Trump: post cancellato su Facebook (prima volta) e bloccato su Twitter: disinformazione sul COVID-19

Trump: post cancellato su Facebook (prima volta) e bloccato su Twitter: disinformazione sul COVID-19

Per la prima volta Facebook cancella un post del TeamTrump, motivando la scelta senza precedenti per disinformazione sul COVID-19. Account bloccato su Twitter fino a rimozione dei post incriminati, per lo stesso motivo

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Web
 

Nelle ultime ore Facebook ha cancellato un post del TeamTrump, riferimento ufficiale sul social network del presidente USA Donald Trump, motivando la scelta senza precedenti con una una palese violazione sulle regole anti fake news a tema COVID-19. Fino ad oggi però il social network aveva adottato una linea più morbida, apponendo un flag (in passato) o allegando link a siti di fact-checking. Sicuramente una scelta difficile molto discussa a porte chiuse, che poi è culminata appunto nella rimozione del post.

Tutto verte intorno ad una dichiarazione di Trump in cui afferma che i bambini sono "quasi immuni" al COVID-19 e, considerando il peso che le parole di una persona così influente può avere, Fabebook ha ritenuto opportuno passare direttamente alla cancellazione. I bambini non sono affatto immuni: manifestano molto meno i sintomi e sono generalmente meno soggetti a evoluzioni gravi della malattia, ma il virus lo contraggono e possono veicolarlo.

Twitter inoltre ha proprio bloccato l'account del Presidente, fino alla rimozione di un altro post incriminato sullo stesso tema, estrapolato da un discorso fatto da Trump stesso ad una intervista a Fox News. Con l'avvicinarsi delle presidenziali il tema COVID-19 in USA è uno dei più discussi, con toni e modalità amplificati appunto dai social network. Il ruolo di questi, lo si è visto nel corso degli ultimi anni, è diventato cruciale per la diffusione della propaganda, sia nella buona che nella cattiva fede.

Facebook e Twitter si trovano sempre più in una situazione delicata e ben consapevoli di come molte affermazioni, talvolta false, possano diffondere ipotetiche certezze in un numero elevatissimo di persone, con conseguenze potenzialmente molto pericolose. Stupisce fino a un certo punto quindi che agli "influencer" sia riservata molta più attenzione, con azioni e provvedimenti scelti di volta in volta. Troppo facile criticare o appoggiare incondizionatamente a seconda del credo politico: social network da miliardi di utenti non si erano mai visti e tutto è un adeguamento in corsa, alla ricerca di una mediazione difficilissima fra i concetti di censura e coscienza.

71 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Unrue06 Agosto 2020, 10:14 #1
Finalmente, a forza di scrivere cazzate su cazzate almeno una è stata cancellata. L'uomo più influente al mondo non può continuare ad usare i social network come un ragazzino.
doctor who ?06 Agosto 2020, 10:36 #2
Ed ora aspettiamo quelli che vengono a citare 1984 a cazzo di cane ed a spiegarci che "quasi immuni" in klingon vuole dire "manifestano molto meno i sintomi e sono generalmente meno soggetti a evoluzioni gravi della malattia, ma il virus lo contraggono e possono veicolarlo"

Quindi anche sta volta, fake news dei poteri forti
medicina06 Agosto 2020, 11:03 #3
Ce ne hanno risparmiata una, ma contro tutte le altre fanno ben poco.
CYRANO06 Agosto 2020, 11:03 #4
Non capisco cosa abbia detto di sbagliato.
Ha scrito " quasi immuni" che nn vuol dire " immuni".
E' come se dicessero che i maschi sono quasi immuni alla cellulite, magari 1 su 100.000 ce l'ha ma è l'eccezione...


Còsòlmslmsòlmslms
WarDuck06 Agosto 2020, 11:08 #5
Questa è censura bella e buona, e non può essere giustificata in nessuna maniera ammissibile, Trump o non Trump, che possa stare simpatico o meno, o che abbia detto stronzate in precedenza o meno.

Dire che i bambini sono quasi immuni, non può essere considerata una fake news, quando è un fatto noto in tutto il mondo scientifico.

Questa è una cosa molto grave.
demon7706 Agosto 2020, 11:09 #6
Originariamente inviato da: CYRANO
Non capisco cosa abbia detto di sbagliato.
Ha scrito " quasi immuni" che nn vuol dire " immuni".
E' come se dicessero che i maschi sono quasi immuni alla cellulite, magari 1 su 100.000 ce l'ha ma è l'eccezione...


