Twitter taglia l'8% del personale: ecco la lettera inviata ai dipendenti

Twitter taglia l'8% del personale: ecco la lettera inviata ai dipendenti

Twitter annuncia l'atteso taglio del personale con cui si licenzierà il 9% della forza lavoro della società. Jack Dorsey comunica la razionalizzazione dell'organico in una lettera rivolta a tutti i dipendenti

di Nino Grasso pubblicata il , alle 16:01 nel canale Web
Twitter
 

A poco più di una settimana dalla conferma come CEO, Jack Dorsey ha iniziato il suo lavoro di ridimensionamento dell'organico di Twitter. La società ha confermato il licenziamento dichiarando che coinvolgerà "un massimo di 336 impiegati", circa l'8% dell'intera forza lavoro. Dorsey è il co-fondatore della compagnia ed è stato scelto per amministrarla proprio per la sua capacità di intraprendere decisioni forti. Decisioni che si sono già concretizzate in brevissimo tempo.

Jack Dorsey, CEO di Twitter

Twitter sostiene che il taglio nel personale sia necessario per mantenere il focus sulle priorità dell'azienda e migliorare l'efficienza generale. Fra le priorità troviamo quella di creare "esperienze che hanno un impatto nell'utenza", come ad esempio il nuovo Moments. L'obiettivo ultimo è quello di coinvolgere più utenti nei vari servizi visto che la base d'utenza di Twitter è cresciuta di meno del 50% in circa 2 anni a fronte di un raddoppio nel numero di dipendenti.

Bisogna specificare comunque che gran parte dei licenziamenti è dovuta principalmente alle tante acquisizioni condotte dalla società ed è naturale, anche se per altri versi disdicevole, licenziare quei dipendenti che risultano ridondanti negli asset della società. Nel caso di Twitter la maggior parte dei licenziamenti proviene dai team di ingegneri e di prodotto, con la prima categoria che lavorerà meglio, secondo Dorsey, con una "squadra più snella e agile".

Twitter sembra molto ottimista in seguito ai licenziamenti anche nel breve termine, con i profitti previsti per il periodo che sono infatti in aumento rispetto a quanto preventivato in passato per lo stesso trimestre, ovvero nell'ordine dei 545-560 milioni di dollari.

Di seguito riportiamo la lettera tradotta liberamente inviata dal nuovo CEO Jack Dorsey a tutti i dipendenti della società:

Team,

Ci stiamo muovendo verso una ristrutturazione della forza lavoro in modo che possiamo indirizzare la nostra compagnia verso una forte crescita. Email come queste sono di solito piene di un linguaggio aziendale, ma io ho intenzione di andare dritto al sodo.

Il team ha lavorato tutto il giorno per produrre una tabella di marcia semplificata per Twitter, Vine e Periscope, che si preannunciano molto forti. La roadmap è incentrata su quelle esperienze che avranno l'impatto più grande. Abbiamo lanciato la prima di queste esperienze la scorsa settimana con Moments, un grande inizio e una sbirciatina coraggiosa verso il modo in cui la gente osserverà quello che succederà nel mondo.

La tabella di marcia include anche una strategia per cambiare il modo in cui lavoriamo, e quello di cui abbiamo bisogno per compiere un dato lavoro. Le divisioni Product ed Engineering sono quelle che vedranno i cambiamenti strutturali più significativi in modo da riflettere i nostri piani futuri. Siamo convinti che il team Engineering si muoverà più rapidamente con una squadra più piccola ed agile, pur restando in percentuale il team più grande nel nostro organico. Il resto dell'organizzazione sarà parallelamente razionalizzato.

Così abbiamo preso una decisione estremamente difficile: abbiamo intenzione di separarci da un massimo di 336 persone in tutta la compagnia. E lo stiamo facendo con il massimo rispetto per ogni persona. Twitter farà di tutto per prendersi cura di ogni individuo, fornendo generosi pacchetti d'uscita e aiuto per trovare un nuovo lavoro.

Cogliamo l'occasione per esprimere la nostra gratitudine a tutti coloro che ci stanno lasciando. Noi li onoreremo facendo del nostro meglio per servire tutte le persone che utilizzano Twitter. Lo faremo con una squadra più indirizzata all'obiettivo, che continueremo a rafforzare nel corso del tempo così come ora siamo costretti a reinvestire nelle nostre priorità più incisive.

