Square punta sulle criptovalute "sostenibili": investimento di 5 milioni di dollari per una mining farm di Bitcoin 100% solare

Square punta sulle criptovalute "sostenibili": investimento di 5 milioni di dollari per una mining farm di Bitcoin 100% solare

La società collaborerà con Blockstream per realizzare una mining farm completamente basata su risorse rinnovabili. Intanto pensa anche a realizzare un wallet hardware per le critpovalute

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Web
BitcoinsquareTwitter
 

Square, società di servizi finanziari e pagamenti digitali fondata da Jack Dorsey, ha intenzione di collaborare con Blockstream Mining per realizzare un datacenter per il mining di Bitcoin basato interamente su energia solare. L'annuncio arriva da Blockstream e viene confermato da Square tramite un Tweet che si dice "impegnata a promuovere un'ulteriore adozione ed efficienza delle energie rinnovabili all'interno dell'ecosistema Bitcoin".

Il supporto di Square sarà materiale, con l'investimento di 5 milioni di dollari nella realizzazione della struttura che viene vista come una "proof of concept per una mining farm di Bitcoin che operi con il 100% di energia rinnovabile su larga scala". La nuova farm sarà realizzata in uno dei siti di Blockstream su territorio statunitense.

Nel comunicato di Blockstream si legge: "Speriamo di dimostrare che un'infrastruttura di mining (basata su) energie rinnovabili nel mondo reale non solo è possibile, ma possa dimostrare empiricamente che Bitcoin accelera il mondo verso un futuro sostenibile".

Il problema della sostenibilità energetica, e quindi ambientale, delle operazioni di mining è un tema divenuto particolarmente sentito nel passato recente a seguito dell'inversione di rotta di Elon Musk sull'accettare Bitcoin come pagamento per le vetture e con la successiva costituzione del Bitcoin Mining Council per promuovere la trasparenza sull'utilizzo dell'energia e accelerare le iniziative di sostenibilità in tutto il mondo.

Ricordiamo che Jack Dorsey è anche CEO e fondatore di Twitter, nonché fervido sostenitore di Bitcoin. Nel 2018 Dorsey espresse la visione che la criptovaluta più famosa sarebbe divenuta la "moneta globale unica" nel giro di 10 anni. Square ha investito 50 milioni di dollari in Bitcoin lo scorso ottobre, e altri 170 milioni di dollari a febbario. Gli utenti di Square possono utilizzare l'app Cash per acquistare Bitcoin.

Nei giorni scorsi Dorsey ha inoltre fatto sapere, sempre via Twitter, che Square sta valutando l'opportunità di realizzare un wallet hardware per Bitcoin, costruendolo completamente aperto e in collaborazione con la community. "Bitcoin è per tutti. E' importante costruire un prodotto inclusivo che offra una soluzione non-custodial per il mercato globale".

Nel lungo Tweetstorm (13 post) Dorsey afferma: "E' probabile che un'attenzione senza compromessi sull'interazione mobile vada ad interessare la maggior parte delle persone" sottolineando quindi l'intenzione di voler integrare in qualche modo l'hardware wallet con lo smarthpone. In ogni caso Dorsey ha un punto fermo: "Se lo facessimo, lo costruiremmo interamente aperto, dalla progettazione del software e dell'hardware e in collaborazione con la community". Se Square dovesse procedere con l'idea, Dorsey ha promesso la creazione di account Twitter e Github dedicati al progetto per consentire al pubblico e a chi volesse partecipare di seguirne i progressi.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Gringo [ITF]07 Giugno 2021, 12:29 #1
Potremmo direttamente investire su una sfera di Dyson, abbasseremmo la temperatura del pianeta e avremmo un server bitcoin direttamente attorno al sole..... Bhu hahahahahh!!!!!
acerbo07 Giugno 2021, 12:33 #2
Domanda da ingnorante in materia, ma i bitcoin non erano stati pensati per essere prodotti in numero limitato?
Non ricordo dove l'ho letto, ma credo che ormai il costo di produzione ha superato il vantaggio economico proprio perché si sta arrivando a fine corsa.
pipperon07 Giugno 2021, 12:59 #3
quindi durante l'inverno non mineranno e dovranno spendere 5 volte gli asic dei concorrenti?

come incendiare banconote vere per giocare a monopoli
Tuvok-LuR-07 Giugno 2021, 13:07 #4
Originariamente inviato da: acerbo
Domanda da ingnorante in materia, ma i bitcoin non erano stati pensati per essere prodotti in numero limitato?
Non ricordo dove l'ho letto, ma credo che ormai il costo di produzione ha superato il vantaggio economico proprio perché si sta arrivando a fine corsa.


e' come dici, ma la gran parte del "mining" per come e' inteso oggi e' la potenza di calcolo necessaria ad aggiungere blocchi alla blockchain, cioe' a completare le transazioni
frncr07 Giugno 2021, 15:32 #5
"Speriamo di dimostrare che un'infrastruttura di mining (basata su) energie rinnovabili nel mondo reale non solo è possibile, ma possa dimostrare empiricamente che Bitcoin accelera il mondo verso un futuro sostenibile".

Che presa per il culo! Il discorso è totalmente fasullo: non è che alimentando una mining farm con energia fotovoltaica si elimini o riduca il suo costo energetico. Quell'energia "pulita" consumata nel mining non sarà destinata a un consumo utile, cui si dovrà sopperire da altra fonte, magari meno pulita. Lo stesso discorso vale anche se l'impianto fotoltaico venisse realizzato ex-novo apposta per alimentare la mining farm: sarebbero risorse sprecate per un uso inutile e sottratte agli usi utili (servono parecchi anni perché un impianto fotovoltaico arrivi a restituire con la produzione il costo energetico sostenuto per la sua realizzazione).

"Dai, aumentiamo a dismisura lo spreco di energia, così acceleriamo verso un futuro sostenibile!"

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^