TIMVision: va avanti lo spot con Lino Banfi. Nessuna censura da parte di alcuna autorità

TIMVision: va avanti lo spot con Lino Banfi. Nessuna censura da parte di alcuna autorità

Nessun cambio di programma nello spot di TIMVision con Lino Banfi che sembrava fosse stata denunciata dal Moige per tutelare i minori. Sulla questione TIM si pronuncia dichiarando di non aver modificato il palinsesto degli spot che continueranno col popolare attore italiano.

di pubblicata il , alle 14:55 nel canale Web
TIM
 

TIM non modifica il suo spot per TIMVision con Lino Banfi in cui, il famoso attore, pronuncia la famosa imprecazione ''porca puttena'' durante la versione ufficiale mandata in onda. La richiesta di modificare la pubblicità da parte del Movimento italiano genitori (Moige) all'Istituto di autodisciplina pubblicitaria e al Comitato tv minori, non crea alcuna censura a dispetto di quanto dichiarato dal moige e lo spot continuerà ad essere trasmesso come da programma.

TIMVision e la parola di troppo nello spot di Lino Banfi

Nessun addio dunque alla frase tormentone del comico pugliese con richiamo al film cult “L’allenatore nel pallone“, ritornata in auge nei mesi scorsi grazie a Euro2020 con le esultanze degli azzurri Immobile e Insigne, i due campioni avevano omaggiato l’attore citando la sua battuta dopo aver fatto gol. Dalle dichiarazioni del Moige sembrava che TIM dovesse modificare lo spot eliminando l'esclamazione incriminata di Banfi. Nulla di ciò accadrà perché come precisato da TIM "non risulta nessun provvedimento del Giurì dell’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria o del Comitato Media e Minori e che pertanto non vi è stata nessuna censura. La diffusione degli spot previsti a supporto dell’offerta calcio sta proseguendo secondo quanto pianificato lo scorso luglio" .

 

La vicenda e le polemiche sullo spot erano partite dal comunicato emesso dal Moige che rivendicava la fondatezza delle sue osservazioni sui diritti dei minori in TV e sul web, troppo spesso trascurati in sede di programmazione e realizzazione degli spot e dei programmi. Secondo quanto dichiarato dal Moige quanto accaduto dimostrava quanta strada resta da fare, anche se è incoraggiante cominciare finalmente a parlare di diritti dei minori in TV e sul web.

Il Moige aveva ribadito che non vi era stata alcuna condanna a Lino Banfi. Il Movimento Italiano Genitori infatti teneva a specificare che oggetto dell’intervento è stato lo spot TIM, non il suo protagonista, e che oggetto della richiesta è stata non la cancellazione dai palinsesti e dal web della clip TIMVision ma l’esclusione dal circuito dei minori, come doveroso in questi casi. Non si è trattato quindi di una richiesta di censura né di un qualsiasi attacco o denuncia personale a Lino Banfi, personaggio amatissimo da tutti gli italiani: si è trattato di una semplice richiesta/segnalazione di mostrare agli adulti uno spot adatto agli adulti.

37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
montanaro7931 Agosto 2021, 15:13 #1
Ma per favore... Quanto bigottismo...
boboviz31 Agosto 2021, 15:17 #2
Quelli del Moige dovrebbero, semplicemente, sparire dalla faccia della terra.
dado197931 Agosto 2021, 15:17 #3
Cagate... e pure parecchio grandi a parer mio.
Una norma non potrà MAI distinguere due situazioni simili dal punto di vista legale ma completamente diverse nella realtà (per diversi motivi tra cui il trovarsi nella situazione).
Basterebbe che il Moige fosse almeno meno presuntuoso e pretendesse meno di avere la verità in tasca.
Titanox231 Agosto 2021, 15:20 #4
poi inizia il film e vedi scene di sesso ovunque, donne seminude, film erotici alle 21 ecc...
demon7731 Agosto 2021, 15:23 #5
Che squallido teatrino ipocrita.
io78bis31 Agosto 2021, 15:30 #6
Non c’è niente di antimoderno, niente di censorio nella richiesta di linguaggi adeguati ai minori, in uno spot a loro destinato


Certo perchè l'abbonamento lo paga il bambino/minore non il genitore.

Non sono per la volgarità in TV ma non si può nemmeno arrivare a certe censure ridicole, considerando poi che non credo proprio i bambini imparino certe espressioni dalla TV.
A questo punto mettiamo i bollini rossi anche a tutte le trasmissioni di intrattenimento visto che le varie vallette/ballerine sono sempre più svestite e i miei nipoti incominciano a soffrirne :-D
Saturn31 Agosto 2021, 15:40 #7
Mamma mia, mamma mia che bigottismo inutile...invece le altre pubblicità senza parolacce, ma invece con una topona nuda come mamma l'ha fatta che pubblicizza un'acqua minerale mentre molesta un pitone (il rettile dico) lungo sei metri sussurrando qualcosa tipo "acqua pitone, sempre dentro di me !" quella va bene invece.

Sapete che ripensandoci bene, mi sta venendo il dubbio che non fosse una pubblicità, ma qualcosa di diverso quella scena sopra descritta...

...controllerò !
Gabro_8231 Agosto 2021, 15:42 #8
Originariamente inviato da: io78bis
Certo perchè l'abbonamento lo paga il bambino/minore non il genitore.

Non sono per la volgarità in TV ma non si può nemmeno arrivare a certe censure ridicole, considerando poi che non credo proprio i bambini imparino certe espressioni dalla TV.
A questo punto mettiamo i bollini rossi anche a tutte le trasmissioni di intrattenimento visto che le varie vallette/ballerine sono sempre più svestite e i miei nipoti incominciano a soffrirne :-D


Dovrebbero anche censurare tutte le varie pubblicità in TV e manifesti in strada dove ci sono sempre donne seminude.
E non ditemi che lo fanno perchè promuovono prodotti di bellezza (Creme, intimo, ecc..) molto spesso le pubblicità non hanno nulla a che fare con il corpo femminile.
Unax31 Agosto 2021, 15:43 #9
è dai tempi di Goldrake che il Moige fa ste cose
demon7731 Agosto 2021, 15:43 #10
Una risata vi seppellirà.

https://www.youtube.com/watch?v=oUn4-6huLOM

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^