L'ambasciata dell'Ecuador nega internet e visite a Julian Assange

L'ambasciata dell'Ecuador nega internet e visite a Julian Assange

Non è la prima volta, non sarà l'ultima, ma attualmente Julian Assange è impossibilitato a comunicare con l'esterno. La decisione è stata presa dall'ambasciata dell'Ecuador in seguito all' interferenza del controverso personaggio con le vicende mondiali attraverso i social

di pubblicata il , alle 12:21 nel canale Web
 

Julian Assange è come una patata bollente: molti vogliono averci a che fare il meno possibile. Altri invece vorrebbero eccome, nella fattispecie quel tribunale inglese a cui non si è mai presentato dopo essere stato rilasciato su cauzione. La storia, come gli appassionati sanno, è molto complicata, che tratteremo in una differente sede. Attualmente è in corso l'ottavo anno in cui Julian Assange è di fatto barricato all'interno dell'ambasciata dell'Ecuador a Londra, prima come rifugiato politico, ora anche come cittadino dell'Ecuador (cittadinanza ottenuta proprio l'11 gennaio 2018).

Nella giornata di ieri e fino a data non definita, come riportato dal Washington Post, l'ambasciata ha negato accesso internet e visite a Julian Assange, reo di aver trasgredito alla promessa scritta di non interferire in alcun modo con vicende mondiali attraverso i social e il web in genere. Esistono dei precedenti, che possono rassicurare riguardo a quella che sembra apparentemente una svolta in peggio per il controverso Julian. Un esempio su tutti è quello dell'ottobre 2016, quando ad Assange è stata tolta la possibilità di connettersi per negargli alla base ogni possibilità di influire sulle elezioni presidenziali USA.

Insomma, i precedenti indicano come il provvedimento possa essere temporaneo e non definitivo, sebbene questa soluzione venga presa solo in presenza di circostante molto spinose. Cosa è successo quindi per far scattare il provvedimento, che suona come una forte tirata di orecchie ad Assange da parte dell'ambasciata, che già ha i suoi problemi a causa del suo ospite più noto ed è soggetta a fortissime pressioni da otto anni a questa parte?

Prima di tutto Assange ha esternato il suo forte appoggio a Carles Puigdemont, leader degli indipendentisti catalani recentemente fermato in Germania, per poi dare il proprio colorito parere sulla nomina di John Bolton come National Security Adviser da parte di Trump. Non solo: il suo ultimo tweet è stata una dura replica ad un insulto subito da un politico britannico (Alan Duncan), che ha definito Assange "miserable little worm", un piccolo verme miserabile. Pronta la replica di Assange:

 "Come prigioniero politico detenuto senza accusa per 8 anni, in violazione di 2 sentenze delle Nazioni Unite, suppongo di dover essere "infelice" (miserable in inglese significa miserabile, ma anche infelice, N.d.R.) ; eppure non c'è niente di sbagliato nell'essere una "piccola" persona anche se sono piuttosto alto e meglio un 'verme', una creatura sana che rinvigorisce il suolo, che un serpente".

Detto in parole povere: in pochi giorni ha fatto infuriare Spagna, Gran Bretagna e amministrazione USA, un po' troppo per uno che ha firmato di starsene buono buono senza creare fastidi. In ogni caso è già partita una vera e propria campagna per restituire la connettività ad Assange, con in prima fila l'ex ministro greco Yanis Varoufakis e il noto musicista e produttore Brian Eno, molto sensibile alle tematiche dei diritti umani. Facile comunque che il problema rientri da solo fra non molto, dopo una ramanzina di quelle giuste da parte dell'ambasciatore. 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
alexdal29 Marzo 2018, 13:46 #1
Era meglio che si lasciava condannare per lo strupo commesso.
In svezia le prigioni sono molto meglio dell'appartamento dell'ambasciata.
Avrebbe avuto molta piu' libertà, avrebbe gia' scontato la pena, dal momento che anche una strage di mille persone in scandinavia ti fai massimo 10 anni con pay tv in camera singola e frigobar

turcone29 Marzo 2018, 15:45 #2
tutti a condannare silvio e trump perchè trombano in giro e dopo difendono questo stupratore ( se uno stato definisce stupro un rapporto senza protezione in certi casi allora è stupro non ci sono attenuanti )
Mparlav29 Marzo 2018, 16:19 #3
Non avrebbe fatto in tempo a farsi processare in Svezia, visto che l'avrebbero estradato negli USA.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^