Spotify a stelle e strisce, a giorni negli USA?

Spotify a stelle e strisce, a giorni negli USA?

Grazie ad importanti accordi Spotify sarebbe pronta ad arrivare sul mercato americano in tempi brevi: una sfida importante ai colossi del settore

di pubblicata il , alle 14:29 nel canale Web
Spotify
 

Spotify, a giorni, almeno secondo quanto riportano le indiscrezioni dovrebbe sbarcare su uno dei mercati più importanti del mondo, quello Statunitense.

Prima di affrontare l'argomento, è bene spiegare cosa è Spotify: si tratta di un servizio di fruizione musicale (che non funziona in Italia) che permette di ascoltare musica gratuitamente e senza doverla scaricare e direttamente dal web, a patto che si accettino degli spot durante l'ascolto e non si sorpassi un monte ore complessivo. Al servizio gratuito vengono inoltre affiancate formule di pagamento qualora si desiderasse non avere gli spot o si desiderasse acquistare i brani o non avere limiti nell'ascolto.

Il servizio di streaming, sviluppato in Svezia nell'Ottobre del 2008 è diventato nel corso dei mesi piuttosto famoso, tanto da attirare l'attenzione anche di personaggi del calibro di Zuckerberg: alcuni mesi fa, infatti, ci eravamo occupati, con questa notizia, della possibile integrazione del servizio di streaming in Facebook.

A Maggio 2011 Spotify era disponibile solo in Finlandia, Francia, Spagna, Olanda, Novegia, Svezia e UK. Il motivo è presto detto: in qualità di servizio di streaming musicale, infatti, per poter funzionare legalmente necessita di accordi con le major discografiche.

Spotify arriverà così sul mercato nord-americano, grazie soprattutto ad una nuova serie di finanziamenti e al raggiungimento di accordi con le principali etichette, tra cui manca però il colosso Warner Music Group. Il servizio di streaming si presenta negli stati uniti forte dei suoi 7 milioni di utenti (di cui circa 1 milione paganti) e si prepara così a sfidare i colossi iTunes Match, Google Music e Amazon Cloud drive. Non ci resta che attendere per sperare di vedere il servizio disponibile anche in Italia.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nervoteso11 Luglio 2011, 16:03 #1
x me quando si parla di streaming si fa ancora molta confusione: che cosa c'entrano itumes mathc e google music con spotify? spotify secondo me è un grandissimo servizio, molto diverso da quelli citati. spotify permette di ascoltare tutta la musica che si desidera in streaming, qualsiasi artista. itunes match e google permetono di ascoltare la propria musica ovunque, è molto diverso. con spotify puoi ascoltare qualsiasi artista ti venga in mente, itunes non mette invece a disposizione il suo lo sterminato database da cui si comprano i brani, ma ti permette di salvare sul cloud la tua musica, cosa x me inutile, visto che già possiedo un nas qnap che mi permette di ascoltare la mia libreria ovunque tramite 3g.
magari spotify si potesse sentire in italia, ma noi siamo i peggio
plinxie11 Luglio 2011, 16:55 #2

Miss it

Ho avuto modo di utilizzare Spotify per 6 mesi e lo vorrei pure qua ora, pensavo di passare alla premium tornato in Italia ma il controllo sul pagamento è paranoico e la fonte di pagamento deve provenire da un paese dove il servizio è attivo, quindi braccia conserte e aspetto con pazienza.
nervoteso11 Luglio 2011, 17:03 #3
beh un modo x attivarlo a pagamento anche in italia c'è, guarda un po' in rete come si fa:-))))) x me spotify è il n.1!!! anche qriocity non è male ma manca il supporto ad iphone e a squeezebox!
extremelover11 Luglio 2011, 17:04 #4
Originariamente inviato da: plinxie
Ho avuto modo di utilizzare Spotify per 6 mesi e lo vorrei pure qua ora, pensavo di passare alla premium tornato in Italia ma il controllo sul pagamento è paranoico e la fonte di pagamento deve provenire da un paese dove il servizio è attivo, quindi braccia conserte e aspetto con pazienza.


Aspetta e spera. Sembra che le leggi in Italia siano orientate a dare slancio alla pirateria...
AlanBoo12 Luglio 2011, 00:44 #5
ho letto un articolo qui, uno su Repubblica e mai nessuno parla di Zune pass...

io lo ho ed esiste dal 2008 lo streaming in italia.
shar-kali-sharri12 Luglio 2011, 02:03 #6
Originariamente inviato da: AlanBoo
ho letto un articolo qui, uno su Repubblica e mai nessuno parla di Zune pass...

io lo ho ed esiste dal 2008 lo streaming in italia.


Ha un database con le canzoni presenti?

Più in generale, esiste qualche servizio che ti permette di ascoltare la propria musica (tutta e non solo quanto acquistato con itunes) ovunque?
nervoteso12 Luglio 2011, 11:17 #7
sì, esiste music unlimited qriocity di sony, se hai un dispositivo sony (tv o lettore bluray). ma lo puoi installare anche su pc.
macboh12 Luglio 2011, 11:22 #8
Questo inverno mi hanno fatto provare gratis questo http://www.cubomusica.it/
in realtà era gratis per tutti gli abbonati ad un'adsl telecom. Non male come servizio, anche l'interfaccia grafica non me l'aspettavo così intuitiva da un prodotto telecom XD anche se era migliorabile. Adesso non saprei se sono stati fatti dei miglioramenti, il prezzo mensile per il momento è in promo ma se invece lo mantenessero anche in futuro considererei l'idea.
nervoteso12 Luglio 2011, 12:58 #9
se è x questo esiste anche play.me, ma questi servizi non sono all'altezza...tutta roba commerciale e italiana
AlanBoo12 Luglio 2011, 15:38 #10
@shar-kali

non posso ancora uploadare la mia musica e ascoltarla in streaming...
posso però ascoltare tutto il loro DB pagando una quota annuale...
io adesso pago 90€ all'anno per avere tutto.

quindi a parte casi particolari di album mancanti ho tutto e posso ascoltarla ovunque senza scaricare/uploadare nulla

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^