Milioni di dollari agli utenti Facebook: attenti alla bufala

Milioni di dollari agli utenti Facebook: attenti alla bufala

Zuckerberg non ha alcuna intenzione di donare parte della propria fortuna agli utenti di Facebook, come invece vorrebbe un post che si sta diffondendo sul social network

di Nino Grasso pubblicata il , alle 13:01 nel canale Web
Facebook
 

Mark Zuckerberg è ormai noto per la sua manica larga. Spende la sua fortuna per migliorare il mondo o per acqusizioni faraoniche di client di messaggistica istantanea, e a volte anche per invidiabili hyper-car. Tuttavia, al momento in cui scriviamo il CEO di Facebook non ha alcuna intenzione di elargire centinaia di milioni di dollari agli utenti del social network come invece vorrebbe l'ultima bufala che imperversa sullo stesso servizio.

Bufala Facebook, soldi a tutti gli utenti del social network

Si tratta della solita catena di Sant'Antonio che, complice una limitata disponibilità temporale dell'offerta, spinge gli utenti alla condivisione selvaggia per diffondersi a macchia d'olio all'interno delle bacheche di Facebook. La "bufala" arriva a breve distanza dall'annuncio della coppia Chan Zuckerberg diramato alla nascita della figlia Max, in cui i due dichiaravano (questa volta davvero) di devolvere il 99% delle proprie azioni Facebook per scopi benevoli.

Il nuovo post, che si sta diffondendo soprattutto fra gli utenti anglofoni del servizio, segue l'arrivo di una prima bufala molto simile rilasciata durante le prime settimane di dicembre e cerca di sfruttare l'autorevolezza di Good Morning America per guadagnare credibilità.

All'interno del contenuto del post scopriamo che Mark Zuckerberg è intenzionato a donare 4,5 milioni delle sue azioni di Facebook agli stessi utenti del servizio, nello specifico "a persone come te e me". Con la nuova (finta) iniziativa, Zuckerberg vuole dimostrare "il potere dell'interconnessione fra persone". Per partecipare all'iniziativa basta condividere - naturalmente - il messaggio all'interno della propria bacheca.

Sia per i toni iperbolici del messaggio, sia per l'assurdità dell'iniziativa, è facile capire che si tratta di una bufala. Niente di pericoloso per il proprio sistema, sia chiaro, ma solo un fastidio in più fra i tanti presenti sul social network. Zuckerberg è solito diffondere notizie del genere attraverso la sua pagina ufficiale, soprattutto quando si tratta di rinunciare a una parte significativa della sua ricchezza.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bazzu29 Dicembre 2015, 11:26 #1
ma c'è davvero qualcuno che ci casca?
ultordeux29 Dicembre 2015, 13:35 #2
azzz e io che stavo rottamando la mia x6 per passare ad una lexus coi soldi di facebook....meno male che mi avete avvisato
Zifnab12 Gennaio 2016, 16:38 #3
Originariamente inviato da: Bazzu
ma c'è davvero qualcuno che ci casca?


Non sai quanti.. a te non è mai capitato di ricevere messaggi su whatsapp in cui ti dicono che dalla fantomatica data 'whatsapp diventerà a pagamento' (comunque già adesso lo è e che devi girare il messaggio a tot persone e che una volta fatto il led diventerà blu per indicare che sei un utente attivo? A parte che, fosse pur vero, che senso avrebbe diffondere il messaggio per diventarne poi esente?
E sistematicamente tutte le volte, il messaggio finisce cancellato (qualche volta sarei tentato di cancellare pure il/la mittente... ma questa è un'altra storia )
Microfrost12 Gennaio 2016, 16:57 #4
se una news del genere ha trovato posto su hwupgrade,vuol dire che hwupgrade è morto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^