni di Comunismo Staliniano e di fascismo Italiano.

Proclamano una Democrazia "O stai con me o sei contro di me" quindi per loro ti stanno lasciando un arbitrio di scelta, quindi sono democratici, hanno quella piccola presunzione che "dato che da noi si fa cosi e sembra funzionare, allora funzionerà in qualsiasi nazione" e vale per tutto".

Capisco perchè temono ripercussioni....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^