L'ISIS schernisce Anonymous dopo la dichiarazione di guerra: 'Idioti'

L'ISIS schernisce Anonymous dopo la dichiarazione di guerra: 'Idioti'

Anonymous ha dichiarato negli scorsi giorni guerra ai militanti dell'ISIS, promettendo durissimi attacchi hacker nei confronti dell'organizzazione terrorista. Non è tardata ad arrivare la risposta dello Stato Islamico

di pubblicata il , alle 10:51 nel canale Web
 

Si legge la parola "idioti" nella risposta di un account Telegram affiliato all'ISIS alla dichiarazione di guerra del gruppo di attivisti online Anonymous. Pochi giorni fa quest'ultimo minacciava di lanciare "la più grande operazione di sempre" contro il gruppo terroristico che ha recentemente rivendicato molteplici attentati in tutto il mondo, fra cui il più recente ed eclatante quello a Parigi del 13 novembre. In risposta, Anonymous aveva rilasciato pubblicamente un video su YouTube.

"Gli hacker Anonymous hanno minacciato in un nuovo video che eseguiranno una grossa operazione di hacking sullo Stato Islamico (idioti)"

"I membri di Anonymous di tutto il mondo vi daranno la caccia", diceva lo speaker coperto da una maschera. "Aspettatevi enormi attacchi digitali. Vi dichiariamo guerra, preparatevi". Ha risposto a queste accuse un canale Telegram che si ritiene essere affiliato ad hacker che fanno parte attivamente alla vita organizzativa dello Stato Islamico. L'obiettivo del messaggio è di istruire gli adepti a seguire alcune direttive per impedire ad Anonymous di compromettere le attività del gruppo terroristico.

"Gli hacker Anonymous hanno minacciato in un nuovo video che eseguiranno una grossa operazione di hacking sullo Stato Islamico (idioti)", si legge sulla nota in cui si fa notare inoltre che al momento Anonymous è riuscito a "crackare" esclusivamente account Twitter ed email, ma niente di davvero sensibile. E si usa anche la retorica: "Cosa hanno intenzione di hackare?". Il messaggio continua poi offrendo istruzioni decisamente basilari su come evitare potenziali hack provenienti dagli attivisti.

Si leggono consigli molto semplici, come non aprire collegamenti se non si è sicuri della fonte, cambiare indirizzi IP "costantemente", non parlare su Telegram o via messaggi diretti Twitter con gente che non si conosce. Il messaggio è stato pubblicato sia in arabo che in inglese ed è stato inoltrato ad una serie di canali affiliati al gruppo terorristico. Non è la prima volta che Anonymous prende di mira gruppi di estremisti o fondamentalisti: già all'inizio del 2015 il team di hacker era sceso in campo dopo l'attentato alla rivista satirica Charlie Hebdo.

Mesi fa Anonymous era riuscito ad identificare alcuni account sui social di esponenti o gruppi collegati all'ISIS, facendo fuori anche alcuni portali web dell'organizzazione. La guerra al terrore non si combatte solo con le armi, o per meglio dire internet e i suoi strumenti sono diventati una delle armi più efficaci. Ma è un'arma usata su ambo i fronti, con lo Stato Islamico che si rivela sempre più educato ad usare e sfruttare gli strumenti moderni offerti dall'evoluzione tecnologica.

Durante gli attentati a Parigi un gruppo di otto terroristi ha rapito ostaggi e sparato a vittime inermi e in molti casi inconsapevoli. Sette fra questi sono morti, mentre le autorità sono alla ricerca dell'ottavo uomo coinvolto attivamente negli attentati della capitale francese. In quest'ottica l'aiuto di Anonymous e dei suoi tanti membri sparsi per il mondo può essere indispensabile, con questa "cyber-war" che pare essere al momento solo agli inizi. Ma, come abbiamo già scritto, la collaborazione fra Anonymous e autorità internazionali sembra ancora utopia.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

67 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
roccia123417 Novembre 2015, 11:03 #1
"la più grande operazione di sempre"?

Anonymous = Apple?
mauriziogl17 Novembre 2015, 11:06 #2
Vero, ora la apple li citerà in giudizio!
demon7717 Novembre 2015, 11:15 #3
visto quante ne stanno facendo direi che a questo punto Anonymous è DAVVERO l'ultimo dei loro problemi..
Thehacker6617 Novembre 2015, 11:20 #4
Un uomo con una tastiera incontra un uomo con un ak-47. L'uomo con la tastiera è un uomo morto.
Cappej17 Novembre 2015, 11:37 #5
Originariamente inviato da: Thehacker66
Un uomo con una tastiera incontra un uomo con un ak-47. L'uomo con la tastiera è un uomo morto.


Piedone111317 Novembre 2015, 11:40 #6
Originariamente inviato da: Thehacker66
Un uomo con una tastiera incontra un uomo con un ak-47. L'uomo con la tastiera è un uomo morto.


Se la tastiera è quella di un leopard o un T2 può solo morire dal ridere.

Comunque gia il fatto che abbiano risposto alla provocazione significa che non sono affatto tranquilli.
AfterSales17 Novembre 2015, 11:49 #7
In realtà nessuno islamico secondo me riuscirebbe a localizzare fisicamente un Hacker Anonymous, ne tantomeno di "andarlo a prendere", l'hacker tra se ed il terrorista avrebbe la possibilità e capacità di schierarvici un esercito dopo esservi allertati.
roccia123417 Novembre 2015, 11:58 #8
Originariamente inviato da: Thehacker66
Un uomo con una tastiera incontra un uomo con un ak-47. L'uomo con la tastiera è un uomo morto.


La chiave sta tutta qui: "incontra", se capisci cosa intendo dire.

Inoltre se "quello con la tastiera" è alla postazione di comando di un MQ-9 Reaper voglio proprio vedere che fine fa quello con Ak-47
!fazz17 Novembre 2015, 12:17 #9
Originariamente inviato da: Thehacker66
Un uomo con una tastiera incontra un uomo con un ak-47. L'uomo con la tastiera è un uomo morto.


mmmm dubito fortemente, quà di tastiere ce ne sono un paio e anche un paio payload sui piloni

Link ad immagine (click per visualizzarla)
TheQ.17 Novembre 2015, 12:48 #10
Report con un'inchiesta giornalistica ha svelato retroscena dell'addestramento di militanti dell'ISIS da parte di gruppi segreti italiani...

Anonymous dovrebbe dare supporto a tali giornalisti, altro che DDOS attack...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^