I domini Internet

I domini Internet

Commissione Europea ha deciso che il dominio di primo livello .eu dovrebbe consentire l'uso dei caratteri di tutte le lingue ufficiali dell'Unione, come lo consentono gli IDN, i nomi di dominio internazionalizzati

di pubblicata il , alle 14:32 nel canale Web
 

Noi italiani, e più in generale tutti i cittadini europeri le cui lingue utilizzano solo i 26 caratteri dell'alfabeto latino, non ci siamo mai posti il problema, ma bulgari e greci fino ad ora avevano qualche problema nel registrare domini .eu, che non supportavano i caratteri propri delle loro lingue ufficiali.

Come riporta il portale europa.eu la Commissione Europea ha deciso che il dominio di primo livello .eu dovrebbe consentire l'uso dei caratteri di tutte le lingue ufficiali dell'Unione, come lo consentono gli IDN, i nomi di dominio internazionalizzati contenenti caratteri supplementari rispetto ai 26 caratteri dell'alfabeto latino (A-Z) con le cifre da 0 a 9 e "-".

"I nomi di dominio internazionalizzati .eu, il nostro dominio europeo di primo livello, rappresentano un notevole passo avanti verso una rete veramente globale e allo stesso tempo locale". Molti utenti di Internet provengono da paesi in cui la maggior parte delle lingue non sono basate sull'alfabeto latino e desiderano naturalmente avvalersi dei loro propri alfabeti", ha dichiarato Viviane Reding, Commissaria europea per la Società dell''informazione. "Il varo dei domini internazionalizzati .eu risponderà ancora meglio alle esigenze di un'Europa multilingue e multiculturale."

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
JackZR11 Dicembre 2009, 14:53 #1
Mi pare giusto.
poaret11 Dicembre 2009, 15:28 #2

..un piccolo passo..

invece di stringere la corda e "forzare" la gente a parlare la stessa lingua (almeno in rete ) si va nella direzione opposta . Concordo con i desideri di libertà,che ognuno deve poter mantenere la propria cultura,nel rispetto delle tradizioni,ecc.però un piccolo sforzo ognuno di noi lo potrebbe fare :dobbiamo o no creare un ' Europa unita ? Io ad esempio ho imparato a leggere l'Inglese grazie a Internet (ci sono stato costretto) e adesso riesco a dialogare con persone di altri paesi cosa impossibile per me fino a qualche anno fa.
IMHO è stata presa una decisione sbagliata.
P.S. Voglio vedervi a digitare l'indirizzo di un sito in greco o in bulgaro ,e smadonnare sulla tastiera alla ricerca di quella caxxo di lettera
WarSide11 Dicembre 2009, 15:59 #3
Originariamente inviato da: poaret
P.S. Voglio vedervi a digitare l'indirizzo di un sito in greco o in bulgaro ,e smadonnare sulla tastiera alla ricerca di quella caxxo di lettera


Si vede che non conosci la specifica IDN

Ogni dominio con caratteri non A-Z0-9- viene tradotto in xn--CODIFICA.com (punycode)

Quindi ti basta sapere il nome codificato e non ti serve una tastiera con caratteri cirillici ed affini
II ARROWS11 Dicembre 2009, 17:01 #4
Non digiterai mai il nome di un sito greco, ci cliccherai sopra dopo esserci arrivato... Probabilmente per sbaglio, visto che i siti che vorranno essere raggiunti dall'estero manterranno lettere trascrivibili da tutti.

E meno male, mi sono stufato di dover mancare accenti nei domini solo perché non si possono usare.
poaret11 Dicembre 2009, 17:33 #5
..per una buona e sana navigazione passiva..lasciamo che siano gli altri a portarci dove vogliono ..E comunque torni sul mio discorso ( "siti che vorranno essere raggiunti dall'estero":tutto ciò non fa altro che isolare le realtà locali dal resto del mondo,seppur in piccole dosi
Saeba Ryo11 Dicembre 2009, 18:04 #6
E le lettere accentate?
supertigrotto11 Dicembre 2009, 18:17 #7

per poaret

Scusami,ma chi è che dice che l'inglese DEVE essere la lingua europea?
Io l'inglese lo so e anche benino,ma come molti,non la reputo una buona lingua.
Se propri si deve adottare una lingua europea,sono d'accordo con molti esperti che dicono che il neolatino sarebbe un bel punto d'incontro per moltissime lingue europee.
Poi non mi da di rendere la vita facile a quei cafoni e presuntuosi di inglesi e americani,una volta c'era un detto:Perchè si impara l'inglese?Per dare la possibilità agli inglesi ed americani di ordinarsi una birra all'estero.
Molto profondo questo detto.
Vogliamo una lingua europea,ne troviamo una che anche inglesi e americani se la debbano studiare come il resto dell'europa.Per assurdo,i cinesi stanno studiando latino ed esperanto perchè pensano che siano lingue veramente universali..........l'inglese lo lascio parlare agli indigeni ed aborigeni........
supertigrotto11 Dicembre 2009, 18:21 #8

scusate per gli errori nel testo

ma scrivendo velocemente e di foga,ho fatto qualche piccolo errore
poaret11 Dicembre 2009, 19:15 #9

..Neolatino..Magari!.

sugli inglesi e anglofoni sono d'accordo ,per quello in fondo l'inglese lo ho imparato tardissimo tanto odio i loro atteggiamenti . Il punto è che oggi è la lingua di Internet e non solo ,purtroppo .Per sopravvivere mi sono adeguato. Il problema è che il mezzo di comunicazione più potente l'hanno inventato loro seppur cafoni e aborigeni e su questo non ci si può fare niente , ha preso troppo piede per poter cambiare.
E comunque non cambierà nulla , sono ben altri i problemi di aggregazione che ha l'Europa ! Innanzitutto un minimo di coerenza : ci hanno tolto tante di quelle cose facenti parte della nostra tradizione dichiarandole illegali e facendole sparire anche con azioni coercitive (il non riuscito tentativo di rendere illegale la pizza cotta nel forno a legna , su tutte) e poi nel nome della salvaguardia delle autonomie ti danno il contentino dell'accento sulla consonante.
teumalaschiafena12 Dicembre 2009, 11:44 #10
funziona

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^