Identificato X, membro Anonymous italiano: millantava falso attentato Isis a Firenze

Identificato X, membro Anonymous italiano: millantava falso attentato Isis a Firenze

Anche Anonymous si era dissociato dalle sue dichiarazioni. X è stato identificato dalla Polizia e denunciato, e adesso dovrà rispondere di associazione per delinquere

di pubblicata il , alle 10:21 nel canale Web
 

La Polizia ha smascherato e denunciato un membro italiano di Anonymous, il collettivo di hacker con fini talvolta benevoli che ha di recente annunciato a più riprese una lotta digitale al terrorismo. Noto come X (alias wArning), si tratta di un giovane esperto informatico di 29 anni residente nella città di Aosta. Adesso dovrà rispondere di associazione per delinquere finalizzata all'accesso abusivo e al danneggiamento di sistemi informatici, dopo aver denunciato un falso attentato a Firenze.

Nello specifico X aveva rilasciato un'intervista lo scorso 28 dicembre nella quale dichiarava di aver sventato un attentato terroristico in via d'organizzazione nel capoluogo toscano da parte di una cellula legata all'Isis. In base alle indagini condotte dal Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche, pare che la segnalazione del giovane aostano non avesse alcun fondamento. È probabile che X abbia rilasciato la falsa informazione per fare carriera all'interno del collettivo Anonymous.

L'abitazione del giovane ventinovenne è stata perquisita alcuni giorni fa dalle Autorità, che adesso stanno analizzando il grosso quantitativo di materiale informatico recuperato all'interno. L'obiettivo è quello di capire se dietro alle false notizie rilasciate ci siano anche altre persone, spinte a denunciare falsi attentati in modo da tentare di acquisire, come X, credibilità all'interno dell'organizzazione di hacker. Si ritiene, inoltre, che il giovane informatico fosse anche fra i responsabili della fondazione del canale OpParis.

Il canale nasceva pochi mesi fa con il fine di identificare i profili Twitter legati al gruppo di terroristi che aveva rivendicato l'attentato a Parigi. A X viene inoltre collegato un video pubblicato sul profilo @OpParisOfficial nel quale lo speaker dichiarava che Firenze sarebbe stata di lì a breve uno degli obiettivi dell'Isis. In seguito però il collettivo Anonymous si era dissociato dal comunicato e dai filmati pubblicati dal giovane aostano, confutando l'attendibilità delle sue rivelazioni al pubblico.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
fraussantin21 Gennaio 2016, 10:53 #1
Edit va che è meglio...
s0nnyd3marco21 Gennaio 2016, 10:57 #2
Che pagliaccio! Spero si becchi un bel po di anni di galera.

Sempre piu' convinto che gli anonymous siano solamente un branco di ragazzini annoiati e che l'operazione contro il terrorismo sia una farsa.
luivit21 Gennaio 2016, 11:11 #3
ma il minimo sindacabile per fare "operazioni" del genere è farlo attraverso la rete tor...quindi come l'hanno beccato? L'unica soluzione logica, imho, è che qualcuno l'abbia spifferato alla postale...
Oppure sbaglio?
(logicamente non entro nel merito giusto sbagliato, ma nel campo strettamente "tecnologico" dell'operazione )
inkpapercafe21 Gennaio 2016, 11:20 #4
La postale, quando ha risorse, ci sguazza dentro Tor... il problema casomai è che le risorse sono sempre troppo poche per dedicare ore/uomo a terminale su tutto, quindi scelgono i bersagli
fraussantin21 Gennaio 2016, 11:32 #5
Originariamente inviato da: luivit
ma il minimo sindacabile per fare "operazioni" del genere è farlo attraverso la rete tor...quindi come l'hanno beccato? L'unica soluzione logica, imho, è che qualcuno l'abbia spifferato alla postale...
Oppure sbaglio?
(logicamente non entro nel merito giusto sbagliato, ma nel campo strettamente "tecnologico" dell'operazione )

Probabile ,

Ma quando la polizia si mette in testa di beccare uno lo becca sempre.

Non basta usare tor ma si deve usare un terminale mobile anonimo connesso a reti pubbliche.

Se sto scemo ha usato la linea di casa ....
Yokoshima21 Gennaio 2016, 11:35 #6
Basta uno per screditare una realtà intera.
Syk21 Gennaio 2016, 11:40 #7
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Che pagliaccio! Spero si becchi un bel po di anni di galera.

Sempre piu' convinto che gli anonymous siano solamente un branco di ragazzini annoiati e che l'operazione contro il terrorismo sia una farsa.
ma come hanno craccato l'account del padano, ora siamo salvi
s0nnyd3marco21 Gennaio 2016, 12:04 #8
Originariamente inviato da: Syk
ma come hanno craccato l'account del padano, ora siamo salvi


floc21 Gennaio 2016, 12:53 #9
probabilmente l'hanno beccato perche' come come traspare dai commenti si pensa che tor renda immuni al tracciamento

La polizia becca solo chi riesce a beccare, non e' che hanno i superpoteri eh
GTKM21 Gennaio 2016, 12:58 #10
Sì, insomma, un minchione.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^