Còsòlmslmsòlmslms


Si.
Più precisamente è come dire "abbiamo ustioni gravi solo sul 30% del corpo, il resto è sano"
Quindi stai quasi bene.
Gio2206 Agosto 2020, 11:11 #7
veramente sul covid 19 un po' tutti hanno sparato cazzate a cominciare dall'oms.
pabloski06 Agosto 2020, 11:11 #8
Originariamente inviato da: doctor who ?
Ed ora aspettiamo quelli che vengono a citare 1984 a cazzo di cane ed a spiegarci che "quasi immuni" in klingon vuole dire "manifestano molto meno i sintomi e sono generalmente meno soggetti a evoluzioni gravi della malattia, ma il virus lo contraggono e possono veicolarlo"

Quindi anche sta volta, fake news dei poteri forti


Evidentemente non ricordi i professoroni italiani, che a Marzo-Aprile chiosavano: "i bambini non vengono infettati". Perchè loro non sono stati censurati?

Il fatto che i bambini abbiano una sorta d'immunità è vero ed è oggetto di studio ancora oggi. Una ricercatrice napoletana spiegò anche il perchè, ovvero la ridotta quantità di recettori per la particolare molecola "spiking" del Sars-Cov2.

Con questa manovra, Facebook e soci hanno dimostrato, oltre ogni ragionevole dubbio, di essere macchine censorie al servizio di una certa politica.

Di cazzate Trump ne scrive tante, ma loro vanno a censurare l'unico post in cui dice una cosa condivisa da una larghissima parte della comunità scientifica.

Inutile far notare che ci sono post ben peggiori, di personaggi non così in alto, ma comunque molto influenti, tipo alcuni leader di BLM che inneggiano al linciaggio dei bianchi. Per non parlare di alcuni media outlet che nascondono le immagini e i video delle violenze perpetrate da Antifa.

Se non notate la parzialità dei media, allora è ora di prendere la pillola rossa.
doctor who ?06 Agosto 2020, 11:14 #9
Originariamente inviato da: CYRANO
Non capisco cosa abbia detto di sbagliato.
Ha scrito " quasi immuni" che nn vuol dire " immuni".
E' come se dicessero che i maschi sono quasi immuni alla cellulite, magari 1 su 100.000 ce l'ha ma è l'eccezione...


Còsòlmslmsòlmslms



Non ha detto i plumcake non hanno calorie.

Stai ignorando che, in questo caso, la cazzata del giorno è potenzialmente pericolosa.


Originariamente inviato da: pabloski
Evidentemente non ricordi i professoroni italiani, che a Marzo-Aprile chiosavano: "i bambini non vengono infettati". Perchè loro non sono stati censurati?

Il fatto che i bambini abbiano una sorta d'immunità è vero ed è oggetto di studio ancora oggi. Una ricercatrice napoletana spiegò anche il perchè, ovvero la ridotta quantità di recettori per la particolare molecola "spiking" del Sars-Cov2.

Con questa manovra, Facebook e soci hanno dimostrato, oltre ogni ragionevole dubbio, di essere macchine censorie al servizio di una certa politica.

Di cazzate Trump ne scrive tante, ma loro vanno a censurare l'unico post in cui dice una cosa condivisa da una larghissima parte della comunità scientifica.

Inutile far notare che ci sono post ben peggiori, di personaggi non così in alto, ma comunque molto influenti, tipo alcuni leader di BLM che inneggiano al linciaggio dei bianchi. Per non parlare di alcuni media outlet che nascondono le immagini e i video delle violenze perpetrate da Antifa.

Se non notate la parzialità dei media, allora è ora di prendere la pillola rossa.



I social sono controllati dai comunisti


Ci sono anche leader di destra che inneggiano ad affondare le navi di migranti, come ci sono "giornali" come il giornale che sono ampiamente schierati a destra.

Non ci vedo nulla di strano, sono fatti di persone e le persone hanno idee e schieramenti.

Poi ci sono invece quelli che piangono perchè scelgono di indossare le fette di prosciutto su gli occhi e vedere solo gli schieramenti "nemici"
pabloski06 Agosto 2020, 11:14 #10
Originariamente inviato da: WarDuck
Questa è censura bella e buona, e non può essere giustificata in nessuna maniera ammissibile, Trump o non Trump, che possa stare simpatico o meno, o che abbia detto stronzate in precedenza o meno.

Dire che i bambini sono quasi immuni, non può essere considerata una fake news, quando è un fatto noto in tutto il mondo scientifico.

Questa è una cosa molto grave.


Purtroppo c'è tanta gente che ha preferito la pillola blu. E' deprimente notare che, per simpatie/antipatie politiche, ci sia gente che spegne il cervello e ripete a pappagallo i mantra di questo o quel politico, di questo o quel "filantropo" multimiliardario.

Io resto convinto del fatto che una parte dell'umanità soffra della sindrome di Stoccolma.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^