Instagram in cambiamento, arrivano gli shopping tag

Instagram in cambiamento, arrivano gli shopping tag

Gli utenti potranno fare acquisti cliccando direttamente sugli articoli presenti nelle fotografie: la funzionalità è attiva per ora solo con un numero limitato di partner ma con prospettive di espansione futura

di pubblicata il , alle 15:31 nel canale Web
Instagram
 

Qualche settimana fa Instagram ha attivato il supporto per gli "shopping tag": si tratta di una nuova funzionalità destinata ai partner e che permette agli utenti di acquistare i prodotti che visualizzano all'interno delle inserzioni pubblicitarie/fotografiche nei loro feed.

In questo modo i partner (rivenditori, aziende o brand) invece di suggerire all'utente di cliccare un link presente nella pagina del profilo, potranno inserire un piccolo pulsante direttamente nell'immagine e collegato all'articolo oggetto della promozione. L'utente potrà così approfondire le informazioni legate all'articolo a cui è interessato e, nel caso in cui desiderasse proseguire con l'acquisto, verrà automaticamente indirizzato al sito web o all'app dell'inserzionista per completare il processo di checkout.

Kate Spade from Instagram for Business on Vimeo.

L'obiettivo di Instagram è molteplice: mantenere le persone incollate ad Instagram per periodi di tempi più lunghi, rendere lo shopping una parte integrante dei meccanismi del servizio e offrire ai partner un nuovo canale tramite il quale promuovere e vendere i propri articoli.

Gli shopping tag sono stati resi disponibili per ora a 20 tra brand della moda e rivenditori online. La funzionalità è attualmente disponibile solo per gli utenti iOS e solamente negli Stati Uniti. Nel futuro prossimo il servizio potrebbe essere esteso ad altri paesi e agli utenti Android, così come ad altri marchi/rivenditori. Secondo Instagram tutto questo avverrà nel momento in cui avrà riscontrato un utilizzo appropriato dello strumento da parte dei partner, in modo tale che l'esperienza fondamentale di Instagram non venga compromessa.

Non verrà praticata da parte del social network fotografico alcuna forma di revenue sharing per questo servizio, in quanto l'auspicio è quello di spingere i brand e i partner a cogliere appieno il potenziale della funzionalità, decidendo di investire maggiormente sulla piattaforma di advertising. Si tratta di una strategia con interessanti possibilità di remunerazione per Instagram, specialmente se le cose proseguissero nello stesso modo in cui è avvenuto durante il periodo di prova. Tuttavia la sfida sul lungo termine è riuscire a mantenere un adeguato controllo affinché tutto ciò non diventi esageratamente invasivo, con un pericoloso ritorno di fiamma per i partner e con il rischio di causare disaffezione negli utenti.

Attualmente Instagram afferma di essere orientata solamente su aziende, brand e rivenditori, ma non v'è da escludere che la funzionalità possa essere aperta in futuro anche a realtà di più piccole dimensioni o addirittura a singoli utenti. Quel che è certo è che Instagram sta affrontando un significativo processo di cambiamento che sembra essere destinato a portarla lontano dalle sue vere radici. Un processo che ha preso lentamente il via ad aprile del 2012, quando fu acquisita da Facebook per un valore di 1 miliardo di dollari.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^