Tutti i numeri di Kickstarter: l'Italia fanalino di coda dei successi

Tutti i numeri di Kickstarter: l'Italia fanalino di coda dei successi

Kickstarter è una piattaforma con forti luci e ombre profonde. Un'analisi delle campagne di raccolta fondi svela che in Italia è particolarmente difficile farcela e che i progetti tecnologici faticano ad avere successo

di pubblicata il , alle 09:41 nel canale Web
 

Kickstarter è notoriamente una piattaforma in cui è difficile essere visti e, di conseguenza, avere successo nel raccogliere i fondi. A quanto pare, però, la situazione è particolarmente disperata in Italia: chi avvia una campagna di raccolta fondi nel nostro Paese infatti ha meno del 20% di possibilità di farcela, stando allo storico dei progetti tra il 2009 e il 2017.

A rivelarlo è una infografica pubblicata su Reddit, che mostra i principali Paesi dove vengono avviate campagne sul sito di crowdfunding e le principali caratteristiche delle campagne che hanno avuto successo. Stando ai dati raccolti, il nostro Paese è quello che ha ottenuto i risultati peggiori in assoluto, con solo il 18% dei progetti approvati; i Paesi migliori, invece, sono gli Stati Uniti (38%), Hong Kong (37%) e Regno Unito (36%). Non si tratta nemmeno di una questione di piccoli numeri: dal nostro Paese sono partite ben 2800 campagne di raccolta fondi.

Successo su Kickstarter

A giocare particolarmente a favore della raccolta, stando ai dati raccolti, sono alcuni fattori come il tempo a disposizione (le campagne che durano 14 giorni o meno hanno più successo), la tipologia (più del 50% delle campagne ha avuto successo solo nei settori danza, teatro e fumetti), e la quantità di denaro richiesto. Le campagne che richiedono poco denaro hanno infatti statisticamente più successo, com'è logico aspettarsi: ciò che appare meno evidente è però il fatto che anche richiedendo meno di 100$ si abbia un tasso di successo di poco superiore al 50%, con un picco negativo inferiore al 5% quando vengono richiesti più di 250.000$.

Le campagne che riguardano la tecnologia e il giornalismo hanno i risultati peggiori, rispettivamente con il 20% e 21% di successi.

Il tasso di progetti che hanno poi reale successo, nel senso che riescono a concludere positivamente il progetto proposto, è probabilmente ancora minore. Sono innumerevoli infatti le storie di progetti finiti male, in cui non sono stati consegnati i beni proposti e non è stato possibile alcun rimborso per gli utenti. Il crowdfunding rimane ancora oggi un mezzo rischioso per ottenere prodotti, anche se sono comunque molte le storie importanti di successo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Dumah Brazorf20 Luglio 2018, 10:06 #1
Fanno campagne per chiedere 100$?
Spawn758620 Luglio 2018, 10:19 #2
Spesso e volentieri non si capisce che non basta creare un buon kickstarter, lo devi pubblicizzare. Devi far parlare di te e deve essere qualcosa che veramente attira o meriti.
Generalmente invece si lavora nel classico modo: si crea una pagina con niente di concreto, tante belle parole e si spera che funzioni -_-". Non mi riferisco neanche solo all'Italia...
cignox120 Luglio 2018, 10:20 #3
--Fanno campagne per chiedere 100$?

Anche per 1000$ lo sbattimento mi pare troppo: fai un lavoretto serale/chiedi aiuto ad amici e parenti e li tiri su.
A meno che non vivi in posti dove 100$ equivalgono a 10000$ da noi...
Titanox220 Luglio 2018, 10:33 #4
ancora non l'hanno chiuso?
Gyammy8520 Luglio 2018, 10:56 #5
Originariamente inviato da: Dumah Brazorf
Fanno campagne per chiedere 100$?


Esattamente, con buona pace degli analisti di turno "l'italia è pronta per il futuro campagne anche per comprare lo shampoo sulle piattaforme crowdfunding"
I risultati erano prevedibili, quando si affrontano problematiche serie in maniera infantile, anche se poi uno passa sempre per gufo e sfigato.
Wonder20 Luglio 2018, 10:59 #6
Spero che chiudano al più presto Kickstarter e Indiegogo, solo brutte esperienze di soldi buttati, lunghissime attese e progetti o non finiti o finiti con specifiche completamente diverse dalle promesse. Falliti
Spawn758620 Luglio 2018, 11:23 #7
Originariamente inviato da: Wonder
Spero che chiudano al più presto Kickstarter e Indiegogo, solo brutte esperienze di soldi buttati, lunghissime attese e progetti o non finiti o finiti con specifiche completamente diverse dalle promesse. Falliti


Sono piattaforme per finanziare progetti, non negozi. L'utente deve scegliere con cura i progetti solo ed esclusivamente se gli interessano e se credono nello sviluppatore.
Dal punto di vista fumettistico è di fatto una fantastica piattaforma per chi viene scansato dai publisher ma è convinto di avere tra le mani un prodotto appetibile, cosa che di fatto qui in Italia è abbastanza comune.
Mi dispiace che tu abbia avuto pessime esperienze, ma augurare la chiusura di queste piattaforme e chiamare tutti falliti è eccessivo oltre che strano: mica sono i gestori di kickstarter/indiegogo ad aprire le campagne -_-"
Rizlo+20 Luglio 2018, 11:35 #8
Ma no... Credo intendessero campagne per prodotti che costano 100$, quindi a testa non un croudfunding per raccimolare 100$, non credo nemmeno si possa fare, sarebbe ridicolo...
Wonder20 Luglio 2018, 12:07 #9
Originariamente inviato da: Spawn7586
Mi dispiace che tu abbia avuto pessime esperienze, ma augurare la chiusura di queste piattaforme e chiamare tutti falliti è eccessivo oltre che strano: mica sono i gestori di kickstarter/indiegogo ad aprire le campagne -_-"

Chiaro, però non ci sono tutele e i soldini non tornano indietro.
Appunto paghi un'idea, un progetto, e però neanche quello viene rispettata.
Per i fumetti ovviamente è un altro discorso
thresher325320 Luglio 2018, 12:11 #10
Originariamente inviato da: Spawn7586
Sono piattaforme per finanziare progetti, non negozi. L'utente deve scegliere con cura i progetti solo ed esclusivamente se gli interessano e se credono nello sviluppatore.

A volte non basta neanche quello, c'è stata gente rispettabilissima e con esperienza nel settore che prende i soldi e scappa o non rispetta gli accordi nonostante raggiungano gli obiettivi preposti.

Per il resto ok finanziare i progetti e vederla più come una donazione che un acquisto, ma se prometti qualcosa e vieni effettivamente finanziato poi mi sembra il minimo consegnare quello che hai proposto o almeno tirare fuori i soldi di tasca tua per rimborsare i finanziatori. Altrimenti sono tutti bravi a fare gli imprenditori a fondo perduto.
Originariamente inviato da: Rizlo+
Ma no... Credo intendessero campagne per prodotti che costano 100$, quindi a testa non un croudfunding per raccimolare 100$, non credo nemmeno si possa fare, sarebbe ridicolo...


Certo che li fanno. Sono progettini del cazzo magari messi lì come scuse per farsi qualche soldo veloce che per fortuna spesso falliscono.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^