La Commissione Europea vuole il mercato unico digitale

La Commissione Europea vuole il mercato unico digitale

Una serie di iniziative per migliorare l'assetto del mercato digitale europeo, eliminando ad esempio le misure di geo-blocking e riformando le leggi sul copyright, anche se mancano esempi concreti

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:38 nel canale Web
 

Uno dei pilastri su cui poggia l'Unione Europea è il mercato comune, ovvero la possibilità per i cittadini europei di acquistare e vendere servizi ovunque nel territorio dell'Unione. Uno dei paradossi più significativi è però rappresentato dal mercato digitale che, sebbene sia quello meno vincolato dal punto di vista geografico, è quello dove ancora esistono una serie di ostacoli e barriere. La Commissione Europea, allo scopo di cambiare rotta su questo fronte, ha annunciato la nuova Digital Single Market Strategy, che si rivolge in particolare a tre aree.

La prima di esse, le cui iniziative rientrano nel cappello "Miglior accesso per consumatori e aziende a beni e servizi digitali", riguarda due argomenti tra i più spinosi, ovvero il copyright e le misure cosiddette di "geo-blocking". Osserva infatti l'Unione: "Troppi Europei non possono fare uso di servizi online che sono disponibili in Paesi diversi da quello in cui vivono o si trovano, spesso senza giustificazione alcuna, o vengono deviati verso store locali con prezzi differenti. Queste discriminazioni non possono esistere in un mercato comune".

La rimozione delle misure di geo-blocking trovano e troveranno una forte resistenza da parte di quelle compagnie che usualmente vendono diritti di copyright su base nazionale e che, per questo motivo, appoggiano il geo-blocking per poter continuare a beneficiare della frammentazione geografica. L'Unione Europea è inoltre impegnata ad affrontare una attenta valutazione della Copyright Directive, ovvero ciò che governa le leggi sul diritto d'autore in Europa, campo dove la Commisione vuole "modernizzare le leggi di copyright e assicurare il giusto bilanciamento tra gli interessi dei creatori e quelli degli utenti o consumatori".

La seconda area di intervento è volta a "Dare forma all'ambiente affinché prosperino reti e servizi digitali". In questo caso si tratta di investimenti nelle infrastrutture di telecomunicazioni, gestione dello spettro wireless e attenta revisione delle regole per le telecomunicazioni ed i media. Una particolare attenzione sarà inoltre incanalata verso una nuova direttiva per la protezione dei dati. Al pari del tema del copyright, anche in quest'area vi è l'azione di molte realtà che cercano di promuovere ed appoggiare quelle norme che favorsicono i loro interessi e modelli di business, di norma a spese del pubblico.

L'ultima area di intervento raccoglie invece una serie di iniziative sotto il titolo "Creare una economia e una società digitale europea con potenziale di crescita a lungo termine" dove si ritrovano le usuali parole d'ordine di "cloud computing", "big data", "interoperabilità" ed una new-entry: il passaggio verso uno "Smart Industrial System" o "Industria 4.0".

La nuova strategia della Commissione Europea infonde sicuramente speranze in direzione di un miglior assetto del panorama digitale sebbene manchi, ora come ora, di vera concretezza. Altresì di dubbia concretezza è la tabella di marcia con cui queste misure potranno venir realizzate: alcune saranno ovviamente di più facile implementazione, ma inevitabilmente il lavoro sulla rimozione del geo-blocking e sulla riforma del copyright procederanno a rilento dietro la forte resistenza di quelle lobby il cui obiettivo principale è di rallentare il più possibile i passi del progresso.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
acerbo30 Marzo 2015, 16:05 #1
Quindi posso sperare di vedere a breve un netflix europeo paragonabile a quello americano?
Rubberick30 Marzo 2015, 16:23 #2
Ok allora unione europea dagli na vagonata di soldi a Metroweb direttamente e fai coprire mezza italia, senza passare per tramite di vario genere, direttamente a loro con l'unico obbiettivo preciso di coprire 50 - 80 città principali italiane in FTTH 200/200 Mbit almeno.
s0nnyd3marco30 Marzo 2015, 16:58 #3
Cara UE, ma togliere i costi di roaming no?
fucilator_300030 Marzo 2015, 17:00 #4
Questa è sicuramente una notizia positiva!

Adesso però sicuramente tutte le case produttrici si opporranno, dato che loro non vogliono cedere diritti su Paesi (ad esempio l'Italia) dove alcune Serie TV/Film non hanno mercato....

