Twitter compie 10 anni. Jack Dorsey: 'Manterremo il limite dei 140 caratteri'

Twitter compie 10 anni. Jack Dorsey: 'Manterremo il limite dei 140 caratteri'

Il servizio non verrà snaturato secondo le parole di Jack Dorsey. Il CEO di Twitter non è però dei più sinceri, e di recente alcune sue affermazioni sono state smentite dagli annunci della società

di Nino Grasso pubblicata il , alle 10:21 nel canale Web
Twitter
 

La piattaforma di microblogging Twitter veniva lanciata 10 anni fa, esattamente il 21 marzo 2006. Da allora il servizio ha subito notevoli cambiamenti, ha raccolto oltre 300 milioni di utenti attivi e la società è entrata in borsa. Tuttavia una cosa è sempre rimasta invariata e pare che resterà invariata ancora per molto tempo, nonostante le voci dell'ultima ora e la crescente necessità di ottimizzare gli utili. Stiamo parlando del limite da 140 caratteri per quanto riguarda i post sul servizio.

Per celebrare il decimo anniversario Twitter ha pubblicato un piccolo video commemorativo da poco più di due minuti nel canale ufficiale del social network in cui ringrazia tutti gli utenti sparsi nel mondo. La società sottolinea implicitamente quelle che sono le caratteristiche che rendono unico il servizio: Twitter viene raccontato come una piattaforma di microblogging specifica per un'informazione veloce che dà il meglio di sé per la divulgazione di breaking news o la sensibilizzazione su certe tematiche.

Ma non solo: non manca la parte più giocosa dedicata alla diffusione di video virali o GIF ironiche, elementi che nel corso degli ultimi anni hanno occupato una buona parte del flusso di post degli utenti del servizio. Molto interessante il fatto che la nota di ringraziamento che si legge nel video è accorpata in un tweet da 140 caratteri, limite ancora oggi esistente ma di cui la società considera da tempo l'eliminazione. Ne aveva parlato lo stesso Jack Dorsey a settembre, altre fonti confermavano dopo pochi mesi.

In una nuova intervista su The Today Show dello scorso venerdì il CEO della società ha parlato di entrambi gli argomenti: del decimo anniversario e del limite dei 140 caratteri. Lo stesso ha confermato che il servizio manterrà il limite, cosa che sembrerebbe smentire categoricamente quanto detto dallo stesso Dorsey sulla possibilità di espandere il numero di caratteri per post a 10 mila. È evidente che la società non vuole snaturare Twitter privandolo della caratteristica che di fatto lo rende diverso dagli altri social del web.

La frase usata dal CEO della società non lascia spazio a dubbi: "[Il limite dei 140 caratteri] rimane. È un vincolo che ha senso per noi. Dà l'idea dell'istantaneità del momento". Ma ci possiamo davvero fidare? Dorsey parlava di espandere il limite solo pochi mesi fa, e proprio di recente dichiarava che le timeline non avrebbero subito delle variazioni nel modo in cui i post venivano ordinati. Qualche giorno più tardi Twitter annunciava una modifica nell'algoritmo di gestione dei contenuti sul servizio.

Solo il tempo pertanto ci darà una risposta, ma al momento la posizione ufficiale è che su Twitter il limite dei 140 caratteri rimarrà.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
red5goahead21 Marzo 2016, 10:45 #1
La vera novità potrebbe (dovrebbe) essere quella di separare la parte relativa ai tag, comprese le citazioni , da quella del contenuto del messaggio. I 140 caratteri è essenziale rimangano ma che si riducano a causa di tag e citazioni dovrebbe essere cambiato, così come la possibilità di modificare un tweet. Non snaturerebbe nulla
Axios200621 Marzo 2016, 10:57 #2
Chi riceve i tweet via SMS o email e risponde di conseguenza non saprebbe che è stato modificato...

Poi troppo comodo specie per figure pubbliche il poter modificare i tweet...

Sugli hashtag, ok a scorporarli dai 140 caratteri, ma limitarli a 4-5 a tweet... Non come foto di colazioni con hashtag a pacchi assurdi...

Non oso immaginare chi riceve il #picoftheday...

Telefono o PC fusi in 5 min...
themac21 Marzo 2016, 11:28 #3
Continuo a trovarlo aberrante.
Anche perche' ormai sono solo lunghi (?) elenchi di hashtag o link.

Utilita' zero.

Ma e' anche vero che io sono un vecchio informatico che ha iniziato con fidonet.
E allora, davvero, 140 caratteri COSTAVANO.

TheMac
red5goahead21 Marzo 2016, 11:31 #4
Originariamente inviato da: Axios2006
Chi riceve i tweet via SMS o email e risponde di conseguenza non saprebbe che è stato modificato...


Ed è il motivo per cui non è mai stato fatto credo. In disqus si fa abitualmente.
In caso di modifica potrebbero mettere i tweet in moderazione e lasciare a coloro che hanno risposto la possibilità di confermali nuovamente. Soluzioni ce ne sono. L'impressione è che siano un po' in difficoltà con l'utenza , sempre in bilico tra proporre nuove soluzioni e il rischio di perdere utenti.
Io penso anche che la Spid italiana possa dare uno slancio a Twitter, la opportunità di certificare una persona fisica penso la potrebbero usare per sbloccare alcune funzionalità.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^