Grazie a tutti per la vostra fiducia e la comprensione. Non è semplice, ma è la cosa giusta da fare. Il mondo ha bisogno di un Twitter forte, e questo è un altro passo da fare per giungere all'obiettivo. Come sempre, contattatemi pure personalmente per eventuali idee o domande.

Jack

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

33 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
deggial14 Ottobre 2015, 16:52 #1
non fa mai piacere quando la gente viene licenziata, ma visto che twitter produce il nulla cosmico (peggio di facebook a mio avviso), per me potrebbe anche chiudere del tutto.
ziozetti14 Ottobre 2015, 16:56 #2
Potevano scrivere una lettera più in sintonia con la vision dell'azienda:
"Caro @dipendente sei #licenziato"
Prezelino14 Ottobre 2015, 17:23 #3
Il mondo ha bisogno di un Twitter forte, e questo è un altro passo da fare per giungere all'obiettivo.

LOL
hardwarestrider14 Ottobre 2015, 18:26 #4
Originariamente inviato da: Prezelino
Il mondo ha bisogno di un Twitter forte, e questo è un altro passo da fare per giungere all'obiettivo.

LOL


Il mondo ha davvero bisogno di Twitter???
al13514 Ottobre 2015, 18:30 #5
il bello è che queste aziende li aiutano davvero a trovare un nuovo lavoro
proprio come qui in Italia si si....
TheQ.14 Ottobre 2015, 21:31 #6
ma quando c'erano decine e decine di chat su winmx, che non venivano valutate centinaia di milioni come twitter, era sempre social?
alexdal15 Ottobre 2015, 12:05 #7
Ma twitter a parte ai giornalisti che ci fanno articoli a cosa serve?

Questo commento mio sara' inutile ma scrivo perché coerente ad un articolo.

su twitter scrivi e metti al vento qualcosa che nessuno legge.

Molte ditte ora dicono, comunicateci via twitter.

Ma preferirei sempre una mail se privato, o un forum nel loro sito (anche facebook) se pubblico
deggial15 Ottobre 2015, 14:02 #8
Originariamente inviato da: alexdal
Ma twitter a parte ai giornalisti che ci fanno articoli a cosa serve?

Questo commento mio sara' inutile ma scrivo perché coerente ad un articolo.

su twitter scrivi e metti al vento qualcosa che nessuno legge.

Molte ditte ora dicono, comunicateci via twitter.

Ma preferirei sempre una mail se privato, o un forum nel loro sito (anche facebook) se pubblico


come non quotarti.
twitter in fondo serve a comunicare a tutto il mondo cose di cui a tutto il mondo non gliene frega nulla.
E se davvero gliene frega qualcosa, usa altri canali per trovarle.

Ad esempio Giggi D'alessgostino è in concerto a Natale nella mia città. Voglio sapere a che ora e dove si tiene il concerto. Sono sicuro che Giggi l'ha scritto su twitter, ma non andrò di certo lì a cercarlo. lo cerco su google o sul suo sito personale.
Syk15 Ottobre 2015, 14:05 #9
Originariamente inviato da: alexdal
Ma twitter a parte ai giornalisti che ci fanno articoli a cosa serve?

Questo commento mio sara' inutile ma scrivo perché coerente ad un articolo.

su twitter scrivi e metti al vento qualcosa che nessuno legge.

Molte ditte ora dicono, comunicateci via twitter.

Ma preferirei sempre una mail se privato, o un forum nel loro sito (anche facebook) se pubblico
per lavoro mi fa risparmiare un discreto canone sulle news in tempo reale, certo è che si fa fatica a trovare una fonte alternativa completamente priva di perdite di tempo.
parlo di macro news sintetiche, sinceramente a parte questo concordo che sia piuttosto inutile.
Krusty15 Ottobre 2015, 16:13 #10
a parte l'utilità o meno del servizio, io non riesco a spiegarmi il numero di persone che impiega (se 336 sono solo quelle licenziate) e il fatturato che fa (545-560 milioni di dollari a trimestre)...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^