Microsoft termina il brand Windows Live, ufficialmente

Microsoft termina il brand Windows Live, ufficialmente

Microsoft annuncia la decisione di terminare il brand Windows Live, in favore di una struttura più semplice e immediata per l'accesso ai servizi cloud based

di pubblicata il , alle 17:12 nel canale Web
MicrosoftWindows
 

Dopo diverse indiscrezioni arriva da Microsoft la conferma ufficiale: Windows 8 determinerà la fine del brand Windows Live, da tempo divisione che si occupa di alcuni dei prodotti più importanti dell'azienda di Redmond. A darne conferma è Chris Jones, con questo post ufficiale, redatto all'inizio della settimana.

Il post è piuttosto lungo, ma i due paragrafi che riportiamo a seguire sono lapidari e significativi:

"While these results are certainly noteworthy, they still did not meet our expectations of a truly connected experience. Windows Live services and apps were built on versions of Windows that were simply not designed to be connected to a cloud service for anything other than updates, and as a result, they felt “bolted on” to the experience. This created some amount of customer confusion, which is noted in several reviews and editorials. The names we used to describe our products added to that complexity: we used “Windows Live" to refer to software for your PC (Windows Live Essentials), a suite of web-based services (Hotmail, SkyDrive, and Messenger), your account relationship with Microsoft (Windows Live ID), and a host of other offers.

Windows 8 provides us with an opportunity to reimagine our approach to services and software and to design them to be a seamless part of the Windows experience, accessible in Windows desktop apps, Windows Metro style apps, standard web browsers, and on mobile devices. Today the expectation is that a modern device comes with services as well as apps for communication and sharing. There is no “separate brand” to think about or a separate service to install – it is all included when you turn on your PC for the first time."

Il video a seguire, inoltre, mostra il funzionamento dei servizi cloud che saranno presenti e integrati in Windows 8.

La spiegazione che Chris Jones da' della scelta di eliminare il brand Live è legata ad un motivo su tutti: la semplicità di utilizzo. Per un utente, dover essere collegato ad un servizio cloud attraverso un account che sia differente da quello Windows è un passaggio ulteriore che complica troppo le cose.

All'atto pratico, quindi, ci troveremo di fronte ad un unico log-in attraverso il Microsoft Account: l'immissione delle credenziali ci proietteranno anche all'interno dei servizi cloud based, rendendo inutile così la necessità di un secondo account Windows Live.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
efrite1504 Maggio 2012, 17:50 #1
"Differente da quello Windows" in che senso?
Integreranno (come già fa google) un unico nome utente (generalmente la mail) per accedere a tutti i servizi? Ma io con la mail che utilizzo in MSN già accedo a Zune ed al portale di Windows... probabilmente non mi è chiaro qualcosa...
Di fatto non mi è mai piaciuto il funzionamento dei servizi "Live" devono rendere il tutto più omogeneo e funzionale! Il tutto IMHO ...
Tasslehoff04 Maggio 2012, 17:51 #2
Questa se la potevano anche risparmiare...

Sicuramente ci sarà un modo per permettere l'utilizzo del nuovo OS anche offline o totalmente sganciato dai servizi cloud di MS, a prescindere da questo a me infastidisce parecchio questo rendere dipendenti da registrazione dei servizi (il sistema operativo in questo caso) che nulla hanno a che vedere con quanto si va a sottoscrivere con la registrazione stessa.

E' una perversione di cui probabilmente l'utente della strada si renderà conto soltanto quando sarà troppo tardi, però a costo di sembrare retrogrado io rifiuto categoricamente questo genere di associazione.
Già adesso il fatto che per utilizzare un dispositivo telefonico ci si debba iscrivere ad un servizio online è scandaloso, a prescindere dal fatto che questa registrazione sia gratuita o a pagamento.

E non mi si venga a dire che si tratta di progresso, semmai è una degenerazione del progresso creata dalla incapacità delle istituzioni a tutela dei consumatori di far valere (per collusione o semplice incapacità o ignoranza) la propria autorità e autonomia nei confronti dei soliti nomi noti.

Pier de Notrix04 Maggio 2012, 18:00 #3
Non trovano pace!
Tutto il pacchetto live (msn, movie maker...) verrà sostituito da programmi Metro?

Dopo aver plagiato tutta la suite Apple iLife (Windows Live), hanno cambiato... aspetta un po', mo va a finire che cancellano iLife e per questo l'han fatto anche loro.
Bestseller04 Maggio 2012, 18:09 #4
Ammetto di non aver ben capito quali conseguenze comporterà questa decisione...
AlanBoo04 Maggio 2012, 18:13 #5
Windows 8 si può installare senza Microsoft Account... ma se lo hai puoi sincronizzare tutto (comprese app e impostazioni di sistema) per poter accedere da PC diversi.

Il pacchetto Live è integrato nel sistema, e fortuna che è cosi! Come ha detto lui, oggi non ha più senso separare un sistema dal "live".

Hanno semplicemente semplificato i vari brand in modo da essere più tipo Google che ha sempre avuto un unico account.

Pier220404 Maggio 2012, 18:20 #6
Originariamente inviato da: Tasslehoff
Questa se la potevano anche risparmiare...

