''Netflix non paga le tasse in Italia, ma dovrebbe'': aperta inchiesta da parte della Procura di Milano [AGGIORNAMENTO]

''Netflix non paga le tasse in Italia, ma dovrebbe'': aperta inchiesta da parte della Procura di Milano [AGGIORNAMENTO]

L'accusa contro ignoti (perché non vi è alcun referente in Italia) è quella di "omessa dichiarazione dei redditi" ed è riferita al colosso dello streaming Netflix che nell'ultimo periodo sta letteralmente "sbandando" anche da noi con record di abbonamenti.

di pubblicata il , alle 13:57 nel canale Web
Netflix
 

Netflix, il colosso dello streaming mondiale, è approdato in Italia ormai da qualche anno. Eppure sembra che proprio in Italia non abbia mai posto alcun lavoratore o alcun referente. Non solo perché il colosso delle serie TV e dei film da vedere sul proprio TV o smartphone, non ha pagato nemmeno un euro di tasse al Fisco italiano. A dirlo è la Procura di Milano, secondo le testimonianze del Corriere, che ha aperto un'inchiesta per omessa dichiarazione dei redditi.

Netflix: lotta all'evasione

L'indagine è stata affidata al sostituto procuratore Gaetano Ruta e, secondo le prime informazioni, la differenza rispetto a quanto fatto in ambito fiscale nei confronti delle aziende "tech" in Italia, qui con Netflix si parla di non "stabile organizzazione" di persone occulta al fisco. Secondo gli inquirenti infatti in Italia, Netflix, non avrebbe alcun referente nel nostro paese anche se effettivamente i servizi vengono rilasciati.

Secondo le indagini, i contenuti di intrattenimento che arrivano in Italia, partono dall'estero e vengono veicolati nel nostro territorio nazionale tramite le reti gestite dagli internet provider e per questo regolarmente pagati da Netflix. Secondo la Procura però i cavi, le fibre ottiche, i computer, server e algoritmi sono effettivamente le strutture che in qualche modo in questo ultimo periodo di "modernità" hanno sostituito i passati strumenti di produzione come anche uffici fisici.

La nostra legge prevede che per essere ''stabile'' l’organizzazione debba avere strutture e persone fisiche. In questo caso la Procura e la Guarda di Finanza ritiene che i contenuti che arrivano sugli smartphone, tablet e TV siano veicolati attraverso le reti che sono gestite dagli internet provider che per questo vengono pagati dalla piattaforma che però ha la sede europea in Olanda. Netflix di fatto ha bisogno di infrastrutture adeguate in Italia per distribuire i suoi prodotti, che viaggiano su fibre e cavi, e i due nodi principali di distribuzione sono a Roma e Milano. Per questo l'azienda olandese non può omettere dichiarazione dei redditi nel nostro paese.

Dati alla mano, Netflix in Italia ha raggiunto già oggi 1,4 milioni di abbonati con la possibilità che si possa facilmente raggiungere i 2 milioni entro la fine del 2019. Seppur arrivata dopo in Italia, il nostro paese, sembra fruttare più degli altri con una crescita addirittura pari al 46% nel solo 2018 rappresentando il più importante in Europa.

AGGIORNAMENTO

Netflix ha voluto rispondere con un comunicato stampa alla situazione. Ecco le sue parole: 

"Netflix sta lavorando a stretto contatto con le autorità fiscali italiane. Paghiamo tutte le imposte dovute in Italia e in altri paesi del mondo. Inoltre, Netflix investe milioni di euro in produzioni italiane, contribuendo così a creare posti di lavoro e a sostenere la comunità creativa locale".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

89 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
futu|2e03 Ottobre 2019, 13:58 #1
L'accusa contro ignoti (perché non vi è alcun referente in Italia)


ahahahhhahahahahaah

Krusty03 Ottobre 2019, 14:00 #2
Considerazione tutta mia:
Non sono molto ferrato (quindi magari c'è già ma non sarebbe ora di fare una legge che imponga a questi "colossi del web" di pagare le tasse nel paese in cui vendono?
daniele86Z03 Ottobre 2019, 14:06 #3
La motivazione dell'accusa mi sembra molto, molto debole
futu|2e03 Ottobre 2019, 14:07 #4
Nel 2019 gli stati sono ancora a pensare come fare per evitare l'elusione delle
tasse, e intanto queste aziende fanno miliardi su miliardi.
TigerTank03 Ottobre 2019, 14:10 #5
Ah beh, che problema c'è?
Nel caso in cui non paghino nulla, gli abbonamenti aumenteranno via via di poco, ovviamente sempre per la solita scusa del miglioramento dei servizi, non per mungere un numero crescente di clienti acquisiti.
Se li bastonano con qualche multa, arriverà il rincaro più corposo in un colpo solo
Titanox203 Ottobre 2019, 14:12 #6
le motivazioni fanno ridere, sono seri?

Grazie alla bellissima e utilissima UE netflix le tasse le paga in olanda
matsnake8603 Ottobre 2019, 14:24 #7
Fisco Italiano --->
Ratavuloira03 Ottobre 2019, 14:38 #8
Senza parole
-Vale-03 Ottobre 2019, 14:52 #9
Considerando quello che ci tolgono ogni mese dalle nostre buste paga , spero che tolgano qualcosa anche a queste multinazionali che macinano miliardi
piv3z03 Ottobre 2019, 14:53 #10
Ma se pago col bancomat, pago meno IVA?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^