Staremo proprio a vedere
Bivvoz30 Marzo 2015, 17:18 #5
Secondo me devono eliminare le esclusive per i diritti.
Cioè ogni programma deve poter essere trasmesso da chiunque voglia offrire questo servizio, ovviamente pagando i diritti a chi lo produce.

Lasciare ovviamente le esclusive temporanee per un breve periodo dopo l'uscita e cose del genere.
Magari per gli eventi sportivi le esclusive per la diretta.

Esce il film X, il primo mese in esclusiva a per chi si aggiudica l'esclusiva, poi lo può trasmettere qualunque servizio basta che paga i diritti al produttore.
Partita di calcio o gara automobilistica in diretta solo per chi ha i diritti, poi lo può trasmettere chiunque.

Se no non troveranno mai un accordo, in Italia ci sono ancora film degli anni 80 i cui diritti sono solo di mediaset o della rai e gli altri non possono trasmetterli secondo me.
Un netflix in Italia che servizio del cavolo può offrire tolti tutti questi programmi?
E chi ha i diritti in Italia non li cederà facilmente al nuovo arrivato che gli fa concorrenza.
TheQ.30 Marzo 2015, 17:57 #6
tutti danni all'economia reale, con aziende che avranno libertà d'azione da qualche paradiso fiscale.
Per esempio dalla Romania uno potrebbe vendere libereramente in Italia con solo il 4% di tasse usando corrieri per la consegna delle merci.
La necessità di non distruggere le economie come fatto fin'ora con le delocalizzazione e la mancanza di una politica industriale non solo favorisce l'inquinamento per trasporto delle merci (meglio produrre in un paese emergente dove puoi inquinare quanto vuoi piuttosto che dare lavoro in ogni paese dove vendi), ma è totalmente contraria alla filosofia del km0.
Ciò che ne deriva sono forti sperequazioni sull'occupazione da paese a paese, e dato che vivo nel paese che ha solo da perdere in una tale da una tale idea, mi chiedo per quale cavolo di motivo non abbiamo ancora messo Junckers in galera!!!
Bivvoz30 Marzo 2015, 18:38 #7
Originariamente inviato da: TheQ.
tutti danni all'economia reale, con aziende che avranno libertà d'azione da qualche paradiso fiscale.
Per esempio dalla Romania uno potrebbe vendere libereramente in Italia con solo il 4% di tasse usando corrieri per la consegna delle merci.
La necessità di non distruggere le economie come fatto fin'ora con le delocalizzazione e la mancanza di una politica industriale non solo favorisce l'inquinamento per trasporto delle merci (meglio produrre in un paese emergente dove puoi inquinare quanto vuoi piuttosto che dare lavoro in ogni paese dove vendi), ma è totalmente contraria alla filosofia del km0.
Ciò che ne deriva sono forti sperequazioni sull'occupazione da paese a paese, e dato che vivo nel paese che ha solo da perdere in una tale da una tale idea, mi chiedo per quale cavolo di motivo non abbiamo ancora messo Junckers in galera!!!


Vedila dal punto di vista contrario, ci sarebbe concorrenza anche sulle tasse.
Perchè noi dobbiamo pagare l'80%?
argent8830 Marzo 2015, 18:59 #8
Subito avevo capito qualcosa come "un solo appstore"

Dal punto di vista del consumatore è ovviamente positivo!


Una dichiarazione imbarazzante è quando qualcuno ha fatto notare appunto la differenza sulle tasse e qualcuno ha risposto che sono gli altri a doverle aumentare..

s0nnyd3marco
Per il roaming si sono già mossi da qualche anno!
s0nnyd3marco30 Marzo 2015, 22:05 #9
Originariamente inviato da: argent88
Subito avevo capito qualcosa come "un solo appstore"

Dal punto di vista del consumatore è ovviamente positivo!


Una dichiarazione imbarazzante è quando qualcuno ha fatto notare appunto la differenza sulle tasse e qualcuno ha risposto che sono gli altri a doverle aumentare..

s0nnyd3marco
Per il roaming si sono già mossi da qualche anno!


Dall'ultima notizia che avevo letto sapevo che avevano posticipato di un anno e mezzo l'adozione della tariffa unica per il roaming.

http://www.corriere.it/tecnologia/mobile/15_gennaio_27/2018-stop-costi-roaming-net-neutrality-2ef564f2-a60c-11e4-96ea-4beaab57491a.shtml
Gylgalad30 Marzo 2015, 23:02 #10
la scoperta dell'acqua calda

chi sa usare la rete la necessità di un mercato comune l'ha già scavalcata

quando ci arriveranno anche i burocrati sarà già un'idea vecchia

meglio tardi che mai comunque eh..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^