Kim Dotcom, processo di estradizione del fondatore di Megaupload trasmesso su YouTube

Kim Dotcom, processo di estradizione del fondatore di Megaupload trasmesso su YouTube

Per la prima volta un'aula giudiziaria della Nuova Zelanda apre le porte al web, consentendo la trasmissione in streaming del processo. L'imputato è Kim Dotcom, i giudici dovranno decidere se accogliere la richiesta di estradizione del fondatore di Megapuload formulata dagli Stati Uniti.

di Salvatore Carrozzini pubblicata il , alle 15:21 nel canale Web
 

La richiesta di Kim Dotcom è stata accolta da un un giudice neozelandese: il suo processo di appello contro la sentenza di estradizione sarà trasmesso in streaming su YouTube. Un caso senza precedenti in Nuova Zelanda: si tratterà, infatti, del primo processo giudiziario portato avanti presso un tribunale neozelandese ad aprire le porte al web. 

Il processo di secondo grado è iniziato in settimana a Auckland, nove mesi dopo la pronuncia di primo grado che stabilito che Kim Dotcom potrebbe essere estradato negli Stati Uniti e processato con le accuse di violazione della normativa sul diritto di autore e di riciclaggio di denaro, reati commessi - a detta degli inquirenti - utilizzando il sito di filesharing Megaupload.

dotcom

Il legale di Kim Dotcom, Ira Rothken, ha sottolineatoE' importante che il mondo interno venga a vedere l'aula. Internet non è gestito da una nazione, così abbiamo pensato che la stessa soluzione sarebbe venuta da Internet. Evidente la volontà di non far allentare l'attenzione nei confronti di un caso emblematico degli interventi posti in essere dagli Stati Uniti per combattere la pirateria online e che tocca da vicino, per evidenti ragioni, gli interessi dei soggetti che operano nell'ambito dei servizi di filesharing.

Gli Stati Uniti hanno chiesto di bloccare la trasmissione in streaming del processo di estradizione di Kim DotCom, ma il giudice Murray Gilbert del'Alta Corte di Auckland ha rigettato la domanda ed ha accordato al fondatore di Megaupload la possibilità di registrare e trasmettere il processo, seppur con alcuni obblighi da rispettare. Il live stream del processo dovrà essere trasmesso con 20 minuti di ritardo per consentire alla Corte di rimuovere dal video materiale riservato, inoltre il video dovrà essere cancellato al termine di ciascuna udienza. 

Il primo streaming è avvenuto nella giornata di oggi (31 agosto) - seppur con qualche problema audio. Il primo streaming ha registrato 32162 spettatori unici, con un picco di 1289 spettatori che hanno assistito all'udienza contemporaneamente. Kim Dotcom ha dato già appuntamento al successivo streaming previsto per la giornata di domani (1 settembre). 

Si ricorda che le autorità statunitensi affermano che Kim Dotcom e tre dirigenti di Megaupload hanno determinato un danno pari ad oltre 500 milioni di dollari alle case cinematografiche e discografiche e generato oltre 175 milioni di dollari tramite il sito Megaupload che consentiva di scaricare brani musicali, film e serie TV in violazione della normativa sul diritto d'autore. I legali di Kim Dotcom hanno sempre sostenuto la teoria che il danno economico non è stato determinato da Kim Dotcom che, con Megaupload, ha semplicemente messo a disposizione uno spazio di archiviazione, erano in ultima istanza gli utenti ha scegliere di visionare o meno il contenuto gratuito.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
cignox131 Agosto 2016, 16:04 #1
--inoltre il video dovrà essere cancellato al termine di ciascuna udienza.

Non c'é nessun problema: non ne rimarrá traccia alcuna.
gpat31 Agosto 2016, 17:05 #2
Originariamente inviato da: cignox1
--inoltre il video dovrà essere cancellato al termine di ciascuna udienza.

Non c'é nessun problema: non ne rimarrá traccia alcuna.


fdl8831 Agosto 2016, 22:46 #3
Nel caso andasse a buon fine potrebbero chiudere Mega? Tengo lì tutte le mie foto ed i miei vieo, secondo voi è il caso di spostarli?
danieleg.dg31 Agosto 2016, 23:40 #4
Kim ormai non c'entra nulla con mega da un bel po', l'ha venduta ai cinesi un anno fa.
DrossBelly01 Settembre 2016, 17:46 #5
Originariamente inviato da: fdl88
Nel caso andasse a buon fine potrebbero chiudere Mega? Tengo lì tutte le mie foto ed i miei vieo, secondo voi è il caso di spostarli?


A prescindere è sempre meglio un backup locale, anche per la privacy
zanarkand09 Settembre 2016, 16:53 #6
A prescindere dal personaggio, non capisco per quale motivo accogliere la richiesta di estradare in territorio statunitense un cittadino NON statunitense...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^