Thingful.net, il motore di ricerca per la internet delle cose

Thingful.net, il motore di ricerca per la internet delle cose

Thingful.net è un motore di ricerca che consente di individuare su una mappa la posizione di svariate tipologie di sensori disseminati per il mondo

di pubblicata il , alle 15:11 nel canale Web
 

Pedometri, sensori, ma anche frigoriferi e lavatrici. Questi dispositivi dialogano tutti con internet e abbiamo già superato il punto in cui sono in numero maggiore le "cose" connesse che le persone che utilizzano queste "cose". Stiamo parlando naturalmente di Internet of Things, un ecosistema di gadget e prodotti che nel corso dei prossimi anni raggiungerà quota 50 miliardi e per rintracciarne una buona parte c'è Thingful.net, un motore di ricerca per i gadget interconnessi.

Non si tratta di un servizio del tutto nuovo, anzi è stato lanciato nel 2013 dalla società Umbrellium, tuttavia merita una menzione ancora oggi. Si tratta di una mappa interattiva che consente di conoscere dove nel mondo si trovano determinati dispositivi: naturalmente per motivi di privacy non sono presenti proprio tutti i gadget connessi ma vengono raccolti i dati di Xively, che immagazzina i dati dei sensori sul cloud, di USGS Earthquake Hazard Program, che documenta le attività sismiche, e di Marinetraffic.com, che mostra dove si trovano le navi in tutto il mondo.

Thingful.net raccoglie tutti questi dati e li inserisce in una mappa con le posizioni geolocalizzate con precisione. È possibile cercare un luogo digitando il suo nome e verificando cos'è presente nella zona, e l'utente può naturalmente navigare sulla mappa trascinando un punto, come avviene su altri servizi cartografici, o effettuando uno zoom. Ogni tipo di dato viene contrassegnato da un colore e cliccando su di esso si viene condotti al sito da cui proviene lo stesso dato. Nel servizio ci sono dati di tutti i tipi, da sensori per la qualità dell'aria a squali geolocalizzati.

L'utente può quindi verificare i valori e le posizioni dei vari sensori e fra le tante opportunità può anche seguire lo spostamento degli squali negli oceani. Rendere disponibili questi dati può essere decisamente importante in alcune circostanze, come nelle calamità naturali e non, ad esempio SafeCast utilizzando dati di svariati sensori in passato aveva tenuto sotto traccia le variazioni di radiattività nell'area di Fukushima, ai tempi dei problemi insorti su una delle centrali nucleari.

Gli utenti possono registrarsi e identificarsi sul servizio utilizzando Twitter, con la speranza da parte del fondatore Usman Haque di creare una community aperta al dialogo. L'idea alla base di Thingful.net è infatti "costruire relazioni su relazioni", non solo fra i dispositivi della Internet of Things, ma anche e soprattutto fra le persone che li usano. Potete trovare maggiori dettagli sul servizio a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
bio.hazard18 Novembre 2016, 07:13 #1
Ma non c'è già Shodan come motore di ricerca per questo tipo di interrogazioni, oppure mi sbaglio?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^