Nuovo scandalo Facebook. Raccolti per anni dati di chiamate e messaggi degli utenti Android

Nuovo scandalo Facebook. Raccolti per anni dati di chiamate e messaggi degli utenti Android

Zuckerberg è tenuto ad affrontare un nuovo scandalo, già il secondo in questo difficile 2018 per Facebook. Secondo quanto riportato da alcuni utenti la compagnia avrebbe raccolto anni di dati relativi alle conversazioni e ai messaggi deli utenti

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Web
FacebookAndroid
 

Il mondo non si è ancora ripreso dallo scandalo Facebook/Cambridge Analytica, ma Zuckerberg deve affrontare una nuova spiacevole situazione. In questi giorni è stato infatti scoperto che l'app Messenger per Android ha raccolto una mole preoccupante di dati degli utenti relativi alle conversazioni e ai messaggi di testo senza chiedere il consenso. Il fenomeno dura da alcuni anni, addirittura da prima che la compagnia offrisse la possibilità di tracciare la cronologia di chiamate e messaggi, grazie ad una mancanza presente nelle vecchie API per i permessi su Android.

A scoprire l'amara situazione è stato Dylan McKay, che ha utilizzato l'opzione che offre il social nework per il download e il backup di tutti i dati presenti sul servizio scoprendo che al loro interno erano presenti circa due anni di cronologia di chiamate effettuate con lo smartphone Android. All'interno delle voci dei dati raccolti non mancano nomi dei contatti, numeri telefonici e la durata delle chiamate fatte e ricevute. La notizia è stata poi prontamente riportata dal sito Ars Technica, che ha provato quanto affermato dall'utente neozelandese, confermandolo.

Anche Ars ha infatti trovato dati completi di conversazioni effettuate fino al 2015 con gli strumenti offerti dal social network. Sebbene le più recenti versioni di Messenger e Facebook Lite richiedano un permesso specifico per conservare i log i chiamate e messaggi, le più vecchie hanno concesso alla società di accedere ai dati incriminati per anni. Prima di Android 4.1 Jelly Bean l'app di Facebook per Android chiedeva i permessi per l'accesso ai contatti e, se ottenuto, l'app riceveva l'accesso alle chiamate e ai messaggi in maniera del tutto automatica.

Android ha cambiato le modalità di funzionamento delle sue API nella versione 16, tuttavia è stato possibile per le app aggirare le nuova modalità permettendo a Facebook di continuare a raccogliere i dati summenzionati fino al mese di ottobre scorso. Un portavoce della compagnia ha detto alla fonte che l'app chiede esplicitamente il permesso di accedere a contatti e ai log presenti sul terminale, e gli utenti possono in qualsiasi momento cancellare i dati dei contatti usando uno strumento presente all'interno del sito web e accessibile via browser.

Facebook ha infine rilasciato un comunicato specifico per spiegare come avviene la raccolta dei dati, smentendo quanto riportato nel corso del fine settimana da utenti ed editori online. In difesa la società afferma che si tratta di una feature che l'utente deve attivare in maniera esplicita e che soprattutto può disattivare in ogni momento. La feature consente, inoltre, di aiutare gli utenti a trovare chi dei loro contatti è su Facebook, e non scava all'interno dei contenuti alla ricerca di informazioni personali. Inoltre, la compagnia non ha mai venduto quei dati e fa notare come nel primo set-up ci sia scritto in maniera esplicita cosa attendersi dal servizio.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

55 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
maXss26 Marzo 2018, 11:24 #1
Capirai, ne uscirà come sempre pulito "pagando"
Cloud7626 Marzo 2018, 11:26 #2
E sì, che scandalo, chi l'avrebbe mai detto...
JoJo26 Marzo 2018, 11:34 #3
Lamentarsi di violazione della privacy su Facebook è come piagnucolare se ti toccano il sedere in un’orgia.
cciullo26 Marzo 2018, 11:35 #4
scusate...ma quando facebook fra le "perosne che potresti conoscere" suggerisce tutta la tua rubrica...da dove li prende i nomi?!?!?si sapeva già...
bagnino8926 Marzo 2018, 11:36 #5
Settimane difficili per il buon Mark
Wikkle26 Marzo 2018, 11:39 #6
Originariamente inviato da: cciullo
scusate...ma quando facebook fra le "perosne che potresti conoscere" suggerisce tutta la tua rubrica...da dove li prende i nomi?!?!?si sapeva già...


Si, chi è attento e sgamato lo sapeva... ma sai quanto gente che usa e installa a cacchio sia programmi che applicazioni? il 90% delle utente?

Speriamo solo che questi scandali, che ora sono molto pubblicizzati anche dai telegiornali ( ) servano rendere le persone più consapevoli.

Almeno quando si parlerà di queste cose, non si sentiranno più risposte tipo "e ma che paranoici... chi se ne sbatte di queste cose"
gd350turbo26 Marzo 2018, 11:42 #7
Vi dirò...
Di previsioni, ne ho fatte tante nella mia vita, ma difficilmente si sono puntualmente avverate, tranne in questo caso, quando circa una decina di anni classificai facebook, come il male assoluto e come tale mi ci sono sempre tenuto lontano !
+Benito+26 Marzo 2018, 11:44 #8
Mamma mia i giornalisti tutti verginelle. Se ti chiedo l'autorizzazione all'accesso alla rubrica ed ai messaggi poi che c'è di strano se nell'app c'è un log di rubrica e messaggi? L'autorizzazione che te la chiede a fare? Mi sembra di vedere un certo numero di beoni, che si svegliano una mattina non capendo niente del mondo in cui vivono...
D4N!3L326 Marzo 2018, 11:45 #9
Originariamente inviato da: Wikkle
Si, chi è attento e sgamato lo sapeva... ma sai quanto gente che usa e installa a cacchio sia programmi che applicazioni? il 90% delle utente?

Speriamo solo che questi scandali, che ora sono molto pubblicizzati anche dai telegiornali ( ) servano rendere le persone più consapevoli.

Almeno quando si parlerà di queste cose, non si sentiranno più risposte tipo "e ma che paranoici... chi se ne sbatte di queste cose"


Il femminile è voluto o è un caso?

Nel caso si direbbe delle utentesse.
AlexSwitch26 Marzo 2018, 11:45 #10
Originariamente inviato da: cciullo
scusate...ma quando facebook fra le "perosne che potresti conoscere" suggerisce tutta la tua rubrica...da dove li prende i nomi?!?!?si sapeva già...


Si " sapeva già " se era, ed è, l'utente stesso a dare il consenso esplicito ( come avviene su iOS e Windows Phone )... Invece con Android Jelly Bean questo non accadeva. Facebook di default ( impostazione mantenuta fino al 2016 ) accedeva alla rubrica senza notificare nulla all'utente!!! Ma una bella notifica no? Almeno chi non desiderava questa condivisione era informato e poteva rimediare.

Inoltre, cosa ancora più grave, Facebook ha registrato tutti i messaggi ( sms non quelli del Messenger ) in entrata e uscita da e per i numeri della rubrica forzosamente condivisa e, tra l'altro, anche la cronologia di tutte le chiamate sempre in entrata e in uscita. E su questo fatto vorrei proprio sentire le scuse addotte da Facebook!! Che cosa c'incastri un logfile degli sms e chiamate per i suggerimenti di amicizie solo loro lo sanno!!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^