Ricerche sicure anche su Google.it

Ricerche sicure anche su Google.it

Google attiva la crittografia SSL anche sui domini localizzati: utilizzando google.it si potrà beneficiare della nuova opportunità

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 14:09 nel canale Web
Google
 

Alcuni mesi fa Google aveva annunciato l'introduzione della crittografia SSL per le ricerche effettuate utilizzando Google.com. Con un post pubblicato sul blog italiano di Google l'azienda conferma che da poche ore anche utilizzando i domini localizzati è possibile beneficiare di questa interessante opzione di sicurezza.

Per accedere in modo sicuro a Google.it è necessario effettuare il login utilizzando il proprio Google Account e nella barra degli indirizzi si noterà la presenza di https://google.it, dove la presenza della lettera "s" conferma proprio l'utilizzo di Secure Socket Layer.

In questa modalità i dati inviati dal proprio browser ai server Google e i risultati restituiti da questi saranno soggetti a crittografia, quindi godranno di un livello di sicurezza in più. Questa opzione è particolarmente indicata per gli utenti che utilizzano reti wi-fi pubbliche, o comunque accessi sui quali non è possibile avere un controllo sicuro.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Davis507 Marzo 2012, 14:34 #1
se il livello di sicurezza e' lo stesso usato su google images siamo in una botte di ferro!

andate su google images, impostate al livello massimo le restrizioni e cercate parole come "cameltoe"

radoen07 Marzo 2012, 14:40 #2
Guarda che la sicurezza garantita da ssl non centra nulla con i filtri sui risultati delle ricerche serve solo a garantire la "riservatezza" della comunicazione
tulifaiv07 Marzo 2012, 16:40 #3
Originariamente inviato da: Davis5
se il livello di sicurezza e' lo stesso usato su google images siamo in una botte di ferro!

andate su google images, impostate al livello massimo le restrizioni e cercate parole come "cameltoe"


ma che c'entra
MaxArt07 Marzo 2012, 17:57 #4
Originariamente inviato da: Davis5
se il livello di sicurezza e' lo stesso usato su google images siamo in una botte di ferro!

andate su google images, impostate al livello massimo le restrizioni e cercate parole come "cameltoe"
È meglio se fai chiarezza su cosa s'intende qui con "sicurezza".
Tu intendi la "sicurezza" dei contenuti trovati: sei decisamente fuori strada.
Qui si parla di "sicurezza" nel senso di comunicazione crittografata tra browser e Google, per evitare che eventuali dati intercettati possano essere visti in chiaro.
AsusP7131Dual07 Marzo 2012, 20:00 #5
Se non sbaglio altri motori di ricerca (ad es. DuckDuckGo) lo fanno già da tempo...
postillo07 Marzo 2012, 20:13 #6
con https il contentuto viaggia criptato. Ma lo è anche l'url?

Se io, cioè, digito www.sitonascosto.tld, eventuali MITM sanno già grosso modo i contentuti che leggerei...
MaxArt08 Marzo 2012, 01:23 #7
Originariamente inviato da: postillo
con https il contentuto viaggia criptato. Ma lo è anche l'url?

Se io, cioè, digito www.sitonascosto.tld, eventuali MITM sanno già grosso modo i contentuti che leggerei...
Per quello c'è poco da fare, anche Google non può metterci alcuna pezza. Le richieste arrivano ai DNS in chiaro e queste le ridirigono.
L'importante è che non si sappiano le informazioni scambiate.
AleLinuxBSD08 Marzo 2012, 19:38 #8
Direi che è un'aggiunta positiva (alla meglio tardi che mai ...) anche se, sfortunatamente, al livello di privacy verso google, la situazione resta invariata, mentre migliora riguardo ad eventuali terzi, dato che al massimo potranno tentare di intercettare dati crittografati anziché in chiaro.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^