Tor Project, la Carneige Mellon University nega di aver ricevuto soldi dall'FBI

Tor Project, la Carneige Mellon University nega di aver ricevuto soldi dall'FBI

Arriva la smentita ufficiale dell'università: nessun finanziamento dall'agenzia federale. Ma non viene precisato se l'università abbia comunque aiutato l'FBI nell'indagine

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:02 nel canale Web
 

La Carneige Mellon University ha ufficialmente risposto alle accuse mosse da Tor Project sul presunto finanziamento che l'FBI avrebbe elargito all'università chiedendole un aiuto a scardinare l'anonimato della rete Tor.

In un secco comunicato rilasciato nel corso della giornata di ieri la Carneige Mellon afferma che il Software Engineering Institute non ha ricevuto alcun pagamento diretto per la sua ricerca effettuata su Tor da parte dell'FBI o da parte di altro organismo governativo. Nel comunicato si legge però anche: "Nel corso del suo lavoro l'università riceve mandati che richiedono informazioni sulle ricerche che ha compiuto. L'università rispetta le norme di legge, ottempera ai mandati non riceve finenziamenti per la conformità a quanto richiesto".

L'università smentisce direttamente le accuse sollevate da Roger Dingledine, responsabile di Tor Project, che nei giorni scorsi aveva accusato l'FBI di aver finanziato con almeno 1 milione di dollari la CMU per de-anonimizzare gli utenti Tor e rivelare i loro indirizzi IP nel contesto di una indagine delle autorità L'FBI aveva già definito come "inaccurate" le accuse di Tor Project, sebbene non avesse specificato se l'inaccuratezza fosse riferita al finanziamento o alla ricerca condotta dalla Carneige Mellon. In ogni caso anche il comunicato della Carneige Mellon non va a confermare o smentire il fatto che la sua ricerca sia satata condotta su richiesta dell'FBI.

Tor Project, nonostante la posizione ufficiale della CMU, continua sulla propria strada: la portavoce Kate Krauss ha infatti osservato che le dichiarazioni dell'università sollevano ancora qualche domanda come ad esempio quale genere di mandato l'FBI abbia inviato alla Carneige Mellon e se il consiglio di revisione dell'università abbia provato la ricerca su Tor. Domande a cui la CMU non ha dato risposta, rimandando al comunicato emesso. In ogni caso l'onere di provare le accuse resta a Tor Project, che ancora non ha fornito elementi concreti a supporto della propria tesi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ginopilot19 Novembre 2015, 17:15 #1
tor e' una cloaca
bio.hazard19 Novembre 2015, 17:17 #2
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Arriva la smentita ufficiale dell'università: nessun finanziamento dall'agenzia federale.


vabbè, ma che problema c'è a crederci?
qui da noi ci sono Signori Giudici che hanno creduto che al Ministro dell'Interno gli comprano delle case a sua insaputa...
ultordeux19 Novembre 2015, 22:48 #3
figuriamoci se non controllano anche tor
ComputArte20 Novembre 2015, 09:36 #4

Questa tecnologia è "sublime"....

Grossa delusione!
....invece di essere una tecnologia che consente la libera espressione dei diritti civili, sta diventando uno strumento di controllo e spionaggio senza limiti!
Grazie a tutte le società ICT che hanno creato questa realtà!
....se Olivetti fosse stato supportato invece che ostacolato forse avremmo auto una alternativa indipendente.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^