Scandalo porno su Instagram: 1 milione di video nascosti sotto hashtag arabi

Scandalo porno su Instagram: 1 milione di video nascosti sotto hashtag arabi

1 milione di video con contenuti pornografici, tutti riproducibili su Instagram come se fossero comuni video di utenti altrettanto comuni. Tutti nascosti sotto lunghi hashtag in lingua araba contenente la parola movies

di pubblicata il , alle 12:30 nel canale Web
Instagram
 

È noto che Instagram non accetta contenuti sessualmente espliciti. Anzi, per l'esattezza si è scagliato più volte anche con il nudo artistico rimuovendo all'occorrenza foto e video in violazione dei termini d'uso del servizio. Si tratta di una pratica che la società, di proprietà di Facebook, condivide con molti altri concorrenti diretti e indiretti. Tutti i più grandi nomi del web e della tecnologia cercano di arginare la pornografia: Google la vieta sul suo circuito pubblicitario, ad esempio, Apple dalle app su App Store.

Scandalo porno su Instagram

È proprio per questo che la notizia dei giorni scorsi sulla presenza di oltre 1 milione di video pornografici su Instagram ha avuto una enorme risonanza sul web. Si tratta di un problema di certo non nuovo per la piattaforma di condivisione foto e video, che nel corso del tempo la società era riuscita ad aggirare vietando l'uso degli hashtag di base utilizzati per questi contenuti. Tuttavia c'è chi è riuscito a superare le restrizioni di Instagram utilizzando degli hashtag estremamente lunghi e complessi che l'algoritmo della società non riesce a riconoscere.

Lo ha scoperto il blogger Jed Ismael, che ha rilevato tantissime immagini e clip sessualmente esplicite sul servizio che non venivano servite con alcun segnale d'avviso: "La lunghezza dei filmati è limitata su Instagram, ma non il loro effetto sulle generazioni più giovani", ha scritto Ismael sulla sua pagina web. "È molto probabile che bambini e ragazzi abbiano visto del porno su Instagram". La stima del milione proviene dallo stesso blogger, che è inciampato sui video semplicemente cercando l'hashtag #movies in lingua araba: #افلام.

Al momento in cui scriviamo i video contraddistinti dalla dicitura sono stati rimossi al fine di capire in profondità quanto accaduto e ricercare ulteriori riferimenti sul social network verso il mondo della pornografia. Le linee guida di Instagram sono infatti decisamente severe sull'argomento e si sono inasprite maggiormente l'anno scorso: "Sappiamo che a volte la gente vorrebbe condividere immagini di nudo artistico o creativo, ma per varie ragioni non ammettiamo alcuna nudità sul servizio", leggiamo fra le regole del servizio. "Fra queste menzioniamo foto, video e contenuti digitali che mostrano rapporti sessuali, genitali e primi piani di glutei completamente nudi".

Ma l'algoritmo "censore" del servizio può anche sbagliarsi, con gli utenti che stanno apparentemente cercando nuovi metodi per sfuggire all'occhio vigile del software. In questo caso ci sono riusciti, ma è comunque encomiabile la celerità di risposta di Instagram che ha prontamente rimosso tutti i file relativi allo scandalo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
aqua8417 Marzo 2016, 12:38 #1
Al momento in cui scriviamo i video contraddistinti dalla dicitura sono stati rimossi al fine di capire in profondità quanto accaduto e ricercare ulteriori riferimenti sul social network verso il mondo della pornografia.

azz.. sono arrivato tardi!!

riuscirò a trovare altri video pornografici in rete?? dovrei "sbrigare" urgentemente una "faccenda"
Bazzu17 Marzo 2016, 12:45 #2
ma con tutte le piattaforme di streaming gratuite di porno, ce n'era bisogno?
Mith8917 Marzo 2016, 12:45 #3
"se venissero chiusi tutti i siti porno su internet resterebbe un solo sito: www.ridateciiporno.org" cit. dott. Cox
pingalep17 Marzo 2016, 13:14 #4
dopo le targhe in arabo vendute a peso d'oro in inghilterra perchè impossibili da trascrivere rapidamente per i vigili e quindi da multare...

...che silk road 2.0 sia in arabo e le intelligence occidentali non riescano a beccarla per questo?
bigbox16817 Marzo 2016, 13:39 #5
"...È molto probabile che bambini e ragazzi abbiano visto del porno su Instagram..."

È molto probabile che bambini e ragazzi abbiano visto del porno.
privateeye17 Marzo 2016, 13:43 #6

Giusto!

È giusto censurare. Troppo facile la vita per questi ragazzotti che aprono una app e trovano porno. Che facciano come facevamo noi: ore e ore di perlustrazione discariche per trovare un Le Ore 'usato' e cartonato!
kamon17 Marzo 2016, 13:54 #7
Originariamente inviato da: Bazzu
ma con tutte le piattaforme di streaming gratuite di porno, ce n'era bisogno?


Si, non capisco... C'è più porno che banda su internet, che senso ha fare una roba simile? Forse si trattava di filmati illegali tipo pedo-pornografici o di persone che non erano al corrente del fatto che un loro video fosse stato reso publico...
Ma poi proprio in arabo? che gli arabi son sempre un pò fumantini su certe questioni?
inkpapercafe17 Marzo 2016, 13:57 #8
Originariamente inviato da: privateeye
È giusto censurare. Troppo facile la vita per questi ragazzotti che aprono una app e trovano porno. Che facciano come facevamo noi: ore e ore di perlustrazione discariche per trovare un Le Ore 'usato' e cartonato!


Abbiamo il vincitore
Goofy Goober17 Marzo 2016, 13:59 #9
Originariamente inviato da: Mith89
"se venissero chiusi tutti i siti porno su internet resterebbe un solo sito: www.ridateciiporno.org" cit. dott. Cox


maledetto
ora dovrò riguardarmi per la ventesima volta scrubs

Originariamente inviato da: inkpapercafe
Abbiamo il vincitore


quoto
benderchetioffender17 Marzo 2016, 14:30 #10
Originariamente inviato da: Bazzu
ma con tutte le piattaforme di streaming gratuite di porno, ce n'era bisogno?


si ma è tutta roba finta, non è materiale "amatoriale" che giustamente è difficile trovare in rete

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^