Sicuramente ci sarà un modo per permettere l'utilizzo del nuovo OS anche offline o totalmente sganciato dai servizi cloud di MS, a prescindere da questo a me infastidisce parecchio questo rendere dipendenti da registrazione dei servizi (il sistema operativo in questo caso) che nulla hanno a che vedere con quanto si va a sottoscrivere con la registrazione stessa.

E' una perversione di cui probabilmente l'utente della strada si renderà conto soltanto quando sarà troppo tardi, però a costo di sembrare retrogrado io rifiuto categoricamente questo genere di associazione.
Già adesso il fatto che per utilizzare un dispositivo telefonico ci si debba iscrivere ad un servizio online è scandaloso, a prescindere dal fatto che questa registrazione sia gratuita o a pagamento.

E non mi si venga a dire che si tratta di progresso, semmai è una degenerazione del progresso creata dalla incapacità delle istituzioni a tutela dei consumatori di far valere (per collusione o semplice incapacità o ignoranza) la propria autorità e autonomia nei confronti dei soliti nomi noti.



Hanno semplicemente unificato tutto, un pò come ha fatto Goolge, solo che se lo fa Google è una cosa se lo fa MS è brutta e cattiva.

Se poi vogliamo discutere sull'opportunità di avere servizi su un cloud di una multinazionale allora se ne può discutere...
damxxx04 Maggio 2012, 19:11 #7
Quello che non mi è chiaro è che fine farà la suite Live Essential e se sarà disponibile un client in versione desktop di WLM per Windows 8 o sarà disponibile solo la versione Metro e non so se sarà sufficiente la versione accessibile dal browser a compensarne la mancanza (almeno per quel che mi riguarda).
Tasslehoff04 Maggio 2012, 19:26 #8
Originariamente inviato da: Pier2204
Hanno semplicemente unificato tutto, un pò come ha fatto Goolge, solo che se lo fa Google è una cosa se lo fa MS è brutta e cattiva.

Se poi vogliamo discutere sull'opportunità di avere servizi su un cloud di una multinazionale allora se ne può discutere...
Con il mio post non ho certo assolto Google, che a mio modo di vedere è tanto colpevole di questa tendenza quanto lo è MS.
Non per nulla ho citato il caso dei telefoni, dove per sfruttare tutte le potenzialità di un dispositivo hardware occorre una registrazione a una serie di servizi che nulla c'entrano con il dispositivo in oggetto (es smartphone Android e account Google con tutti i servizi correlati attivati di default).

Originariamente inviato da: AlanBoo
Il pacchetto Live è integrato nel sistema, e fortuna che è cosi! Come ha detto lui, oggi non ha più senso separare un sistema dal "live".
E' l'accettazione acritica di tutto quello che propinano a dargli il potere di imporre le soluzioni che fanno più comodo a loro (=generano più profitti per loro a spese dell'utente).

Obbietterai che queste soluzioni sono funzionali e ti permettono di essere produttivo e avere a disposizione i tuoi dati ovunque ti trovi.
Benissimo, chiediti se è l'unico modo per ottenere questo risultato...
Se il fine è solo quello di fidelizzare l'utente (e non quello di mungerlo di tutti i dati possibili per alimentare l'advertising) perchè invece di proporre soluzioni di questo tipo non integrano nei loro software protocolli come webdav, in modo da utilizzare la propria infrastruttura (anche banalmente un Raspberry PI con un disco USB, tanto per fare un esempio) e ottenere lo stesso risultato?

Non fraintendermi, non sono contro il progresso e l'evoluzione dei servizi, la rete in questo senso da grandi possibilità, occorre però valutare criticamente quello che viene spacciato per il non plus ultra della modernità, altrimenti si fa la fine dei maialini di questa gif.
Unrealizer04 Maggio 2012, 19:47 #9
Originariamente inviato da: efrite15
"Differente da quello Windows" in che senso?
Integreranno (come già fa google) un unico nome utente (generalmente la mail) per accedere a tutti i servizi? Ma io con la mail che utilizzo in MSN già accedo a Zune ed al portale di Windows... probabilmente non mi è chiaro qualcosa...
Di fatto non mi è mai piaciuto il funzionamento dei servizi "Live" devono rendere il tutto più omogeneo e funzionale! Il tutto IMHO ...


Tutto ciò che cambia è il nome dei servizi, resterà tutto uguale

Originariamente inviato da: Tasslehoff
Questa se la potevano anche risparmiare...

Sicuramente ci sarà un modo per permettere l'utilizzo del nuovo OS anche offline o totalmente sganciato dai servizi cloud di MS, a prescindere da questo a me infastidisce parecchio questo rendere dipendenti da registrazione dei servizi (il sistema operativo in questo caso) che nulla hanno a che vedere con quanto si va a sottoscrivere con la registrazione stessa.


Si, è possibile
adapting04 Maggio 2012, 19:50 #10
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://www.hwfiles.it/news/microsof...ente_41976.html

Microsoft annuncia la decisione di terminare il brand Windows Live, in favore di una struttura più semplice e immediata per l'accesso ai servizi cloud based

Click sul link per visualizzare la notizia.



Era ora

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^